Tag: canale

21 Novembre 2018 0

Esce di strada e muore finendo in un canale a Cori: la vittima è una 35enne

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CORI – I Vigili del Fuoco di Latina sono intervenuti ieri sera alle 22.45 circa nel Comune di Cori via Monti Lepini, a seguito segnalazioni di incidente stradale. I pompieri giunti sul posto hanno trovato una vettura fuori strada finita in un canale con al suo interno il corpo senza vita di una donna di circa 35 anni. Non facili le fasi di recupero mediante tecniche SAF, del corpo in quanto nel canale l’acqua aveva un livello molto alto ed era forte la corrente. Sul posto 118 e forze dell’ordine.

Ermanno Amedei

26 Settembre 2018 0

Incidente stradale a Terracina, auto esce di strada e finisce nel canale

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Esce di strada e finisce in un canale che costeggia l’arteria. Così una persona, nella tarda mattinata di oggi, è rimasta ferita nell’incidente stradale avvenuto a Terracina in via Capo dei Bufali in località Borgo Hermada. Il sinistro è avvenuto alle 11 circa e ha visto coinvolta la sola Renault su cui viaggiava il ferito.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ma al loro arrivo il ferito era già stato estratto dall’auto e trasprotato in ospedale. Con l‘autogru, invece, la macchina è stata recuperata e messa in sicurezza.

 

23 Giugno 2018 0

Sbandano e finiscono con l’auto in un canale, due ragazze salvate dai Vigili del fuoco di Latina

Di felice pensabene

LATINA – Durante la notte, poco dopo le 3:00, i vigili del fuoco di Latina sono intervenuti per un incidente stradale in via strada della striscia. Alla sala operativa giungeva una richiesta di soccorso a seguito di incidente stradale.

Un’auto con due ragazze a bordo è uscita di strada finendo capovolta nel canale.

Sul posto è intervenuta l’autogru ed un gommone. Tempestivamente due Vigili, esperti soccorritori acquatici, entravano nel canale raggiungendo le persone coinvolte. Le manovre si sono rivelate particolarmente complesse.

La vettura è stata agganciata con un cavo d’acciaio veniva girata ed  avvicinata alla sponda. Si procedeva al recupero delle ragazze e il personale del 118 ha provveduto alla rianimazione.

Con l’ausilio dell’autogru l’autovettura veniva estratta dal canale. Personale del 118 accertava il decesso di una persona.

L’intervento ha richiesto molte ore di lavoro per gli uomini del Distaccamento dei vigili del fuoco, terminando in mattinata.

16 Ottobre 2016 0

Il canale Enel da una boccata d’ossigeno alle casse di Pontecorvo, recuperati 620mila euro

Di Ermanno Amedei

Pontecorvo –Boccata d’ossigeno per le casse comunali di Pontecorvo che recuperano ben 620mila euro dall’Ici e dall’Imu per gli anni tra il 2010 e il 2015, dal canale Enel che attraversa il territorio comunale.

“Questo è il primo atto concreto dell’azione di risanamento dei conti e di legalità che l’amministrazione comunale porta a termine: pagare tutti per pagare il giusto”. Lo affermano in una nota congiunta il sindaco Anselmo Rotondo e l’assessore al bilancio Fernando Carnevale. “In quest’ottica e rivedendo alcune principi di base assieme alla Tre Esse è stata avviata un’azione di ricognizione nei confronti di macro contribuenti per questo si è scoperto che Enel in qualità di gestore e proprietario del canale che porta acqua alla diga doveva al Comune somme per Ici e Imu, per l’arco di anni che va dal 2010 al 2015, per un totale di oltre 620 mila euro.

A ciò manca la Tasi 2014. Ma tutto ciò ha ricadute assolutamente positive per l’ente e per i cittadini. 

Come noto a tutti recentemente in consiglio comunale abbiamo approvato l’accensione di un mutuo per 267 mila euro per pagare in parte, (il resto era già stato fatto con i residui di amministrazione che ha portato al blocco di tutte le attività e le movimentato di bilancio) la sentenza di esproprio risalente a 36 anni fa per via Vallario. Per cui ora riandremo in consiglio e annulleremo il tutto, perché ci sono i fondi ripianare il debito. Ma i nuovi introiti andranno anche a dare una boccata di ossigeno per il settore lavori pubblici: a gennaio avremo importanti novità.

La politica economica e finanziaria avviata per la gestione dell’ente è rivolta ad affrontare a pieno il cosiddetto Federalismo Fiscale, vale a dire che i comuni dovranno autogestirsi.  

Questi sono i fatti, com’è un fatto l’impegno a ridurre la Tosap a tutti i cittadini in difficoltà: il resto è solo fango ma non ci tocca. Andiamo avanti a testa alta”. 

16 Settembre 2016 0

Esce di strada e rischia di affogare in un canale, ragazza salva per miracolo

Di Ermanno Amedei

Pontinia – E’ uscita di strada e ha rischiato di finire affogata nel canale. E’ salva per un pelo la ragazza che questa mattina sulla via Migliara a Pontinia è uscita di strada finendo capottata in un canale. Per sua fortuna una squadra di vigili del fuoco era in transito nella zona per un altro intervento. La ragazza è riuscita a liberarsi, ad uscire dall’abitacolo e, in evidente stato di shock, è stata prima soccorsa dai pompieri poi dagli operatori del 118.

Er. Amedei

12 Aprile 2010 0

Esce di strada e finisce in un canale, salvato dall’affogamento

Di Comunicato Stampa

Ha rischiato di morire affogato dopo essere uscito di strada con la propria macchina. E’ accaduto questa mattina ad Anagni a B. R. 53 anni di Sgurgola. L’uomo stava percorrendo via Mola Santa Maria quando, a causa dell’asfalto reso viscido dalla pioggia, ha perso il controllo dell’auto finendo capovolto in un canale di scolo dell’acqua piovana. La lamiera dell’auto ormai deformata gli impediva di aprire le portiere ed uscire mentre il livello dell’acqua saliva. La strada poco trafficata ha fatto si che nessuno potesse assistere all’incidente. Fortuna ha voluto che l’uomo avesse con se il telefono cellulare con cui ha guidato i soccorsi. I primi a giungere sul posto sono stati i carabinieri della compagnia di Anagni che lo hanno raggiunto ed insieme a vigili del fuoco sono riusciti a liberarlo ed affidarlo alle cure degli operatori del 118. Feriti, anche se lievemente, i due militari che hanno dovuto far ricorso alle cure ospedaliere. Er. Amedei

19 Dicembre 2009 0

Maxi sequestro di droga, chiuso il “canale” dell’Albania

Di Comunicato Stampa

Sette chili e mezzo di eroina, tre chilogrammi di hashish e quattro albanesi arrestati è il bilancio di una vasta operazione condotta dai carabinieri di Chieti per sgominare una rete dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti. Le manette sono scattate per Algert Biba 22 anni, residente a Viadana (Mantova), Bilal Plaku 30 anni residente a Torrevecchia Teatina (Ch), Kelmed Gjeli 25 anni, residente a Pieve Porto Morone (Pv) e Agron Keci 39 anni residente a Pieve Emanuele (Mi). Una indagine innescata dalle segnalazini di cittadini e che hanno portato i carabinieri del colonnello Giuseppe Cavallari ad appostarsi all’interno della Villa comunale. Hanno quindi notato due vetture con entrambe due uomini a bordo e un sospetto scambio di buste. I militari sono quindi intervenuti e hanno scoperto che lo scambio consisteva nel passaggio di mano di eroina e hashish. Per questo sono scattate le manette e la droga è stata sequestrata. Si ritiene che lo stupefacente, pòroveniente dall’albania, fosse destinato al nord Italia.

1 Aprile 2009 0

Droga e soldi falsi sullo stesso canale di spaccio

Di Ermanno Amedei

Soldi falsi sullo stesso canale di spaccio della droga. E’ quanto emerso a Cassino in eguito all’arresto di due noti pregiudicati del post. Antonio Spada, 30 anni ed Emiliano Marsiglia 33 anni, sono stati arrestati dai carabinieri a Capua perchè trovati in possesso di un chilo di haschisch e 2000 euro falsi in banconote di vario taglio. I due avevano fatto “spese” a Secondigliano e stavano tornando a Cassino dove avrebbero poi spacciato sia la droga che la valuta contraffatta. Per questo i due sono stati arrestati ma l’episodio testimonia un particolare fenomeno e cioè che la diffusione della valuta falsa sembra accompagnarsi sempre più spesso con lo spaccio della droga. I carabinieri della compagnia di Cassino agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi hanno perquisito a lungo le abitazioni dei due uomini arrestati.