Tag: lancia

12 Febbraio 2019 0

Alatri Ferentino, lancia petardo durante partita di calcio e ferisce manager ospite, denunciato 38enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ALATRI – I carabinieri di Alatri, al termine di una serrata attività info-investigativa sono riusciti ad individuare il responsabile del lancio di un petardo avvenuto durante l’incontro di calcio, valevole per il campionato di promozione girone D,  Alatri – Ferentino, tenutosi il giorno 10 febbraio u.s. presso il campo sportivo “Chiappitto” di Alatri.

Lo scoppio del petardo, avvenuto a circa 10 metri dalla panchina della squadra ospite, ha provocato lo stordimento del team manager del Ferentino, il quale è stato trasportato presso il locale ospedale “San Benedetto” per le cure del caso, ove è stato giudicato guaribile in 7 giorni.

Il responsabile, un 38enne di Alatri già censito per reati inerenti agli stupefacenti, è stato denunciato in stato di libertà per lancio di oggetti pericolosi durante manifestazione sportiva e lesioni personali e verrà proposto anche per il provvedimento di D.A.S.P.O..

16 Novembre 2018 0

“Tempo”, Sony Music lancia il nuovo singolo di Luciano D’Abbruzzo

Di admin

ATTUALITA’ – È disponibile nei digital store e in streaming il nuovo singolo di Luciano D’Abbruzzo per Sony Music, dal titolo “Tempo”, accompagnato dalla pubblicazione del video sul canale VEVO dell’artista. La musica e il testo confermano ancora una volta le doti del cantautore, che negli anni ha dimostrato di possedere una ricercata vena compositiva e una raffinata scrittura.

Il brano, realizzato nella parte musicale con Alessandro de Berti e arrangiato da Massimo Franceschina, è una profonda riflessione sul concetto di Tempo, in relazione alle sue immense sfumature: dunque, un pensiero sugli istanti della nostra esistenza, su come li trascorriamo e sui momenti che impieghiamo per riflettere, piuttosto che vivere.

Nel video, girato e diretto da Laura Rossi, viene enfatizzata la metafora del “tempo che ci scorre addosso” – come afferma il cantautore – attraverso la proiezione di alcune immagini sul corpo di Luciano D’Abbruzzo, protagonista del videoclip e autore del soggetto; altre, invece, vengono riprodotte sul volto dell’artista e raffigurano alcuni personaggi di una serie televisiva molto amata dai ragazzi, nettamente proiettata al futuro, dunque a sostegno di un invito che il cantautore rivolge a sua figlia Cristiana: avere la capacità di proiettare il proprio sguardo verso il futuro. D’altronde, lo stesso Luc ha abbracciato negli anni questa filosofia, che gli ha consentito di costruire una carriera artistica costellata di momenti importanti: le vittorie del Premio De Andrè nel 2016 (con il brano L’Ultima Festa) e del Premio Città di Recanati (ora Musicultura) con la canzone Da grande. Da frontman della sua band di allora, i MIG, nel 2002 si è esibito sul palco del Primo Maggio a Roma; l’anno successivo è stato il protagonista di due grandi opening act (Sonic Youth e Luciano Ligabue, allo Stadio Olimpico di Roma). Ai molti live in giro per l’Italia e ai passaggi radiofonici e televisivi, si aggiungono i suoi numerosi incontri nelle scuole: è molto attivo nel sociale, e proprio per questa sua propensione ha ricevuto nel 2010 la targa come Difensore dei Diritti Umani. Per Sony Music, quest’anno, ha già pubblicato un EP, “Come Acqua”, contenente tre tracce, tra cui il brano vincitore del Premio De Andrè. Ha all’attivo due album: il primo, come MIG, dal titolo “N€uro” (2001 – Rossodisera/EMI); il secondo, come Luciano D’Abbruzzo e MIG, “Come un’Arancia in Norvegia”, uscito nel 2013. Link video: http://www.youtube.com/watch?v=xAgRls4zwr0 Info su: www.lucianodabbruzzo.com

1 Novembre 2018 0

Maltempo, la protezione civile lancia altra allerta meteo

Di admin

LAZIO – “Il Centro Funzionale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile ha emesso oggi un nuovo bollettino di criticità che, per domani 2 novembre 2018, prevede un codice allerta arancione con criticità idraulica moderata e criticità idrogeologica per temporali moderata”.

Lo comunica in una nota la Protezione civile del Lazio

“Il bollettino è stato seguito da un allertamento del Sistema di Protezione Civile con fase di pre-allarme dalle prime ore di domani mattina, venerdì 2 novembre 2018 e per 12-18 ore su tutti le zone di allerta del Lazio.

La previsione in oggetto è frutto di una stima dei quantitativi di pioggia previsti dalle prime ore di domani 2 novembre sull’intero territorio della regione che, messe in relazione con gli effetti idraulici ed idrogeologici delle piogge degli scorsi giorni, evidenziano uno scenario di particolare criticità.

Il direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione civile del Lazio, Carmelo Tulumello ha inviato una lettera ai Prefetti e a tutti i sindaci dei Comuni della regione Lazio in cui si evidenzia che ‘fatta salva ogni nuova e diversa valutazione che potrà essere operata sotto il profilo previsionale ed in ragione delle rilevazioni strumentali del fenomeno, si raccomanda di adottare tutte le misure preventive previste dai piani di emergenza comunali. In particolare, tenuto conto anche degli effetti al suolo determinati dai fenomeni dei giorni 29 e 30, si raccomanda, tra l’altro: la costante operatività dei Centri Operativi di Coordinamento ed il costante raccordo con la Sala Operativa Regionale; di garantire la massima efficienza delle opere di regimazione idraulica; il monitoraggio costante dei contesti locali di fragilità idraulica ed idrogeologica; la vigilanza di sottopassi e di altre infrastrutture soggette ad allagamento; una intensa attività di informazione alla popolazione sui fattori di rischio ai quali la stessa è esposta e sulle regole fondamentali di auto protezione; il costante monitoraggio della casella di posta elettronica certificata indicata per la ricezione degli avvisi di allertamento; la piena operatività delle strutture comunali preposte’.

Tulumello ha inviato inoltre una lettera ad Acea in cui ‘si raccomanda di adottare tutte le misure preventive coerenti con lo scenario di criticità idraulica ed idrogeologica sopra delineato, con particolare riguardo all’efficienza delle opere di regimazione idraulica e della rete fognaria’. Si ricorda che la Sala Operativa Regionale è attiva h24 e risponde al numero verde 803555”.

20 Agosto 2018 0

Cresce il fenomeno dell’abbandono dei pesciolini rossi, l’Aidaa lancia l’allarme

Di admin

DALL’ITALIA – Al drammatico fenomeno degli abbandoni dei cani, dei gatti, dei rettili o degli animali esotici in genere, si aggiunge anche quello dei pesciolini rossi.

L’allarme che a molti può sembrare esagerato, lo lancia l’Aidaa, l’associazione animalista, che fa proprie le preoccupazioni di chi tiene alle sorti dei piccoli, silenziosi ed indifesi pesciolini che vivono come soprammobili in acquari spesso non più grandi di un vaso di vetro per la marmellata.

Nella Nota l’Aidaa scrive:

“Il problema degli abbandoni estivi questa estate ha creato un nuovo inquietante fenomeno, quello dell’abbandono dei pesci rossi, si proprio i pesci che teniamo nel vaso in casa e dei quali spesso ci dimentichiamo prima di partire per le vacanze ritrovandoli morti stecchiti nel vaso dove li abbiamo lasciati senza accorgerci di loro quando uscendo di casa abbiamo chiuso la porta per andare in vacanza. La questione dei pesci rossi ora torna a fare parlare di se, in quanto questi pesci che sono stati addomesticati oltre 800 anni fà dai cinesi, insieme alle tartarughe d’acqua sono diventati in questa estate l’altra faccia degli abbandoni estivi, infatti si calcola che mentre per le tartarughe d’acqua con la nuova normativa che ne ristringe la vendita gli abbandoni siano in calo, diversa la questione è per i pesci rossi i quali sono abbandonati a migliaia nelle vasche  nei parchi pubblici e nei fiumi dove ovviamente non sopravvivono in quanto animali addomesticati e non capaci di procurarsi il cibo. Da qui la proposta di AIDAA che chiede alle amministrazioni locali delle grandi città dove esistono degli acquari civici di realizzare delle vasche di raccolta dove le persone che non si sentono più in grado di tenere questi pesciolini possano lasciarli sapendo che saranno custoditi e sfamati.

“La nostra proposta va nella direzione di quanto succede a Parigi dove una grande vasca ha raccolto oltre 600 pesci rossi che altrimenti sarebbero stati abbandonati o scaricati nei lavandini dei bagni di casa – Dice nella nota Lorenzo Croce presidente di AIDAA – per questo rivolgiamo l’appello a tutte quelle amministrazioni locali che hanno un acquario pubblico chiedendo loro di attivarsi per realizzare delle vasche di raccolta per i pesci rossi a rischio abbandono, siamo sicuri che ci ascolteranno, i pesci potranno poi essere messi in grandi vasche messe a disposizione del pubblico”.

9 Agosto 2018 0

Ondata di tentativi di truffe on line, l’Inps lancia l’allarme

Di admin

DALL’ITALIA – “Sono in corso nuovi tentativi di phishing ai danni di alcuni utenti che hanno ricevuto, via e-mail, false notifiche di rimborsi fiscali”.

Lo si legge in una nota dell’Inps.

“Nel messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell’Inps, si informa di un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine e si invita ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura. A tale scopo, viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail.

Il messaggio proviene apparentemente da un indirizzo di posta dell’Inps, ma è in realtà inviato da un mittente diverso, non riconducibile all’Istituto.

I messaggi di posta elettronica segnalati nascondono un evidente tentativo di entrare in possesso di informazioni riservate.

L’Inps, totalmente estraneo all’invio di queste comunicazioni, invita a non dare seguito al contenuto delle stesse e a cancellare immediatamente le false e-mail.

Per accedere ai servizi Inps va utilizzato unicamente il portale ufficiale, si ricorda che è buona norma controllare sempre l’indirizzo della pagina prima di inserire i propri dati.

L’Istituto ha prontamente segnalato queste attività alle autorità competenti”.

11 Luglio 2017 0

Non gli piace il cibo e lancia il falso allarme per la morte di una ragazza, denunciato straniero

Di admin

San Vittore del Lazio – Denunciato per procurato allarme. È un cittadino straniero ospite di un centro accoglienza a San Vittore del Lazio che, questa mattina, per attirare l’attenzione su quello che lui riteneva fossero cattive condizioni abitative e alimentari, ha chiamato la polizia sostenendo che una ragazza ospite nel centro era morta. Immediatamente sul posto sono arrivate le forze dell’ordine ma, accertato che la notizia era falsa, hanno denunciato l’uomo per procurato allarme.

Ermanno Amedei

27 Giugno 2017 0

Isola ecologica indecente a Cassino, Della Corte lancia l’allarme: liquami e cumuli

Di redazione

Cassino – Una situazione esposta dall’associazione Il Sole splende per tutti e precisamente dal presidente Bruno Della Corte. Riguarda l’isola ecologica di Cassino sita in via Pescarola dove viene segnalata la presenza di liquami sul terreno. Sarebbe stato rilevato anche cattivo odore.

“Questo è lo stato dell’isola ecologica- dice Della Corte- liquami a terra e possibile pericolo per le falde acquifere e i due corsi d’acqua e poi un fetore nauseabondo”.

Della Corte, segnalando la problematica, esprime preoccupazione per lo stato delle cose e teme che possa esserci conseguenze.

14 Gennaio 2017 0

Insegnante si lancia nel fiume Liri a Sora, corpo trovato sotto la cascata

Di admin
Sora – Lo hanno avvistato dall’alto i vigili del fuoco che con l’elicottero sorvolavano  il corso del fiume. Il corpo della donna che ieri si è lanciata nel fiume Liri a Sora, è stato ritrovato questa mattina poco dopo le 11, sotto la cascata ad Isola del Liri. Altre squadre di vigili del fuoco la cercavano nei fondali o sulla riva. Da quando, ieri sera, è arrivata la segnalazione da più testimoni che raccontavano come la donna si fosse lanciata nelle acque del Liri, le speranze di ritrovarla in vita si sono assottigliate di minuto in minuto. Troppo fredda l’acqua e forte la corrente per resistere. La donna, circa 60anni, era una insegnante di Sora.
26 Dicembre 2016 0

Disperso in montagna, anziano chiama la figlia e lancia l’allarme

Di admin

Anagni – Si teme per la sorte di un anziano che risulta disperso nella zona di Anagni.

L’uomo di circa 80 anni, oggi pomeriggio, dopo essere uscito per un girno in macchina in una zona di montagna, ha telefonato alla figlia sostenendo di aver avuto un incidente stradale.

Addirittura avrebbe raccontato di essersi ribaltato con la vettura e di essere in un punto non ben precisato in ua zona di montagna in località Porciano.

Immediato l’intervento dei soccorritori che stanno cercando di risalire alla sua posizione attraverso la ricerca del segnale telefonico. I vigili del fuoco di Frosinone e altro personale di emergenza lo stanno cercando in una vasta area.

Ermanno Amedei

5 Maggio 2010 0

La sorella della donna coinvolta nell’incidente sull’A1, lancia un appello per trovare testimonianze

Di redazionecassino1

“Cerco testimonianze in relazione all’incidente occorso, nel tratto dell’autostrada A1 in prossimità del casello di Pontecorvo, a mia sorella il 30 aprile scorso che permettano di risalire al Tir responsabile del fatto”. Inizia così l’appello rivolto da Roberta Velotti, sorella della ragazza che è stata oggetto di un incidente nel tratto autostradale dell’A1 ad opera di un Tir. Il pesante automezzo dopo aver investito la Renault Clio guidata dalla donna aveva proseguito la sua marcia senza prestare soccorso. “Mia sorella, continua Roberta Velotti, estratta dai Vigili del Fuoco dall’auto ha subito riferito del camion, ma i conducenti delle auto che sopraggiungevano non sono stati in grado di fornire indicazioni sul Tir. Dopo nove ore di intervento chirurgico all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, mia sorella è adesso fuori pericolo. In questo momento sto cercando, conclude la sorella della donna, di contattare tutte le persone aiutarmi a rintracciare il pesante automezzo che ha provocato l’incidente”. Nel pauroso scontro l’autostrada è rimasta chiusa per diverso tempo e l’eliambulanza sopraggiunta per trasportare la donna al nosocomio di Latina è dovuta atterrare proprio sull’A1.