Tag: bombe

27 Giugno 2018 0

Pontecorvo, Rinvenute due bombe a mano della seconda guerra mondiale

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ieri, a Pontecorvo, il personale del N.O.R.M. Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pontecorvo, su segnalazione di due giovani del luogo, interveniva sotto il “Ponte Nuovo” poiché avevano poco prima individuato, nascosti tra l’erba, due residui bellici, ovvero due bombe a mano riferibili all’ultimo conflitto mondiale. Il personale operante, congiuntamente a quello del Comando Stazione Carabinieri di Pontecorvo, giunti sul posto, hanno provveduto a mettere in completa sicurezza tutta l’area interessata, informando contestualmente la Prefettura di Frosinone al fine di porre in essere tutte le procedure necessarie per la rimozione dei due ordigni.

6 Marzo 2018 0

Sequestrati 15 chili di cocaina, pistole e bombe a mano: arrestato noto trafficante

Di admin

LATINA – Due trafficanti di droga sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile di Latina e dai loro colleghi del commissariato di Fidene Serpentara. Nel corso dell’operazione antidroga gli agenti hanno sequestrato quasi 15 chili di cocaina, pistole di vario genere ed anche bombe a mano oltre a 45mila euro in contanti.

Da qualche settimana i poliziotti del Commissariato di Fidene e delle Squadre Mobili di Latina e Roma svolgevano servizi di pedinamento ed osservazione sugli spostamenti di Fabio Criscuolo, 42 enne originario di Roma ma residente a Cisterna di Latina (Lt), il quale era stato individuato a seguito di attività info-investigativa come un trafficante di stupefacenti molto attivo nel centro Italia. Gli agenti hanno rilevato che l’uomo era solito recarsi presso l’abitazione della madre a Cisterna ma il 28 febbraio è stato notato notato accedere all’interno dell’abitazione ubicato all’interno del Residence di Latina, via Capraia. Ieri gli agenti si sono concentrati sugli spostamenti di due vetture; una Mini Countryman in uso al Criscuolo e una Smart condotta da un soggetto poi identificato come Orazio Sammarco. Le auto hanno effettuavano un viaggio piuttosto lungo, iniziato a Cisterna di Latina, attraverso il frusinate, il casertano, il Molise sono arrivati a Vasto (CH).

Proprio a Vasto, gli agenti hanno deciso di controllare gli occupanti delle due autovetture, che si erano fermati presso un autogrill lungo la Circonvallazione Histoniense. I soggetti fermati e le autovetture sono state perquisite permettendo di ritrovare all’interno dell’abitacolo della Smart, quindi l’auto condotta da Sammarco, un panetto di cocaina di 1,1 chili. Il Sammarco è stato pertanto arrestato ed associato alla Casa Circondariale di Vasto. Criscuolo, evidentemente, in quel trasporto aveva il compito di staffetta e di controllo della merce.

Ma il suo ruolo nell’organizzazione, evidentemente era ben altro. Gli agenti hanno proceduto alla perquisizione delle abitazioni individuate nel corso delle indagini nella disponibilità del 42enne ossia: l’abitazione della famiglia, sita in Cisterna di Latina, via delle Vittime Civili, nonché della sua abitazione, ubicata in via Bernini, e di una base operativa ubicata sul Lungomare di Latina, in via Capraia. La perquisizione ha quindi permesso di rinvenire, occultata nel vano dell’avvolgibile della finestra della camera da letto dell’abitazione di via Bernini, dodici panetti di cocaina, per un peso complessivo di 13,678 chili, nonché una pistola tipo revolver marca Smith e Wesson calibro 357 e cinque cartucce dello stesso calibro.

Occultato in un divano all’interno della base operativa di via Capraia sono state rinvenute una pistola Beretta calibro 22, completa di caricatore (il cui furto era stato denunciato in data 6.6.2016 presso la stazione CC San Martino in Strada -FO); una pistola marca Beretta cal.765 mm con matricola abrasa; una pistola modello Beretta 9X17, dotata di caricatore rifornito con dieci cartucce e priva di matricola; una pistola marca Beretta calibro 765 (il cui furto era stato denunciato in data 7.1.2018 presso la Stazione CC Galzignano-PD). Sempre all’interno del covo, unitamente alle suddette armi, si rinvenivano cinquanta cartucce calibro 765 mm, trentaquattro cartucce calibro 380 G.F.L. calibro 9 corto, dieci cartucce calibro 9mm S.B, cinquantatrè cartucce calibro 22, diciassette cartucce calibro 9X17, sei cartucce 38 mm special, due bombe a mano tipo ananas modello N36M di fabbricazione inglese, in ottimo stato di conservazione. Queste ultime sono state messe in sicurezza da personale del gruppo artificieri della Questura di Roma.

A seguito di perquisizione effettuata nell’abitazione di famiglia di Criscuolo a Cisterna di Latina, via Vittime Civili, gli agenti hanno rinvenuto e posto sotto sequestro la somma totale in banconote di vario taglio, di 47.530 euro, ritenuta provento dell’attività delittuosa, in considerazione dello stato di inoccupazione dell’arrestato nonché della sua recidività nella commissione di delitti in materia di stupefacenti. Criscuolo, infatti, era stato scarcerato da circa un mese dopo un lungo periodo di detenzione.

4 Maggio 2017 0

Trasportavano bombe molotov, tre giovani arrestati dalla Guardia di finanza del Capoluogo

Di redazionecassino1

Frosinone – Finanzieri della Compagnia di Frosinone, la scorsa notte, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato tre persone trovate in possesso di due bombe del tipo molotov e di altro materiale utile al confezionamento di ordigni incendiari, occultate all’interno dell’autovettura sulla quale viaggiavano. In particolare, le Fiamme Gialle ciociare, in piena notte, lungo la S.S. Monte Lepini – direzione Frosinone, durante un servizio di pattugliamento in attuazione del “Dispositivo di contrasto ai traffici illeciti” predisposto dal Comando Provinciale di Frosinone, hanno intervettato un’autovettura Opel Corsa che presentava le targhe anteriori e posteriori illeggibili, procedendo al controllo degli occupanti. Questi ultimi, a seguito di speditivi accertamenti effettuati attraverso la Sala Operativa del Comando Provinciale, sono risultati gravati da numerosi precedenti di polizia per vari reati. Il controllo dell’autovettura ha consentito di rinvenire 2 bottiglie in vetro, costituenti ordigni esplodenti/incendiari (bombe Molotov), verosimilmente pronti all’uso, contenenti liquido infiammabile e munite di innesco, e altro materiale utile per il confezionamento di ulteriori ordigni esplodenti/incendiari. Gli occupanti dell’autovettura – 3 cittadini italiani di circa 25 anni, residenti nella provincia di Roma – sono stati tratti in arresto in flagranza del reato previsto e punito dall’art. 435 del codice penale (fabbricazione o detenzione di materiale esplodente). Nel corso delle operazioni di polizia i Finanzieri ciociari si sono avvalsi della collaborazione di due pattuglie della Polizia di Stato in forza alla Questura di Frosinone, anch’esse operanti nel controllo del territorio.

2 Maggio 2017 0

Pioggia di “bombe” sulla Virtus Cassino, San Severo ha vita facile in gara 1 , 89 – 69

Di redazionecassino1

Il playoff 2017 inizia nel peggiore dei modi per la Virtus Cassino travolta e sommersa da una pioggia di “bombe” in terra garganica, San Severo.

Era la prima gara dei quarti di finale della serie B nazionale di basket e le due squadre si sono affrontate in casa dei pugliesi al cospetto di un folto pubblico in un ambiente molto caldo e sportivo.

Ha avuto la meglio San Severo perché si è fatta trovare pronta mentalmente e forse anche fisicamente.

“Irriconoscibili” il commento a fine gara del direttore sportivo della Virtus Cassino, il dott. Leonardo Manzari “Mai come stasera in tutta la stagione! Non abbiamo sbagliato l’approccio alla gara, vedi il primo quarto, abbiamo regalato il secondo quarto agli avversari e non puoi permettere né tantomeno consentire a questa compagine, a questo team che stasera avevamo di fronte di tirare 40 volte, dico 40 volte da oltre l’arco dei 6.75! Questi, signori miei, fanno canestro!” il commento piuttosto stizzito a fine gara del dirigente, responsabile tecnico dei cassinati rossoblù.

La gara si deve a maggior ragione analizzare dal punto di vista numerico, essenzialmente perché è la chiave di tutto l’andamento del match.

Infatti nella prima frazione i cassinati mettono grande pressione difensiva sugli esterni gialloneri padroni di casa limitandone molto la pericolosità non riuscendo però a concretizzare un possibile tentativo di fuga sbagliando appoggi molto facili al canestro avversario.

La seconda frazione di gioco è la chiave di lettura di tutto il match ed inevitabilmente ci riporta alla valutazione numerica dell’incontro.

Dunque San Severo, la Cestistica di Piero Coen ha tirato ben 40 volte da oltre l’arco dei 6.75 realizzando in 18 occasioni. In tutto fa 54 punti ….

La BPC Virtus Cassino invece ha tirato da oltre la linea dei tre punti 25 volte realizzando solo in 7 occasioni. In tutto fa 21 punti ….

La differenza è tutta qui? Beh 33 punti il divario tra le due compagini in questo fondamentale è una enormità se poi si pensa che sotto le plance le due formazioni si sono praticamente equivalse, 32 a 31 il computo a favore di Cassino.

C’è allora un’altra chiave di lettura “……certo il dato delle palle perse” continua Leonardo Manzari “loro al termine del III quarto avevano realizzato la bellezza di 19 punti da palla persa nostra, noi solo due punti! Questo è un numero spaventoso a mio modo di vedere le cose! Dovremo provvedere a discutere un po’ di questi dati perché abbiamo l’obbligo di onorare l’impegno di giovedì prossimo in casa nostra, di fronte al nostro pubblico. A proposito di pubblico e di ospitalità, la gente di San Severo merita ogni elogio ed encomio, speriamo di poter ricambiare al meglio l’ospitalità nei loro confronti a metà della prossima settimana, Abbiamo incontrato una dirigenza ed un pubblico favoloso che merita il mio plauso oltre a quello dei dirigenti e dei tifosi della BPC Virtus Cassino, chapeau!” le parole del dirigente cassinate.

In effetti alla vigilia si si aspettava una gara equilibrata ma la partita tra i gialloneri di San Severo ed i rossoblù della BPC Virtus Cassino lo è stata tale per la miseria di soli dieci minuti, la prima frazione di gioco. Come detto dalla seconda frazione in poi la formazione pugliese ha preso il largo senza lasciare scampo ai giocatori di coach Luca Vettese.

Alla fine la truppa di Vettese paga le basse percentuali dall’arco dei 6.75 (28%) con Petrucci e Del Testa che scrivono “solo” 2/10 in coppia mentre dall’altra parte i pugliesi hanno ben cinque giocatori oltre il 50% e Losi a quota 3/8.

Neanche il computo dei rimbalzi sorride ai cassinati che raccolgono unicamente un pallone in più degli avversari, come detto, molto merito ai lunghi gialloneri ma anche dei molti tiri sbagliati dagli ospiti.

Un discorso a parte merita la difesa, per larghi tratti della stagione fiore all’occhiello della Virtus, messa ripetutamente in difficoltà da San Severo.

Adesso in casa delle “V” rossoblù bisognerà archiviare in fretta questo comunque pericoloso incidente di percorso, ci si deve immediatamente concentrare su gara di ritorno. Ovviamente giovedì sera alle 20.45 al PalaVirtus di Cassino non saranno ammessi errori e Cassino, al netto della brutta prova in Puglia, ha tutte le carte in regola per pareggiare i conti davanti al suo pubblico.

Cestistica San Severo – BPC Virtus Cassino 89-69

Parziali : 24-22, 27-12, 21-11, 17-24

Cestistica San Severo: Ciribeni 20 (4/5, 4/7), Torresi 14 (0/0, 4/6), Dimarco 11 (1/1, 3/5), Losi 11 (0/0, 3/8), Ikangi 10 (2/5, 2/4), Cecchetti 9 (3/3, 1/2), Morgillo 9 (2/3, 1/4), Quarisa 5 (1/2, 0/0), Fabi 0 (0/0, 0/3), Mecci 0 (0/2, 0/1), Sindoni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 14 – Rimbalzi: 31 6 + 25 (Quarisa 12) – Assist: 23 (Dimarco 12)

All. Coen

BPC Virtus Cassino : Biagio Sergio 12 (4/5, 1/3), Simone Bagnoli 11 (3/8, 0/1), Duilio Ernesto Birindelli 8 (3/5, 0/0), Lorenzo Panzini 8 (0/0, 2/5), Maurizio Del Testa 7 (2/4, 1/4), Renato Quartuccio 6 (1/1, 1/4), Nicolò Petrucci 5 (0/4, 1/6), Gianluca Valesin 4 (2/4, 0/0), Valerio Marsili 4 (2/2, 0/0), Filippo Serra 4 (0/0, 1/2)

Tiri liberi: 14 / 17 – Rimbalzi: 32 7 + 25 (Duilio ernesto Birindelli 8) – Assist: 12 (Renato Quartuccio 6)

All. Vettese

23 Settembre 2016 0

A caccia di possibili bracconieri, sequestrati munizioni e bombe carta

Di admin

Villa Latina – Bracconieri sotto la lente degli investigatori dei carabinieri delle stazioni di Picinisco e Atina. L’intensificarsi dei controlli dell’Arma su personaggi noti ha permesso di trovare piccoli ma attrezzati arsenali nelle abitazioni di due uomini. A Villa Latina, nel corso di una perquisizione domiciliare, sono state trovate due bombe carta del peso di 42 grammi, 21 pezzi di polvere da sparo compressa 97 grammi, 248 cartucce di vario calibro. Per questo, oltre al sequestro, il 47enne è stato arrestato per detenzione detenzione illegale di armi e detenzione abusiva di esplosivi.

Sempre a Villa Latina,  gli stessi  carabinieri hanno denunciato un 56enne del luogo, regolarmente in possesso di porto di fucile uso caccia,  poiché resosi responsabile dei reati di omessa denuncia di materiale esplodente e detenzione illegale di munizioni”. Infatti, nel corso di una perquisizione domiciliare hanno rinvenuto 26 cartucce  a palla – elica calibro 12 e 32 cartucce  a pallettoni calibro 12 (di varie marche)  ed una cartuccia calibro 6,5×52 di fabbricazione USA risalente all’ultimo conflitto mondiale.

21 Gennaio 2010 0

Bombe sotto l’abbazia, gli artificieri le fanno brillare

Di redazione

Ben 24 pericolosi residuiati bellici risalenti alla seconda guerra mondiale, (Guarda il video) sono stati rinvenuti nei pressi dell’abbazia di Montecassino e fatti brillare. Gli ordigni, che in larga parte avevano conservato la forza esplodente, sono stati trovati mentre venivano svolti lavori per la realizzazione di una scala esterna. Si tratta di munizionamenti pesanti di fabbricazione americana e inglese. Alcuni, in particolare le bombe di aereo, pesavano anche oltre 90 chili. In questi giorni sono intervenuti gli artificieri dell’esercito di stanza a Roma e, dopo averli prelevati e trasportatio in una cava dismessa nel comune di Cervaro, li hanno fatti brillare.