Mese: Febbraio 2009

3 Febbraio 2009 0

Prega con la paziente, licenziata infermiera

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Prega insieme ad una sua assititi e rischia il licenziamento. E una infermiera del Somerset in Inghilterra. Durante una visita domiciliare la donna avrebbe accettato di recitare una preghiera con un’anziana e, quando i suoi responsabili l’hanno saputo, l’hanno accusata di essere venuta meno alle norme del codice comportamentale, nonostante la paziente stessa non abbia sporto nessuna lamentela. “Mi è sembrato solo un bel gesto che possa dare speranza in un particolare momento di bisogno” avrebbe  detto l’infermiera. Un caso che certamente farà discutere e che creerà fazioni opposte.

3 Febbraio 2009 0

A 14anni, violentata dal branco

Di redazione

A Trento marina la scuola per stare con gli amici e viene violentata. Una drammatica storia che lo è ancor più se si pensa che i protagonisti della terribile vicenda sono tutti minorenni e, chi per un motivo e chi per l’altro, con la vita già segnata. La ragazzina vittima della violenza ha 14 anni e a dicembre, quando il fatto sarebbe avvenuto, ha marinato la scuola per trascorrere la mattinata con tre suoi amici di 14, 15 e 17 anni. Dopo circa un mese ha confessato a sua sorella cosa è accaduto durante quel giorno di scuola perso, quando i tre, dopo aver comprato alcuni super alcolici, l’hanno portata a casa di uno di loro e, da ubriaca, l’hanno violentata. La sorella quindi ha raccontato tutto alla madre e di conseguenza alla polizia che, questa mattina, in seguito alle indagini svolte, ha posto in stato di fermo i tre minorenni accusandoli di violenza sessuale e sudditanza psicologica, e affidandoli ad un centro per minori.

3 Febbraio 2009 0

Figebo, un altro sequestro

Di redazione

Il centro polispecialistico Figebo di Cassino è stato interessato da un nuovo sequestro ordinato dal trubunale di Roma ed eseguito dagli agenti della polizia di Stato della divisione anticrimine della questura di Roma. Il centro di via Rossini è rimasta coinvolta nell’indagine Easy Money nella quale, un personaggio molto vicino al centro Cassinate, R. C. è indagato per traffico di droga. A fine 2008, nel corso di sequestri di beni rinconducibili all’indagato per un valore complessivo di circa 100 milioni di euro, gli inquirenti sequestrano le quote azionarie del centro e noiminarono un amministratore giudiziario. Ieri, nel corso di un secondo pacchetto di sequestri che, tra beni immobiuli ed altro ha superato un valore di circa 30 milioni di euro, la magistratura bha invece sequestrato i locali di proprietà di un’altra società sempre riconducibile allo stesso indagato. é stato però disposto che il centro possa continuare a funzionare.

3 Febbraio 2009 0

A1, chiude l’uscita di Frosinone

Di redazione

Autostrade per l’Italia comunica che «dalla mezzanotte alle 3 di mercoledì 4 febbraio, sull’A1 sarà chiusa la stazione di Frosinone, in uscita per chi proviene da Roma, per lavori di ripristino delle barriere. In alternativa si consigliano le stazioni di Anagni e Ceprano. La notizia della chiusura verrà segnalata dai notiziari radiofonici e sui pannelli a messaggio variabile».

2 Febbraio 2009 0

La crisi Fiat caratterizza la campagna elettorale

Di redazione

La crisi della Fiat a Cassino si sente e certamente caratterizzera la campagna elettorale per l’elezione del presidente dell’amministrazione provinciale di Frosinone. Ieri, all’ufficializzazione della candidatura di Antonello Iannarilli come portacolori del Pdl, il senatore Giuseppe Ciarrapico, ha invitato il presidente della Fiat Montezemolo a relazionarsi maggiormente oltre che con le autorità religiose, anche con le forze politiche del territorio. “Sono un cattolico ma ricordo quando Giorgio Almirante parlando dinanzi agli eminentissimi cardinali disse: “Siamo cattolici ma ghibellini”. Qui c’è un problema antico, enorme, ed è quello della disoccupazione, la cui responsabilità è politica. Anni fa quando dicemmo che puntare tutto sulla Fiat rappresentava una ignobile presa in giro avevamo ragione. L’ho detto a Montezemolo, ricordandogli che è giusto andare a parlare sul Colle, e noi rispettiamo l’abate di Montecassino, ma venga a parlare anche con noi, con i parlamentari, con gli amministratori, i politici di questa terra che ha tanto bisogno di interventi. Ci faccia fare il nostro mestiere”.

2 Febbraio 2009 0

Sigilli ai tesori del clan La Torre

Di redazione

Un miolione di euro, a tanto ammonta il valore di immobili e beni sottoposti a sequestro, questa mattina, dalla Divisione Anticrimine della Questura di Caserta e dalla Dia di Napoli, beni che erano nella disponibilità di Francesco Fontana, di 55 anni, originario di Mondragone (Ce), ma residente a Fiuggi (Fr) e ritenuto affiliato al clan camorristico La Torre, operante sul litorale casertano. Fontana,attualmente in carcere perchè accusato di concorso in associazione per delinquere di tipo camorristico ed estorsioni, secondo gli inquirenti, sfruttando la propria attività di imprenditore commerciale, avrebbe riciclato i proventi di estorsioni e di attività illecite dell’organizzazione camorristica. A Fiuggi sono stati sequestrati capitali e beni strumentali dell’autosalone intestato al figlio.Sempre a Fiuggi, capitali e beni strumentali alla ditta ‘Fiuggi 2000 alimentarì, intestati alla madre di Fontana e Antonello Brighino, di 48 anni, commercialista, amministratore della società, subentrato nella carica alla moglie di Fontana, Maria Carmela Taglialatela. Sono stati, infine, sequestrati un autocarro e sei auto. A Subiaco, il provvedimento ha riguardato il capitale sociale e beni strumentali della società ‘DIAFF’ intestati sempre al figlio di Fontana e al secondo genito figlio. Ad Alatri l’occhio degli inquirenti si è posato sui capitali e i beni sturumentali della Vittoria s.r.l., intestati ai genitori di Fontana.

2 Febbraio 2009 0

Matrattamenti in famiglia, 34enne in manette

Di redazione

I carabinieri sono arrivati mentre ancora picchiava la moglie e per questo, T. M., 34 enne residente a Casalattico è stato tratto in arresto in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia continuati, lesioni personali e violazione degli obblighi di assistenza familiare nei confronti della moglie e del figlio minore. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato tradotto in carcere a Cassino.

2 Febbraio 2009 0

Cercava la morte sui binari ferroviari

Di redazione

L’hanno vista camminare di notte sui binari della tratta ferroviaria Cassino Caserta ed è scatto l’allarme e il blocco treni. E’ accaduto venerdì sera nei pressi della stazione della città martire. Un macchinista ha segnalato che sulle rotaie c’era una donna bionda. La polizia ferroviaria ha quindi iniziato a setacciare a piedi la zona. Due pattuglie hanno percorso circa 6 chilometri di strada ferrata, poi hanno trovato la 35enne finlandese distesa sui binari in attesa che passasse un treno. Voleva morire. Gli agenti l’hanno convinta a rinunciare al folle gesto e l’hanno prima rifocillata, poi l’hanno affidata ad un centro ospedaliero del Cassinate. Di lei,  si sa poco, solamente che è finlandese e che non ha precedenti penali. Interessata l’ambasciata del suo paese.

2 Febbraio 2009 0

Impennata di multe automobilistiche, l’Italia svetta in Europa

Di redazione

Secondo un’indagine della Contribuenti.it, operata su tutti gli Stati UE, l’Italia avrebbe conosciuto, negli ultimi 10 anni, un incremento del 1265% di multe automobilistiche, conquistando un primato certamente non invidiabile. A seguire, dopo l’Italia figurano la Romania, la Bulgaria, l’Estonia, la Slovacchia e la Croazia, tutte con un incremento che oscilla “solo” tra il 384 e il 192%. Il più basso incremento, invece, si è avuto in Inghilterra, Germania e Svezia, con percentuali che variano dai 34 ai 21 punti. Rientrando nel nostro Bel Paese (non per gli automobilisti) e suddividendolo per aree, più indisciplinato appare il nord-est, seguito dal centro, poi dal nord-ovest, dal sud e, a finire, dalle isole. Inoltre, dall’indagine sarebbe anche emerso che solo il 20% degli italiani paga le multe senza contestarle dinanzi a Prefetto o Giudice di pace, innescando un altro primato negativo per l’Italia, e costringendo gli enti locali ad orientarsi verso altre strategie fiscali al fine di far quadrare i conti.

2 Febbraio 2009 0

Si scagliano contro i carabinieri

Di redazione

Camminavano ubriachi sulla carreggiata della superstrada Cassino Formia nel territorio di San Giorgio a Liri. Si tratta di due cittadini romeni che hanno reagito con violenza aggredendo i carabinieri della compagnia di Pontecorvo che chiedevano loro i documenti. Si tratta di Benxon Angi 36 anni  e Ioan Boiciuc 44 anni, arrestati per resistenza e minacce a pubblico ufficiale e lesioni personali. Sulla strada, sabato sera, erano un utentico pericolo per loro e per gli automobilisti in transito. I due, ad espletate formalità di rito, sono stati portati in carcere a Cassino.