Tag: titolare

8 Gennaio 2019 0

Rapina la titolare di una cartolibreria a Vico, arrestato 52enne di Alatri

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VICO NEL LAZIO – Avrebbe rapinato la titolare di una cartolibreria a Guarcino e, per questo, i carabinieri di Vico nel Lazio, a seguito di indagini, hanno arrestato per rapina aggravata, G. D. S. 52 anni di Alatri. A firmare l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari è stato il Gip del tribunale di Frosinone convinto dall’esito delle indagini svolte dal maggiore Gabriele Argirò sotto la supervisione del colonnello Fabio Cagnazzo. L’uomo è ritenuto responsabile della rapina perpetrata il 9 dicembre 2018 a Vico nel Lazio nei confronti di una 46enne residente a Guarcino titolare della cartolibreria ubicata in Vico nel Lazio contrada Pitocco. L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Ermanno Amedei

10 Settembre 2018 0

Velletri, tenta di incendiare il centro estetico e ruba portafogli a titolare: denunciata 37enne

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Si è presentata come una normale cliente chiedendo un appuntamento per un massaggio presso un centro estetico di Velletri. Appena la commessa si è distratta però, ha afferrato un vasetto di crema idratante e si è allontanata velocemente.

La donna è tornata poco dopo,  chiedendo di poter utilizzare i servizi igienici dove, un volta all’interno, si è chiusa a chiave.

Proprietaria e commessa hanno atteso, entrambe inquiete, che la donna uscisse, perché all’interno della toilette era riposto il portafogli della titolare con dentro 1300 euro.

I soldi, da un controllo successivo erano effettivamente spariti, tuttavia la cliente, anche di fronte all’evidenza, ha negato il furto e, alla prima occasione, si è data nuovamente alla fuga.

A rintracciarla gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Velletri, dopo che la vittima si è rivolta a loro per la denuncia di furto.

Accertamenti successivi hanno permesso di ricondurre alla stessa donna anche il tentativo di appiccare il fuoco al locale della vittima, provocando il parziale danneggiamento della saracinesca.

dall’età di 37 anni, originaria di Velletri, la donna è stata denunciata per furto e danneggiamento aggravato seguito da incendio .

La refurtiva recuperata dai poliziotti è stata restituita alla proprietaria .

6 Giugno 2018 0

Deposito per il commercio di prodotti agricoli senz autorizzazione, sanzionato il titolare

Di Ermanno Amedei

ARPINO – I Carabinieri del N.A.S. di Latina hanno effettuato un controllo presso una rivendita di prodotti per l’agricoltura ad Arpino e i risultati hanno determinato l’emissione di un’ordinanza di chiusura e di divieto di commercializzazione di fitosanitari da parte dell’ASL di Frosinone.

Il titolare, infatti, aveva il deposito e la vendita dei suddetti prodotti destinati alla cura delle colture edibili, senza la prescritta autorizzazione sanitaria ed in locali sprovvisti dei dispositivi di sicurezza attivi e passivi atti ad evitare danni all’ambiente ed agli operatori commerciali.

Il valore della struttura chiusa ammonta a circa 100mila euro. Per tale mancanza il titolare sarà sanzionato per oltre 4000 euro.

29 Agosto 2017 0

Violenza sessuale sull’A1, titolare di una griffe “ci prova” con la modella

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Sono le 15.23 di ieri pomeriggio quando una 22enne, professione modella, disperata, chiede aiuto ad un suo amico tramite WathsApp: un uomo la sta molestando.

La giovane riferisce, tramite chat, in grande stato di agitazione,  di  transitare, per motivi di lavoro, in A1 direzione Nord, nel territorio di Ceprano, a bordo di una berlina condotta da un autista, mentre  al suo fianco, nel sedile posteriore, c’è il titolare di una nota griffe italiana che tenta in tutti i modi un approccio fisico.

Il ragazzo, ricevuta questa preoccupante confessione, contatta immediatamente la linea di emergenza 113, riferendo la difficile situazione che stava vivendo la 22enne.

Scatta subito un piano di intervento urgente coordinato : dalla Sala Operativa della Questura viene predisposta immediatamente una poliedrica squadra con agenti della Polizia Stradale, delle Volanti e della Squadra Mobile, che impiegapersonale femminile “specializzato” appartenentealla Sezione  “Reati contro la persona, in danno dei minori e reati sessuali”.

In  considerazione che a pochi chilometri da dove la 22enne è localizzata c’è un’area di servizio, si consiglia alla giovane, contattata dalla Polizia con i necessari accorgimenti, di fingere un malore e di chiedere, pertanto, una sosta alla prossima area di servizio, che è quella nel territorio di Anagni.

Un’attività di osservazione e pedinamento permette di monitorare la situazione: agenti in divisa ed in borghese si posizionano in modo tale da non destare sospetti cosi che l’uomo acconsente alla pausa – viaggio.

La  ragazza, abilmente “attenzionata” dai poliziotti, scende dall’auto  e si dirige verso la toilette, mentre i suoi compagni di “viaggio”  sono fermati ed identificati.

Dopo gli accertamenti di rito, per il titolare della ditta di moda, un 70enne campano, scatta la denuncia per il reato di violenza sessuale.

17 Novembre 2016 0

Droga nel bar a Ceprano, il Questore sospende la licenza al titolare

Di Ermanno Amedei

Ceprano – Diverse dosi di cocaina ed hashish ritrovate nei locali del bagno rinvenute durante una operazione antidroga dei carabinieri, unitamente all’abituale frequentazione dell’esercizio pubblico da parte di persone con precedenti di polizia, in particolare in materia di sostanze stupefacenti, hanno spinto il questore di Frosinone a sospendere la licenza al titolare di un bar di Ceprano.

La chiusura dell’attività, è stata disposta per un tempo pari a 7 giorni. Altre criticità rilevate dal personale della Divisione Amministrativa e Sociale della Questura, la particolare posizione del bar, posto nel centro cittadino e nelle vicinanze di un istituto superiore, nonché la possibile reiterazione dell’attività di spaccio.

21 Settembre 2016 0

I carabinieri di Pontecorvo sequestrano un’armeria ed arrestano il titolare

Di Antonio Nardelli

Ieri sera i Carabinieri di Pontecorvo a seguito di un controllo amministrativo effettuato presso un’armeria sita nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, procedevano all’arresto in flagranza di reato di un 32enne, non censito e titolare della predetta attività, ritenuto responsabile di “detenzione illegale di armi comuni da sparo, omessa denuncia e registrazione di armi comuni da sparo e omessa custodia di armi”. Nel contesto di una mirata attività finalizzata al contrasto delle dinamiche delittuose riferibili alla detenzione e al commercio delle armi comuni da sparo, i militari della Stazione Carabinieri di Pontecorvo procedevano al controllo amministrativo della suddetta armeria. Le verifiche effettuate consentivano di rilevare che il prevenuto, sebbene titolare di apposita autorizzazione rilasciata dalla Questura di Frosinone per la detenzione di armi lunghe, finalizzata al conseguente commercio delle stesse, di fatto all’interno della propria armeria, oltre al limite consento dal titolo di polizia, deteneva 79 fucili da caccia di varie marche e calibri. Per tale motivo ometteva l’aggiornamento dei prescritti registri di polizia, la denuncia alla locale Stazione Carabinieri delle armi in carico e l’adeguata custodia delle stesse all’interno dei locali ispezionati. I militari operanti procedevano, pertanto, al sequestro dell’armeria, delle armi ivi custodite e dei registri di polizia relativi alla detenzione e movimentazione delle stesse. Espletate le formalità di rito l’arrestato veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ottemperando alla disposizioni impartite dalla competente Autorità Giudiziaria.

9 Settembre 2009 0

Discariche di slot machine, denunciato il titolare di un’azienda

Di Comunicato Stampa

Le discariche di slot-machine sembravano spuntare come funghi da un giorno all’altro. Un “rifiuto”, quello dei video poker, che ormai si trovava dovunque: sulle rive dei fiumi, sui cigli delle strade o negli anfratti. Ma i videogiochi hanno una particolarità, quella di avere numeri di serie. Proprio indagando siu questi numeri di serie la guardia di finanza è riuscita a individuare una società di Cassino proprietaria di almeno uno dei video poker. Non è stato facile per gli uomini del capitano Vincenzo Ciccarelli dato che tutti gli apparecchi elettronici avevano il numero abraso tranne che in un caso. Quella slot machine ha permesso di risalire, quindi, alla ditta di Cassino che non ha potuto fornire la documentazione che attestava il corretto smaltimento dell’apparecchio. E’ quindi scattata la denuncia al titolare dell’azienda per abbandono incontrollato di rifiuti. Tutte le slot-machine sono state sottoposte a sequestro probatorio da parte della guardia di finanza. Le indagini continuano per accertare se altri soggetti siano coinvolti nell’illecito traffico.

5 Agosto 2009 0

Evasione fiscale milionaria, denunciato titolare d’azienda

Di Comunicato Stampa

Indagini svolte dalla guardia di finanza di Fiuggi hanno permesso di accertare che una ditta di metalmeccanica aveva evaso circa un milione di euro ai fini delle imposte dirette e 500 mila euro ai fini dell’IVA. L’attività ispettiva intrapresa sulla base di attenta ed intensa attività d’intelligence, ha da subito attirato l’attenzione dei militari in quanto i dati dichiarati dalla società, non apparivano congrui con l’effettiva capacità reddituale. Pertanto, gli uomini della Guardia di Finanza, approfondendo l’attività di Polizia Tributaria mediante l’attività di verifica, hanno accertato che l’amministratore della società, attraverso l’utilizzo di artifizi contabili, aveva occultato all’imposizione diretta elementi positivi di reddito per 1 milione di euro che rientreranno nelle casse dello Stato. Il legale rappresentante dell’azienda, invece, è stato denunciato.