Tag: cassino

19 Febbraio 2019 0

La super luna visibile anche nel cielo di Cassino

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – “Spunta la luna dal monte…” iniziava così un brano di qualche anno fa. È una luna speciale quella che molti cittadini di Cassino potranno ammirare salire piano piano nel cielo questa sera, spuntando dal monte che sovrasta Viticuso sede del parco eolico. Il nostro satellite si potrà ammirare più grande, luminoso e visibile ad occhio nudo da tutti. Un giallo intenso inizialmente con sfumature rossastre, uno spettacolo unico da lasciare in molti con il naso all’insù ad ammirare l’evento.

Scientificamente è definito perigeo lunare il momento del minimo avvicinamento della luna a Terra.

Una super luna, secondo la NASA, fino al 14% più grande e al 30% più luminosa di come appare durante la maggior parte delle volte. Il cielo continua a regalare spettacolo in questa sera del 19 febbraio 2019 una luna piena spettacolare considerata uno degli eventi astronomici più emozionanti dell’anno. La luna apparirà, infatti, più brillante e luminosa che mai perché si troverà esattamente nel punto della sua orbita più vicina alla Terra. La Luna raggiungerà il perigeo, ossia il punto della sua orbita più vicina alla Terra, alle 10:07 del mattino, mentre il plenilunio è atteso per le 16:53. Per godersi al meglio lo spettacolo, si consiglia di recarsi in un vasto spazio all’aperto e lontano dall’inquinamento artificiale. Quindi in campagna o in montagna, se possibile. “È un appuntamento da non perdere” perchè il nostro satellite disterà “solo” 356.761 chilometri dalla Terra. Di solito la distanza è di circa 30.000 km in più. Mai, per tutto il 2019, avremo una Luna piena più vicina di così.

Quella di stasera sarà la seconda Superluna del 2019, dopo la luna rossa della notte fra il 20 e il 21 gennaio scorso. Per vederne un’altra bisognerà attendere il terzo appuntamento, il prossimo 19 marzo, a ridosso dell’equinozio di primavera.

F. Pensabene

19 Febbraio 2019 0

Cassino, la biblioteca ‘Pietro Malatesta’ trasloca al museo Historiale

Di redazionecassino1

CASSINO – Una delibera della Giunta comunale, del 7 febbraio scorso, ha disposto lo spostamento della biblioteca comunale “Pietro Malatesta” dagli attuali locali dell’ex galleria Arcobaleno, di via del Carmine, all’ex book shop del museo Historiale. Un trasloco che permetterà al Comune un risparmio di oltre 70mila euro l’anno di solo affitto. Il trasferimento della biblioteca era nell’aria da tempo. Inizialmente si era pensato al foyer del Teatro Manzoni. Opzione affascinante ma concettualmente difficile da mettere in atto. Infatti per “foyer” era inteso lo spazio attiguo alla struttura principale del Manzoni. L’operazione porterà un notevole risparmio per le casse del Comune e potrebbe far rinascere un’area, quella del museo Historiale, al momento sconosciuta ai più. E’ pur vero che un flusso massiccio di persone non c’è mai stato in biblioteca e che bisognerebbe ripensarla. L’area dove andrà a collocarsi la biblioteca sarà decisamente diversa da quella odierna visto che “sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione dei locali dependance della superficie di circa 195 mg, finanziati con fondi regionali, e oggi la stessa è fruibile come piccola sala convegni e/o mostre anche nell’ambito del progetto ‘Atelier Arte Bellezza Cultura’” si legge nella relazione del dirigente allegata alla delibera di Giunta. Per l’Historiale vero e proprio “Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria dell’edifico museale che sarà, quindi, a breve riaperto per la fruizione pubblica”, mentre la biblioteca andrà ad occupare “un altro edificio della superficie di circa 293 mq, attualmente destinato a nessuna attività e, precedentemente, con destinazione di “Book shop”. Lo spazio è stato scelto non solo per l’importante risparmio economico per il Comune, quanto per l’ubicazione “nell’immediato centro cittadino nonché sul percorso pedonale e viario di collegamento dell’Università con la stazione ferroviaria e autobus” è inoltre “dotato di ampie aree a verde e pavimentate che ben si prestano per la fruizione delle persone”. Nei locali dell’Historiale troverà posto anche l’archivio storico. Per rendere l’edificio fruibile in tempi celeri sono necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria come ad esempio la sistemazione delle pareti dei locali esistenti con opere di tinteggiatura e pulizia; la revisione e potenziamento degli impianti tecnologici esistenti; la manutenzione straordinaria alla copertura del fabbricato; la revisione degli infissi esistenti e la pulizia ed allestimento dei locali. Tutto per un importo stimato di poco meno di 30mila euro. Il via libera alla delibera, secondo le volontà dell’amministrazione, dovrebbe andare nella direzione di “valorizzare il patrimonio immobiliare disponibile”, “abbattere la spesa per i canoni di locazione passive, “ridurre i costi di gestione degli immobili e dei consumi energetici”; “finanziare le opere di manutenzione con le minori spese, già allocate nel bilancio stabilmente riequilibrato, da pagare per la locazione dell’attuale sede”; “allocare la biblioteca comunale in un contesto multi-culturale” secondo quanto indicato nella delibera adottata dalla Giunta.

F. P.

18 Febbraio 2019 0

Cassino, finita l’avventura D’Alessandro alla guida del Comune, i “quattro dissidenti” firmano le dimissioni

Di redazionecassino1

CASSINO – Non si attendeva altro che l’atto formale, arrivato oggi, per sancire la fine dell’amministrazione D’Alessandro. Questa mattina, infatti, sono arrivate le dimissioni dei quattro consiglieri ‘dissidenti’. Le loro dimissioni vanno ad aggiungersi a quelle degli altri dodici che avevano votato la sfiducia al Primo cittadino e firmato il registro dal notaio. A Petrarcone, Terranova, Grieco, Mignanelli, D’Ambrosio, Marsella, Salera, Mosillo, Di Rollo, Monticchio, si sono aggiunti Chiusaroli, Secondino, Valente, Grossi e Tartaglia: questo l’elenco dei consiglieri comunali che hanno decretato, con le loro dimissioni in massa, la conclusione anticipala della consiliatura ed il ritorno alle urne.

Solo due anni e sette mesi, tanto è durata l’avventura di D’Alessandro e la sua compagine. Una crisi annunciata e nell’aria da tempo, anzi a ben guardare già dal 2008 quando la Lega aveva chiesto, attraverso l’ex vicesindaco Palombo, trasparenza e condivisione prima del primo azzeramento dell’esecutivo. Palombo e la Lega non vollero tornare in Giunta. Da allora in poi il Primo cittadino ha lasciato anche il posto di vicesindaco vacante in attesa che il Carroccio nominasse il proprio referente. Cosa che non è mai avvenuta, rinunciando alla delega di vicesindaco e di assessore. Il resto è storia nota, litigi, ripicche, dimissioni, fibrillazioni continue, tra le quali spicca il contrasto sulla delega ai Lavori pubblici, assegnata al forzista Franco Evangelista, sulla quale si creò il gruppo dei dissidenti composto da Chiusaroli, Valente, Tartaglia e Secondino. Neppure le dimissioni di Benedetto Leone erano riuscite a ricomporre la frattura sfociate nell’epilogo di oggi.

Ora lo scenario che si aprirà sarà quello delle elezioni anticipate, probabilmente in primavera.

F. Pensabene

12 Febbraio 2019 0

A Cassino la statua dell’orso Woytek, in corso l’installazione in piazza XV Febbraio

Di admin

CASSINO – Lavori di collocazione in corso in Piazza XV Febbraio della statua di Woytek, l’orso che seguiva l’esercito polacco nella sua avanzata verso la liberazione dal nazifascismo. Secondo alcuni l’orso, famoso perché aiutava i soldati nel trasporto delle munizioni, sarebbe passato anche sul fronte di Cassino, secondo altri no.

Comunque grazie all’impegno dell’associazione “Le Contrade”, Woytek a Cassino avrà la sua statua.

“Ci sono voluti 20 anni di impegno e di sensibilizzazione per raggiungere questo risultato – dichiara Antonio Capaldi rappresentante dell’associazione Le Contrade – Avevano un progetto più ampio ma il costo di 50mila euro era insostenibile. Abbiamo quindi lanciato una raccolta fondi a livello internazionale raccogliendo circa 10mila euro che servivano per realizzare il manufatto in pietra di Coreno. Un modo per collocare anche il personaggio con il territorio e con qualcosa che lo rappresenti come la pietra locale”.

Ermanno Amedei

(foto Dante Sacco)

 

12 Febbraio 2019 0

Cassino, la Giunta approva la delibera per la riqualificazione dell’area della ex piscina comunale

Di redazionecassino1

CASSINO – Via libera all’iter per riqualificare l’area degli impianti sportivi di via Appia a Cassino. È stata, infatti, pubblicata questa mattina all’Albo Pretorio del comune di Cassino la delibera della giunta comunale quale atto di indirizzo al dirigente dell’area tecnica per la manifestazione di interesse alla gestione dell’area dell’ex piscina comunale ai fini della realizzazione di un palazzo dello sport, spettacolo e cultura su iniziativa privata. Un primo passo per la sistemazione di un’area e di un manufatto in cemento armato che avrebbe dovuto ospitare la piscina comunale e da anni in abbandono ed incuria. Una riqualificazione e un ammodernamento di tutto il complesso che ospita gli impianti sportivi della Città atteso da decenni e mai realizzato. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco D’Alessandro e dal consigliere Di Mambro.

“E’ un altro tassello che si aggiunge agli obiettivi che ci eravamo preposti – precisa il sindaco – a dimostrazione che siamo giornalmente impegnati nel portare avanti un mandato amministrativo importante in cui lo sport, la cultura e lo spettacolo non sono relegati ad attività secondarie” ha dichiarato il sindaco.

“L’ennesimo risultato che conferma che  – per il consigliere Di Mambro – l’obiettivo specifico è quello di creare quella Cittadella Dello Sport. Ora tutto passa nelle mani dell’imprenditoria cassinate e sulla iniziativa privata per la realizzazione di un’opera pubblica che la città aspetta da decenni e di cui questo è il primo pilastro fondamentale”.

 

11 Febbraio 2019 0

Martiri delle Foibe o Ummidia Qudratilla, a Cassino è conflitto per le memorie

Di admin

CASSINO – “Caro Sindaco, ho appena saputo dell’intento di intitolare ai Martiri delle foibe il piazzale antistante il teatro romano”.

Lo si legge in una nota di Emilio Pistilli presidente onorario del CdSC Onlus.

“Ben venga una intitolazione ai nostri martiri, però resto ancora una volta stupefatto per la mancanza di considerazione per iniziative e richieste che vengono dalla città. Nel marzo del 2009 il Centro Documentazione e Studi Cassinati (CDSC onlus) avanzò all’amministrazione dell’epoca un appello per intitolare quel piazzale alla benemerita matrona dell’antica Casinum Ummidia Quadratilla, che aveva donato alla città un anfiteatro e un teatro, proprio quello antistante il piazzale, di cui tutti oggi andiamo orgogliosi. Alla matrona nel 1961 era stato intitolata la strada che va da via Roma a via Crocifisso-Campo di Porro; successivamente, nell’ottobre 2007, inspiegabilmente fu revocata quella intitolazione a favore del monaco benedettino Angelo Pantoni, un pilastro della storia del nostro territorio. Da allora si è operata una sorta di damnatio memoriae di Ummidia Quadratilla. Per sanare questa ingiustizia il CDSC avanzò una richiesta scritta di intitolarle il piazzale parcheggio del teatro romano, richiesta che aveva anche il benestare della Soprintendenza Archeologica; fu protocollata nell’ufficio comunale e lì è rimasta. Tutte le amministrazioni che si sono susseguite furono dal CDSC sollecitate a darle corso, ma inutilmente; anche Lei ha ricevuto più volte la nostra sollecitazione sia pure verbalmente. Siamo alle solite: il primo che si sveglia tra gli amministratori presenta la sua idea e … detto fatto. Ripeto, è cosa giusta e lodevole dedicare uno spazio della Città ai martiri delle foibe, ma non mancano certo altri luoghi, forse più confacenti e più centrali per onorare quei nostri martiri. Il primo che mi viene in mente – ma è solo un esempio – potrebbe essere il largo cosiddetto dell’Excelsior, innesto Via Roma e Via Corso della Repubblica, dove starebbe bene anche una stele a memoria. Ma non sta a me decidere tali cose. Fare memoria è sempre una cosa importante per una popolazione, in particolar modo per la Città di Cassino che è stata defraudata di tutto dalla guerra e che vorrebbe recuperare almeno il suo patrimonio memorialistico. Ma non lo si faccia sovrapponendo ancora una volta una memoria ad altra ugualmente importante”.

9 Febbraio 2019 0

Sequestrati sull’A1 a Cassino 2.200 ricci di mare, denunciati due baresi

Di admin

CASSINO – Gli agenti della polizia stradale della Sottosezione di Cassino hanno sequestrato un ingente quantitativo di ricci di mare  trasportati in violazione delle norme previste in materia di tutela alimentare ed igienico sanitaria. All’alba di questa mattina i poliziotti hanno sottoposto a controllo un’autovettura OPEL Zafira che percorreva la carreggiata sud dell’autostrada A1 nei pressi del chilometro 675 territorio comune di Cassino con due persone a bordo.

Dopo aver fermato il veicolo in condizioni di sicurezza, all’interno dell’abitacolo gli agenti hanno notato la presenza di grosse ceste in plastica piene di ricci di mare (echinodermi) ancora vivi che il conducente, 50enne originario della provincia di Bari riferiva di aver pescato autonomamente in varie località del litorale romano.

Tenuto conto che da una prima verifica i circa 2200 esemplari ittici risultavano in numero ben superiore ai limiti massimi consentiti dalla normativa, ed in considerazione delle vaghe e generiche giustificazioni del soggetto circa la totale assenza delle prescritte licenze di pesca e della documentazione riguardante la tracciabilità del prodotto trasportato, gli uomini della polizia stradale hanno proceduto al sequestro amministrativo dei prodotti ittici ed alla contestazione di una sanzione amministrativa per un valore di 1500 euro. Al termine degli adempimenti burocratici, gli animali, ancora vivi, sono stati tempestivamente consegnati alla Capitaneria di porto competente che ha provveduto a liberare i ricci in acque marine idonee alla loro sopravvivenza.

Il sequestro effettuato testimonia la qualità delle acque del nostro litorale ricche di pregiati esemplari per l’invidiabile habitat marino che necessariamente va tutelato anche grazie all’opera della Guardia Costiera.

5 Febbraio 2019 0

Cus-Cassino; doppio successo nelle gare di cross e marcia dei ragazzi del Cus

Di redazionecassino1
Cross e marcia: doppio successo per il Centro Universitario Sportivo del professor Carmine Calce. Nei giorni scorsi si è svolta a Roma, ippodromo delle Capannelle, a prima prova del: trofeo giovanile di Cross che ha visto partecipare 2 giovani ragazze del Cus Cassino. Si tratta di Palombo Francesca che si è classificata 17a con un tempo di 3’36 su 1000 metri e Angela Fardelli 41a con 3’55. Tra le cadette bei 2km ottima la 16^ posizione della new entry del Cus Cassino, Kasia Mastronicola  con un tempo di 6’43. Nel Challenge Cross corto 3km Assoluto M/F bravissimo il nuovo atleta del Cus Cassino Mattia Tasi 37° con 9’41 seguito del master SM65 Valentino Panaccione 91o con 12’14. Tra le donne bravissima anche Melissa Tasi 25^ con un tempo di 12’28. Per il CDS Assoluto Cross fase regionale ottima la posizione del Cus Cassino che si è posizionato al 4 posto con le allieve nei 4km : Gobbo Roberta – una nuova atleta del Cus – 12a con 15’40, Panzini Giulia Maria 19a con 17’08, Di Meo Serena 20a con 17’33. Ottima anche la gara di 8 km delle Senior Donne, anche loro quarte nella classifica di società, con Francesca Marotta 15a con 29’58, Elisa Vecchio 21^ con 31’18, Fiorella Pittiglio 28^ con 33’24. Contemporaneamente, in Sicilia ai Cds di San Giorgio di Gioiosa Marea (Messina), l’assoluta marciatrice Anthea Mirabello del Cus Cassino ha ottenuto uno sopitoso secondo posto nella 20 km! “Speriamo – dice il Presidente del Cus Cassino, Carmine Calce – di riuscire a portare queste sue squadre femminili ai Campionati Italiani di società che ci saranno a Torino! Sarà difficile competere con tante squadre molto forti ma già arrivare agli italiani sarà per noi un grande successo”. E poi sempre il presidente del Cus Carmine Calce, nel complimentarsi con Agostino Terranova, Francesca Marotta e Fabrizio Mirabello, annuncia l’evento del 20 febbraio a Cassino. A partire dalle ore 10, all’interno del Campus Folcara, si svolgeranno i campionati regionali studenteschi di cross. Prima partiranno le ragazze e i ragazzi che percorreranno i mille metri, poi sarà la volta dei cadetti e infine gli allievi. Ci sarà anche lo spazio riservato ai diversamente abili. L’appuntamento è per il 20 febbraio al Campus della Folcara. Intanto gli atleti del Cus Cassino in vista dei festeggiamenti di San Benedetto . Quest’anno arricchiti dalla ricorrenza del 75° anniversario della distruzione della città martire – si preparano anche al tour tra le città benedettine per l’accensione della fiaccola che quest’anno i tedofori del Cus accenderanno a Cracovia dal 28 febbraio al 4 marzo. Il presidente del Cus Cassino si dice entusiasta e trapela che altre iniziative importanti potrebbero svolgersi nel corso dell’anno per celebrare anche i 40 anni dell’Università di Cassino. .
4 Febbraio 2019 0

Cassino, chiede un passaggio ad un anziano, ma è una “trappola”: la Polizia arresta 28enne frusinate

Di redazionecassino1

CASSINO – Chiede un passaggio ad un anziano automobilista, ma è una “trappola”: per una 28enne, residente nel capoluogo ciociaro, scatta l’arresto.

I fatti si sono svolti a Cassino.

L’uomo accoglie la richiesta della donna che, approfittando della situazione, si offre per una prestazione sessuale in cambio di denaro.

Al rifiuto dell’uomo, la frusinate si indispettisce e tenta di rubargli il portafogli.

Il 77enne, intimorito, arresta la marcia, ma in quel frangente la passeggera afferra le chiavi della macchina e minaccia di buttarle nel tombino; per restituirle, ribadisce,  vuole in cambio i  soldi.

La situazione viene notata da un poliziotto libero dal servizio, del Commissariato di Cassino.

L’agente interviene, qualificandosi: la malfattrice tenta la fuga.

Raggiunta, viene bloccata anche grazie all’ausilio della Volante, nel frattempo allertata.

foto repertorio

 

 

 

4 Febbraio 2019 0

Basket Cassino vittoria esterna sul parquet di Roma Eur, 75-71, ma dopo i supplementari

Di redazionecassino1
E’ servito un tempo supplementare al Basket Cassino per ottenere una vittoria che in fase di pronostico era forse una delle più facili in questa parte del campionato. I ragazzi di coach Pagano costretti a giocare in un orario assurdo, palla a due ore 21.20 di domenica causa la concomitanza di una gara di pallavolo femminile che si è protratta al 5° set, in un campo, il Pala Tellene freddo e umido al limite della praticabilità e a rischio infortuni visto che si scivolava hanno dovuto far ricorso ad un overtime per domare la resistenza di una coriacea ed onesta formazione romana che ha avuto sempre il comando della gara per poi perderla all’ultimo minuto sotto le bordate del cecchino Ausiello per lui 33 punti e tanta sostanza. Assenze importanti per tutte e due le formazioni:  coach Calzoni rinuncia al suo miglior giocatore Baldrati, Cassino non può schierare Matteo Pagano fermo per un piccolo intervento, (auguri di pronta guarigione ), West Vidal fermo per febbre e  per il primo tempo De Pippo in panca prima di gettarlo nella mischia, (decisivo anche il suo apporto nella vittoria finale). Il nostro racconto però comincia al minuto 40 della partita, momento topico e decisivo soprattutto per le nostre coronarie, dopo aver a lungo inseguito i nostri ragazzi riescono a impattare il punteggio proprio a 5 secondi dalla sirena finale, 66 pari. Rimessa per Roma che può portare al tiro i suoi giocatori, la difesa di Cassino è attenta e aggressiva, si vuole arrivare all’overtime, la responsabilità del tiro finale tocca ad Armezzani numero 17 dei padroni di casa, tiro sbagliato sirena e colpo di scena uno degli arbitri fischia fallo sul tiratore, cronometro fisso su 0 secondi, proteste veementi di Cassino e di tutta la panchina ma arbitri irremovibili, Armezzani ha la possibilità di regalare ai suoi una vittoria incredibile ma il destino ha deciso di ripagare Cassino da questa decisione assurda e cervellotica, entrambi i tiri vengono falliti e la gara  va in extra time con Cassino che dopo aver tanto rincorso riesce a piazzare i colpi decisivi che servono ad ottenere una vittoria importantissima ribaltando anche il computo dei punti nelle due gare, -3 in casa, +4 fuori. Partita corretta da parte delle due formazioni, tanti under in campo ma le assenze e le presenze part-time pesano soprattutto per il roster cassinate, straordinari garantiti per Ausiello, 33 per lui, per Shaykarov  14 per il macedone, 16 per il capitan De Santis ma soprattutto per De Pippo che nel secondo tempo con i suoi preziosi rimbalzi e per i fondamentali 11 punti realizzati regalano una vittoria preziosissima a tutto il gruppo cassinate. Buona la prestazione dei padroni di casa che hanno realizzato 30 punti da tre, con Liberti autore di 4 triple con 15 punti totali per lui miglior realizzatore per la Rent Max Roma Eur. Parziali in perfetta parità 1° e 4° per i romani, 21-15 e 18-15, secondo e terzo per Cassino 15-19 e 12-17. Nell’overtime Cassino vince 9 a 5 e incamera altri 2 punti preziosissimi per il suo cammino che visto i risultati del fine settimana, (tutte sconfitte le capo classifica) fa ben sperare per il futuro anche se onestamente avremmo voluto soffrire di meno. Domenica in casa arriva Pontinia che all’andata ci sconfisse di 20, 85-65, ma con Cassino capace di comandare nel primo tempo chiuso in vantaggio in doppia cifra prima del crollo soprattutto nel parziale finale 21-7.

 

Parziali: 21-15, 15-19, 12-17, 18-15, 5-9 Tabellini : Roma Eur: Liao 5, Melchiorri 8, Costa 10, Pascotto 2, Armezzani 14, Proietti, Liberti 17, Angelini 5, Vasale 10. Coach Calzoni Basket Cassino : Barrella, Shaykarov 14, De Dantis 16, De Pippo 11, Lena, De Rosa, Pignatelli 1, Ausiello 33, Comarca, D’Annolfo 3. Coach Pagano L.