Tag: traditi

3 Ottobre 2019 0

Traditi dal nervosismo, coppia di campani arrestata per droga a Frosinone

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – I Carabinieri del Norm di Frosinone hanno arrestato per droga un 58enne ciociaro già noto alle forze dell’ordine ed una 47enne di origini campane incensurata. I due, controllati mentre viaggiavano a bordo di un’utilitaria, hanno mostrato segni di nervosismo nonostante si trattasse di semplici accertamenti per eventuali violazioni al Codice della Strada.

Lo stato di agitazione non è passato però inosservato ai militari che decidevano di perquisire il veicolo. Un anomalo posizionamento del coperchio del vano posto sotto il volante attirava l’attenzione degli operanti che, dopo averlo aperto, vi hanno trovato occultate ben 19 dosi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” per complessivi grammi 7 circa. La successiva perquisizione domiciliare consentiva poi di rinvenire, a casa dell’uomo, ulteriori grammi 14 della medesima sostanza, tre bilancini di precisione, nonché la somma contante di euro 1.000 circa, quale provento dell’attività illecita.

La droga ed il denaro rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro. Al termine delle formalità di rito, in attesa del giudizio direttissimo, l’uomo è stato trattenuto presso la camera di sicurezza della caserma di Frosinone, mentre la donna è stata posta agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Per gli arrestati verrà proposta l’applicazione della misura di prevenzione dell’avviso orale.

Foto repertorio

19 Aprile 2018 0

Traditi dal “cassinese”, oltre a rapine avevano sotto scacco un barista

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Traditi dalla “parlata cassinese”. La banda di rapinatori conosciuta come la banda della R6, oltre alle rapine, Giovanni Gelfusa e Stefano D’Alessandro si sono accaniti su un giovane barista di Mignano Montelungo (CE).

I Carabinieri hanno accertato che i due, dal mese di maggio 2017 e fino al mese di marzo 2018, in concorso tra loro, si rendevano responsabile di rapina aggravata e continuata, sequestro di persona, estorsione, truffa e porto illegale di armi. 

Si proponevano di aiutare il giovane che si trovava in difficoltà economiche, ad ottenere un finanziamento di 20mila euro presso una fantomatica società finanziaria. Il Gelfusa simulando tale interessamento gli “spillava” prima  la somma di mille euro  poi, non contento, chiedeva l’ulteriore somma di euro 450,00 che la vittima però, accortosi di essere stato truffato, non consegnava anche perché non aveva disponibilità economiche.

Successivamente è stato affrontato e malmenato brutalmente dai due al fine di ottenere altre somme di danaro. In un’occasione stato rapinato della somma di 200 euro e di alcuni documenti personali che lo stesso aveva appena ricevuto dal suo datore di lavoro.

 

23 Marzo 2009 0

Rapinatori in manette “traditi” dall’Inter

Di Comunicato Stampa

Se sono rapinatori lo stabilirà il terzo grado di mgiudizio, che i due siano interisti è cosa certa datoi che la loro passione per il calcio ha permesso ai carabinieri di Palermo di individuarli ed arrestarli. Si tratta di un 24 enne e di un 26enne che in tre mesi avrebbero cumulato 18 colpi a supermercati, tabaccherie e farmacie. Nei casi in cui  le attività commerciali erano fornite di telecamere, i due comparivano sempre armati di coltelli e con la divisa dell’Inter. Fatale è stato il colpo messo a segno ieri in un supermercato: i due sono stati fermati, riconosciuti e arrestati  anche nper i 17 colpi messi a segno nei tre mesi precedenti. Quando si dice che: il calcio è una malattia.