Eroina, cocaina e crack, ucraini in manette

19 novembre 2009 0 Di redazione

Quasi come fossero fornitori un supermarket della droga, due ucraini trasportavano droga di ogni tipo. A scoprirli sono stati i Baschi Verdi del Gruppo della Guardia di Finanza di Aversa (Ce). Di rientro da Secondigliano i due stranieri sono stati fermati al casello autostradale di Caserta Sud a bordo di una Honda Civic.
Sicuri di farla franca i due hanno sottovalutato le capacità olfattive del cane anti droga Tama, pastore tedesco in forza al Gruppo di Aversa, che immediatamente ha puntato uno dei due soggetti fermati, indicando al conduttore la presenza di sostanza stupefacente sulla persona.
Infatti il successivo controllo permetteva di rinvenire all’interno di un calzettone celato nelle parti intime dello straniero contenente 150 grammi tra tra eroina, cocaina e crack.
La droga, in prevalenza eroina, era destinata al mercato casertano e testimonia il ritorno di fiamma per la pericolosa “Brown sugar” tanto in voga negli anni ‘70, ma soppiantata nell’ultimo ventennio dalla cocaina.
I due soggetti, D.O. di 33 anni e M.S. di anni 26, sono stati immediatamente tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio e associati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizioone della locale Autorità Giudiziaria.