Operatori ecologici in sciopero, tornano le “dune” di rifiuti

17 giugno 2010 0 Di redazione

L’incubo immondizia torna a Napoli. Oggi i cumuli di rifiuti sono tornati a “svettare” nelle strade del capoluogo partenopeo spolverando vecchie immagini che si sperava fossero cancellate per sempre. I dipendenti dell’azienda che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani hanno icrociato le braccia e in strada, in particolare neim quartieri periferici, sono rimaste le circa 1400 tonnellate di rifiuti che quotidianamente la città produce. Uno schiaffo a chi tentava i risollevare l’immagine di Napoli dal punto di vista turistico. Insorgono quindi gli operatori turistici, quelli di commercio e, ovviamnet, la gente costretta a fare slalom tra le montagne di rifiuti e tentantando con difficoltà di evitare topi e altri animali che proliferano in ambienti insani, in particolare con le temperature elevate di questi giorni.
Er. amedei
ermadei@libero.it