Tag: tribunale

1 Ottobre 2018 0

Gara per la vigilanza nel tribunale di Cassino sospesa dal Tar, carabinieri sostituiscono le guardie giurate

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – I carabinieri della compagnia di Cassino, da questa mattina, sostituisco le guardie particolari giurate che prestano servizio di sicurezza presso il Tibunale di Cassino.

La gara d’appalto per affidare il servizio ad una ditta privata sarebbe stata vinta da una società di Frosinone ma l’aggiudicazione e l’avvicendamento tra la ditta uscente e quella entrante sarebbe stata sospesa da un ricorso al Tar del Lazio. Questa mattina ci sarebbero stati i primi effetti dato che il tribunale sarebbe rimasto senza sorveglianza. I carabinieri sono stati quindi chiamati a risolvere il problema sostituendosi per il tempo necessario alle guardie giurate.

Ermanno Amedei

11 Maggio 2018 0

Class action contro Acqualatina, prima udienza al Tribunale di Roma

Di redazionecassino1

CASSINO – Prosegue la lotta dei cittadini del Pontino contro Acqualatina attraverso un gruppo di legali cassinati e pontini. Si è tenuta, infatti, mercoledì 9 maggio, a Roma dinanzi la X Sezione del Tribunale ordinario, la prima udienza per la declaratoria sull’ammissibilità o meno della Class Action intentata contro Acqualatina s.p.a. dal Comitato Avvocati. Il Comitato di legali,ha chiesto di intervenire in giudizio, a sostegno del gestore, con un atto depositato solo ieri, l’associazione Utilitalia – Federazione delle Imprese Ambientali, Energetiche ed Idriche esclusivamente in relazione a due questioni sollevate (costo del trasporto e partite pregresse) dagli attori, attesa l’importanza, a livello nazionale, dell’eventuale precedente giurisprudenziale che si dovesse formare e che potrebbe riguardare tutti i gestori idrici per restituzioni/risarcimenti di centinaia di milioni di euro.

Gli avvocati del Comitato hanno eccepito l’inammissibilità dell’intervento e il Tribunale, all’esito dello scioglimento della riserva su questo aspetto, fisserà a breve una nuova udienza per decidere se dichiarare o meno ammissibile la Class Action.

Questa, che è la prima Class Action nei confronti del gestore idrico Acqualatina, ha provocato una forte reazione da parte dei responsabili tanto da indurre l’organismo unitario dei gestori, evidentemente preoccupati di un eventuale esito per loro negativo, ad intervenire nella procedura.

Tanto ci rafforza nella convinzione della bontà dell’iniziativa intrapresa dal Comitato e nella determinazione di assistere al meglio tutti gli utenti che ci hanno conferito il mandato per ottenere il ristoro ma anche la dignità dopo gli ingiusti patimenti dei mesi scorsi.

Avv. Massimo CLEMENTE

Avv. Vincenzo FONTANAROSA

Avv. Christian LOMBARDI

Avv. Patrizia MENANNO

Avv. Orazio PICANO

Avv. Chiara SAMPERISI

Avv. Annamaria ZARRELLI

12 Marzo 2018 0

Frosinone, vuole vedere il fratello arrestato: 22enne in tribunale con bottiglia di benzina

Di admin

FROSINONE – Si è presentato in tribunale a Frosinone con una bottiglia da due litri di benzina e una sigaretta accesa generando timori tra i presenti.

E’ accaduto oggi pomeriggio poco dopo le 14 quando i vigilanti hanno notato il 22enne che è entrato dall’ingresso principale fermandolo e chiedendo cosa contenesse la bottiglia. Il giovane ha spiegato che era sua intenzione chiedere al giudice il permesso di incontrare il fratello, il 20enne arrestato questa mattina nel corso di una operazione antidroga condotta dai carabinieri di Napoli.

Il giovane sosteneva di essere preoccupato per le sorti del fratello minore e che temeva potesse togliersi la vita. La benzina che portava in mano lasciava temere che lui stesso sembrasse intenzionato a compiere gesti estremi ma grazie all’intervento di alcuni carabinieri presenti in tribunale e alla loro capacità di mediare, il giovane ha accettato di consegnare spontaneamente la bottiglia. Poi sono arrivati i carabinieri della compagnia di Frosinone e lo hanno portato via.

 

 

 

9 Marzo 2018 0

Accusato di aver aggredito un dipendente: assolto dal Tribunale di Cassino

Di redazionecassino1

È stato assolto il datore di lavoro accusato di aver aggredito fisicamente un dipendente della propria azienda nel corso di un diverbio legato a problemi di lavoro. Dopo la suddetta lite, di fatti, a turno finito il lavoratore si era recato presso il pronto soccorso, accusando dolori alla spalla. I medici avevano quindi refertato il quarantenne con una prognosi di sette giorni. Il datore di lavoro, tratto a giudizio, ha affidato la propria difesa all’avv. Sandro Salera.

Oggi, durante la discussione sulla causa, lo stesso avvocato ha smontato l’accusa con una serie di eccezioni in diritto, contestando in primo luogo il peso probatorio della deposizione dell’operaio, che si era costituito parte civile, rivelando l’interesse del quarantenne all’esito del giudizio. Ha poi evidenziato come la certificazione medica non avesse riscontri effettivi (ematomi, ecchimosi, graffi) e quindi era stato redatto sulla base di doglienza riferite solo dal dipendente. Infine l’avv. Salera ha rilevato anomala la circostanza per la quale l’operaio, aggredito fisicamente, abbia completato il turno lavorativo. L’onere della prova sarebbe stato dell’accusa, mentre permangono incertezze.

Il giudice penale del Tribunale di Cassino, accogliendo la tesi difensiva dell’avvocato, ha assolto l’imprenditore.

15 Febbraio 2018 0

La puntura di Ultimo… al tribunale di Milano

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Il Tribunale di Milano ha sentenziato che l’ Inps dovrà erogare il contributo di 800 euro, denominato Bonus Mamma, anche alle neo mamme straniere con un permesso di soggiorno breve. Praticamente il rimborso del prezzo del passaggio sul barcone”.

Ultimo

10 Gennaio 2018 0

Aggressione in tribunale a Latina, 57enne picchia impiegato: arrestato

Di admin

LATINA – E’ andato in escandescenza e ha colpito l’impiegato dell’ufficio di direzione amministrativa del Tribunale di Latina. Questa mattina i carabinieri sono dovuti intervenire all’interno del Palazzo di Giustizia arrestando Massimo P. 57 enne di Fondi (Lt) per violenza e minaccia a p.u. e interruzione di un ufficio pubblico o servizio pubblico.

L’uomo, alla richiesta di un versamento da lui dovuto, è andato in escandescenza sostenendo l’erroneità di quanto gli veniva richiesto inveendo,  aggredendo e colpendo l’impiegato, provocandogli lievi lesioni e danneggiando inoltre i suppellettili dell’ufficio.

L’arrestato dopo le formalità di rito è stato associato in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa del rito direttissimo fissato per la data del 12 gennaio 2018.

26 Giugno 2017 0

Allarme bomba in tribunale a Cassino, palazzo evacuato per un’ora

Di admin

Cassino – Allarme bomba in tribunale a Cassino. Non è una novità. Di tanto in quanto accade che con una telefonata anonima alla questura, qualcuno avverte di una imminente esplosione nel palazzo di giustizia di piazza Labriola.

Questa mattina, la telefonata è arrivata alle 8.30 e, come ogni volta, non viene presa alla leggera. Gli agenti di polizia del commissariato di Cassino, i carabinieri e i vigili del fuoco.

Hanno evacuato lo stabile effettuando una veloce ma capillare bonifica riscontrando per fortuna, anche in questo caso, che si è trattato di un allarme finto. Alle 9.40, nel palazzo sono tornati ciascuno alle proprie attività. Intanto la polizia procede per procurato allarme.

Ermanno Amedei

18 Febbraio 2017 0

Auto di dipendente del Tribunale vandalizzata in via Petrarca a Cassino

Di admin

Cassino – Ha trovato, questa mattina, la sua auto vandalizzata. La Ford Fiesta di proprietà del dipendente del tribunale, era parcheggiata in via Petrarca non molto lontano da dove abita l’uomo.

Qualcuno, nel corso della notte, si è accanito contro la carrozzerie danneggiando le fiancate e spaccando gli specchietti.

Una mattinata nera, seguita da una notte turbolenta dato che alle 3, lo stesso aveva chiesto l’intervento della polizia per schiamazzi che arrivavano dalla strada. Non m si esclude che le cose siano collegate.

Ermanno Amedei

26 Ottobre 2016 0

Incursione notturna in Tribunale, sorpreso sulla scala mentre due complici facevano da “palo”

Di admin

Cassino – Erano tre i giovani che, questa notte, hanno tentato di introdursi all’interno del tribunale di Cassino. A sorprenderli sono stati gli agenti del Commissariato di Polizia diretto dal vice questore Alessandro Tocco mentre, con una grossa scala appoggiata al muro sul lato di viale Enrico De Nicola, uno tentava di raggiungere una finestra, mentre altri due fungevano da palo.

Quando sono stati scoperti, si sono dati alla fuga a piedi per il centro cittadino con i poliziotti che li inseguivano. La corsa di uno dei tre malviventi è finita davanti alla recinzione di un Istituto Scolastico, mentre gli altri  due  sono riusciti a dileguarsi.

Fermato ed identificato, il giovane è un 20enne di Cassino, con pregiudizi di polizia per reati in materia di stupefacenti, nonché contro la persona e contro il patrimonio. Attualmente è gravato della Misura di Prevenzione  dell’Avviso Orale. Per lui è scattata la denuncia per tentato furto mentre proseguono le indagini per risalire agli altri due.

26 Ottobre 2016 0

Con una scala tenta di entrare di notte in Tribunale a Cassino

Di admin

Cassino – Con una scala tenta di entrare in tribunale a Cassino, ma gli è andata male e ha rimediato una denuncia.

Il palazzo di giustizia della città martire, ancora al centro di un fatto di cronaca dopo la vicenda ancora non chiara accaduta ieri che ha visto diverse persone colte da malore per aver respirato qualcosa di tossico dissolto nell’aria di aule ed uffici. Questa notte, le forze dell’ordine avrebbero sorpreso un uomo su una scala a pioli sul lato del tribunale che affaccia su viale Enrico De Nicola.

Pare che l’obiettivo fosse una finestra anche se su quel lato, ogni finestra ha vetro antisfondamento. Qualcuno deve averlo notato segnalandolo alla polizia che è arrivata sul posto fermando l’individuo e portandolo via per cercare di capire quali fossero le sue intenzioni e se vi fossero legami con la vicenda di ieri. L’uomo è stato denunciato.

Ermanno Amedei