Tag: marche

17 Aprile 2018 0

Riutilizzava marche da bollo da vecchi contratti cimiteriali, denunciato dipendente comune Isola Liri

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ISOLA LIRI – I carabinieri di Isola Liri hanno denunciato per peculato un 57enne del luogo, impiegato presso il Comune.

L’uomo, addetto al rilascio delle concessioni cimiteriali, con più azioni ed in tempi diversi si sarebbe appropriato della somma complessiva di circa 1.000 euro, destinati all’acquisto di valori bollati da apporre su 33 contratti cimiteriali, stipulati nel periodo compreso tra febbraio ed aprile 2017.

L’indagato, secondo i militari, provvedeva a staccare le marche da bollo da vecchie autorizzazioni per poi riutilizzarle, applicandole su nuovi contratti cimiteriali stipulati, facendosi pagare il corrispettivo valore dagli ignari cittadini.

Gli investigatori dell’Arma avendo avuto notizia dei fatti hanno iniziato a sentire alcune persone, dapprima informalmente per appurare la veridicità della cosa, poi verbalizzandone le dichiarazioni, fino ad arrivare al sequestro di svariati atti presso gli uffici di quel Municipio.

Le risultanze investigative sono state poi  trasmesse alla Procura di Cassino, che concordando con le ipotesi delittuose, ha iscritto nel registro degli indagati il dipendente comunale.

Ermanno Amedei

10 Aprile 2018 0

Terremoto, sequenza di scosse nelle marche: la più violenta di magnitudo 4.7

Di Ermanno Amedei

MACERATA – Una sequenza sismica sta interessando da questa mattina una vasta area del centro Italia e in particolare nelle Marche.

In una nota diffusa da dipartimento di protezione civile si legge: “Una scossa di terremoto è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Macerata. Dai dati forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il terremoto di magnitudo 4.7 è stato registrato tra i Comuni di Muccia, Pieve Torina e Pievebovigliana alle 05.11. La Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile è in costante contatto con le strutture regionali. Dalle prime verifiche effettuate al momento non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

Ma la sequenza sarebbe di una quindicina di scosse tre delle quali con magnitudo superiore al 3.

10 Febbraio 2017 0

Attesa per l’importante convegno “Io non tremo”. Appuntamento nelle Marche a Cupra Marittima

Di Comunicato Stampa

Appuntamento per Domenica 12 Febbraio per la conferenza Io Non Tremo. Dalle ore 11 e 30 a Cupra Marittima nelle Marche nei Locali annessi alla Stazione Ferroviaria ci sarà una conferenza con i geologi AIGAE Marche, i sindaci delle zone colpite, i terremotati anche di altre regioni che hanno perso tutto ospitati sulla costa marchigiana. Dino Gazzani, geologo AIGAE spiega “Mostrerò le immagini del cambiamento subito dal territorio in seguito al terremoto di Ottobre e narrerò come era prima. Inquadrerò la crisi sismica iniziata il 24 agosto e tuttora in atto nell’Appennino centrale, dal punto di vista strutturale (cosa sono le faglie), geografico (dove sono localizzate le faglie in Italia) e cinematico (come si muovono le faglie). Farò il punto sulla microzonazione sismica nelle Marche. Farò vedere le immagini del cambiamento subito dal paesaggio, dal territorio, da questi luoghi in seguito al terremoto di fine Ottobre, in particolare per quanto riguarda la nota faglia del Vettore. Fornirò immagini delle mie escursioni effettuate prima del terremoto e le immagini del cambiamento subito dopo il terremoto. Inquadrerò la crisi sismica iniziata il 24 agosto e tuttora in atto nell’Appennino centrale, dal punto di vista strutturale (cosa sono le faglie), geografico (dove sono localizzate le faglie in Italia) e cinematico (come si muovono le faglie) – ha proseguito Gazzani – cercando di fornire alla platea le basi scientifiche del fenomeno terremoto e sperando di chiarire alcuni concetti base che spesso danno adito a numerosi equivoci (ad es. cos’è e come si misura la magnitudo di un sisma, la differenza tra magnitudo assoluta e magnitudo momento, etc.). Essendo anche una guida, fornirò immagini delle mie escursioni che riguardano direttamente i luoghi del sisma e del cambiamento che hanno subito in seguito al sisma, soprattutto per quanto riguarda l’ormai arcinota faglia del Vettore. Seguirà uno sguardo storico sul fenomeno terremoto in Italia e in particolare nell’area dell’Appennino centrale, ponendo l’attenzione sulla ciclicità e sul tempo di ritorno dei fenomeni sismici. Si sottolineerà che il terremoto c’è stato in passato, c’è ora e ci sarà in futuro nelle stesse zone per cui non si può pensare che una volta terminate le scosse e riparati i danni grandi e piccoli tutto sia risolto: è ora che dall’emergenza continua si passi finalmente alla prevenzione. Si illustrerà la carta della pericolosità sismica in Italia e si spiegherà il concetto di pericolosità e rischio sismico. Poi illustrerò l’attività di prevenzione del rischio sismico e la pianificazione territoriale in ambito sismico: la microzonazione sismica della Regione Marche. Si chiariranno i diversi livelli di microzonazione (1°, 2° e 3°) fino alla definizione di Risposta Sismica Locale. Sarà importante spiegare tutto questo ai cittadini ed ai sindaci”. L’evento vedrà la partecipazione dei terremotati ed è organizzato dall’Associazione di “promozione sociale AMOCUPRA in collaborazione con il Coordinamento Regionale di AIGAE Marche e con una rete di altre associazioni. Sarà presente anche Leonardo Perrone, Coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche delle Marche. Prevista anche la relazione del professore, ing. Matteo Gualano, sullo stato attuale dell’edilizia e la ricostruzione sicura. Interverranno i sindaci delle zone colpite dal sisma.

23 Gennaio 2017 0

Maltempo, Anas – aggiornamento viabilità Abruzzo/Marche – riaperta SS5 “Tiburtina Valeria”

Di Antonio Nardelli

Proseguono le attività di Anas per completare lo sgombero della neve nei tratti delle strade statali più colpiti dal maltempo dei giorni scorsi. Complessivamente Anas ha impegnato giornalmente fin dalle prime ore di emergenza circa 500 operatori e 300 mezzi.

Oltre alla propria rete di competenza, Anas ha effettuato interventi su strade comunali e provinciali per circa 290 km di in Abruzzo e 350 km nelle Marche in supporto agli Enti locali, in coordinamento con le Prefetture e la Protezione civile.

In Abruzzo, le turbine e gli sgombraneve hanno operato ininterrottamente nel fine settimana consentendo nella serata di ieri la riapertura della strada statale 5 “Tiburtina Valeria” in corrispondenza del valico di Forca Caruso, tra Collarmele e Castelvecchio Subequo.

Nelle provincie di Teramo e L’Aquila resta invece chiusa la strada statale 80 “del Gran Sasso d’Italia” dal km 37 al km 41, tra Ortolano (Campotosto) e Aprati (Crognaleto), a causa di una frana in movimento. Il personale Anas sta comunque operando ininterrottamente con turbine e mezzi sgombraneve per allargare i tratti già riaperti.

Nelle Marche sono proseguite nel fine settimana le attività di Anas in supporto agli Enti locali per liberare la viabilità locale nelle frazioni dei comuni di Arquata del Tonto, Acquasanta Terme e Ascoli Piceno. Sulla viabilità di competenza Anas sono invece proseguiti gli interventi per allargare i tratti già riaperti nei giorni scorsi.

15 Gennaio 2010 0

Il terremoto scuote le Marche e il Friuli

Di Comunicato Stampa

Il terremoto torna a farsi sentire nelle Marche dove, ad Ascoli Piceno, l’epicentro è stato localizzato nei comuni di Monte Vidon Corrado, Montappone, e Falerone. Secondo i dati forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’evento è stato registrato alle ore 14.35 con magnitudo 2.6. Una scossa sismica è stata registrata nel pomeriggio di oggi in Slovenia, fuori dalla rete nazionale. La scossa è stata avvertita anche in Friuli Venezia Giulia. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 15.20 con magnitudo 3.8.