Tag: convegno

24 Ottobre 2019 0

Convegno sulle cure Palliative, Diritti in movimento Lazio e Cooperativa Domenica insieme per la cura dei malati  

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Si svolgerà domani (25 ottobre 2019) presso la Sala degli Abati in Cassino a partire dalle ore 15:00 il convegno ”Le cure palliative: la comunicazione è tempo di cura”. Del diritto ad entrare in Cure Palliative previsto dalle Leggi 38/10 e 219/17, attraverso una preliminare pianificazione delle cure e dell’aiuto palliativo a non soffrire, se ne parlerà a Cassino grazie a  Diritti in Movimento Lazio (Coord. Regionale Avv. Michela del Vecchio) con il supporto logistico della BCC Terra di Lavoro e della Società Cooperativa Domenica -Settore Servizi Socio Sanitari.

All’apertura dei lavori sarà presente Mons.   Gerardo Antonazzo, Vescovo della Diocesi di Sora – Cassino – Pontecorvo – Aquino che interverrà per sottolineare l’importanza della spiritualità nel fine vita.

Temi di attualità dunque in cui i relatori spazieranno dalla Pianificazione Condivisa delle Cure all’importanza della Terapia del Dolore fino alla stessa presa in carico per l’attivazione del percorso palliativo senza sottacere della rilevanza del consenso informato e dell’amministrazione di sostegno.

“Si ricorda inoltre – dichiara l’organizzazione- che il  25 settembre 2019 la Corte Costituzionale si è pronunciata sul caso di DJ Fabo. Questa sentenza non ha riconosciuto il diritto al suicidio medicalmente assistito. Al contrario ha sottolineato  la solidarietà nei confronti di chi soffre attraverso l’attivazione di un percorso palliativo consente la protezione della persona”.

L’evento è accreditato per la formazione professionale sia dall’Ordine degli Avvocati del Foro di Cassino che dall’Ordine degli Assistenti  Sociali del Lazio.

2 Ottobre 2019 0

Responsabilità professionale e sicurezza delle cure, duecento infermieri in convegno a Frosinone

Di Comunicato Stampa

FROSINONE – Lo stato dell’arte dell’applicazione della legge sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale: ne parliamo con Federico Gelli.

Oltre duecento infermieri a convegno per ribadire l’esigenza di approfondire il tema della responsabilità professionale e della sicurezza delle cure.

L’evento, promosso dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone, ha come obiettivo quello di condividere e discutere il tema della sicurezza sia in linea generale, sia alla luce del nuovo codice deontologico degli Infermieri e, soprattutto analizzare l’argomento due anni dopo la Legge Gelli.

Il convegno si terrà sabato 05 Ottobre presso il Fornaci Cinema Village di Frosinone, ubicato in Via Giovanni Iacobucci, sarà una giornata scandita dai diversi interventi degli esperti del settore e delle figure istituzionali, per concludersi con una tavola rotonda e un dibattito.

Un evento che vuole rendere più consapevoli e preparati gli operatori su un tema cosi importante come la sicurezza, partendo dalla responsabilità sanitaria e arrivando alla sanità responsabile, interloquendo con i massimi esperti nazionali del settore: saranno presenti come relatori lo stesso On.le Federico Gelli, relatore della Legge omonima,la Segretaria della Federazione degli azionale Ordini delle Professioni Infermieristiche Dott.ssa Beatrice Mazzoleni e il Dott. Tonino Aceti già Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva e ora portavoce della FNOPI, nonché l’ Avv.to Guido Locasciulli consulente legale della FNOPI e l’Avv.to Antonio Mastrangeli consulente legale dell’OPI di Frosinone, il tutto coordnato dalla VicePresidente dell’OPI di Frosinone Dott.ssa Loreana Macale che è la responsabile scientifica dell’evento.

Come Infermieri ravvisiamo la necessità di dover operare in maniera sicura, appropriata ed efficace anche attraverso una corretta interpretazionedella responsabilità sia a livello legislativo che deontologico: con questo incontro intendiamo anche sostenere con le nostre idee e le nostre azioni concrete l’approvazione dei decreti attuativi della Legge che appaiono comeè uno di quei tormentoni che si protraggono da troppo tempo. Consideriamo urgentissimo l’adempimento normativo in maniera da consentire una maggiore efficacia a tutto il ciclo di risk assesment e management sanitario a tutela degli operatori sanitari e dei cittadini.

Il Presidente Gennaro Scialò

9 Gennaio 2019 0

Il Ninfeo Ponari di Cassino: un monumento da salvare, convegno al Campus della Folcara

Di felice pensabene

CASSINO – Mercoledì 16 gennaio alle 10, Campus Folcara, Palazzo degli Studi – Aula Salerno 0.02, si svolgerà una mattinata di interventi e riflessioni sulle condizioni e le prospettive di recupero e valorizzazione del Ninfeo Ponari, prezioso resto di una ricca domus decorata con pitture e mosaici e risalente al periodo romano (I sec. a.C. – II sec. d.C.). Il monumento, ubicato sulla via di Montecassino, in prossimità del Museo e dell’Area Archeologica di Cassino, è di proprietà dell’Università di Cassino. Purtroppo questa importante testimonianza dell’epoca romana nel territorio cassinate versa in un preoccupante stato di degrado, dovuto al cedimento del terreno circostante e ai limiti dell’allestimento attuale, inaugurato nel 2001.

Un gruppo di studiosi, funzionari e dirigenti del Ministero per i Beni e le Attività culturali e docenti dell’Ateneo Cassinate si riunirà alla presenza della prof.ssa Mariarita Sgarlata, consigliere del Ministro per i Beni e le Attività culturali, con l’obiettivo di riflettere e discutere sui problemi conservativi del monumento e di proporre soluzioni per un nuovo allestimento accessibile al pubblico. La struttura appare infatti una candidata ideale per un progetto di valorizzazione dal notevole impatto potenziale sulle dinamiche turistiche del comprensorio cassinate, oltre che su un auspicabile processo di riappropriazione del patrimonio culturale da parte del pubblico locale.

 

Pur prestandosi alla visita e all’allestimento museale individuali, il Ninfeo è anche inseribile in un futuro nuovo circuito di visita, comprendente l’attuale area archeologica, il teatro romano e il terreno comunale della ex-Villa Petrarcone, e potrebbe inoltre fare da caposaldo per la realizzazione di un percorso ascensionale della rupe di Montecassino, legato alla celebre Abbazia.

 

 

26 Ottobre 2018 0

“Le fragilità:discorsi in rete” se ne discute in un convegno all’Università di Cassino e L.M.

Di felice pensabene

Inizierà nel pomeriggio di oggi il Convegno dal titolo “Le fragilità: discorsi in rete” presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. L’introduzione ai lavori è affidata all’avv. Michela Del Vecchio, coordinatore per la Regione Lazio di Diritti in Movimento, in cui si discuterà di diritti della persona. Molti gli interventi previsti su argomenti e problematiche legate alla persona umana ed alle esigenze delle persone più deboli e fragili. “Si tratterà – spiega l’avvocato Michela Del Vecchio – di un progetto di vita per le disabilità gravi in luogo del “dopo di noi” che a nostro avviso si è dimostrato del tutto inadeguato. Occorre – prosegue Del Vecchio – di portare modifiche alla Legge Regionale 11/16, in particolare relative alle autorizzazioni del Giudice tutelare all’Amministratore di sostegno come nel caso di contrarre matrimonio, ad esempio fra persone con sindrome di Down, redigere testamento ovvero sottoscrivere contratti alberghieri con case di riposo”.

La discussione si articolerà sotto tutti gli aspetti dei bisogni delle persone non solo con disabilità, ma verso tutte quelle ‘più fragili’ e necessarie di aiuto ed ad alcune misure talvolta necessarie da adottare nei loro confronti. “Si pensi –continua l’avv. Del Vecchio – al TSO, Trattamento sanitario obbligatorio, ed alla possibilità di che debba essere un sindaco ad autorizzare questa misura. Ma non basta perché vi sono alcune situazioni in cui occorrerebbe una sorta di possibile “coazione benevola” come nel caso di Pamela Mastropietro, uccisa a Macerata dopo essere uscita da una comunità di recupero. In altre parole – spiega l’avvocato Del Vecchio – se ci fosse stata una figura istituzionale che avesse il compito di dire ‘tu non puoi uscire perché non sei pronta” probabilmente la ragazza sarebbe ancora viva”.

Nel corso dei lavori si affronteranno anche tematiche di sostegno e disciplina dei caregiver (familiare assistente) cioè una persona che aiuta h/24, in maniera gratuita e quotidiana, un parente di primo grado non autosufficiente fisicamente e/o mentalmente. Una figura, il caregiver, in cui la gratuità e l’impegno h/24, la differenziano dalla badante. Si discuterà dell’istituzione di Elenchi degli Amministratori di sostegno e della necessità di una rete associativa e formazione nel sociale. Ha infine concluso Michela Del Vecchio.

Un convegno, quello di questo pomeriggio, a cui forniranno il loro contributo e le loro esperienze molti docenti di diritto di vari Atenei. Le conclusioni saranno affidate al prof. Paolo Cendon dell’Università di Trieste.

F. Pensabene

12 Aprile 2018 0

Frosinone, convegno sulle nuove responsabilità dell’esercizio infermieristico

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Un convegno a Frosinone sulla legge 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”. La legge è volta alla prevenzione degli eventi avversi, maggiore aderenza a linee guida e buone pratiche, assicurazione obbligatoria, e diversa suddivisione delle responsabilità tra strutture e professionisti.

“Il convegno avrà un taglio interdisciplinare in cui sono coinvolti diversi professionisti ed esperti dell’area giuridica e sanitaria, con l’obiettivo di fare il punto dei principali quesiti che la Legge ha sollevato, anche attraverso un primo confronto con le iniziali interpretazioni tra dottrina e giurisprudenza. Giuristi e sanitari esperti analizzano e discutono i diversi aspetti di questa legge complessa e innovativa che ha modificato il regime degli esercenti le Professioni Sanitarie introducendo novità di particolare rilievo in quanto incide su aspetti del profilo civile, penale e medico-legale”. E’ il commento del dottor Gennaro Scialò, Presidente Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone.

Si terrà il 13 e 14 Aprile 2018 nella Sala Conferenze Tribunale di Frosinone. Via Fedele Calvosa – Frosinone.

Relatori e moderatori Dott. Giuseppe De Falco – Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone Dott. Luigi Pais Dei Mori – Infermiere Legale e Forense. Presidente Ordine Professioni Infermieristiche di Belluno Dott. Graziano Lebiu – Presidente Ordine Professioni Infermieristiche di Carbonia-Iglesias Avv. Antonio Mastrangeli – Consulente legale Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone Dott.ssa Rita Maricchio – Dirigente delle Professioni Sanitarie Azienda Ospedaliera S. Anna di Ferrara Dott. Gennaro Scialò – Presidente Ordine Professioni Infermieristiche di Frosinone Dott.ssa Annalisa Silvestro – già Senatore della Repubblica 12^ Commissione Igiene e Sanità del Senato Dott.ssa Lorena Martini – Direttore UOC Assistenza Infermieristica, Tecnica, Preventiva e Riabilitativa ASL FR Dott. Stefano Troiani – Giudice presso il Tribunale di Frosinone

19 Febbraio 2018 0

La Polizia al convegno “M’ama o non m’ama? – Quando l’amore diventa violento”

Di felice pensabene

FROSINONE – M’ama o non M’ama? – Quando l’amore diventa violento”, è il titolo del convegno a cui ha partecipato la Polizia di Stato, sempre impegnata in campagne di sensibilizzazione contro la violenza di genere.In particolare il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi ha analizzato la qualità relazionale all’interno del rapporto di coppia, basato sull’ambivalenza che lega la donna al compagno violento.

Non è raro che la vittima rifiuta l’aiuto nella speranza del recupero della “luna di miele”, oltre che credendosi responsabile dei maltrattamenti che l’uomo le rivolge.

La situazione diventa ancora più difficile quando si  alternano   manifestazioni di amore e di maltrattamento: la donna è disorientata perché la speranza blocca la sua azione protettiva.

In ottica di prevenzione, sottolinea l’esperta della Polizia di Stato, è necessario promuovere, per i nostri figli, uno stile educativo basato sulla qualità della relazione e sul proprio diritto a vivere una vita di qualità.

6 Dicembre 2017 0

In Prefettura un convegno per il 91esimo anniversario di “Frosinone capoluogo”

Di felice pensabene

Frosinone – La Sala Purificato del Palazzo della Prefettura di Frosinone ha ospitato, stamani, il convegno “VI dicembre 1926. Frosinone capoluogo della nuova provincia: storia e prospettive a 90 anni dal decreto di istituzione”, alla presenza delle autorità civili e militari. Novantuno anni fa, infatti, Frosinone vedeva formalmente riconosciuto quel ruolo di guida che aveva assunto, già nei secoli passati, per l’intero territorio. L’iniziativa, fortemente voluta dall’assessorato al centro storico di Frosinone, coordinato da Rossella Testa, è stata aperta dal saluto di S.E. il Prefetto, Emilia Zarrilli: “La celebrazione a cui prendiamo parte oggi – ha dichiarato il Prefetto – è importante, perché è importante rafforzare legame dei cittadini nei confronti della propria storia e delle proprie radici. Anche la Prefettura, dieci anni fa, ha ricordato questa data memoranda, a dimostrazione dell’unità di intenti tra le istituzioni del territorio. Soprattutto le giovani generazioni – ha concluso – hanno il compito di custodire e mantenere vivo il senso d’identità e di appartenenza alla propria terra”. L’assessore Rossella Testa ha, quindi, ringraziato il Prefetto per “l’impegno quotidianamente profuso al servizio del territorio. L’iniziativa di oggi vuole costituire un ulteriore momento di coesione sociale e di riappropriazione del nostro vissuto storico, nel quadro degli interventi di valorizzazione della nostra identità territoriale, promossi dall’amministrazione Ottaviani e dalle associazioni culturali che operano, da anni, in questa direzione”. Il convegno ha visto la partecipazione degli studiosi Costantino Jadecola e Maurizio Federico, oltre che di Francesca di Fazio, responsabile dell’archivio storico della Provincia; il dibattito è stato coordinato da Angelo D’Agostini, direttore della biblioteca comunale “Norberto Turriziani”. Al termine del convegno, è stata apposta una targa commemorativa in piazza VI dicembre.

5 Dicembre 2017 0

La Polizia al convegno “Bullismo@Cyberbullismo” alla media “G. Di Biasio”

Di felice pensabene
Cassino – L’Auditorium della Scuola Media Statale G.Di Biasio ha ospitato un convegno dal titolo “Bullismo@Cyberbullismo”, evento progettato e realizzato allo scopo di fronteggiare il fenomeno del bullismo ormai proiettato nei canali informatici trasformandosi nel cosiddetto “cyberbllismo”. Per la Polizia di Stato è intervenuto il Sovrintendente Capo Gasperini Erica del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cassino: interessata e partecipe la numerosa platea di giovani studenti, genitori e insegnanti. In difesa dei minori si può richiedere di oscurare, rimuovere o bloccare i contenuti, a loro riferiti e diffusi per via telematica, quali ad esempio pagine web o post sui social network in cui si è vittime di minacce, offese o insulti, ecc. oppure foto imbarazzanti o offensive. In quest’ottica nasce il nuovo strumento di comunicazione della Polizia di Stato “YouPol”, che è un’applicazione veloce da scaricare sui nostri telefonini e pratica da utilizzare: con pochi e semplici passaggi si possono inoltrare messaggi e quesiti di ogni genere al personale della Polizia di Stato. Una modalità innovativa, al passo con i tempi; il poliziotto è “un amico in più”. ​
24 Novembre 2017 0

Violenza sulle donne, convegno oggi a Cassino

Di redazionecassino4

CASSINO – Violenza domestica: riconoscere, contrastare e prevenire. Il tema sarà discusso domani alle 16:30 presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, nel corso di un convegno organizzato nell’ambito della settimana contro la violenza sulle donna, da Laura Viola e dal coordinamento provinciale delle Pari Opportunità di Forza Italia. Dopo i saluti del sindaco D’Alessandro il dibattito moderato dalla dottoressa Martina Sperduti, sono previsti gli interventi: della promotrice dell’incontro Laura Viola, vice coordinatore Fi di Cassino e membro del Coordinamento provinciale delle Pari Opportunità; dell’avvocato Tiziana Barrella, responsabile scientifico dell’Osservatorio giuridico italiano. La parola passa poi all’avvocato Arturo Buongiovanni, presidente del Movimento della vita di Cassino, all’avvocato Roberta De Feo, responsabile del centro anti-violenza di Cassino e presidente dell’associazione “Tutela i tuoi diritti”. Sarà poi la volta dei rappresentanti politici: Pasquale Ciacciarelli e l’on. Mario Abbruzzese. La conclusione è affidata al senatore Paola Pelino, segretario della Commissione Parlamentare di inchiesta su femminicidio e violenza di genere. “Spesso la donna è sola contro un uomo che tenta di controllare il ciclo della violenza facendola sentire incapace, debole, impotente da un punto di vista psicologico ed economico. Con questo evento – precisa Laura Viola – vogliamo affrontare il problema da un punto di vista politico e anche tecnico per analizzare le modalità con cui fermare questa piaga sociale, ma anche esortare le donne alla denuncia, ad essere forti e farsi sostenere da chi è competente in materia. Ci saranno diverse sorprese che non posso svelare ma sono sicura che anche la nostra emotività sarà toccata. Invito chiunque abbia a cuore il problema a partecipare”. Val.Pra.

28 Ottobre 2017 Off

La polizia al convegno: “Una nuova normalità: strategie di intervento nelle esperienze traumatiche collettive e individuali”

Di felice pensabene

Frosinone – In considerazione del crescente numero di esperienze stressanti e traumatiche a cui l’individuo e la collettività devono far fronte, il 26 e 27 ottobre, presso la sala teatro ASL di Frosinone, si è svolto il convegno  “Una nuova normalità: strategie di intervento nelle esperienze traumatiche collettive e individuali”.

Nella sessione della seconda giornata – Approccio Terapeutico e Rischio Traumatico –  il Direttore Tecnico Capo Psicologo della Polizia di Stato dr.ssa Cristina Pagliarosi è intervenuto  in qualità di relatore sul tema della “Valutazione e gestione del trauma indiretto degli operatori”.

“In  verità – sottolinea la dr.ssa Paglirosi –  non esiste un trauma indiretto dal momento che se definito trauma ha già  avuto un impatto sull’equilibro psichico della persona, inclusi gli operatori di Polizia e del soccorso. Sotto la divisa c’è sempre un uomo.”