Impennata di multe automobilistiche, l’Italia svetta in Europa

2 febbraio 2009 0 Di redazione

Secondo un’indagine della Contribuenti.it, operata su tutti gli Stati UE, l’Italia avrebbe conosciuto, negli ultimi 10 anni, un incremento del 1265% di multe automobilistiche, conquistando un primato certamente non invidiabile. A seguire, dopo l’Italia figurano la Romania, la Bulgaria, l’Estonia, la Slovacchia e la Croazia, tutte con un incremento che oscilla “solo” tra il 384 e il 192%. Il più basso incremento, invece, si è avuto in Inghilterra, Germania e Svezia, con percentuali che variano dai 34 ai 21 punti. Rientrando nel nostro Bel Paese (non per gli automobilisti) e suddividendolo per aree, più indisciplinato appare il nord-est, seguito dal centro, poi dal nord-ovest, dal sud e, a finire, dalle isole. Inoltre, dall’indagine sarebbe anche emerso che solo il 20% degli italiani paga le multe senza contestarle dinanzi a Prefetto o Giudice di pace, innescando un altro primato negativo per l’Italia, e costringendo gli enti locali ad orientarsi verso altre strategie fiscali al fine di far quadrare i conti.