Tag: inventa

12 Ottobre 2017 0

Si gioca i soldi di famiglia e “inventa” rapina, denunciato 56enne a San Giovanni Incarico

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Carabinieri della Stazione di San Giovanni Incarico, unitamente ai militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo, hanno denunciato per simulazione di reato, un 56enne del luogo incensurato. L’indagato si era presentato presso la Stazione Carabinieri di San Giovanni Incarico per denunciare che nel corso della notte, mentre faceva rientro a casa a bordo della propria autovettura, aveva subito una rapina in strada da parte di un malvivente che armato di coltello, si era fatto consegnare il portafogli contenente la somma di 700 euro. Il denunciate aveva raccontato inoltre, di non aver denunciato il fatto poiché il rapinatore lo aveva minacciato di ripercussioni qualora si fosse rivolto alle Forze dell’Ordine. La vicenda raccontata dal 56enne non convinceva i militari operanti, i quali hanno attivato una un’immediata attività investigativa che ha consentito di far emergere una serie di contraddizioni nel racconto dell’uomo e l’effettiva ricostruzione dei fatti. Il 56enne, messo di fronte all’evidenza, è crollato confessando che la denuncia, dettata dalla disperazione, era stata tutto frutto della sua fantasia. Lo stesso ha ammesso di aver sperperato l’intera somma al gioco d’azzardo e di aver inscenato i fatti per giustificare l’ammanco di denaro alla sua famiglia.

1 Ottobre 2009 2

Banda di rumeni inventa uno strumento per svuotare le slot

Di Comunicato Stampa

Un congegno ingegnoso per svuotare le cassette di sicurezza delle slot machine. A inventarlo, e chissà se non lo hanno anche brevettato, sono stati alcuni rumeni che, in poco tempo, sono diventati l’incubo dei gestori delle sale giochi di Cassino (Fr). Più di qualcuno, tra i baristi, ha segnalato alla polizia del commissariato cittadino circostanze simili per modalità di intervento. A compiere il furto sono in quattro, stranieri ma residenti in un comune del cassinate. Si avvicinano alla macchina, slot machine o video poker che sia e inseriscono la loro “invenzine” nella fessura da cui vengono erogate le vincite. Iniziano quindi a giocare e, il loro sistema, fa in modo che, non appena il giocatore vince anche la piccolissima somma di un euro comunque sufficiente ad aprire la cassetta, il sistema di chiusura rimane bloccato e, invece di far uscire solamente la piccola somma vinta, svuota completamente il contenitore. Insomma, “sbancano” in continuazione. Sarebbe già un centinaio gli apparecchi colpiti ma alle forze dell’ordine sono arrivate solo segnalazioni. In una circostanza, tgli agenti chiamati sono riusciti a recuperare uno degli strumenti per capirne il funzionamento. Intanto la caccia continua per tentare di coglierli con le mani… nella fessura. Er. Am.