Tag: spacciavano

30 Gennaio 2019 0

Spacciavano chili e chili di droga nel Cassinate, 5 arresti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – I Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Squadra Mobile di Frosinone, unitamente a personale della Compagnia di Cassino e del Commissariato di P.S., coadiuvati nella fase esecutiva anche dalle Compagnie di Frosinone e Torino-Mirafiori, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Cassino, su richiesta della locale Procura, sostituto Procuratore, dott. Bulgarini Nomi, nei confronti di 5 persone.

I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un’attività d’indagine intrapresa per arginare un dilagante e redditizio fenomeno di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti nella provincia ed in particolare nel cassinate ad opera di soggetti albanesi ed italiani sodali ai fini della florida illecita attività.

Le indagini, avviate e condotte tra febbraio ed ottobre del 2016, hanno permesso di acquisire univoci elementi probatori a carico dei destinatari del provvedimento ai quali, vengono contestati i reati di concorso in traffico, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, è stata accertata l’esistenza di due gruppi criminosi, composto da soggetti che hanno organizzato un sistema di approvvigionamento, detenzione e spaccio di sostanza stupefacente tipo cocaina ed hashish, con basi logistiche, individuate in abitazioni rurali della periferia del capoluogo, per l’occultamento e lo smistamento all’ingrosso di ingenti quantitativi di droga in tutta la Provincia ed in particolare nel cassinate, come dimostrato nell’importante operazione di Polizia e Carabinieri del 19 settembre 2016, quando furono tratte in arresto sei persone, tra cui anche insospettabili soggetti, rinvenuti e sequestrati 11 chilogrammi di cocaina, 30 chilogrammi di hashish, il tutto destinato a rifornire il territorio del cassinate e, nell’occasione, anche quello di alcune aree del napoletano.

 

Il sistema utilizzato dai gruppi si basava su una serie di figure:

Promotori ed organizzatori con il compito di reperire ingenti quantitativi di droga da immettere nel mercato locale attraverso contatti con grossisti operanti anche in più Province; gestione di una vera e propria base logistica dalla quale organizzare lo smistamento nelle zone da approvvigionare; Grossisti che, grazie ad una serie di contatti e conoscenza all’interno di dinamiche criminali specializzate nel particolare settore anche di altre Province, erano in grado di assicurare il rifornimento della sostanza stupefacente e garantirne anche il trasporto sino a destinazione attraverso figure di fiducia ed insospettabili con il compito di corriere; Corrieri, figure insospettabili che si prestavano, attratti dal facile guadagno, al trasporto di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente poi immessi sul mercato locale; Spacciatori, persone di fiducia e vicine al promotore ed organizzatore.

Nel corso delle indagini, oltre le sei persone già innanzi citate, sono state già arrestate, in flagranza di reato, altre cinque persone e diverse altre segnalate alla Prefettura quali assuntori nonché sequestrati ulteriori 10 kg di hashish e circa 1 chilogrammo di cocaina.

I destinatari della misura si identificano in T.M. cl. 1978, originario di Frosinone, D.C.L. cl. 1978, originario di Sant’Elia Fiumerapido, T.A. cl. 1987, originario di Cassino, Q.L. cl. 1981, originario di Piedimonte San Germano, G.T. cl. 1977, originario dell’Albania, ma da anni stabilmente in Italia con residenza a Torino.

Tutti gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

13 Novembre 2018 0

Cassino, spacciavano stupefacenti nella villa comunale, in manette due 20enni del Gambia

Di redazionecassino1

CASSINO – Nel pomeriggio di ieri, personale della  Polizia di Stato del Commissariato Cassino ha arrestato in flagranza, per spaccio di sostanza stupefacente, due cittadini gambiani, entrambi ventenni.

L’operazione è stata eseguita a seguito di una segnalazione proveniente da un privato cittadino che aveva notato, all’interno della Villa Comunale della Città Martire, un andirivieni di giovani, i quali si “avvicinavano” a due ragazzi stranieri seduti su  una panchina all’interno della Villa Comunale.

La successiva attività di osservazione condotta dagli agenti ha consentito di documentare la cessione di sostanza stupefacente dei due ad un ragazzo, successivamente accertato che si trattasse di minore.

Immediatamente si è proceduto all’arresto dei due spacciatori di nazionalità gambiana, effettuando anche il sequestro di gr. 2,30 di marijuana che avevano appena ceduto.

I due soggetti, come disposto dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Cassino dott.ssa Chiara D’Orefice, sono stati condotti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

17 Settembre 2018 0

Spacciavano droga in attesa di un figlio, futuri genitori in manette ad Arce

Di admin

ARCE – In attesa di un bambino spacciavano droga nascondendola nel reggiseno di lei. Un  espediente che non è servito alla coppia di Arce per evitare l’arresto.

I carabinieri della locale Stazione comandati dal maresciallo Evangelista,  collaborati da quelli del Nucleo Carabinieri Cinofili di Santa Maria di Galeira (Rm). I carabinieri, a seguito di perquisizione domiciliare, nella casa del 36enne già sottoposto agli arresti domiciliari, pregiudicato per specifici reati ed la 28enne, convivente, hanno rinvenuto e sottoponevano a sequestro 9 dosi di cocaina e la somma complessiva di 690 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio, provento dell’attività di spaccio.

Le dosi di cocaina erano state messe all’interno di un pacchetto di sigarette che la donna, incinta,  aveva  nascosto nel reggiseno, ma grazie all’ausilio di personale femminile, si è proceduto alla sua perquisizione con il ritrovamento della droga. Dopo le operazioni di rito l’uomo è stato tradotto presso la Casa circondariale di Cassino, mentre la donna sottoposta al regime degli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Ermanno Amedei

3 Febbraio 2018 0

Frosinone, spacciavano banconote false da 50 e 20 euro, campani bloccati dalla polizia

Di redazionecassino1

Frosinone – Spendita di monete contraffatte in concorso è l’accusa  a cui dovranno rispondere due giovani campani in trasferta a Frosinone. Avevano tentato di piazzare banconote false in due attività commerciali della parte bassa del capoluogo.

Gli esercenti tempestivamente hanno allertato le Forze dell’Ordine:  gli agenti del Posto Polfer di Frosinone ed i militari dell’Arma dei Carabinieri   nel giro di brevissimo tempo hanno fermato i due.

Per il 20enne è scattato l’arresto  mentre per il suo “compagno” ,  più giovane,   la denuncia.

Sequestrate 14 banconote da 50 euro e 19 banconote da 20 euro.

5 Dicembre 2017 0

Spacciavano cocaina a Frosinone, arrestata 35enne e denunciato 37enne

Di admin

FROSINONE – I Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone unitamente agli uomini della Squadra Mobile della locale Questura, nell’ambito di attività di prevenzione e repressione del traffico e spaccio di sostanza stupefacente, nella serata di ieri a Frosinone, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, A.I. 35 anni, di Frosinone, incensurata e denunciato, in stato di libertà, P.G., 37 anni di Frosinone, entrambi ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Il provvedimento restrittivo è scaturito all’esito di un’operazione di servizio che è scattata quando gli operanti hanno notato i due giovani che, a bordo di un veicolo in sosta, hanno ceduto qualcosa ad un’altra persona. L’immediata perquisizione ha permesso di rinvenire 35 grammi di cocaina già suddivisa in dosi e pronta per lo spaccio e la somma contante di 335 euro in contanti in banconote di vario taglio, provento dell’illecita attività. Al termine delle previste formalità di rito, l’arrestata è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari.

6 Novembre 2017 Off

Spacciavano stupefacenti, allontanati con F.V.O. un 25enne e un 28enne

Di redazionecassino1

Frosinone – Prosegue l’intensa e costante attività di controllo della Squadra Volante della Questura sul territorio di Frosinone per prevenire e contrastare reati predatori e connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’occhio vigile degli agenti, nel corso dell’attività, ha notato che un’utilitaria, alla vista della pattuglia, ha invertito il senso di marcia.

La zona è abituale ritrovo di pusher e clienti.

Scattano i controlli.

Conducente e passeggero, rispettivamente di 25 e 28 anni, residenti nell’hinterland frusinate, hanno precedenti specifici  in materia di stupefacenti: per entrambi viene proposto il Foglio di Via Obbligatorio dal Capoluogo.

29 Giugno 2010 0

Spacciavano droga davanti allo chalet, giovanissimi in manette

Di redazione

Avevano messo su una “bancarella” dello spaccio di droga proprio davanti ad uno chalet sulla costa abruzzese a Giulianova (Te). Ad accorgersi del gruppetto stipato in una Seat Ibiza parcheggiata nei pressi della struttura frequentata da centinaia di giovani sono stati i carabinieri comandati dal luogotenente Antonio Longo. I militari di Giulianova, in questi giorni, hanno ricevuto ulteriori impulsi di comando da parte del capitano Luigi Dellegrazie proprio in merito al contrasto della vendita di droga. A finire nei guai sono stati D.F.G. classe 1991, D.G.G. classe 1990, E.A. classe 1992 e un 15enne, il primo di Tortoreto e gli altri di Giulianova. I carabinieri ispezionando la Seat con cura il mezzo e i 4 giovani, tutti incensurati, sono stati trovati in possesso di complessivi 21 grammi di stupefacente suddiviso in più dosi, confezionate per essere cedute, 650 euro in contanti, in banconote di piccolo taglio, verosimile provento dell’attività illecita di cessione dello stupefacente e di altri piccoli “attrezzi” utilizzati per il confezionamento e sminuzzamento dello stupefacente. I 3 maggiorenni, quindi sono finiti in carcere, mentre il minore è tornato a casa, anche se con un precedente penale che prima non aveva.

11 Maggio 2010 0

Spacciavano valuta falsa, denunciati tre giovani campani

Di redazione

Sono entrati in una parafarmacia del centro di cassino e hanno pagato la merce presa con una vbanconota da cento euro falsa. Si è rinvigorito così, ogggi pomeriggio a Cassino, l’allarme monete false lanciato più volte dai commercianti. La prontezza con cui il commerciante ha allertato la polizia del commissariato ha permesso agli agenti di individuare e fermare così i tre giovani falsari e denunciarli in stato di libertà per spendida di valuta falsa. Si tratta di tre napoletani, due ragazze ed un ragazzo: T.A. di anni 22; A.F. di anni 21 e A.C. di anni 29. Si ripete così il più classico dei copioni che vede giovani campani dirigersi verso cassino con banconote false acquistate al costo del 20-30% del valore che rappresentano e tentare di piazzarle in comuni del del Lazio adiacenti alla Campania. ermadei@libero.it