Tag: cavalli

8 Agosto 2019 0

Vende 5 cavalli sequestrati perché infetti e ne denuncia il furto, nei guai allevatore di Trevi

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TREVI NEL LAZIO – Ha venduto cinque cavalli affetti da anemia infettiva equina sui quali grava un sequestro da parte della Asl di Frosinone e ne ha denunciato il furto ai carabinieri.

Uno stratagemma, quello adottato da un allevatore 48enne di Trevi nel Lazio che non ha funzionato e ha cosí rimediato una denuncia per sottrazione di cose sottoposte a sequestro disposto nel corso di un procedimento dell’autorità amministrativa, simulazione di reato e diffusione di una malattia degli animali. L’uomo, il 3 agosto ha denunciato un furto ad opera di ignoti all’interno dalla sua azienda agricola sugli Altipiani di Arcinazzo durante il quale ha dichiarato che i ladri gli avevano asportato 7 capi equini, tutti dotati di microchip, tra i quali su 5 di essi gravava un provvedimento di sequestro cautelativo emesso in data 01.08.2019 dal personale del servizio veterinario distretto “A” di Anagni/Alatri, poiché affetti da “anemia infettiva equina”. Le immediate indagini eseguite dai militari hanno permesso di appurare che il predetto, contrariamente a quanto denunciato, in data 2 agosto aveva provveduto a vendere i capi equini ad un allevatore della provincia di Potenza dietro il corrispettivo di euro 4.800.

Personale della Stazione di Vietri di Potenza (PZ), unitamente a quello della locale Stazione Carabinieri Forestale e dell’ASL di Potenza, delegati ad eseguire i dovuti accertamenti, nella mattinata del 5 agosto scorso si sono portati presso un allevamento sito in Savoia della Lucania (PZ) ove hanno rinvenuto e sequestrato i predetti capi equini.

17 Febbraio 2017 0

Incidente stradale, investe e uccide due cavalli. Automobilista ferito

Di Ermanno Amedei

Anagni – Si è trovato davanti due grossi cavalli e l’impatto è stato inevitabile. L’incidente che ha causato la morte dei due animali e il ferimento del conducente della Panda, è avvenuto all’alba di questa mattina sulla via Casilina, nel territorio di Anagni.

Alle cinque, circa, l’uomo alla guida della vettura, non ha potuto evitare l’impatto con gli equidi pesanti ciascuno diversi quintali. I due animali sono rimasti uccisi sull’asfalto mente l’automobilista ferito all’interno della vettura distrutta.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Anagni comandata dal Maggiore Camillo Meo e gli operatori del 118 che hanno trasportato il ferito in ospedale a Colleferro. Gli animali sarebbero fuggiti da un recinto e la posizione del proprietario, che è stato identificato, è al vaglio dei carabinieri. Rischia una denuncia per omessa custodia.

 

8 Febbraio 2017 0

Maltratta cavalli, denunciato 42enne di Ferentino

Di Ermanno Amedei

Ferentino – Un uomo di 42 anni di Ferentino è stato denunciato per maltrattamenti di animali. I carabinieri sono intervenuti su segnalazione di una donna in località Porciano dove vi erano alcuni cavalli con le zampe anteriori legate.

Al loro arrivo, i militari hanno verificato la fondatezza dell’informazione dato che hanno trovato su un fondo agricolo quattro cavalli, due dei quali avevano in effetti le zampe anteriori legate tra di loro mediante delle corde al fine di limitarne i movimenti.

Gli animali sono stati immediatamente liberati dalle corde  riprendendo il naturale movimento delle zampe, prima dell’arrivo del veterinario dell’Asl contattato per gli accertamenti di competenza.

Il medico ha constatato l’effettivo maltrattamento arrecato agli animali, motivo per cui il 42enne proprietario del fondo e degli animali è stato denunciato.

29 Marzo 2016 0

Corse clandestine sullo stradone Fiat, operai rischiavano di essere travolti dai cavalli – VIDEO

Di Ermanno Amedei

Piedimonte – Uno di Roccasecca e gli altri sono di Piedimonte e Cassino. Fantini e proprietari dei cavalli, tutti di etnia Rom, denunciati dai carabinieri sembra avessero scelto lo stradone della Fiat di Cassino per organizzare corse dove, con tutta probabilità avvenivano scommesse tra la gente che assisteva. Su quest’ultimo aspetto, però, i carabinieri della compagnia di Cassino stanno ancora indagando per cercare di stabilire i contorni della vicenda e chi altro ne facesse parte.

Le immagini registrate dagli investigatori lasciano senza parole sia per il rischio incidenti stradali che creavano, ma anche per il maltrattamento di quegli animali costretti a correre sull’asfalto. In pieno giorno, mentre nello stabilimento Fiat si producevano auto, con il traffico di operai che si avvicendavano alle linee di montaggio, i due cavalli spinti dai fantini, venivano lanciati a velocità sostenute sulla strada affiancate da auto i cui occupanti riprendevano le corse forse trasmettendo quelle immagini chissà dove. I carabinieri, quindi hanno bloccato la corsa di sabato e fermando alcuni degli spettatori. Dovranno stabilire se quella di sabato era una circostanza unica o se, invece, è un fenomeno consolidato.

Ermanno Amedei

Articolo precedente

29 Marzo 2016 0

Corse clandestine di cavalli sullo stradone Fiat a Cassino, quattro persone denunciate

Di Ermanno Amedei

Cassino – Quattro persone sono state denunciate dai carabinieri di cassino per aver impiegato due cavalli in una competizione su strada. Si tratta di un 62enne e un 27enne in qualità di proprietari dei cavalli, un 62enne e un 26enne in qualità di fantini.

Da tempo erano pervenute segnalazioni al Comando Compagnia di Cassino circa la presenza di alcuni sconosciuti che in determinati giorni della settimana e in particolari orari, nel volgere di pochi minuti, organizzavano e portavano a termine delle competizioni sportive su strada utilizzando dei cavalli da corsa. Sabato sera nel comune di Piedimonte San Germano, sulla via Consorziale Fiat nei pressi dello stabilimento di auto, i carabinieri del Nucleo Operativo comandati dal tenente Emanuele Grio hanno notato un assembramento di persone intorno a due calessi trainati da altrettanti cavalli. Avendo intuito cosa stesse accadendo, sono statio chiamati altri militari dalle stazioni limitrofe. Nell’appostamento sono state notate sul luogo della gara, diverse autovetture svolgere una specie di “bonifica”, per accertare che non vi fossero forze dell’ordine e subito dopo a bloccare il traffico per lo svolgimento della gara. All’arrivo degli spettatori, è iniziata la competizione lungo stradone ex FIAT. A quel punto è scattato l’intervento dei Carabinieri grazie al quale è stati bloccati tutti i partecipanti, interrompendo, così, la corsa.  Nell’occasione oltre alla denuncia in stato di libertà dei due fantini e dei proprietari dei cavalli,  per maltrattamenti di animali, avendoli sottoposti ad uno stress maggiore rispetto alle corse negli ippodromi essendo stati costretti a correre su un fondo duro come l’asfalto, sono state elevate, a carico dei fantini, due contravvenzioni al C.d.S. per competizione sportiva su strada senza autorizzazione. Inoltreè stato chiesto l’intervento del veterinario dell’ASL – Dipartimento Veterinario di Frosinone, al fine di procedere al prelievo del sangue dei due cavalli per accertare se gli stessi fossero sotto l’effetto di sostanze dopanti. Sono in corso ulteriori accertamenti su tutte le persone, automobilisti e motociclisti identificati sul posto per verificarne il ruolo e le responsabilità. Articolo Successivo

3 Febbraio 2010 0

Cavalli misteriosi, stalle abusive e medicinali: si sospetta un giro di corse clandestine

Di Comunicato Stampa

Una fattoria costruita abusivamente sotto il ponte della supestrada Cassino Sora Avezzano nel territorio di Sora (Fr). A scoprirla è stato un pool coordinato della guardia di Finanza di Sora, composto da vigili urbani, polizia provinciale, personale della Asl e dell’ufficio tecnico di Sora. Architetti e realizzatori dell’opera che ospitava ben 13 cavalli sarebbero alcuni rom. I finanzieri coordinati dal capitano Vincenzo Ciccarelli ne hanno identificati quattro. Nel corso del controllo, è emerso che dei 13 equini, solo sette erano microcippati e con documenti, gli altri sei non avevano alcun tipo di certificato di provenienza. Inoltre sono state trovate numerose scatole di medicinale umano che, se somministrato ai cavalli, avrebbero avuto effetti dopanti. Una circostanza che porta gli investigatori a sospettare che dietro la presenza degli animali vi fosse un giro di corse clandestine. Per questo, animali e baracche sono state poste sotto sequestro e i quattro rom denunciati per reati di vario genere.

16 Gennaio 2010 0

Carrozza con cavalli, banda musicale e fiori al funerale rom

Di Comunicato Stampa

Quattro cavalli neri con tanto di pennacchio nero a trainare una carrozza in legno e ferro lavorato, la banda musicale che suonava note struggenti, circa 20 corone di fiori portato dai parenti, tutte le famiglie rom dell’Abruzzo riunite, così è stato celebrato questya mattina nella chiesa di san Pietro a Lanciano (Ch), il funerale di un anziano rom. La cultura rom, si sà, è ricca di tradizioni che si conservano in particolare nei riti. Il funerale è di uno zingaro, meglio se possidente, da meglio questa idea. Il carrozzone funebre trainato dai cavalli è arrivato direttamente da Caserta mentre la banda musicale è della zona. Il corteo funebre, a piedi, con circa 300 persone al seguito, ha attraversato tutto il centro frentano diretto al cimitero. Non è stato difficile capire per quali strade il corteo fosse passato; i familiari, infatti, al passaggio del feretro, hanno gettato i fiori lungo i tre chilometri che separano la chiesa dal camposanto. Insomma, volente o nolente, tutti i lancianesi, questa mattina, si sono dovuti accorgere del funerale. Er. Am.