Tag: divieto

3 Luglio 2019 0

Posti di lavoro in Fiat in cambio di voti, divieto di dimora a Piedimonte San Germano per il sindaco. Arrestato il vicesindaco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Secondo sindaco a finire ne guai nel Cassinate in più chi mesi. Dopo il sindaco di Cervaro, sempre con l’accusa di voto di scambio, è finito coinvolto nell’indagine dei carabinieri di Cassino anche il sindaco di Piedimonte San Germano Gioacchino Ferdinandi. Arrestato e ai domiciliari il suo vicesindaco.

Sono tre le misure cautelari eseguite questa mattina dagli uomini del colonnello Fabio Cagnazzo e del Capitano Ivan Mastromanno  2 con applicazione agli arresti domiciliari e 1 con applicazione del divieto di dimora nel comune di residenza, emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cassino su richiesta della locale procura della repubblica, siccome tutti ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale ” (c.d voto di scambio), posti in essere da politici ed imprenditori locali.

Il provvedimento custodiale verrà eseguito nei confronti dell’attuale sindaco (divieto di dimora) e del vice-sindaco (arresti domiciliari) del comune di Piedimonte San Germano nonchè di un imprenditore del luogo (arresti domiciliari). l’attività di indagine, condotta dal nucleo investigativo, ha permesso di stabilire che gli indagati avevano promosso ed organizzato un consolidato sistema corruttivo finalizzato al voto di scambio a fronte di promesse, in vari casi concretizzatesi, di assunzioni a tempo determinato presso alcune società compiacenti dell’indotto Fiat/Fca, turbando i meccanismi elettorali democratici e agevolando così fraudolentemente il successo elettorale dei politici coinvolti nelle elezioni amministrative.

 

21 Maggio 2018 0

Violenza e minacce alla ex moglie, divieto di avvicinamento per 38enne di Cassino

Di admin

CASSINO – Divieto di avvicinarsi alla casa della ex; questa la misura cautelare notificata oggi ad un 38enne di Cassino. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e la persona, ha fatto vivere la sua ex compagna in un clima di continue violenze e minacce, giungendo perfino a sottrarle la figlia minore, tanto da costringerla più volte a richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine.

La donna, seppur terrorizzata, trovava la forza di denunciare quanto accaduto agli investigatori del Commissariato di Cassino che, dopo gli opportuni accertamenti, hanno riferito alla Procura della Repubblica con proposta di applicazione di misura cautelare.

Il GIP presso il Tribunale di Cassino dopo aver vagliato la richiesta del Pubblico Ministero, ha emesso la misura del divieto di avvicinarsi alla ex compagna ed ai luoghi dalla stessa frequentati.

La misura cautelare è stata eseguita nella mattina dagli agenti del Commissariato di casino, che hanno rintracciato l’uomo presso la sua nuova dimora.

10 Marzo 2018 0

Divieto di avvicinarsi alla ex compagna per un 37enne di Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – La Polizia di Stato di Cassino ha eseguito una misura cautelare personale del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa ,nei confronti di un ragazzo di Cassino 37enne.

L’uomo è stato sottoposto alla misura per atti persecutori nei confronti della ex compagna.

Fra i due le liti  andavano avanti da alcuni anni con comportamenti violenti del ragazzo nei confronti della ex compagna.

La procura di Cassino ha richiesto al Gip di Cassino la misura cautelare

31 Ottobre 2017 Off

Falde inquinate vicino la discarica di Facciano, ordinanza di divieto di coltivazione

Di admin

PIGNATARO INTERAMNA – Divieto di coltivazione, di pascolo e verifica di tutti i pozzi, anche quelli non autorizzati, in un raggio di cento metri dalla discarica di Facciano a Pignataro Interamna. È il provvedimento preso da Ernesto Raio, Commissario straordinario del comune di Pignataro. Nell’ordinanza numero 5931 del 27 ottobre, il commissario prende atto delle note dell’Arpa Lazio del 5 agosto 2017 contenenti le risultanze alle analisi effettuate sui campionamenti delle acque di falda e che ne accertano l’inquinamento. Una vicenda, quella della discarica di Facciano, tristemente nota.

Ermanno Amedei 

26 Ottobre 2017 Off

San Vittore del Lazio: Dopo il rogo, Scuola materna San Cesario chiusa e divieto di pascolo e raccolta prodotti ortofrutticoli

Di redazione

Con una ordinanza comunale il comune di San Vittore del Lazio ha disposto la chiusura della scuola Materna ed Elementare a San Cesario, località in cui insiste l’impianto di termovalorizzazione interessato ieri sera da un incendio. Il timore è quello dell’inquinamento dell’aria su cui stanno facendo rilievi i tecnici dell’Arpa. L’ordinanza sindacale prevede anche il divieto di pascolo, raccolta e consumo di prodotti ortofrutticoli in un raggio di due chilometri dall’impianto.

16 Ottobre 2017 0

Stalking a Cassino, divieto di avvicinarsi alla ex per 24enne veneto

Di admin

CASSINO – I carabinieri di Cassino hanno notificato ad un 24 enne, residente in Veneto, un’ordinanza del Tribunale di Cassino con la quale, concordando con le risultanze investigative, disponeva la misura cautelare del divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla ex-compagna. Il giovane, durante la convivenza con la donna, aveva più volte posto in essere condotte violenti atte a ledere l’integrità fisica, psicologica e morale della donna, al punto di rendere impossibile la convivenza.

3 Ottobre 2017 0

Il “Divieto di scarico” a Cervaro diventa discarica

Di admin

CERVARO – Un cartello chiaro ed efficace : DIVIETO DI SCARICO.  Si trova all’ingresso del campo sportivo Luigi Canale di Cervaro dove decine di squadre si confrontano nei campionati regionali.

Con tali giocatori ogni settimana si presentano al campo anche centinaia di tifosi pronti ad incitare le proprie squadre ma con il benvenuto dato loro da una discarica che viene alimentata in continuazione. A detta dei residenti tale spazio ha la funzione di punto di raccolta dei rifiuti ingombranti e di smistamento dei camion che quotidianamente ritirano l’immondizia domestica.

La cosa strana è che l’area non risultata per così dire ufficializzata infatti non è prevista di recinzione adeguata ne di dispositivi di sicurezza. Ciò comporta forti rischi per chi frequenta liberamente quel tratto di strada e va al campo e soprattutto rischierebbe di incendiare senza che nulla o nessuno a controllare il sito. Non di meno, raccontano i residenti, è la consuetudine di furbi e  maleducati che spesso smistano le proprie immondizie nei mucchi esistenti in barba a quel DIVIETO DI SCARICO che fa amaramente  sorridere più che educare.

14 Maggio 2016 0

Il divieto dei Botti di Capodanno varrà anche per i botti dei Santi?

Di admin

Cassino – Appena pochi mesi fa moltissimi comuni italiani emanarono un’ordinanza sindacale per vietare i botti di Capodanno. Tra questi anche Cassino ed il Sindaco Petrarcone giustifico’ il provvedimento anche con queste motivazioni:”E sebbene questi prodotti facciano ormai parte di tradizioni e abitudini consolidate, è notevole lo stress che il fragore può provocare su anziani, bambini, soggetti cardiopatici e animali domestici. Proprio gli animali sono quelli, così come evidenziato dall’associazione Anpana, a risentire maggiormente dell’uso dei botti di capodanno”. Ora vorremmo sapere se lo stress di anziani, bambini ed animali è sottovalutabile in occasione delle feste religiose patronali che nella Città Martire si susseguiranno a breve: San Giovanni, Sant’Antonio e l’Assunta. Max Latempa