Tag: comuni

24 Gennaio 2019 0

Regione: stanziati 2,8mln di euro per il recupero e tutela dei centri storici dei comuni del Lazio

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – Una determina regionale concederà dei contributi ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici.

In particolare, viene stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro, che sarà destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti, mentre il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti.

 Verranno poi stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale. I Comuni sopra i 5.000 abitanti saranno chiamati a compartecipare alle spese dell’intervento in misura del 20% e fino a un massimo di 500mila euro, mentre gli altri Comuni dovranno farsi carico di una quota del 5% del costo dei lavori per finanziamenti superiori ai 200mila e fino a un massimo di 300mila euro. Per contributi inferiori ai 200mila euro non sarà richiesta alcuna spesa di compartecipazione.

“Prosegue l’impegno dell’Amministrazione Zingaretti per sostenere i Comuni del Lazio negli interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio. Con questo investimento vengono assegnate risorse importanti per la salvaguardia e il recupero dei centri storici, che rappresentano anche un prezioso volano turistico e culturale per molte realtà” dichiara Massimiliano Valeriani, assessore regionale all’Urbanistica e alle Politiche abitative.

 

26 Novembre 2018 0

Successo dei giovani Cus Cassino di atletica alla “Due Comuni Cross Country” di Tagliacozzo

Di redazionecassino1

TAGLIACOZZO – Ancora  un grande successo, targato Cus Cassino. Questa volta a brillare sono stati i piccoli allievi della scuola di atletica. Nei giorni scorsi si è svolta la prima prova della due Comuni Cross Country a Tagliacozzo. La Scuola di Atletica Leggera del Cus Cassino ha visto partecipare molti dei suoi atleti dalla categoria pulcini (4 anni) che hanno affrontato 200 mt, Esordienti C – 200 m; Esordienti B (8-9) -300m; Esordienti A (10-11) 500m; Ragazzi/e (12-13) 1000m; fino alla categoria cadetti (14-15 anni)! Fortissimi tutti i piccoli atleti accompagnati dagli istruttori Francesca Marotta, Fiorella Pittiglio, Maurizio Fionda. Si sono distinti i seguenti atleti: nella categoria “ragazzi” ha brillato  Matteo Corbo dell’Aprocis Team (terzo classificato) e tra le ragazze Francesca Barilone. (terza classificata). Poi gli esordienti B con Giulia Romaniello (terza classificata), gli esordienti C con Francesco Rodi (secondo classificato). Tra i pulcini:  Francesco Colitti (terzo)e Antonio Fionda (quinto); infine tra le pulcine:  Asia Romaniello (seconda classificata). Il Cus Cassino è molto attivo nell’atletica e i buoni risultati dei piccoli fanno il paio con il successo di Francesca Marotta, la studentessa di Ingegneria civile all’università di  Cassino e del Lazio Meridionale che a ottobre scorso è  stata la prima tra le italiane alla mezza maratona (21,097 km)  a Palma de Majorca.  La giovane Francesca, tra l’altro,  è stata ottava donna assoluta e terza della sua categoria con un tempo di 1h28’30.  La studentessa ha siglato l’ennesimo successo del Cus Cassino (Centro Universitario Sportivo). Oltre a Francesca alla mezza maratona di  Palma de Majorca  ha gareggiato anche Sergio Calce, il quale ha concluso la gara in 1h30’’34 posizionandosi 118° su circa 5000 persone, 18° esimo della sua categoria.  Intanto il Cus è già al lavoro per organizzare il 40° anniversario della fondazione dell’università di Cassino. Per l’anniversario il Centro Sportivo Universitario ha già in cantiere una serie di eventi che ufficializzerà a breve. Un evento già reso noto dal prof. Calce è organizzare per il 2019 i  Campionati Italiani e Master di Corsa campestre (Festival del cross). “Il 2019 si annuncia – rivela il presidente –  un anno ricco di eventi per il Cus Cassino e, in particolar modo, per l’Università della città martire”.

19 Aprile 2018 0

“XXXVII Coppa Speranze Fiat Cassino”: 1407 alunni da 25 Istituti, di 42 comuni della provincia

Di redazionecassino1

CASSINO –  Prenderà il via venerdì 27 aprile 2018 la 37a edizione della Coppa Speranze Fiat, manifestazione sportiva di corsa campestre riservata alle scuole medie inferiori della provincia di Frosinone e Latina. Teatro di gara sarà come sempre lo splendido centro sportivo dello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino, all’interno del quale sarà allestito un circuito di metri 1.000. Sei le categorie, tre femminili (prima, seconda e terza media) e tre maschili (prima, seconda e terza media). Si preannuncia anche per questa edizione una partecipazione numerosissima. Sono iscritti infatti 1.407 alunni, in rappresentanza di 25 istituti scolastici di 42 Comuni della provincia di Frosinone e Latina. La Coppa Speranze Fiat nata proprio a Cassino nel 1982, ha coinvolto in questi trentasette anni decine di migliaia di giovani, dando la possibilità a tutte le scuole di partecipare con un numero illimitato di alunni, per una filosofia di promozione che da sempre ha come obiettivo quello di diffondere valori come l’amicizia, l’associazione, la lealtà, l’incontro sociale, ma soprattutto la possibilità per tutti di avvicinarsi allo sport. La squadra da battere, in virtù dei titoli conquistati negli ultimi tre anni, è l’istituto “Donna Lelia Caetani” di Sermoneta, fortemente intenzionato a conquistare l’ambito trofeo per la quarta consecutiva, presentando alla linea di partenza 100 alunni. Da segnalare anche l’istituto comprensivo di Isola del Liri e Castelliri che sarà presente con 89 alunni, contro gli 83 alunni della “Conte” di Cassino e gli 84 alunni dell’istituto comprensivo 2 di Pontecorvo, Pico e San Giovanni Incarico. Ricordiamo che lo scorso anno la scuola di Sermoneta ha vinto con punti 694 sulla Scuola Media “Sebastiani” di Minturno, seconda con punti 902, terza piazza per l’Istituto Comprensivo “Cicerone” di Arpino con punti 996.Secondo quanto previsto dal regolamento tecnico sarà redatta sia una classifica individuale che una a squadre. Quest’ultima sarà determinata dalla somma dei migliori 24 piazzamenti che ogni scuola otterrà (4 nella prima media femminile, 4 nella seconda media femminile, 4 nella terza media femminile, 4 nella prima media maschile, 4 nella seconda media maschile, 4 nella terza media maschile). Tutti gli studenti al termine della gara riceveranno un premio, mentre la premiazione ufficiale si terrà nel mese di maggio presso lo stabilimento Fiat Chrsyler Automobiles di Cassino. Le gare prenderanno il via a partire dalle ore 10.00 con la prima media femminile e poi continueranno fino alle ore 12.30, orario previsto per il termine di questa giornata di atletica leggera. La manifestazione è organizzata dall’ASD Sport Promotion di Formia, in collaborazione con la Direzione dello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino, gli uffici scolastici di Frosinone e Latina, la Federazione Italiana di Atletica Leggera e il Coni. Notevole infine la copertura mediatica, garantita soprattutto dal sito internet www.atleticafiatformia.it (il sito ufficiale della manifestazione), all’interno del quale tutti i partecipanti e non, potranno scaricare i risultati e le foto della manifestazione.

foto edizione 2017

 

Questa la sintesi dei partecipanti per ogni scuola:

SCUOLA CITTA’ TOT. 1 D’Alfonso Cervaro, San Vittore del Lazio 75 2 Istituto Comprensivo 1 Pontecorvo 49 3 Istituto Comprensivo 2 Pontecorvo, Pico, San Giovanni Incarico 84 4 Istituto Omnicomprensivo Roccasecca 62 5 Ist. Comprensivo Ceprano 50 6 Istituto Comprensivo 1 Minturno, Spigno Saturnia 50 7 Donna Lelia Caetani Sermoneta, Norma 100 8 Ist. Comprensivo Ceprano 52 9 Ist. Comprensivo Atina, Villa Latina 52 10 Ist. Comprensivo Ripi, Torrice 59 11 Ist. Comprensivo Arpino, Fontana Liri, Santopadre 70 12 Ist. Comprensivo Isola del Liri, Castelliri 89 13 Don Minzoni Piedimonte San Germano, Villa S. Lucia 37 14 Ist. Comprensivo Arce, Strangolagalli 51 15 Istituto Comprensivo 3 Frosinone 30 16 Istituto Omnicomprensivo Alvito, San Donato Val Comino,Casalvieri 70 17 Ist. Comprensivo Castro dei Volsci, Vallecorsa,Pofi 47 18 Ist. Comprensivo Esperia, Coreno Ausonio, Ausonia 49 19 Pollione Formia 46 20 Alighieri Formia 47 21 Ist. Comprensivo Amaseno 43 22 Ist. Comprensivo San Giorgio a Liri 18 23 Conte Cassino 83 24 Diamare Cassino 60 25 Gorga Broccostella, Campoli Appenino 34 1.407

 

25 Febbraio 2018 0

Grande Freddo, scuole chiuse anche a Velletri e nei comuni dei Castelli

Di admin

VELLETRI – Domani scuole chiuse anche a Velletri. Lo ha sancito con un’ordinanza sindacale l’amministrazione comunale veliterna forse tra le ultime nella zona dei castelli, a cedere al rischio neve e ghiaccio previste a partire da questa notte per le prossime 24/36 ore.

Si vuole così limitare al minimo il traffico stradale di studenti che arrivano a Velletri anche dai comuni vicini.

Scuole chiuse anche a Frascati, Nemi, Rocca di Papa, Genzano, Lariano, Ariccia, Marino, Rocca Priora, Ciampino, Lanuvio, Montecompatri, Albano Laziale, Colleferro, Valmontone, Pomezia, Carpineto Romano. Altri comuni stanno ancora decidendo.

 

20 Dicembre 2017 0

Siccità, 37 milioni ai comuni del frusinate per lo stato di calamità

Di redazionecassino1

Roma –  “La Giunta regionale del Lazio ha approvato stamattina la delibera di proposta di declaratoria di eccezionalità dei danni causati dalla siccità, a seguito degli accertamenti della Direzione regionale Agricoltura che li ha quantificati in un totale pari a 415.512.729,92 euro”. Lo si legge in una nota della Regione Lazio. “Siamo come sempre vicini agli agricoltori e alle loro giuste richieste – spiega nella nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – questa proposta sarà ora trasmessa al MIPAAF al fine del riconoscimento, con Decreto del Ministro, dell’eccezionalità dell’evento calamitoso”. “I tecnici delle Aree Decentrate Agricoltura di Frosinone, Latina, Rieti, Roma e Viterbo, – si legge ancora nella nota – sulla base delle segnalazioni pervenute, hanno infatti delimitato le aree e valutato i danni alle produzioni agricole, tali da compromettere fortemente i redditi agricoli, ripartendoli nel seguente modo: provincia di Frosinone nei Comuni di Acquafondata, Acuto, Alatri, Alvito, Anagni, Aquino, Arce, Arnara, Arpino, Atina, Ausonia, Belmonte Castello, Boville Ernica, Broccostella, Campoli Appenino, Casalattico, Casalvieri, Cassino, Castelliri, Castelnuovo Parano, Castro dei Volsci, Castrocelo, Ceccano, Ceprano, Cervaro, Colfelice, Colle San Magno, Collepardo, Coreno Ausonio, Esperia, Falvaterra, Ferentino, Filettino, Fiuggi, Fontana Liri, Fontechiari, Frosinone, Fumone, Gallinaro, Giuliano di Roma, Guarcino, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Pastena, Patrica, Pescosolido, Picinisco, Pico, Piedimonte San Germano, Piglio, Pignataro Interamna, Pofi, Pontecorvo, Posta Fibreno, Ripi, Rocca D’Arce, Roccasecca, San Biagio Saracinisco, San Donato Val di Comino, San Giorgio a Liri, San Giovanni Incarico, San Vittore del Lazio, Sant’Ambrogio sul Garigliano, Sant’Andrea del Garigliano, Sant’Apollinare, Sant’Elia Fiume Rapido, Santo Padre, Serrone, Settefrati, Sgurgola, Sora, Strangolagalli, Supino, Terelle, Torrice, Trevi nel Lazio, Trinigliano, Vallecorsa, Vallemaio, Vallerotonda, Veroli, Vicalvi, Vico nel Lazio, Villa Latina, Villa Santa Lucia e Viticuso: 37.675.635 euro; provincia di Latina nei Comuni di Castelforte, Cisterna di Latina, Cori, Minturno, Ponza, Roccasecca dei Volsci, Ventotene e Fondi: 19.395.500 euro; provincia di Rieti, per l’intero territorio: 31.992.434 euro; provincia di Roma, per l’intero territorio: 61.051.022 euro; provincia di Viterbo per l’intero territorio: 273.254.063,92 euro. Successivamente, dalla data di pubblicazione sulla GURI del Decreto Ministeriale, decorrono, per le imprese agricole ricadenti nel territorio delimitato, i 45 giorni per la presentazione della domanda di richiesta di contributo alle Aree Agricoltura Decentrate competenti. Infine, Il Ministero disporrà con proprio decreto il piano di riparto delle somme da prelevarsi dal Fondo di Solidarietà Nazionale. Dopo la declaratoria,  verrà attivata a supporto la misura 5.2 del PSR 2014-2020, dedicata al sostegno a investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici”.

12 Novembre 2017 0

XVI “Premio solidarietà Paola Sarro” a Roberto Caramadre e ai comuni di Camerino, Norcia e Amatrice

Di redazionecassino1

Pontecorvo – Si è svolta, nei giorni, scorsi la XVI edizione del “Premio solidarietà Paola Sarro”, ideato nel 1999 da Antonio Papa, organizzato dall’associazione Vigili del Fuoco delegazione di Pontecorvo, dall’associazione La Torre, dal centro dei servizi per il volontariato di Frosinone e dal Centro umanistico di Ciampino.

La giuria del premio, nell’edizione 2017, lo ha attribuito a Roberto Caramadre, comandante dell’Aipe comando territoriale Lazio – Campania per il suo impegno ultra trentennale nella tutela dell’ambiente. Altri riconoscimenti sono stati assegnati ai comuni di Camerino, Amatrice e Norcia. Premiati anche l’associazione nazionale Vigili del Fuoco di Capannelle (Roma), Felice Mosè Pulici (opinionista), il giornalista Rai Enrico Varriale. Il premio intitolato a Paola Sarro, medico che svolgeva la propria missione in aiuto delle popolazioni della ex Jugoslavia durante il conflitto dei Balcani, è fondato sull’impegno umanitario del medico di Pontecorvo tragicamente scomparsa in un incidente aereo mentre era di ritorno da una delle sue missioni. “La solidarietà sia esercizio quotidiano, sia un esempio per noi amministratori. Il mio pensiero è rivolto alla nostra concittadina Paola Sarro, medaglia d’oro alla memoria, per il suo grande senso di altruismo e solidarietà che ci ha lasciato” ha sottolineato il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo. “Il pensiero – ha aggiunto il Primo Cittadino – lo rivolgo agli studenti della scuola Paola Sarro, presenti, affinchè cerimonie come queste rimangano scolpite nella memoria e che l’esempio di vita di Paola Sarro sia per voi una guida. Quest’anno – concluso il sindaco – non potevano non pensare ad una sezione speciale ed assieme agli organizzatori, Antonio Papa e Stefano Fumelli, abbiamo deciso di premiare i comuni di Camerino, Amatrice e Norcia”.

F. Pensabene

24 Luglio 2017 0

Acqua, sindaco Cassino: 33 comuni insieme per risoluzione contratto ACEA

Di redazionecassino1

“Mercoledì 26 Luglio il sindaco del Comune di Cassino Carlo Maria D’Alessandro incontrerà i 32 sindaci della Provincia di Frosinone che insieme a lui, nell’assemblea dei sindaci del 13 Dicembre 2016, hanno votato per la risoluzione contrattuale con Acea S.p.a., al fine di discutere sull’iter amministrativo migliore da adottare per poter gestire il servizio idrico dell’AATO 5″. Lo si legge in una nota del comune di Cassino. “Dopo aver inviato una nota alcuni giorni fa – ha dichiarato nella nota il primo cittadino D’Alessandro – ho avuto la disponibilità dei primi cittadini per un incontro sullo stato dell’arte dell’operazioni inerenti la risoluzione contrattuale con il gestore del servizio idrico integrato. Quindi dopo domani ci riuniremo e cercheremo di definire una road map per arrivare, entro breve tempo, agli scopi che ci siamo prefissati. Questa mia azione è frutto del pieno mandato conferitomi dal consiglio comunale di Cassino, in base all’ordine del giorno approvato nell’ultima seduta dell’assise cittadina, a continuare nell’azione intrapresa con i sindaci dell’AATO 5 in merito alla risoluzione contrattuale di cui all’articolo 34 della convenzione citata e di farsi promotore di una società in house per la gestione del servizio idrico. La strada migliore da intraprendere è la creazione di una società pubblica in house dove i soci siano gli enti locali risiedenti nell’A.A.T.O. 5. Queste società sono infatti aziende pubbliche i cui soci sono direttamente o indirettamente istituti di diritto pubblico, quindi in questo caso i 33 comuni dell’A.A.T.O. 5 che hanno votato per la risoluzione contrattuale, più tutti gli altri enti che vorranno aderire dopo che Acea abbia abbandonato la gestione del servizio idrico integrato. Tali società permettono ad un ente di erogare servizi di gestione pubblica. La creazione di tali società avviene con 3 passaggi fondamentali: creando un’articolazione della propria struttura, affidando i servizi con procedure ad evidenza pubblica e infine stipulando l’atto costitutivo della società. L’importante appuntamento dei Sindaci è fissato, dunque, mercoledì 26 luglio alle ore 15,30 presso la Sala Restagno del Comune di Cassino”.

Ermanno Amedei

22 Giugno 2017 0

Nove comuni laziali raggiungono il 65% nel riciclo rifiuti, sei sono della provincia di Frosinone. Ecco quali

Di admin

Lazio – Nel Lazio sono solo 9 i comuni Ricicloni con più del 65% di Raccolta differenziata. In testa Sant’Ambrogio sul Garigliano (FR), seguono Colle San Magno (FR) e Oriolo Romano (VT)

Nell’ultima giornata dell’Ecoforum nazionale dell’Economia Circolare, tenutosi a Roma in questi giorni, Legambiente ha premiato i comuni Ricicloni, con una classifica tra quelli che hanno superato il 65% di raccolta differenziata, per produzione procapite di rifiuti secco residuo; conferite anche le menzioni per le eccellenze nelle tipologie di raccolta. Nel Lazio soltanto 9 sono i comuni entrati nella classifica del Cigno Verde.

Sono poi state conferire 3 menzioni speciali ad altrettante amministrazioni per la qualità e le buone pratiche nella raccolta di alcune frazioni specifiche: Sabaudia (LT) per carta e cartone, Sora (FR) per il vetro e Genzano di Roma (RM) per l’alluminio.

“Siamo molto felici di raccontare quello che alcuni comuni stanno realizzando sulla raccolta dei rifiuti – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – ma sono ancora troppo poche le esperienze da premiare nella nostra regione; questo premio è quindi da una parte il giusto riconoscimento a chi sta facendo così bene sui territori, dall’altra uno stimolo e un ammonimento a tutti quelli che non stanno lavorando bene, verso l’economia Circolare e i rifiuti zero. E vogliamo tornare con forza a rilanciare i quattro punti indispensabili perché Roma entri finalmente in un periodo di sana gestione del ciclo: sono la diffusione a tutta la città del porta a porta, l’attuazione della tariffa puntuale in modo da far pagare le utenze in base ai rifiuti indifferenziati prodotti, la costruzione di centri di riuso che diano nuova vita agli oggetti e l’istallazione entro il GRA di almeno dieci digestori anaerobici per il trattamento della frazione organica, in modo che questa diventi risorsa vera e cessi il viaggio di centinaia di camion al giorno verso il nord-est. Alla Regione Lazio invece, va un plauso per aver istituito la tariffa puntuale per legge, uno strumento indispensabile per far vincere il principio -chi inquina paga- e definito con il documento sul fabbisogno impiantistico per il trattamento dei rifiuti, un tracciato utile a trasformarne i rifiuti in risorsa; d’altro canto chiediamo con forza che l’istituzione regionale spinga i Comuni ad attuazione la tariffa puntuale concretizzando tale strumento e definisca il Piano Regionale Rifiuti, quale strumento che sappia tracciare il solco dell’economia Circolare nel Lazio. Torneremo a premiare le buone pratiche, approfondendo ulteriormente quanto di buono sta accadendo, con l’edizione regionale di Comuni Ricicloni del prossimo autunno al quale chiediamo a tutti o comuni di aderire”.

Legambiente Lazio infatti, in collaborazione con la Regione, sta programmando la seconda edizione di Comuni Ricicloni del Lazio che si concluderà a novembre prossimo, per il quale stanno per arrivare le richieste di dati a tutti i 378 comuni del Lazio.

22 Giugno 2017 0

Ambiente: Comuni ricicloni, Aquino e Colle San Magno tra i premiati

Di redazione

Cerimonia di premiazione oggi a Roma per i comuni ricicloni. Si sono distinti nella classifica per la provincia di Frosinone Aquino, Colle San Magno, poi Villa Santa Lucia, Castelliri, Sant’Ambrogio sul Garigliano, Castro dei Volsci. Sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Aquino, Libero Mazzaroppi, ha immediatamente pubblicato le foto dell’evento e il commento a caldo “Con il ministro Galletti, l’on. Realacci e Legambiente. Ancora una volta l’Unione Cinquecittà protagonista ai Comuni Ricicloni. Di cuore, Grazie ai cittadini dì Aquino che sono un esempio di civiltà, di attenzione all’ambiente, di educazione. Un plauso ai nostri funzionari, agli uffici e alla soc. De Vizia. Orgoglioso di voi, andiamo avanti insieme”.

20 Giugno 2017 0

Ballottaggi, dieci comuni del Lazio tornano alle urne

Di admin

Lazio – Domenica prossima si torna alle urne nei dieci comuni del Lazio in cui la tornata dell’11 giugno non è stata sufficiente per eleggere sindaco e consiglio comunale. Sono le comunità con popolazione superiore ai 15mila abitanti in cui nessuno dei candidati ha raccolto il 50% più uno dei voti.

Sette comuni sono in provincia di Roma. A Guidonia Montecelio, Emanuele Di Silvio di area centrosinistra, che al primo turno ha raccolto il 27% delle preferenze, si confronta con il candidato del Movimento 5 Stelle Michel Barbet  forte del 20,63%.

A Ladispoli il ballottaggio è tra Marco Pierini, centro sinistra (32,21%) e Alessandro Grado centrodestra (24,72%).

Confronto tra Alessio Pascucci (47,3%) e Annalisa Belardinelli (14,3%) a Cerveteri mentre a Fonte Nuova, la poltrona di sindaco se la contendono Piero Presutti (32,44%) e Graziano Di Buò (13,55%).

A Frascati gli elettori dovranno scegliere tra Raffaele Pagnozzi (35,94%) e Robeto Mastrosanti (30,85%) mentre, ad Ardea, il sindaco sarà uno dei due tra Alfredo Cugini (38,64%) e Marco Savarese (31,90%).

Ultimo comune della provincia di Roma chiamato al ballottaggio è Grottaferrata e sindaco sarà Luciano Andreotti (22,94%) oppure Stefano Bertuzzi (22,21).

Unico capoluogo di provincia interessato al ballottaggio (a Frosinone è bastato il primo turno per confermare Nicola Ottaviani) è Rieti dove si confronteranno il candidato di area centrodestra Antonio Cicchetti (47,29%) e Simone Petrangeli (41,78%) di area centrosinistra. In provincia di Viterbo si vota a Tarquinia dove  dalle urne uscirà il nome del sindaco tra Pietro Mencarini (26,60%) e Gianni Moscheri (19,36). Il provincia di Latina, invece, uno tra Giada Gervasi (48,18%) e Giovanni Secci (24,77) sarà sindaco di Sabaudia.