Tag: macchine

8 Marzo 2019 0

Trovato un altro covo del presunto ricettatore di Veroli: dipinti e macchine fotografiche

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VEROLI – Ancora tesori nel covo del presunto ricettatore scoperto dai carabinieri a Veroli. Appena qualche giorno fa un primo sequestro di merce di vario genere tra cui anche oggetti di culto rubati in una chiesa della zona.

Nel tardo pomeriggio di ieri invece, i militari della Stazione Carabinieri di Veroli, nel corso di un’ispezione presso un appartamento disabitato, ubicato nello stesso stabile ove risiede il 34enne già denunciato, hanno rinvenuto numerosi un altro “tesoretto” di oggetti proventi di furto avvenuti negli anni scorsi nel territorio verolano.

Le attività svolte dagli uomini coordinati dal maggiore Gabriele Argirò e comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo, hanno consentito di accertare che il 34 enne ha avuto la disponibilità dell’immobile ove sono stati rinvenuti gli oggetti di dubbia provenienza consistenti in macchine fotografiche, dipinti, berretti militari, pellicce, radio e stereo. Sono in corso ulteruori verifiche per accertare se il materiale rinvenuto venisse commercializzato tramite il sito internet di e-bay. Inoltre, nel medesimo contesto, il 34 enne è stato denunciato anche per l’illecita detenzione di 37 cartucce calibro 22, rinvenute in una cantina di cui avevo l’uso esclusivo.

1 Marzo 2018 0

Sorpresi a rubare ruote alle macchine a Gaeta: arrestati due uomini 

Di Ermanno Amedei

GAETA – Questa notte i carabinieri della tenenza di gaeta hanno tratto in arresto P.G., 46 enne e c.v., 47 enne, entrambi pregiudicati di napoli, per il reato di furto aggravato in concorso, in quanto sorpresi nella notte da una pattuglia dei carabinieri dopo che avevano asportato tutte le ruote da due autovetture parcheggiate. Un genere di furti che tra Gaeta e Formia si ripetono da tempo.

questa notte i militari comandati dal tenente Carmine Manzi, dopo aver notato una fiat tipo nuovo modello aggirarsi nelle zone maggiormente colpite e, in particolare nella via colle Sant’Agata.

Hanno quindi proceduto all’alt per fermarla e controllarla ma per tutta risposta gli occupanti si sono dati alla fuga.

Ne è nato un inseguimento riuscendo a bloccarla a Formia, all’altezza della rotonda, situata sotto la sede della compagnia carabinieri, grazie anche all’ausilio di una pattuglia della sezione operativa pronto impiego del gruppo della guardia di finanza di Formia che transitava in zona. a seguito di perquisizione personale e veicolare, i carabinieri hanno rinvenuto all’interno dell’autovettura le otto ruote, appena rubate a Gaeta da una fiat 500 e da un’audi A1, nonché vari attrezzi e guanti utilizzati dai due pregiudicati per mettere in atto il furto. le ruote sono state pertanto restituite ai legittimi proprietari mentre il restante materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro.

I carabinieri ora cercheranno di capire se gli autori del furto di questa notte erano soli o in compagnia di altri complici e, soprattutto, se gli stessi siano gli autori di altri furti analoghi avvenuti in zona nell’ultimo periodo.

10 Gennaio 2018 0

Il magazzino delle auto rubate a Fondi, ritrovate macchine per 230mila euro

Di Ermanno Amedei

FONDI – Gli agenti del Commissariato di P.S. di Fondi, nella serata di ieri, ricevendo una segnalazione da parte della ditta Logeck Italia, la quale comunicava che un’autovettura Range Rover Sport, munita di antifurto satellitare da loro monitorata, rubata e denunciata il giorno prima a Napoli, era stata localizzata in via Molelle a Fondi.

Personale della Squadra Volante, giunto immediatamente sul posto, ha trovato, oltre al citato veicolo, altre tre autovetture di pregio, di grossa cilindrata, una Lexus modello NX300, rubata a Roma a dicembre, una Range Rover modello Evoque, rubata a Roma all’inizio dell’anno, una Range Rover modello Sport rubata a Bologna all’inizio di dicembre.

Tutte le autovetture, di un valore complessivo di circa 230.000euro, sono state sottoposte a sequestro e rimosse, per essere sottoposte ai rilievi di rito della Polizia Scientifica e restituite ai legittimi proprietari.

17 Ottobre 2016 0

Ladri di macchine di lusso a Cassino, il gruppo composto da tre persone probabilmente campane

Di Ermanno Amedei

Cassino – Proprio quel video che immortala i ladri di auto di grossa cilindrata in azione a Cassino, è il tassello cardine dell’indagine in corso per dare un nome ai tre malviventi, svolta dagli uomini del commissariato diretti dal vice questore Alessandro Tocco.

Infatti serve solamente il nome dato che la faccia, almeno una delle tre, già la si conosce. I ladri sono palesemente dei professionisti che conoscono i sistemi per introdursi e mettere in moto macchine potenti e costose, in due minuti.

Dalle immagini si evince anche il ruolo dei componenti del gruppo. L’incappucciato, quello che fa tutto il lavoro,  l’aiutante e coordinatore, quello che si fa riprendere in volto, fa da palo e assiste il “tecnico”; c’è poi, e lo si evince per soli pochi secondi, il terzo che fa solamente l’autista.

Dopo che il “tecnico” ha messo in moto l’Audi A5, esce dall’abitacolo e il “volto noto” fa entrare il terzo uomo che si mette alla guida e va via. A lui spetta il compito di portare la vettura nel luogo stabilito rischiando di imbattersi in eventuali controlli da parte delle forze dell’ordine. Gli altri due, si allontanano con un’auto probabilmente pulita perché il “tecnico”, merce rara, va tutelato e deve viaggiare al sicuro. Le indagini della polizia sembrano essere indirizzate verso la Campania e l’immagine del volto noto è stato passato anche alle forze dell’ordine campane per capire se si tratta di una persona conosciuta.

Ermanno Amedei

15 Ottobre 2016 0

Macchine incendiate a Minturno, Quattro auto avvolte dalle fiamme

Di Ermanno Amedei

Minturno – Un misterioso incendio ha parzialmente distrutto, questa notte,  quattro auto a Minturno.

Nonostante la celerità con cui la squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Castelforte è arrivata sul posto in via Armando Diaz, le fiamme erano già alte e avevano avvolto le quattro vetture.

Domato il rogo in poco tempo i pompieri hanno tentato di risalire alle cause cercando elementi che potessero confermare o escludere la natura dolosa.

Ermanno Amedei

6 Ottobre 2016 0

Controlli della Polizia nel frusinate, 38 contravvenzioni su 400 macchine fermate

Di Ermanno Amedei

Frosinone – Ben 400 veicoli  sono stati fermati in 33 posti di controllo e 38 contravvenzioni al Codice della Strada sono state elevate ad altrettanti contravventori. In questo, 500 sono state le persone identificate, tra cui 8 sono state denunciate.

È il bilancio di un operazione di controllo della polizia durato due giorni su tutto il territorio provinciale. Il dettaglio vede la Polizia Ferroviaria di Frosinone denunciare per furto aggravato di telefonino ai danni di un senegalese, un 32enne già  noto alle Forze dell’Ordine. A Cassino, invece, personale del  Commissariato ha denunciato un 76enne algerino per inosservanza di provvedimenti dell’Autorità ed  un 30enne del luogo per guida in stato di ebbrezza alcoolica.

Gli agenti del Commissariato di Sora hanno infine  denunciato due uomini  per minacce ed una giovane donna per violazione degli obblighi di assistenza familiare, in seguito a querela di parte.

Ermanno Amedei

 

4 Ottobre 2016 0

Sequestrate case e macchine a coppia di spacciatori di Cassino

Di Ermanno Amedei

Cassino – Beni sequestrati a Cassino a spacciatori di droga. I sigilli sono statati apposti ad un immobile, 2 macchine e un deposito deposito postale per un valore complessivo superiore a 250.000 euro, risultati nella disponibilità dei soggetti indagati. L’operazione è in corso da questa mattina ad opera dei finanzieri del Gruppo di Cassino comandato dal colonnello Fortino che hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di un soggetto responsabile dedito, insieme alla compagna indagata a piede libero (entrambi residenti a Cassino e di etnia rom), allo spaccio di sostanza stupefacente, del tipo cocaina.

Dalle indagini è emerso che la coppia incriminata non esercitava alcuna attività lavorativa, né tantomeno è risultata essere titolare di attività commerciali, essendo invece entrambi totalmente sconosciuti all’Anagrafe Tributaria.

Il dato, invece, più inquietante, emerso nel corso delle indagini, è che i consumatori erano perlopiù giovanissimi che usavano la droga nelle serate del fine settimana.