Tag: dimora

3 Luglio 2019 0

Posti di lavoro in Fiat in cambio di voti, divieto di dimora a Piedimonte San Germano per il sindaco. Arrestato il vicesindaco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Secondo sindaco a finire ne guai nel Cassinate in più chi mesi. Dopo il sindaco di Cervaro, sempre con l’accusa di voto di scambio, è finito coinvolto nell’indagine dei carabinieri di Cassino anche il sindaco di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi. Arrestato e ai domiciliari il suo vicesindaco.

Sono tre le misure cautelari eseguite questa mattina dagli uomini del colonnello Fabio Cagnazzo e del Capitano Ivan Mastromanno  2 con applicazione agli arresti domiciliari e 1 con applicazione del divieto di dimora nel comune di residenza, emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cassino su richiesta della locale procura della repubblica, siccome tutti ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale ” (c.d voto di scambio), posti in essere da politici ed imprenditori locali.

Il provvedimento custodiale verrà eseguito nei confronti dell’attuale sindaco (divieto di dimora) e del vice-sindaco (arresti domiciliari) del comune di Piedimonte San Germano nonchè di un imprenditore del luogo (arresti domiciliari). l’attività di indagine, condotta dal nucleo investigativo, ha permesso di stabilire che gli indagati avevano promosso ed organizzato un consolidato sistema corruttivo finalizzato al voto di scambio a fronte di promesse, in vari casi concretizzatesi, di assunzioni a tempo determinato presso alcune società compiacenti dell’indotto Fiat/Fca, turbando i meccanismi elettorali democratici e agevolando così fraudolentemente il successo elettorale dei politici coinvolti nelle elezioni amministrative.

 

4 Ottobre 2018 0

Obbligo di dimora a Pontecorvo, 43enne sorpreso a Frosinone con famiglia per comprare droga: arrestato

Di admin

FROSINONE – Aveva l’obbligo di dimora a Pontecorvo ma i carabinieri lo sorprendono a Frosinone con la famiglia per fare spesa di droga.

E’ accaduto ieri pomeriggio a Frosinone dove i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno arrestato un 43enne originario di Arpino, già censito per reati inerenti gli stupefacenti, per inosservanza delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di Pontecorvo. I militari hanno sorpreso l’uomo all’interno di una autovettura in sosta nella zona Scalo in violazione del regime della Sorveglianza Speciale cui era sottoposto.

A bordo dell’auto erano presenti il figlio di 7 anni e la sua convivente che, alla vista dei Carabinieri, si disfaceva di due involucri contenenti circa un grammo di cocaina.

Come disposto dall’A.G., dopo le formalità di rito l’uomo è stato arrestato e trattenuto presso le camere di sicurezza Stazione Carabinieri di Frosinone in attesa del rito direttissimo che, nella tarda mattinata odierna, ha sancito la convalida dell’arresto e disposto gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico presso l’abitazione dell’uomo in Pontecorvo. La donna è stata segnalata alla Prefettura di Frosinone per il possesso di droga.

Obbligo di dimora a Pontecorvo, 43enne sorpreso a Frosinone con famiglia per comprare droga: arrestato

15 Giugno 2010 0

Senza dimora, i carabinieri sgomberano un campo nomadi

Di redazione

I Carabinieri della Compagnia di Giulianova agli ordini del Capitano Luigi Dellegrazie, hanno eseguito nelle prime ore di oggi 15.06.2010, l’ennesimo sgombero di cittadini stranieri accampati in Giulianova. Nei giorni scorsi numerosi cittadini si erano lamentati della presenza di un gruppo di cittadini stranieri che si erano accampati in diversi luoghi di Giulianova. Questa mattina i Carabinieri li hanno sorpresi mentre stazionavano all’interno del paro comunale di Via dei Pioppi. Si tratta di 9 rumeni, di cui uno minori. Alcuni di loro avevano già ricevuto l’intimazione a lasciare il territorio dello Stato Italiano, ma trattandosi di cittadini comunitari le procedure per un eventuale completa espulsioni sono molto complesse, lunghe e limitate a casi particolari. I Carabinieri hanno comunque denunciato in stato di libertà alla competente A.G. i 9 rumeni perché ritenuti responsabili di invasione ed occupazione abusiva di terreni ed edifici pubblici.

3 Dicembre 2009 0

Prostituzione, tre arresti e sei obblighi di dimora

Di admin

Nella giornata odierna i Carabinieri della Compagnia di Cassino hanno concluso un’attività di indagine che è arrivata al suo culmine con l’esecuzione di n. 3 (tre) ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere e n. 6 (sei) ordinanze di Obbligo di Dimora nel comune di residenza, per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, in concorso.

L’attività investigativa ha preso spunto da una denuncia presentata da alcune donne che erano costrette a prostituirsi all’interno dei locali dedicati allo scambio di coppie. L’indagine, che ha interessato essenzialmente il territorio del comune di San Vittore del Lazio (FR) ove sono ubicati i clubs “Eros le Follie” e “Big Paradise”,

operanti nel settore dell’eros, ha permesso di rivelare come all’interno degli stessi clubs, destinati essenzialmente al libero scambio di coppie, si praticasse anche l’esercizio della prostituzione. I titolari ed i loro stretti collaboratori, infatti, avevano reclutato donne e coppie che dietro retribuzione economica, praticavano prestazioni sessuali in favore degli avventori.

I provvedimenti cautelari in carcere sono stati eseguiti a carico di:

– ROSSI Vincenzo, 56enne di Ceprano (FR), titolare del club “Eros le Follie”;

– FUSCIELLO Giancarlo, 49enne di San Vittore del Lazio, titolare del club “Big Paradise”;

– DIANA Giovanni, 48enne di Casal di Principe (CE), complice del FUSCIELLO Giancarlo.

I provvedimenti cautelari dell’obbligo di dimora sono stati eseguiti a carico di:

– R.P., 32enne di Ceprano;

– M.C., 37enne di Novara;

– M.S., 34enne di Alatri (FR);

– M.R., 60enne di Alatri;

– F.E., 43enne di San Vittore del Lazio;

– P.M., 29enne di Sessa Aurunca (CE).