Tag: sopralluogo

10 Maggio 2018 0

Sopralluogo nella Rocca Janula, torre a rischio crollo: interdetta vasta area

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Sopralluogo dei vigili del fuoco e dei tecnici comunali nella Rocca Janula di Cassino. La vecchia fortezza è stata oggetto di verifica e, in particolare, attenzionati sono stati i resti della torre che richiedevano già da tempo lavori di consolidamento.

L’intervento, però, non è stato ancora effettuato e, per questo, è stata confermata l’interdizione ad accedervi. Inoltre è stata anche interdetta l’area che potrebbero essere interessate da eventuali e non auspicati crolli della torre stessa.

Il problema è che il perimetro descritto ruota intorno al manufatto ritenuto non consolidato per un raggio pari all’altezza della torre stessa, ossia, poco più di 16 metri. Dell’area interna alla Rocca Janula, poco o nulla resterà di fruibile. Un vero peccato soprattutto in vista dell’estate. Nella bella stagione, infatti, il vecchio forte è scenario di suggestive iniziative. Lo sarà ancora? Al momento l’area resta chiusa in attesa di una decisione.

foto web

27 Aprile 2018 0

Fiuggi: Spostamento guardia medica, il sopralluogo di Sara Battisti

Di redazione

Il Consigliere Regionale Sara Battisti ha svolto questa mattina un sopralluogo presso la Palazzina Medica di Fiuggi, insieme con il dirigente della ASL Eleuterio D’Ambrosio, a seguito dell’interessamento del commissario Luigi Macchitella, per verificare la fattibilità dello spostamento già nel mese di maggio della guardia medica e dei consultori di Fiuggi presso questa nuova e più moderna struttura messa a disposizione dal Comune. Spiega Sara Battisti: “La Palazzina Medica è una struttura sicuramente più funzionale alle esigenze di una Guardia Medica e del consultorio: è una sede più idonea, dotata di un ampio parcheggio, situata vicino alle Fonti ed alla stazione Cotral e più facilmente accessibile. Inoltre è una struttura nuova che va a superare tutte le criticità che insistono sulla sede attuale. Certamente i locali liberati al centro della città potranno essere messi a servizio degli istituti scolastici e dei servizi sociali per continuare ad erogare servizi in modo più efficace ed adeguato alle aspettative degli utenti. Il Direttore Macchitella, concordando sull’opportunità di accelerare lo spostamento, ha assicurato che il trasloco avverrà nei primi quindici giorni di Maggio, dopo di che la struttura sarà pienamente operativa. La collaborazione tra enti (Comune, Asl, Regione) ha dato risultati positivi che andranno a migliorare un servizio per i cittadini del Comune di Fiuggi e del comprensorio”. Foto d’archivio

24 Novembre 2017 0

Rotatoria al San Raffaele, sopralluogo e reiterazione delle prescrizioni da parte della Soprintendenza

Di redazionecassino1

Cassino – Erano appena partiti i lavori per la realizzazione della nuova rotatoria al Colosseo, quella davanti al San Raffaele, che già arriva il primo stop. Si era già proceduto al taglio di alcuni pini marini e abbozzato un cantiere con tanto di recinzione e container da adibire a uffici o servizio degli operai, ma sembra che ci vorrà del tempo prima di poter mettere mano alla nuova rotatoria che costerà quasi cinquecentomila euro. Questa mattina, la Soprintentendenza ha disposto ed effettuato un sopralluogo al cantiere della rotatoria disponendo la reiterazione delle prescrizioni. L’intervento di oggi farebbe seguito ad un esposto che ravvisava la presenza ed il danneggiamento di importanti reperti archeologici nella zona dei lavori. Che l’opera avesse già provocato non pochi problemi e disagi al traffico delle auto in ingresso a Cassino e agli autobus che portano gli studenti a scuola lo si sapeva da tempo. Le lunghe code e gli intasamenti nelle ore di punta del mattino, e non solo in quelle, davanti al San Raffaele erano all’ordine del giorno. Molti gli automobilisti che lamentavano code già dalla rotatoria che si trova in prossimità della S.R. Cassino-Formia, senza contare gli ingorghi al popoloso rione Colosseo. Il rischio, ora, è che si vada verso la sospensione dei lavori per permettere alla Soprintendenza di verificare la presenza di reperti di importanza archeologica di cui la zona è ricca ed eventuali danneggiamenti che a questi potrebbero derivare dalla realizzazione della rotatoria.

 F. P.

 

3 Aprile 2017 0

Bimbo morto dopo essere caduto nel pozzo, sopralluogo della procura

Di admin

Velletri – Le indagini sono in corso a Velletri per stabilire la dinamica della tragedia del bambino caduto nel pozzo e deceduto dopo 48 ore di agonia.

Questa mattina, il pm, che indaga sul caso, ha incontrato i genitori del piccolo, una coppia di cittadini rumeni che da anni risiede nella cittadina volsca.

Intanto ieri, i carabinieri hanno cercato e trovato lo sportello metallico che chiudeva il pozzo e che si sarebbe rotto facendo cadere il piccolo per nove metri prima di trovare l’acqua.

22 Settembre 2016 0

Ambientalisti e amministratori di Cassino fanno sopralluogo alle “sorgenti” dell’acqua rossa

Di admin

Cassino – Parte della Consulta dell’ambiente di Cassino ed alcuni amministratori hanno fatto un sopralluogo, ieri, nei luoghi in cui gli ambientalisti hanno denunciato la presenza del fenomeno “dell’acqua rossa“. Il territorio è al confine tra il comune di Cassino e quello di Sant’Elia Fiumerapido, e risulta essere un’area interessata anche da discariche abusive di materiali di ogni genere. Ne da notizia con un comunicato stampa il vice Console del Touring club Edoardo Grossi.

“Ieri pomeriggio, il comune di Cassino, nelle persone del vice Sindaco Carmelo Palombo e dell’assessore all’ambiente, Dana Tauwinkelova, unitamente ad alcuni membri della Consulta dell’ Ambiente, Salvatore Avella, Francesco Altieri ed Edoardo Grossi, hanno effettuato un sopralluogo in via del Lago, traversa Lenze, dove il 16 aprile scorso, venne rinvenuto, nei canali di scolo dei terreni, in una vasta area,  di circa un milione di metri quadri, a confine di Sant’Elia Fiumerapido,  del liquido inquietante rossastro. Sottoposto nei mesi scorsi ad analisi, da parte dell’ARPA Lazio, è stato provato che si tratta di rifiuti di tipo industriale. I componenti dell’amministrazione si sono resi conto, di persona,  della gravità della situazione , dove ancora oggi si coltivano ortaggi.

La settimana prossima verrà convocata  la Consulta dell’Ambiente, per discutere del disastro ambientale in atto, ed emanare eventuali ordinanze a tutela della salute pubblica! L’area è interessata da abbandono di rifiuti speciali, quali pneumatici, fili elettrici, rifiuti tossici, quale amianto ed altri inquinanti non identificati, e quasi tutti i canali di scolo dei terreni, interessati dai rifiuti di tipo industriale. Gli amministratori hanno promesso che si attiveranno, di concerto con la Consulta dell’Ambiente, per individuare i proprietari dei terreni, che verranno convocati,  per procedere successivamente alle bonifiche.  Abbiamo rinvenuto, nella fitta vegetazione, un muro in pietra che probabilmente era la paratia del mulino del 1200, attualmente dimora di un noto architetto. Proporremo alla prima  riunione dell’organo del comune di Cassino, di recuperare l’intero manufatto per riportarlo interamente alla luce”.