Tag: Paura

18 Maggio 2019 0

VIDEO – Crolla palazzo di tre piani a Ceaprano, miracolati gli avventori di un bar

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CEPRANO – Una parte di un palazzo su tre piani è crollato oggi pomeriggio in pieno centro a Ceprano. Il crollo è avvenuto alle 17 circa in piazza Martiri di Via Fani vicino agli uffici della polizia locale.

Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di Frosinone e altri soccorritori ma per fortuna non si segnalano vittime né feriti. La struttura era interessata da lavori di manutenzione, per questo era disabitata. Una tragedia sfiorata dato che sul lato opposto al crollo c’è un bar che al momento del crollo ospitava diversi clienti.

Al momento l’ipotesi più credibile è quella del cedimento strutturale ma su questo aspetto si dovrà indagare. Sul posto anche il sindaco di Ceprano Marco Galli che ha assistito ai primi momenti degli interventi per accertare che non vi fossero persone coinvolte dal crollo.

Ermanno Amedei

5 Marzo 2019 0

Incendio garage a Ferentino, paura nel quartiere popolare

Di Ermanno Amedei

FERENTINO – Garage in fiamme ieri sera in via della Chiesa a Ferentino. Le fiamme sono state avvistate alle 22 circa dal locale al piano terra delle palazzine popolari generando timori tra i residenti.

Fumo e fuoco fuoriuscivano dal locale adibito a cantina e ripostiglio di mobili; materiale che ha alimentato il rogo fino a quando i vigili del fuoco del distaccamento di Frosinone non sono intervenuti e, dopo circa un’ora di lavoro, sono riusciti a domarlo.

Sono seguite poi le fasi di smassamento del materiale e della messa in sicurezza dell’area. Nessun ferito ma il garage è stato dichiarato inagibile.

Ermanno Amedei 

Foto Repertorio

7 Febbraio 2019 0

Paura all’aeroporto di Ciampino, ritrovati tre ordigni bellici della II Guerra mondiale

Di felice pensabene

ROMA/CIAMPINO –  Paura questo pomeriggio all’aeroporto romano di Ciampino.

Per tre ore lo scalo romano è stato evacuato dal personale di servizio, dai passeggeri in partenza, molti dei quali pronti allla partenza e già sugli aerei. Il motivo dell’allarme il ritrovamento, durante i lavori di rifacimento di alcune delle piste di decollo, di tre ordigni bellici della II Guerra mondiale. L’allarme per il ritrovamento è scattato intorno alle ore 14.

L’aeroporto di Ciampino è rimasto chiuso per oltre tre ore per consentire agli artificieri di prelevare gli ordigni.

I passeggeri, il personale della torre di controllo, personale di terra, i cittadini del comune romano, circa tremila persone,  nel raggio di oltre trecento metri  sono stati fatti allontanare per precauzione fino al completamento delle operazioni di recupero e disinnesco degli ordigni.

Le operazioni si xono concluse intorno alle ore 17.30 tutte le persone sono potute rientrare nello scalo romano.

Inevitabili i disagi e le ripercussioni si sono avute nelle partenze e negli arrivi.

Al momento l’aeroporto ha ripreso l’attività, anche se molto lentamente, è tornato alla normalità.

6 Gennaio 2019 0

Disadattato dorme tra le tombe, la paura del freddo supera quella per i morti

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – La necessità di avere qualcosa sulla testa gli ha fatto vincere la paura dei morti e, per questo, un disadattato di Velletri, ha trovato ricovero nel cimitero comunale, allestendo un letto di fortuna tra due tombe.

Il 60enne non riposerà in eterno come chi da tempo riposa nel camposanto, e neanche in pace dato che, per quanto possa essere riparato, il giaciglio seppur al coperto, resta sempre aperto e ventilato e le rigide temperature di questi giorni, si fanno sentire in tutto il loro rigore. Il luogo scelto per pernottare è tra due tombe nella struttura cimiteriale a tre livelli che sta in prossimità dell’ingresso principale di via Lata.

La zona è la più riparata possibile ed è anche vicina ai bagni pubblici, quindi è il meglio che un cimitero può offrire ad una persona viva. L’unica illuminazione è quella dei lumini elettrici e il suo letto è costituito da coperte che lascia in quel posto anche di giorno. Una abitudine ormai tollerata anche perché non infastidisce la gente: “E’ un poveraccio” dicono di lui. Ermanno Amedei

16 Dicembre 2018 0

Roma, paura nei corridoi della metro della stazione Termini per un principio d’incendio

Di felice pensabene

ROMA –  Paura questa mattina per i viaggiatori in transito alla stazione Termini di Roma per un principio incendio che si è sviluppato nei corridoi che portano alla metro. Viaggiatori e negozianti sono stati fatti evacuare dalle forze dell’ordine. I locali sono stati invasi da un fumo denso e acre.

Sul posto sono intervenuti vigilie del fuoco per spegnere le fiamme e gli operatori del 118 per dare soccorso ai viaggiatori lievemente intossicati dal fumo sviluppatori. Non si registrano, tuttavia, feriti solo spavento e qualche fastidio alle vie respiratorie per i fumi sprigionatisi.

14 Dicembre 2018 0

Paura alla rotatoria di via Casilina nord per l’incendio di un’auto

Di felice pensabene

CASSINO – Attimi di paura lungo la SS.  Casilina in direzione nord, poco fa, per un’autovettura in fiamme. L”incendio si è sviluppato in prossimità della rotatoria di San Benedetto dinanzi ad un noto centro commerciale.  L’auto, probabilmente, avrebbe preso fuoco mentre era in marcia, vista la scia di fiamme lasciate lungo la strada. Sul posto sono in azione i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Cassino che stanno cercando di spegnere il rogo ed accertarne le cause. Al momento sembra non ci siano feriti. Il fuoco ha investito la vettura con fiamme di grande intensità. Inevitabili i disagi alla circolazione in quel momento per l’ora di punta e la pioggia battente che durante l’intera giornata ha investito la città.

F.P.

30 Novembre 2018 0

Il fiume Sacco torna a schiumare, paura e rabbia a Ceccano

Di Ermanno Amedei

CECCANO – Il fiume Sacco torna a ricoprirsi di schiuma. Il fenomeno ormai è tristemente noto in particolar modo a Ceccano dove il corso d’acqua attraversa il centro della cittadina.

Già sabato la superficie dell’acqua si era ricoperta della densa schiuma che in alcuni punti creava cumuli bianchi e inquietanti.

L’intervento del Prefetto ha assicurato la popolazione che le istituzioni stavano lavorando e alcuni giorni fa è stato sequestrato un ex opificio ormai in disuso situato non molto lontano dal fiume e nel cui interno sono accumulate grosse quantità di saponi liquidi, tra detergenti ed ammorbidenti.

Nel mentre si indaga che la struttura sequestrata possa essere o meno la fonte dell’inquinamento, ieri sera il fenomeno si è nuovamente riproposto allarmando nuovamente i ceccanesi.

Ermanno Amedei

22 Agosto 2018 0

Genova insegna (e fa paura), chiuso per lesioni il ponte tra San Giorgio e Pignataro

Di Ermanno Amedei

SAN GIORGIO A LIRI – Genova e la vicenda del suo ponte insegna e, per questo, nessun si assume il rischio di lasciare inascoltate le minacce fatte da lesioni su ponti o strutture anche in Ciociaria.

Per questo, oggi, l’amministrazione provinciale competente del tratto di strada che collega San Giorgio a Liri a Pignataro Interamna, ha chiuso il ponte con cui la strada attraversa un piccolo fiume. Il provvedimento è stato preso in seguito alla segnalazione di alcune lesioni sulla struttura portante del manufatto in cemento.

16 Agosto 2018 0

Terremoto: Paura nel centro Italia. Epicentro a Montecilfone

Di redazione

Ha tremato ancora la terra nel Centro Italia. Erano le 20.19 quando non solo i sofisticati sistemi di rilevazione, ma tantissimi cittadini hanno avvertito una scossa molto forte e piuttosto lunga. L’epicentro ancora una volta in Molise come nelle scorse ore, questa volta a Montecilfone, piccolo centro in provincia di Campobasso. Magnitudo registrata di 5.2. Tanta paura con gente che si è riversata in strada spaventata. La scossa è stata avvertita nitidamente in buona parte del centro Italia, anche a Torino di Sangro, Napoli, Gaeta, Latina, Roma, Frosinone, Cassino, cassinate, e nel territorio pugliese.

15 Agosto 2018 0

Disastro a Genova, la paura di passare sopra o sotto un ponte

Di Ermanno Amedei

GENOVA – Un ferragosto grigio, quello odierno che si vive in Italia. Trentacinque morti e 16 feriti, mentre si continua a scavare sotto ciò che resta del viadotto Polcevera a Genova ha lasciato ad ogni italiano una sensazione di vulnerabilità e di pericolo. Transitare sopra o sotto un ponte con l’auto insieme alla propria famiglia, non importa se un ponte piccolo o un’opera faraonica considerata vanto dell’ingegneria nazionale, significa accollarsi il rischio di vederselo cadere addosso o sentirselo franare sotto le ruote. Sopra o sotto quanti ponti transiteremo oggi per raggiungere la meta ferragostana prefissata?

Continueremo a chiederci di chi le responsabilità di quanto accaduto ieri a Genova certi che, qualora fossero accertate, nessuno mai pagherà con la galera. Eppure i pedaggi autostradali incidono nella spesa di un viaggio, quanto il carburante. La fatalità non può giustificare quanto accaduto. La scelta di fare utili e dividendi per gli investitori, invece, spiega bene quanto accaduto così come spiega i problemi nella gestione di altri servizi primari affidati ai privati. Il servizio idrico ne è un altro esempio lampante. Staccare ricchi dividendi per gli azionisti invece di investire in manutenzione comporta, in quel caso, il rischio di lunghe e dolorose carenze idriche. Nel caso di strade e ponti, invece, il disastro di Genova. Ermanno Amedei