Tag: forestali

7 Settembre 2019 0

Il colonnello Lopez passa dal comando del Gruppo Forestali Frosinone al Gruppo Forestali Roma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – “Dopo un anno alla guida del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone il Colonnello Giuseppe Lopez il 9 settembre assumerà il comando del Gruppo Carabinieri Forestale di Roma”. Lo si legge in una nota del Gruppo Carabinieri Forestali di Frosinone.

“Il prestigioso incarico segue ad un anno di intensa attività svolta nella provincia di Frosinone dove sono stati raggiunti importanti risultati nel contrasto ai crimini ambientali.

I risultati raggiunti sono frutto di una brillante attività di coordinamento e di lavoro di squadra, dove il NIPAAF, le Stazioni e tutti i militari in servizio nel territorio hanno dato grande un grande contributo alla tutela dell’ambiente.

Il comando del Gruppo viene assunto temporaneamente dal Maggiore Vitantonio Masi, già

Comandante del NIPAAF.

Il Colonnello ringrazia tutta la Stampa e tutti gli Organi di comunicazione che, con il loro

prezioso e puntuale lavoro, hanno contribuito a diffondere gli importanti risultati conseguiti portando prestigio all’Arma dei Carabinieri.

Un riconoscimento al Comandante Provinciale dei Carabinieri e a tutta L’Arma Territoriale per la sinergia sempre più rafforzata con i militari della specialità forestale”.

28 Agosto 2019 0

Polizia provinciale e carabinieri Forestali liberano rapaci, ricci e tartarughe a Prato di Campoli

Di admin

VEROLI – Una mattinata densa di emozioni a contatto con la natura e con gli animali, in particolare con la fauna selvatica, quella che hanno trascorso oggi, adulti e bambini, a Prato di Campoli, dove la polizia provinciale di Frosinone e i carabinieri forestali dell’Utb di Fogliano (Lt) hanno rimesso in libertà diversi rapaci, oltre a tartarughe e ricci, dopo un lungo periodo di convalescenza. Si tratta, infatti, di esemplari che, feriti in incidenti stradali o per colpi di arma da fuoco, sono stati recuperati, messi in salvo e curati dal personale del centro pontino di recupero della fauna selvatica.

Ad operare sono stati gli agenti coordinati dal comandante Pietro D’Aguanno e dal suo vice Pierfrancesco Vona, in collaborazione con i carabinieri forestali dell’Utb di Fogliano. In particolare, sono stati liberati quattro gheppi, due civette, un allocco, un biancone oltre a tre tartarughe e un riccio.

Presenti il consigliere provinciale delegato alla Polizia provinciale, Germano Caperna; l’assessore all’Ambiente del Comune di Veroli, Emanuele Fiorini e il consigliere comunale di Veroli, Alessandro Viglianti, oltre a numerosi cittadini, turisti e bambini, che hanno assistito con curiosità e meraviglia alla liberazione degli animali, diventando protagonisti di una giornata all’insegna della natura e del rispetto della fauna selvatica.

I piccoli, infatti, guidati dai poliziotti e dai carabinieri, si sono cimentati, in condizioni di totale sicurezza, nella liberazione dei rapaci, indossando particolari guanti protettivi e assistendo, con emozione, al volo degli esemplari che sono tornati nel loro habitat naturale.

“Un appuntamento ricco di emozioni, quello di oggi, con l’obiettivo di sensibilizzare grandi e piccoli al rispetto della natura, – hanno commentato il consigliere provinciale Germano Caperna e il presidente della Provincia, Antonio Pompeo – che certamente sarà ripetuto con il coinvolgimento delle scuole. Un sentito ringraziamento va alla polizia provinciale di Frosinone e ai carabinieri forestali di Fogliano per aver impartito una bellissima lezione di attenzione, dedizione e cura del nostro ambiente”.

16 Agosto 2019 0

Legambiente premia il Nipaaf dei carabinieri Forestali di Frosinone

Di admin

FROSINONE – E’ stato assegnato da Legambiente al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone il premio nazionale “Ambiente e Legalità”. Il prestigioso premio è stato consegnato nell’ambito della manifestazione nazionale FestAmbiente organizzato da Legambiente all’interno del Parco naturale della Maremma in località Rispescia (GR), avente ad oggetto le tematiche ambientali. Il premio, assegnato per le rilevanti attività svolte sul territorio della provincia di Frosinone a difesa dell’ambiente, con particolare riguardo alle recenti operazioni legati all’indagine “Urban Waste”, è stato consegnato dal giornalista impegnato in reportage sulla camorra Sandro Ruotolo al Magg. Vitantonio Masi, Comandante del N.I.P.A.A.F. di Frosinone. Presenti alla cerimonia anche il fondatore di “Libera” Don Luigi Ciotti e il presidente +nazionale di Legambiente Stefano Ciafani. Il premio, motivo di orgoglio, rappresenta un riconoscimento per tutto il personale del Nucleo impegnato con abnegazione e con spirito di sacrificio nella lotta agli ecoreati che attanagliano il territorio frusinate”.

12 Giugno 2019 0

Frosinone; Carabinieri Forestali eseguono arresti e perquisizioni per traffico illecito di rifiuti

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nelle prime ore di questa mattina il personale del N.I.P.A.A.F. e delle Stazioni forestali

dipendenti dal Gruppo di Frosinone hanno dato esecuzione, in provincia di Frosinone, a tre misure

personali cautelari di cui due arresti domiciliari ed un arresto in carcere emesse dal G.I.P. del

Tribunale di Roma per i reati di traffico illecito di rifiuti, gestione illecita di rifiuti, violazione sulle

prescrizioni delle autorizzazioni sulla gestione dei rifiuti ed in materia di emissione in atmosfera.

Nella stessa operazione sono stati eseguiti due sequestri e quattordici perquisizioni.

I dettagli saranno resi noti in un comunicato stampa ed in una conferenza stampa alla ore 12:30 presso il Gruppo di Frosinone.

 

28 Gennaio 2019 0

Azienda inquinante di Cassino sequestrata dai Carabinieri Forestali

Di admin

FROSINONE – Gli uomini del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone hanno eseguito un decreto di sequestro degli impianti produttivi di una nota società sita nel cassinate emesso dal Gip presso il Tribunale di Cassino, che ha accolto le richieste della competente Procura della Repubblica in relazione a violazioni del Codice dell’Ambiente. In particolare i controlli del N.I.P.A.A.F., unitamente a tecnici ARPA LAZIO e personale ASL, hanno accertato che gli impianti della società erano privi di regolare autorizzazione alle emissioni in atmosfera. Non solo ma è stato verificato che alcuni punti di emissione erano addirittura sprovvisti sia di piattaforma di lavoro che di sezione di campionamento, con la conseguente impossibilità di regolare effettuazione delle misurazioni degli inquinanti. Nonostante ciò i tecnici di laboratorio, incaricati dalla società di effettuare le misurazioni degli inquinanti, attestavano il rispetto dei limiti emissivi alle prescrizioni autorizzative. Inoltre veniva riscontrato che l’attività produttiva veniva esercitata altresì in assenza di autorizzazione agli scarichi delle acque meteoriche e di dilavamento piazzali. Per tali motivi sono stati denunciati all’A.G. l’amministratrice della società, per aver esercitato l’attività produttiva in assenza di regolare autorizzazione alle emissioni e autorizzazione agli scarichi di acque meteoriche, nonché i tecnici di laboratorio in quanto attestavano il rispetto dei limiti emissivi dell’autorizzazione. Il sequestro è stato emesso consentendo alla società di poter continuare la produzione, ma con l’obbligo di adeguarsi alla normativa ambientale violata.

17 Febbraio 2018 0

Bellona (CE) , Carabinieri Forestali sequestrano area in costruzione per violazione dei vincoli paesaggistici

Di redazionecassino1

Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Caserta hanno proceduto, in comune di Bellona (CE), alla località “Triflisco”, sulla base del versante collinare denominato “Palombara” in adiacenza alla Strada Provinciale nr. 333, al sequestro preventivo d’iniziativa a carico di: G.D. dell’età di anni 39, di un’area di sua proprietà sulla quale erano in corso di realizzazione, in area sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale in assenza della prescritta autorizzazione paesistica:

–       un muro di contenimento in calcestruzzo cementizio armato della lunghezza di circa 85 mt. circa, dell’altezza del paramento in elevazione di circa 3,65 mt. ed uno spessore di circa 30 cm.;

–       interventi di sbancamento e riconfigurazione del terrapieno retrostante il muro di sostegno anche al fine di realizzare un accesso carraio lungo la S.P. nr. 333.

L’area interessata dagli interventi in argomento è risultata essere vincolata paesisticamente per l’inclusione nella fascia di rispetto dei 150 mt. dalla sponda dx del fiume Volturno.

La proprietà dell’area interessata dagli interventi è stata denunciata all’A.G. per deturpamento di bellezze paesaggistiche.

Le operazioni tecniche di sopralluogo sono state coadiuvate anche da un funzionario della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Caserta e Benevento.

La convalida del sequestro emessa dall’Autorità Giudiziaria è stata eseguita nella stessa giornata.

 

 

 

19 Gennaio 2018 0

Abusivismo edilizio a Venafro, Forestali denunciano due uomini

Di admin

VENAFRO –Gli uomini della Stazione Carabinieri Forestale di Venafro hanno denunciato due uomini di Prata Sannita (CE) per abusivismo edilizio e violazione del vincolo paesaggistico.

I militari hanno proceduto a seguito di un controllo svolto in località Santa Riparata nel comune di Venafro (IS) dove i due soggetti erano intenti a realizzare, su un terreno di loro proprietà, un fabbricato con struttura in ferro e blocchi forati con tetto a due falde fatto di lamiere coibentate. I primi controlli hanno messo in luce gravi irregolarità per la mancanza del permesso di costruire, che avrebbe dovuto essere chiesto e rilasciato dal comune di Venafro, e un’alterazione sostanziale dell’assetto urbanistico – territoriale.

Ad aggravare la situazione il fatto che tutta l’area è gravata da vincolo paesaggistico e per questo i due avrebbero dovuto chiedere ed ottenere specifica autorizzazione anche dalla Regione Molise ai sensi della vigente normativa paesaggistico-ambientale, ma anche sotto questo aspetto l’opera è risultata sprovvista del titolo autorizzativo.

A seguito delle irregolarità rilevate i militari hanno proceduto al sequestro del fabbricato, che è stato convalidato dalla competente Autorità Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Isernia, e deferito alla stessa A.G. i due uomini. Gli stessi, se saranno riconosciuti responsabili delle violazioni, rischiano una condanna che prevede l’arresto da uno a due anni e il pagamento di un’ammenda.

13 Gennaio 2018 0

Parcheggio abusivo a Veroli, Forestali sequestrano manufatto e denunciano responsabile

Di admin

VEROLI – Un parcheggio abusivo di alcune centinaia di metri quadrati è stato sequestrato dai carabinieri forestali a Veroli. Il piazzale è stato individuato in via Colle Capito dove il cantiere per relizzarlo non era stato ancora chiuso.

Le dimensioni sono di circa 70 per 35 metri lineari. I militari hanno constato che l’opera era priva di qualsiasi autorizzazione urbanistica, pertanto al fine di non portare il reato ad ulteriori conseguenze, il piazzale parcheggio è stato posto sotto sequestro giudiziario.

 

Al responsabile è stata contestata l’infrazione del Codice dell’Ambiente poiché il manufatto erano stati ammantato con rifiuti quali: fresato d’asfalto, rifiuti provenienti da attività di demolizione edile, plastiche e vetri. Il reato su menzionato, è stato notiziato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone.

Al fine della corretta regimazione delle acque, verificato che la terra è sottoposta a vincolo idrogeologico è stato altresì elevato verbale amministrativo poiché per la realizzazione del piazzale/parcheggio è stato effettuato un notevole movimento di terra senza il prescritto nulla osta.

20 Maggio 2009 0

Fondi per gli organici di Pompieri e Forestali, FNS – Cisl soddisfatta

Di redazione

La Federazione Nazionale Sicurezza aderente alla CISL prende atto favorevolmente che in sede di conversione del decreto legge “terremoto Abruzzo” sono stati presentati, primo firmatario il capogruppo al Senato del PDL On.le Gasparri, degli emendamenti che riguardano, tra gli altri, assunzioni di 600 unità nei vigili del fuoco e di 18 unità del Corpo forestale dello Stato; la spesa di 10 milioni di euro per l’acquisto e la manutenzione dei mezzi e delle attrezzature del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e lo stanziamento di 15 milioni di euro per l’incremento dell’indennità operativa del personale VVF. La FNS-CISL auspica che le suddette proposte trovino l’accoglimento unanime del Parlamento, a cominciare dalla maggioranza di Governo, e che gli intenti del Ministero dell’Interno orientati a garantire meglio il livello di sicurezza del cittadino siano unitariamente condivisi. Apprezza l’orientamento a valorizzare l’attività dei vigili del fuoco attraverso il progressivo allineamento economico del personale con quello appartenente al comparto sicurezza e difesa, obbiettivo questo al centro del recente Congresso costitutivo della FNS-CISL, che ha unito organizzativamente il personale Vigile del Fuoco, quello del Corpo di Polizia penitenziaria e del Corpo forestale dello Stato.