Tag: serrati

2 Marzo 2019 0

Controlli serrati del NAS in attività di ristorazione e vendita di fitofarmaci della provincia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – La sicurezza alimentare, quale fulcro dell’azione di controllo quotidiana dei Carabinieri del N.A.S. di Latina, ha visto ancora una volta concretizzare “positivi” risultati correttivi   di alcune “devianze” rilevate recentemente presso attività ristorative e rivendite di prodotti per l’agricoltura poste nei territori provinciali di Frosinone e Latina. Presso un ristorante di Torre Cajetani (FR), il personale ispettivo dei Carabinieri del N.A.S. di Latina, al termine di un’ accurato controllo , sottoponeva a sequestro oltre 250 kg. di prodotti carnei, funghi , pasta fresca e dolci  rinvenuti in vari frigoriferi congelatori, pronti per essere cucinati e somministrati agli avventori. Gli alimenti rinvenuti non avevano infatti alcuna confezione, con le necessarie indicazioni di legge, dalle quali si potessero rilevare elementi utili alla tracciabilità, a garanzia della salubrità dei medesimi. Il comportamento censurabile del titolare, segnalato altresì alla competente autorità, sarà sanzionato con una cifra pari a 1.500 euro. Il valore degli alimenti sequestrati, destinati a sicura distruzione,  è di oltre 1.500 euro. Analoga situazione rilevata presso un ristorante del territorio comunale di Cori (LT). Il personale operante del N.A.S. Carabinieri di Latina rinveniva un quantitativo di oltre 100 kg di prodotti alimentari vari (prodotti carnei, ittici e funghi), sottoposti a congelazione arbitraria, custoditi in frigoriferi congelatori e pronti per essere cotti e somministrati agli avventori del ristorante. Tali alimenti, sottoposti a sequestro e destinati a sicura distruzione, mancavano di ogni indicazione di legge relativa all’origine o ad alla provenienza , ai fini della tracciabilità ed a garanzia della bontà e salubrità dei medesimi. Fatto ancor più pregnante per i funghi epigei spontanei che, per essere immessi sul mercato e consumati dall’uomo, debbono prima essere sottoposti a visita di un esperto micologo dell’ASL, che ne certifichi la commestibilità. Il comportamento censurabile del titolare, segnalato altresì alla competente autorità, sarà sanzionato con una cifra pari a 1.500 euro. Il valore degli alimenti sequestrati  è di oltre 2.000 euro. I controlli sui prodotti fitosanitari, il cui utilizzo incide fortemente sulla salubrità degli alimenti  frutticoli ed orticoli consumati dall’uomo, sono inseriti nel quadro delle attività ispettive sulla “sicurezza alimentare”. In tale ottica un recente controllo dei Carabinieri del N.A.S. di Latina presso una rivendita di prodotti per l’agricoltura posta nel territorio del comune di Torrice (FR) ha determinato il sequestro di oltre 50 kg di vari prodotti fitosanitari destinati ad essere utilizzati sulle colture ortofrutticole locali. Tali prodotti infatti non potevano essere commercializzati né utilizzati poiché con etichettatura di sicurezza non conforme alla vigente normativa e con autorizzazione, all’impiego sulle colture, revocata dal Ministero della Salute. Inoltre gli stessi locali in cui erano custoditi, erano privi dei requisiti di profilassi e di sicurezza previsti dalle specifiche norme a tutela dei lavoratori e dell’ambiente. Il valore dei fitofarmaci sequestrati, che saranno destinati a smaltimento presso ditta autorizzata a tale scopo, ammonta a circa 1.500 euro. Inoltre tale comportamento irresponsabile, segnalato alla competente Autorità,  sarà sanzionato amministrativamente con una cifra complessiva di oltre 5.000 euro a carico della persona titolare dell’attività. Altra situazione analoga, ma ben più grave, è stata rilevata durante un recente controllo ispettivo presso una rivendita di prodotti fitosanitari e zootecnici posta nel territorio comunale di Terracina (LT). Gli ispettori dei Carabinieri del N.A.S. di Latina al termine di una ispezione estesa anche alle aree limitrofe alla rivendita, rinveniva numerose confezioni di prodotti fitosanitari, sia in polvere che liquidi, sotto una tettoia posta in un luogo totalmente privo dei requisiti di profilassi e di sicurezza previsti dalle specifiche norme a tutela dei lavoratori e dell’ambiente. I prodotti Fitosanitari erano stoccati in modo promiscuo, a diretto contatto con varie tipologie di mangimi per animali da reddito così da costituire un concreto pericolo di inquinamento dei mangimi e dell’ambiente. Oltre a ciò i prodotti fitosanitari rinvenuti, stimati in un quantitativo che superava abbondantemente i 500 kg., non potevano essere commercializzati né utilizzati poiché con etichettatura di sicurezza non conforme alla vigente normativa e con autorizzazione, all’impiego sulle colture, revocata dal Ministero della Salute. Per tali motivi il personale ispettivo del N.A.S. di Latina procedeva al sequestro dei fitosanitari, destinandoli allo smaltimento tramite ditta autorizzata a tale scopo. Il responsabile sarà sanzionato amministrativamente con una cifra complessiva di oltre 5.000 euro . Il valore dei fitofarmaci sequestrati è di oltre 15.000 euro.

25 Febbraio 2019 0

Formia, controlli serrati della polizia nei luoghi della movida

Di redazionecassino1

FORMIA –  Nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione dei reati sul territorio, disposta dal Questore di Latina  Carmine Belfiore, personale della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Formia ha intensificato i controlli eseguendo una serie di mirati  pattugliamenti e perquisizioni.

Infatti, nei giorni scorsi, sono state ampiamente battute le zone centrali e le vie periferiche di Formia con controllo dinamico rivolto a persone sospette, soprattutto nei luoghi solitamente frequentati da pregiudicati e spacciatori nonché sono state setacciate le zone della MOVIDA formiana, al fine di prevenire il compimento di attività illecite con contestuale controllo ed identificazione di avventori di alcuni esercizi controllati.

Nel corso delle predisposte attività, personale della Squadra Investigativa sorprendeva in questo centro un pluripregiudicato, appartenente ad una nota famiglia originaria di San Cipriano d’Aversa e da tempo dimorante nel sud pontino che, a bordo della propria autovettura,  guidava con patente sospesa, a seguito di una serie di violazioni al codice della strada e comportamentali.

A tale individuo, condotto negli Uffici di Polizia, veniva ritirata la patente di guida a tempo indeterminato, interessando anche la Motorizzazione Civile di Latina che emetteva un provvedimento di urgenza nei suoi confronti, subito a lui notificato.

Inoltre, prosegue l’attività di contrasto al crimine diffuso con provvedimenti di carattere amministrativo adottati nei confronti delle persone ritenute pericolose . Tra questi strumenti rientrano,  oltre all’adozione   del Foglio di Via Obbligatorio, soventemente emesso a firma del Questore,  anche l’Avviso Orale e la Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza.

19 Agosto 2018 0

Controlli serrati dei Carabinieri nel weekend per la sicurezza dei cittadini

Di redazionecassino1

In questo fine settimana  sono stati eseguiti  dai Carabinieri  dipendenti del Comando Compagnia Carabinieri di Cassino controlli a tappeto  in  tutta la sfera giurisdizionale di competenza, al fine di garantire ai cittadini maggiori standard di  sicurezza.  Durante  tale periodo,    i militari  delle stazioni dipendenti  hanno svolto mirati servizi per il controllo del territorio, tesi a  prevenire i reati contro il patrimonio (rapine in ville, furti in abitazione e con strappo),  il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché prevenire le infrazioni al Codice della Strada, in particolare la “guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche/stupefacenti – psicotrope”, attraverso un massiccio controllo alla circolazione stradale, sulle principali arterie e snodi di comunicazione  ed  in  prossimità dei caselli autostradali di competenza ,  delle Stazioni Ferroviarie oltre che nei pressi di locali pubblici, maggiormente frequentati da giovani. Sono stati inoltre incrementati i servizi di vigilanza e disposti Posti di Controllo tesi alla captazione di soggetti d’interesse operativo, in particolare  nei centri abitati e zone periferiche dei comuni limitrofi.

Tale attività preventiva ha permesso di segnalare alla Prefettura di Frosinone, quali assuntori di sostanze stupefacenti, 5 persone residenti nel cassinate poiché resisi responsabili di “detenzione illecita di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico” . In particolare,  nei confronti di 3 di loro  (due  33enni residenti nel cassinate  ed un 62 enne di Venafro),  fermati e controllati distintamente  nella “città martire”,   veniva  sequestrato complessivamente  1,00 gr. circa di sostanza stupefacente del tipo     “cocaina”.  Nei confronti degli  altri due,  un  27enne di Cassino ed un 34enne di San Biagio Saracinisco, i militari operanti , a seguito di perquisizione personale,  rinvenivano , nella loro disponibilità,  rispettivamente gr.12,00 circa di “hashish” e gr. 1,6 circa di “marijuana” e,  contestualmente, quanto rinvenuto veniva posto sotto il vincolo del sequestro.

Nel corso del medesimo servizio, inoltre, venivano controllate 13 autovetture, identificate 15 persone, eseguite 7 perquisizioni (personali, veicolari e domiciliari), effettuati  4 controlli a persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari ed elevate 2 contravvenzioni al C.D.S.

FOTO DI REPERTORIO

 

12 Maggio 2018 0

Controlli serrati della Polstrada contro guida in stato di ebbrezza alcolica e l’uso di droghe

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella nottata appena trascorsa, è stato predisposto, dalla Polizia Stradale, un controllo straordinario per contrastare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza alcolica e l’uso di droghe da parte dei conducenti.

A dare supporto alle pattuglie della Polizia Stradale impiegate, munite di apparecchiature per la misurazione del tasso alcolemico nel sangue (etilometro), c’era anche un camper della Polizia di Stato con a bordo personale sanitario della Questura di Frosinone, il quale si è occupato  dei controlli sulle persone di specifica competenza, mediante il dispositivo di accertamento DRUGS TEST SALIVARE ed una Volante della locale Questura.

Tale apparecchiatura, mediante il prelievo salivare operato con il consenso della persona, fornisce un risultato immediato ed attendibile evidenziando se il conducente si trovi in stato di alterazione dovuta all’assunzione di stupefacenti.

Nel corso del servizio, sono stati controllati 85 veicoli ed identificate 90 persone, di cui   6 sono state denunciate per guida in stato di ebbrezza alcolica e un soggetto è stato sanzionato per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti.

In totale sono state ritirate 7 patenti di guida e un veicolo è stato sottoposto a sequestro.

Personale della Polizia Stradale ha recuperato un furgone rubato, nella stessa nottata, nella zona industriale di Frosinone.

foto repertorio

26 Marzo 2018 0

Controlli serrati della polizia a Sora, diverse le sanzioni per violazioni al codice della strada

Di redazionecassino1

SORA – Nell’ambito delle attività predisposte dalla Questura di Frosinone, il Commissariato di Sora ha effettuato servizi di controllo del territorio per il contrasto dei reati predatori, con l’ausilio delle unità operative del Reparto Prevenzione Crimine Lazio. A seguito di tali servizi, numerosi sono stati i controlli a persone e veicoli, con conseguenti sanzioni e sequestri amministrativi per violazioni del Codice della Strada. Effettuati oltre 300 controlli a veicoli mediante l’impiego di apparecchiature speciali per rilevamento istantaneo di infrazioni al Codice della Strada. Altresì controllati alcuni cittadini stranieri per verificarne la  loro posizione  sul Territorio Nazionale.

29 Gennaio 2018 0

Controlli serrati dei carabinieri di Cassino durante il weekend

Di redazionecassino1

Cassino – Intensificati in questo finesettimana i servizi di prevenzione da parte dei Carabinieri della Compagnia di Cassino, coordinati dal Comando Provinciale.Nel corso di tali servizi sono stati conseguiti i seguenti risultati: i militari della Stazione di Cervaro, coadiuvati dal personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, deferivano in stato di libertà, per “possesso ingiustificato di valori in concorso”, un 28enne di Cervaro, già censito per reati inerenti gli stupefacenti, contro la persona e il patrimonio; un 30enne sempre di Cervaro, già censito per ricettazione ed una 22enne di Sant’Elia Fiumerapido, già censita per reati in materia di stupefacenti, contro la persona e il patrimonio. I denunciati, già noti ai militari operanti, venivano intercettati mentre si aggiravano a bordo di un autovettura, con atteggiamento sospetto in una località periferica del comune di Cassino, posta a confine con Cervaro. Visto il comportamento assunto, venivano sottoposti a perquisizione personale e veicolare, che permetteva di rinvenire la somma contante di 47mila euro circa, tutte in banconote da 50 e 100 euro, in cattivo stato di conservazione, di cui non sapevano spiegarne la provenienza, che venivano sottoposte a sequestro. Sono in corso accertamenti per addivenire alla loro provenienza. el corso della perquisizione, il 28enne veniva trovato in possesso di 4 dosi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, del peso complessivo di gr.3,5, di cui lo stesso dichiarava esserne assuntore. Lo stupefacente veniva sequestrato mentre a carico dello stesso veniva inoltrata segnalazione alla Prefettura di Frosinone.

Nel weekend, inoltre, personale del Nucleo Radiomobile, deferiva in stato di libertà per “guida in stato di ebbrezza alcolica”, un 35enne di Castrocielo, già censito per oltraggio a P.U. e minacce. Lo stesso, controllato alla guida di un’autovettura di grossa cilindrata, in evidente stato di ebbrezza alcolica, veniva sottoposto ad accertamento etilometrico dal quale risultava avere un tasso alcolico di quattro volte superiore al limite consentito, pertanto, gli operanti procedevano all’immediato ritiro dei documenti di guida e sequestro dell’autovettura che veniva affidata ad una persona di sua fiducia poiché intestata a terzi. Nell’ambito degli stessi controlli, i militari dell’Arma deferivano in stato di libertà per “guida senza patente” un 28enne del luogo, già censito per reati contro la persona, inerente gli stupefacenti e incendio doloso. Il predetto veniva controllato alla guida di un’autovettura sprovvisto della patente di guida in quanto mai conseguita. Data la reiterazione della violazione del reato, al medesimo gli veniva contestato un comma dell’articolo che prevede maggiori pene ed operato il sequestro amministrativo di un autovettura poiché sprovvista di assicurazione obbligatoria verso terzi.

Ad  Atina, i militari della locale Stazione, hanno deferito in stato di libertà 64enne del luogo per il reato di “minaccia aggravata”. Il prevenuto, nel corso di una lite con il fratello del proprietario dell’appartamento ove abita, in relazione al provvedimento di sfratto da eseguirsi, lo minacciava puntandogli contro una pistola semiautomatica calibro 380, legalmente detenuta, che veniva sequestrata a scopo preventivo.

 

29 Gennaio 2018 0

Formia, controlli del territorio serrati della polizia, denunciati tre campani

Di redazionecassino1

Formia – All’esito dei servizi di controllo del territorio, predisposti dal sig. Questore di Latina Carmine Belfiore, gli agenti del Commissariato P.S. di Formia hanno denunziato tre pregiudicati provenienti dalla Campania per violazione del divieto di ritorno loro irrogato con provvedimento emesso dalla Questura di Latina; un giovane formiano è stato invece deferito alla Prefettura di Latina per il possesso di circa 5 grammi di hascisc.

Il primo episodio è avvenuto a seguito dell’identificazione di tre individui in un quartiere periferico di Formia da parte del personale della squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato, impegnata nell’attività di prevenzione e repressione dei furti in abitazione. Le tre persone sono state sorprese nei pressi di una zona residenziale senza giustificato motivo ed incuranti del precedente provvedimento di divieto di ritorno che le aveva colpite circa due anni fa. Le persone in argomento sono state sottoposte a perquisizione personale con esito negativo e sono state quindi deferite all’A.G..

Nei loro confronti verrà proposto un provvedimento di tipo cautelare di competenza indirizzato alla Questura di provenienza.

Il secondo episodio riguarda i controlli effettuati nei luoghi della movida formiana, frequentati da una moltitudine di giovani provenienti anche dalle province limitrofe, specialmente nei fine settimana. In particolare, in Largo Paone, sono stati identificati numerosi giovani in questo fine settimana e tra questi un gruppo particolarmente vivace che si era evidenziato all’attenzione degli agenti operanti. Tra questi vi era un ventenne in stato di particolare alterazione psicomotoria, il quale è stato trovato in possesso di 4,7 grammi di hascisc posti immediatamente sotto sequestro. Il ragazzo è stato segnalato alla Prefettura di Latina, come previsto dalla normativa.

La Volante del Commissariato di Formia è inoltre intervenuta in zona di Gianola, a causa di una violenta lite in famiglia. Da quanto accertato vi era stata una violenta colluttazione tra un uomo, recentemente separatosi dalla moglie, ed il nuovo convivente della donna. Il sollecito intervento degli uomini della Polizia di Stato ha evitato che la lite degenerasse in tragedia. Infatti nel corso della violenta discussione, l’ex marito veniva ferito dal nuovo compagno della moglie, che afferrava un apri bottiglia colpendolo al collo. Fatta intervenire d’urgenza l’ambulanza, si provvedeva a tamponare la ferita, dalla quale usciva sangue copiosamente. Ascoltate le parti e ricostruita la dinamica dei fatti, i due uomini sono stati denunziati all’Autorità giudiziaria di Cassino per lesioni. Entrambi hanno riportato ferite guaribili entro i dieci giorni.

 

 

1 Aprile 2017 0

Controlli serrati del territorio dei Carabinieri per prevenire episodi come quello di Alatri

Di redazionecassino1

Alatri – A seguito del gravissimo episodio avvenuto in Alatri la notte tra il 24 e 25 marzo u.s., la Compagnia di Alatri ha attivato una serie di mirati servizi di controllo del territorio tesi ad evitare eventuali strascichi riconducibili al tragico evento. In particolare nella serata di ieri e per tutta la notte, i militari della predetta Compagnia, collaborati da pattuglie giunte in supporto da altre Compagnie del Comando Provinciale di Frosinone, sono stati impegnati in un ulteriore controllo straordinario del territorio in Alatri e Tecchiena.

L’operazione, che ha visto l’impiego di 12 pattuglie e 24 militari, ha consentito di ottenere i seguenti importanti risultati:

–          3 persone tratte in arresto;

–          2 persone segnalate ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/1990;

–          1 persona allontanata con proposta di F.V.O;

–          66 autoveicoli controllati;

–          157 persone identificate di cui 72 all’interno di locali pubblici;

–          8 accertamenti eseguiti mediante etilometro;

–          3 locali pubblici controllati.

In particolare, nel corso del servizio veniva rintracciato e controllato nei pressi di un locale notturno, un pregiudicato 35enne della provincia di Frosinone, già censito per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti, il quale non era in grado di giustificare la sua presenza in loco e pertanto, ricorrendone i presupposti di legge, veniva proposto per il rimpatrio con F.V.O., con divieto di ritorno in quel Comune per anni tre.

Venivano controllati inoltre, un 29enne di Boville Ernica ed un 25enne di Fiuggi che a seguito di perquisizione personale e veicolare venivano trovati in possesso di sostanze stupefacente del tipo Crack, sottoposta a sequestro. I due venivano segnalati alla Prefettura di Frosinone ai sensi dell’art. 75 del DPR 309/1990.

Il servizio svolto consentiva altresì di rintracciare e trarre in arresto in Fiuggi, Alatri e Boville Ernica tre uomini, destinatari di altrettante Ordinanze di Carcerazione disposte dall’A.G., nello specifico un 69enne responsabile di truffa e sostituzione di persona, un 31enne per atti persecutori e violenza sessuale (commessi dal dicembre 2016 a febbraio 2017) e un 58enne per tentata estorsione. I primi due venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Frosinone, il terzo veniva posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.