Tag: nasce

18 Gennaio 2019 0

Parto lampo a Falvaterra, bimba nasce nel salone di casa assistita dagli operatori 118

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FALVATERRA – Il tempo del parto era ormai quasi giunto ma alla 37enne di Falvaterra, ieri sera, è apparso chiaro che la figlia non avrebbe aspettato oltre.

Per questo è stata chiamata una ambulanza del 118 che è partita dalla postazione di Ceprano insieme ad un’auto medica ed è arrivata sul posto alle 23.30 circa. Gli operatori hanno capito che il parto non sarebbe avvenuto in ospedale.

La madre, infatti continuava a ripetere che non riusciva a trattenere. Per questo è stata stesa su una asciugamano lì, dove l’hanno trovata, nel salone di casa, e in pochi minuti ha messo al mondo la figlia dal peso di 3chili e 70 grammi. Gli operatori, gli infermieri Giulio e Jolanda, l’autista Elvira e il medico Valentina hanno provveduto a clampare il cordone ombellicale, tagliandolo e assicurando la piccola a coperte per mantenerla al caldo. Poi, entrambe in buone condizioni, sono state trasportate in ospedale a Frosinone.

Ermanno Amedei 

20 Luglio 2018 0

Boom nel settore cibo americano: nasce Americanfoodshop.it

Di Ermanno Amedei

ATTUALITA’ – Sempre più italiani amano acquistare online ed è per questo motivo che sono nati, specialmente negli ultimi anni, tantissimi e-commerce che permettono di selezionare ciò che si desidera e di riceverlo direttamente a casa propria. Tra i settori che vanno a gonfie vele, stando a quanto ci dicono i dati, c’è quello del cibo.

Ed è proprio in questo settore che si inserisce il nuovo American Food Shop, un e-commerce tutto italiano che vende cibo americano!

Il sito https://americanfoodshop.it/ è attivo da poco, ma già riscuote il successo che merita. Del resto, gli snack, i dolci e le bevande americane sono cose che vengono apprezzate da tutti, grandi e piccini. Un e-shop che permette di avere tutto direttamente a casa propria, quindi, è una chicca che non passa inosservata.

Qui si trova tutto ciò che si desidera in tema di cucina e cibo americano. Solitamente è abbastanza complesso reperire questi prodotti nel nostro paese, perché alcuni dei brand più iconici e noti non vengono venduti nei supermercati. Ecco, quindi, che American Food Shop si propone di essere il tramite perfetto tra l’America e la sua cultura e le nostre tavole.

Il sito è ben fatto e strutturato in maniera tale da rendere veloce e semplice ogni processo di acquisto. La merce è divisa in categorie e si può finanche effettuare una ricerca per brand, così da vedere tutti quelli che sono i prodotti specifici da acquistare.

Ci sono snack di ogni tipo, sia dolci che salati, bevande, caramelle, preparati per dolci o per piatti tipici statunitensi come, ad esempio, il mac and cheese e, come detto, si potrà acquistare tutto in maniera molto semplice e veloce.

È presente una sezione con delle promozioni che faranno risparmiare ancora di più quando si andranno ad acquistare i prodotti in essa contenuti!

Tanta scelta e dei prezzi in linea con quello che è il mercato dell’american food. Una soluzione come quella proposta da questo shop online è proprio quello che tutti gli amanti di questa cucina e dei prodotti in vendita attendevano. Ora si potranno acquistare direttamente dall’Italia tutti i preparati per i pancake, per una colazione da campioni, ma anche tutte quelle salse e quelle creme spalmabili che si trovano solo negli Stati Uniti.

Un’occasione unica anche per chi ha nostalgia di quel paese dopo aver fatto un viaggio o per chi, pur non essendo mai stato in America, desidera scoprire quelli che sono i sapori originali e talvolta bizzarri di questa terra.

Guardando da vicino l’e-shop, si nota che la sezione colazione americana è molto ricca di prodotti, tutti tipici e tutti buonissimi. Si possono acquistare gli ingredienti per la preparazione dei pancake fatti secondo la ricetta originale, il burro di arachidi, lo sciroppo d’acero, tantissime tipologie di cereali e molto altro ancora. È possibile reperire sul sito anche le famosissime le Pops Tarts, molto amate negli Stati Uniti e molto ricercate da tutti coloro i quali sono attratti da questa cultura.

Si trovano, poi, tutti gli ingredienti per preparare piatti salati e dolci di ogni tipo, così come anche le bevande tipiche. Tutto il meglio della cucina americana si trova in questo speciale e-shop che promette bene e che diverrà, in pochissimo tempo, uno degli attori principali del settore.

Trattandosi di un sito italiano, tutte le spedizioni verranno effettuate dal territorio nazionale e non dagli Stati Uniti come accade in molti altri casi. Questo significa che non si dovranno mai pagare le spese di dogana, che molto spesso gravano sulle spedizioni dagli Stati Uniti.

Una vera chicca tutta da scoprire, soprattutto per chi vuole fare una bella scorpacciata di prodotti americani originali!

13 Giugno 2018 0

Scappa al controllo della polizia e nasce inseguimento a Frosinone: arrestato

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Erano da poco trascorse le 3 quando una volante della polizia di stato nel monitorare la parte alta della città teatro negli ultimi tempi di sporadici episodi di micro criminalità ha notato un veicolo che alla vista della “Pantera” si è data alla fuga.

Ne è nato un lungo inseguimento per le vie della parte alta della città, laddove l’indomabile automobilista ha tentato in ogni modo di seminare la volante con una guida spregiudicata.

L’abilità e la professionalità degli operatori ha permesso di frenare la folle corsa del malvivente che nella circostanza ha speronato l’auto di servizio.

Si tratta di un 26enne del capoluogo con svariati precedenti di polizia.

Convalidato  l’arresto, disposti i domiciliari per lo stesso.

14 Dicembre 2017 0

Inceneritore di San Vittore del Lazio: i cittadini si auto-tutelano, nasce il tavolo delle associazioni ambientaliste

Di felice pensabene

San Vittore del Lazio –  Dopo l’incidente all’inceneritore di rifiuti di San Vittore del Lazio (conosciuto come termovalorizzatore o termocombustore) del 25 ottobre scorso, i cittadini dell’area circostante vivono uno stato di “allarme”. I sindaci dei Comuni di San Vittore del Lazio, Cervaro, San Pietro Infine, Rocca d’Evandro hanno emesso ordinanze precauzionali in attesa dei rassicuranti, puntuali e scontati monitoraggi ambientali dell’Arpa. Si legge: “Divieto di raccolta, vendita, e consumo di prodotti ortofrutticoli coltivati; Divieto di pascolo di animali; Divieto di utilizzo di foraggi per gli animali; Obbligo di provvedere al mantenimento degli animali da cortile in stabulazione chiusa, evitando il razzolamento”. Ordinanze tuttora vigenti.

Alluminio totale: 32.000 μg/l rispetto ai 200 μg/l, Ferro totale: 30.000 μg/l rispetto ai 200 μg/l, Manganese totale: 658 μg/l rispetto ai 50 μg/l. Questi gli allarmanti dati dello stato delle acque sotterranee che nel marzo 2015 risultarono dalle indagini di Arpa Lazio attraverso i piezometri presenti nell’area dell’impianto dell’inceneritore di San Vittore del Lazio. Ma nonostante questi eclatanti e preoccupanti segnali, la Regione Lazio rilasciò comunque l’A.I.A. (autorizzazione integrata ambientale). «E’ ora che i cittadini prendano le sorti della propria salute, – esordiscono gli attivisti ambientalisti Salvatore Avella, Massimo Maraone e Alessandro Barbieri – dove la vita e la morte sono decise da un pugno ristretto di persone.» Sforamenti quotidiani di PM10 e PM 2.5, Benzene, CO² e le famigerate “nanoparticelle” che preoccupano dannatamente la salute dei cittadini che vivono non solo nei pressi dell’area dell’impianto, ma anche a distanza di decine chilometri. L’insorgere di malattie, piante che hanno smesso di fruttificare, l’aumento esponenziale delle morti non tranquillizza affatto le popolazioni del cassinate che dal 2003 devono fare i conti con l’eco-mostro che quotidianamente trasforma migliaia di tonnellate di rifiuti in polveri fini e ultrafini pericolose per l’ambiente e la salute (oltre che produrre tonnellate di altrettanto pericolose ceneri pesanti). Sì, perché gli inceneritori NON distruggono, ma “trasformano”. E secondo la legge della conservazione della massa “In natura nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma” (Antoine-Laurent de Lavoisier, XVIII sec.). «Oggi più che mai – proseguono gli attivisti – corre l’obbligo di una presa di coscienza da parte dei cittadini che, oltre a reclamare la trasparenza delle istituzioni, pretendendo misure di monitoraggio ambientale complete. Sì, complete, perché ad oggi gli organi preposti alla tutela della salute e dell’ambiente, quali Arpa, Ispra, CNR, AUSL (e non università), ci nascondono “per legge” il particolato ultrafine (nanoparticelle) che, data la sua dimensione nanoscopica, è assai più insidioso e pericoloso rispetto a tutti gli altri inquinanti atmosferici.» Per questo motivo, alcune associazioni ambientaliste, comitati, movimenti e semplici cittadini, daranno vita ad un “Tavolo delle Associazioni Ambientaliste” non solo del Lazio, ma esteso anche a Molise, Abbruzzo e Campania, dove chiunque potrà farne parte. Tra gli scopi del tavolo, anche quello di denunciare alla Corte Europea le diverse violazioni di norme in tema ambientale. L’appuntamento è per sabato 16 Dicembre alle ore 11.30 presso il casello dell’autostrada di San Vittore del Lazio, per un sit-in informativo “No Inceneritori”. «Ci appelliamo a tutte le persone sensibili che sentono il problema di vitale importanza per il prosieguo della loro stessa vita e soprattutto per le generazioni future.»

 

F.to Avella Salvatore, Maraone Massimo, Barbieri Alessandro

7 Agosto 2010 0

“Signori si nasce…”, Iadecola replica al sindaco Grincia

Di Comunicato Stampa

Marco Iadecola replica alla lettera aperta redatta dal sindaco di Aquino Antonino Grincia e dice: “Il livello etico delle considerazioni e l’inconsistenza politica della replica messi in campo dal Sindaco, dopo il mio critico e severo intervento sulla sua “fallimentare” gestione amministrativa e sugli scenari che si stanno delineando nella sua maggioranza, mi obbligano ad una controreplica puntuale alla quale, spero, egli voglia dare una risposta meno rancorosa e insultante. Il Sindaco rivendica, in premessa, l’adozione di uno stile degno della sua carica istituzionale; uno stile da vero signore : “Signori si nasce …”, e lui, probabilmente, come direbbe Totò, “lo nacque”. Ma non la pensano cosÏ, forse, i tanti poveri cittadini che provano a bussare alla porta del suo ufficio in cerca di aiuto e di sostegno; e, forse, non la pensano così i (non “suoi”) dipendenti comunali del recente passato e dell’immediato presente, se è vero che hanno dovuto ricorrere alla difesa legale per tutelarsi dalle sue denunce e dalle sue azioni persecutorie. E sarà forse perché è dotato di una voce possente, ma non Ë raro, entrando in Comune, di poter sentire le sue sgraziate note impennarsi in acuti parossistici. Alla faccia della signorilità! Il Sindaco, poi, la mette scorrettamente sul piano personale, ricordando (a che pro?) di essere stato mio compagno di scuola, mostrando ancora una volta, come spesso gli accade, di non saper distinguere la sfera privata dalla sfera politica. Ma Ë ancora più scorretto quando allude a presunti provvedimenti o “decisioni” a me favorevoli, che sarebbero stati, presumo, alla base del mio passato apprezzamento nei suoi confronti, non so quando e non so come. Il Sindaco, inoltre, vanta la sua trasparenza e la sua onestà. Ma vi pare persona trasparente chi parla per ambigue e oscure allusioni, lasciando intendere pratiche poco lecite, che, peraltro, lo vedrebbero come primo attore e responsabile? E vi pare politicamente onesto chi approva e fa approvare bilanci inattendibili e, quindi, di fatto, falsi? Vi pare onesto chi approva e fa approvare, poco prima della campagna elettorale, una delibera falsa e infondata nelle premesse, che avrebbe previsto l’ampliamento della pianta organica, e cioé nuovi posti di lavoro, meritandosi, per questo, un avviso di garanzia dalla magistratura? Vi pare onesto un Sindaco che, in campagna elettorale, promette la chimera di un nuovo piano regolatore, secondo il quale le aree edificabili si sarebbero ampliate per tutti? Vi pare corretto un Sindaco che riceve continue osservazioni critiche dalla Corte dei Conti per bilanci gravemente incongruenti e pasticciati (per non dire altro)? Altro che trasparenza, altro che onest‡! Dice il vero il Sindaco quando ricorda che nel passato io ho espresso apprezzamento nei suoi confronti; ma io, allora, ignoravo di quale pasta egli fosse fatto realmente. Non a caso, già circa due anni prima della fine della passata consiliatura era sta avanzata e, poi, definita la mia candidatura proprio contro la maggioranza che egli guidava: non si poteva assistere passivamente al crescente degrado economico, sociale e culturale della nostra città, senza proporre un cambiamento. In questa prospettiva io ero ritenuto, da taluni, una possibile alternativa; e con questo spirito mi sono sottoposto al giudizio elettorale, anche per il gesuitico conforto di soggetti doppiogiochisti che sono ritornati, a missione compiuta, nell’entourage della maggioranza. La mia successiva azione di opposizione politico-amministrativa, come confermano tutti gli atti consiliari e tutti gli interventi pubblici, Ë stata coerente con l’impegno assunto con gli elettori, al quale non verrò certo meno né oggi, né domani. Quanto ai presunti burattinai che ingiuriosamente (per me) il Sindaco evoca, pensi al burattinaio che è accanto a lui, e che giorno e notte tenta di tessere una tela ormai piena di buchi. Concludo con un’ultima considerazione, con riferimento alla sua dichiarata per quanto ovvia asserzione di essere, egli, il Sindaco di tutti. Già!, ma ci spieghi, allora, come mai, mentre ha sempre avvertito il piacere di fare la “passerella” a “Spose sotto le stelle”, ha ripetutamente ignorato il dovere di presenziare, non fosse altro che per interesse culturale e per il ruolo istituzionale che riveste, al “Premio Giovenale”. Non sarà perché a organizzarlo è chi non è allineato con la sua maggioranza? E perchÈ non rappresenta la nostra città quando si espongono i risultati di importanti scavi archeologici effettuati nel territorio dell’antica Aquinum e quando, nella vicina Castrocielo, si commentano le satire giovenaliane? E perché, mentre ha trovato il tempo di congratularsi (nientedimeno!) con il Presidente neoeletto delle Filippine, si è rifiutato di far inserire Aquino tra i comuni legati ad un percorso tomistico che include Roccasecca, Priverno e Fossanova? Come si vede, io avanzo questioni politiche e amministrative, e non sollevo questioni personali, preoccupandomi, dal mio punto di vista, di far uscire la nostra amatissima città dalla spirale regressiva degli ultimi anni in cui la gestione Grincia l’ha spinta, con grave danno per l’intera collettività e per le future generazioni”.

26 Aprile 2010 0

Nasce la ‘Giunta Polverini’ alla regione Lazio

Di felice pensabene

Varata la giunta regionale del Lazio composta di 13 assessori (14 assessorati) rispetto ai 16 precedenti. Il presidente Renata Polverini ha nominato i seguenti assessori: Fabio Armeni all’Urbanistica e Territorio; Francesco Battistoni alle Politiche agricole; Teodoro Buontempo alla Casa, Tutela dei consumatori e Terzo settore; Giuseppe Cangemi agli Enti locali e Sicurezza; Stefano Cetica al Bilancio; Antonio Cicchetti all’Istruzione e Cultura; Pietro Di Paoloantonio alle Attività produttive e rifiuti; Francesco Lollobrigida alla Mobilità e ai Trasporti; Luca Malcotti alle Infrastrutture e Lavori pubblici; Marco Mattei all’Ambiente; Fabiana Santini all’Arte, Sport e Politiche giovanili; Stefano Zappalà al Turismo e Made in Lazio; Mariella Zezza al Lavoro, Politiche sociali e Famiglia. Il Presidente Polverini in qualità di commissario straordinario di governo mantiene anche la delega sulla Sanità. La carica di vicepresidente della Giunta è stata assegnata a Fabio Armeni. Oggi la prima riunione del nuovo esecutivo.

24 Aprile 2010 0

Da facebook nasce la ‘Marcia per tutti’ del Disabili Day

Di felice pensabene

Domani, 25 aprile, si concluderà a Roma con la “Marcia per tutti”, il D-Day. Ancora una volta parte dal web parte una grande iniziativa di mobilitazione, si tratta del Disabili Day. Promosso da un gruppo su facebook, in poco tempo ha raggiunto molti iscritti e si è concretizzato in una serie di iniziative e manifestazioni dirette a sensibilizzare tutti sui temi legati alla disabilità. Perché è nato? Semplice, per far capire ed espandere sempre di più le ragioni, le realtà di chi vive la disabilità. Per tutti coloro che pur vedendoci, vivendoci, standoci vicini hanno quasi sempre finto non esistessimo, ma noi non eravamo e non siamo dei fantasmi bensì qualcosa di concreto, di  vivo e sopratutto reale. La voglia di far capire a tutti i disagi quotidiani con cui deve fare i conti qualsiasi disabile. Questa volontà è cresciuta cosi tanto che le quattro mura di facebook sono sembrate strette e allora “si è voluto aprire le finestre sul mondo – spiegano gli organizzatori – e  portare questa nostra vita di tutti i giorni alla luce, sì alla luce di tutti, in piazza  perché tutto sia visibile anche agli occhi di coloro che si ostinano a non voler guardare e sia udibile alle orecchie di coloro che non vogliono udire”. E’ iniziato il 17 aprile a Milano per raggiungere Roma con una serie di iniziative, che han riguardato tutte le attività, dal teatro, alla musica, dalla poesia alla pittura realizzata dai disabili e da chi sta loro vicino. Tutto a confermare che la persona disabile non è un mondo a parte, ma una parte del mondo, con proprie aspirazioni, propri sentimenti. Forse tutto questo potrà essere un’utopia, ma sperarlo e renderlo concreto è sicuramente doveroso. Si son quindi dati appuntamento domenica 25 aprile a Roma, gli iscritti al gruppo su facebook, desiderosi di unire in una marcia, disabili e non, per abbattere le barriere culturali, prima ancora di quelle fisiche ed architettoniche, sul mondo della disabilità. Nella precisa convinzione che solo marciando uniti si potrà sperare di creare un mondo migliore dove vivere dignitosamente sarà un diritto di tutti, dove si realizzi una reale uguaglianza fra cittadini, principio costituzionalmente garantito, ma quasi sempre dimenticato, simbolo di una società davvero civile!

F. Pensabene

9 Aprile 2010 0

Mediazione familiare, nasce l’associazione “Figli per i Figli”

Di Comunicato Stampa

Si chiama “Figli per i Figli” la nuova Associazione onlus di promozione sociale attiva in provincia di Isernia. Il sodalizio, con sede ad Isernia in Via Senerchia n. 13, è un’organizzazione apartitica, aconfessionale e senza scopo di lucro che punta alla mediazione familiare. L’obiettivo primario è quello di promuovere e di educare – attraverso numerose iniziative – alla cultura della civile gestione del conflitto, di favorire tutte quelle iniziative orientate alla individuazione delle risorse personali e sociali volte a costruire una sana gestione delle relazioni umane. L’associazione ‘Figli per i Figli’ è inserita nell’ambito del progetto Policoro, l’idea matura dall’esperienza di Animatore di Comunità, vissuta da Luigi Fantini, per la Diocesi di Trivento che ha coinvolto nella missione i suoi colleghi, gli avvocati Maria Spadafora e Felice Fiacchino con i quali, cattolici-cristiani, entusiasti e desiderosi di sposare l’idea progettuale proposta, ha avviato, nel maggio 2009, lo Studio Legale e di Mediazione Familiare, specializzato in Adr (alternative dispute resolution). Lo Studio,è composto da professionisti qualificati in grado di fornire consulenze/servizi in materia di Mediazione Familiare e Diritto di famiglia (Consulenze tecniche di ufficio e di parte per l’affidamento dei figli), Mediazione Penale Minorile, Counseling nella relazione di aiuto (individuale, di coppia, di gruppo e professionale) e assistenza alla conciliazione e alla redazione di clausole contrattuali Adr. “La mediazione familiare – ha spiegato il vice presidente della onlus Felice Fiacchino – è una procedura a cui può ricorrere la coppia (coniugi o conviventi) che sta vivendo un conflitto e si trova ad affrontare il faticoso e imprevisto percorso della separazione. Il fine è quello di aiutare le parti a raggiungere un accordo condiviso, ossia, a darsi delle regole a tutela dei componenti della famiglia, e in particolare dei figli minorenni, anche quando l’equilibrio è compromesso. La conciliazione, invece, è un procedimento volontario di negoziazione facilitata che si svolge sotto il controllo di un terzo professionista esperto in tecniche di Adr, il conciliatore, con lo scopo di guidare le parti, eventualmente accompagnate e assistite da un professionista di fiducia, al raggiungimento di un accordo che sia il più possibile satisfattorio per entrambe, mantenendo stabili e duraturi i rapporti tra di loro”. L’Associazione intende, quindi, dare voce a quanti hanno vissuto in prima persona l’esperienza di figli di genitori separati, operando affinché a essi sia concretamente riconosciuto il diritto di crescere mantenendo un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e i loro rispettivi ambiti parentali, nonché di diminuire il disagio e la sofferenza in un momento delicato della vita di ciascuno; dare voce, ascolto e assistenza alle coppie che vivono il dramma di una separazione; creare e favorire lo sviluppo di “Luoghi di Parola” e di condivisione; promuovere l’istituzione e l’utilizzazione di Consultori Familiari; promuovere l’insegnamento della gestione del conflitto tra ragazzi, adolescenti, alunni e istituzioni scolastiche. Numerosi i progetti in cantiere per l’associazione ‘Figli per i Figli’, tutti saranno mirati a favorire e valorizzare le famiglie con la promozione e la realizzazione di iniziative che ne recuperino il ruolo fondamentale all’interno della società. La onlus sta già avviando collaborazioni con enti ed istituzioni pubbliche e private, mass-media, scuole e università, enti morali e culturali, magistratura e forze dell’ordine, imprese pubbliche e private, fondazioni, case editrici. ‘Figli per i Figli’ sarà anche un punto di riferimento per tutte le associazioni e gli enti pubblici e privati che operano con i medesimi propositi in campo giuridico, psicologico e sociale. È possibile anche accedere al sito internet www.figliperifigli.it, registrarsi in maniera gratuita e consultare il materiale riservato, collaborare con l’organizzazione inviando articoli o commentarli, condividere storie e pensieri.

23 Marzo 2010 0

Nasce morta e povera, i genitori non hanno i soldi per tumulare la bimba

Di Comunicato Stampa

Una tragedia in un contesto sociale di povertà. E’ accaduto ieri mattina in ospedale a Cassino (Fr); quella che sarebbe dovuta essere la loro prima figlia è nata morta. I genitori sono una giovanissima coppia di rumeni residenti a Cassino e ieri, la donna è entrata nella sala travaglio e ne è uscita da sola. La bambina che ha messo al mondo era nata morta, probabilmente per cause naturali. Oggi i medici hanno chiesto ed effettuato a Frosinone un riscontro diagnostico per tentare di risalire alle cause della tragedia. Intanto i genitori si sono detti impossibilitati a pagare le spese di funerale e tumulazione. Le loro condizioni economiche non le permettono e per questo, la Asl ha informato il Comune di Cassino perché si occupi della vicenda attraverso i servizi sociali.

23 Marzo 2010 0

Agnellino deforme nasce e muore vicino alla discarica di Cerreto

Di felice pensabene

E’  vissuto soltanto dieci minuti, un agnellino nato in prossimità della discarica di Cerreto nel comune di Roccasecca.  Gli occhi al posto della bocca ed una fessura non ancora ben identificata sotto la fronte. Sconcerto ed incredulità nel veterinario che ieri pomeriggio a Roccasecca,  ha fatto nascere quello che avrebbe dovuto diventare il ‘piatto tipico’  da mangiare per Pasqua. Una malformazione inspiegabile che, a detta di molte persone del posto, non sarebbe la prima che si registra in via Scolpeto, a poche decine di metri dalla discarica di Cerreto. L’area,  negli anni passati, utilizzata per le coltivazioni di tabacco, grano e legumi che andavano a rifornire i mercati settimanali delle nostre zone. L’entrata in funzione della maxi discarica ha profondamente modificato l’ecosistema circostante, compromettendolo in maniera significativa. I residenti, da anni impegnati contro la localizzazione di quell’insediamento, nel corso di questi anni  hanno dovuto chiedere agli esperti dell’Istituto superiore di sanita’, persino, un sistema di lotta per contrastare il proliferare  di  zanzare di grandezza al di fuori della norma.  Ma non basta perchè proprio all’Istituto sono stati richiesti  studi approfonditi sulla discarica. La carcassa dell’agnellino e’ ora nello studio del veterinario del paese, anche vicesindaco di Roccasecca che, nella mattinata di oggi, segnalera’ l’evento all’Azienda sanitaria locale. L’area compresa tra Colfelice, Pontecorvo e Roccaserva, oramai da diverse settimane e’ sottoposta, secondo indiscrezioni, anche  all’attenzione anche dalla Guardia di Finanza che, attraverso l’utilizzo di speciali elicotteri, sta effettuando un monitoraggio per portare alla luce eventuali rifiuti sotterrati e di estrema pericolosita’.

F. Pensabene