Giorno: 25 agosto 2010

25 agosto 2010 0

Rinchiude nel bagno di uno stabilimento una ragazza, arrestato un giovane inglese

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

E’ finita male l’avventura o meglio la vacanza per un giovane inglese ROATE Kevin, arrestato alle prime ore dell’alba di oggi 25 agosto 2010 dai Carabinieri del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, della Stazione di Roseto degli Abruzzi e quella di Notaresco, con l’accusa di sequestro di persona e lesioni personali.

Erano circa le 05.00 quando il giovane inglese, nei pressi di un noto stabilimento balneare di Roseto degli Abruzzi, ha seguito una 26enne del luogo che si era allontanata dalla comitiva di amici per andare al bagno. Proprio mentre la ragazza stava per uscire, l’inglese ha spinto con violenza la porta entrando nel bagno ed impedendo con la forza alla giovane rosetana di uscire. Nonostante la paura e le percosse subite dall’uomo, in qualche modo la ragazza riusciva a chiedere aiuto. Immediatamente giungeva in soccorso sia il titolare dello stabilimento che gli amici della vittima che riuscivano con non poche difficoltà ad aprire la porta e liberarla, mentre l’aggressore si dava a precipitosa fuga. La giovane vittima, sebbene sconvolta ed in preda ad una crisi d’ansia riusciva a fornire una descrizione fotografica del suo aggressore che poco dopo veniva rintracciato dai militari operanti in una struttura ricettiva del luogo, ove alloggiava, poco distante dal luogo del fatto. La ragazza ha riportato lesioni al volto ed alle braccia giudicate guaribili in gg. 10 dai sanitari dell’Ospedale Civile di Giulianova dove è stata trasportata dopo l’aggressione. L’arrestato, dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo in attesa dell’udienza di convalida.

25 agosto 2010 0

Rimosso il 40% dei cassonetti in favore delle isole ecologiche

Di admin

Superato il 75% della copertura territoriale per quanto riguarda la realizzazione degli ecopunti (isole ecologiche). Tale attività, era stata inserita nel progetto di riorganizzazione per la raccolta dei rifiuti con l’obiettivo di aumentare la raccolta differenziata attraverso l’eliminazione di tutti i vecchi punti di raccolta (cassonetti). “Attualmente” dice l’assessore all’Ambiente Eugenio Caporrella “sono stati rimossi nella misura del 40% e accorpati in ecopunti, comprendenti varie tipologie di rifiuto ( vetro, carta, cartone, plastica, organico, lattine e indifferenziata)”. Si è tenuto conto, per la predisposizione degli ecopunti della produzione pro capite dei cittadini residenti nelle diverse aree”. “ La scelta è stata effettuata per razionalizzare i costi di gestione e nel contempo di ottimizzare il servizio”. “In altri termini” continua Caporrella “con gli stessi uomini e gli stessi mezzi al posto di effettuare un solo giro di raccolta, si riesce ad effettuare un ulteriore giro di raccolta di uno dei rifiuti differenziati”. “Tanto è stato voluto anche per evitare l’aumento della tassa comunale per la raccolta dei rifiuti”. “Nell’intento di implementare al massimo la percentuale di raccolta differenziata, nella riorganizzazione, volutamente, è stato ridotto il numero dei cassonetti per l’indifferenziata (di colore verde), aumentando quelli della differenziata” prosegue l’Assessore al ramo “questo per invogliare i cittadini a differenziare maggiormente”. “Coscienti, ovviamente, che la procedura suddetta, avrebbe comportato dei disagi soprattutto in ordine alle abitudini di alcuni cittadini”. “Comunque, confrontando i dati si evince con chiarezza che quanto fatto sino ad ora è certamente il miglior progetto che si poteva intraprendere, infatti, ad agosto 2009 la percentuale di raccolta differenziata nel nostro Comune era pari al 26,90%, nello stesso mese di quest’anno la percentuale si attesta al 38% circa”. “Sin dall’approvazione del progetto era chiaro che la gestione di tale servizio doveva essere esternalizzata” dichiara ancora Caporrella “nel rispetto delle normative sia per quanto riguarda la gestione dei rifiuti stessi, si ricordano vari capitoli riferibili alla formazione degli ambiti ottimali A.T.O., sia alle direttive per la riduzione del personale degli enti locali”. “Per essere più chiari, queste direttive si sono susseguite nei vari governi nazionali di diverso colore politico” sottolinea Caporrella”. “L’Amministrazione Comunale di Lanciano, aveva proposto, nel 2008, una Srl in house ma il Consiglio Comunale in riferimento alle normative, decise di utilizzare un Bando per l’assegnazione del servizio raccolta rifiuti. Puntualmente, il settore competente, ha indetto la gara per l’affidamento, espletata nei primi mesi del 2010 e sicuramente entro questo anno la gestione sarà privatizzata. “E’ chiaro, che il sistema di raccolta differenziata ad oggi in vigore, è parte integrante dell’appalto aggiudicato”. “Voglio ricordare, inoltre, che a completamento della predisposizione degli ecopunti si procederà gradualmente alla raccolta porta a porta, anch’essa inserita nel bando sopra citato. “La soddisfazione che l’assessorato esprime” conclude Eugenio Caporrella “è quella di vantare una forte implementazione della raccolta differenziata che si distingue oltre che per la notevole percentuale di crescita anche per la purezza, non a caso la Città di Lanciano è stata riconosciuta come primo Comune “riciclone” nel’area sud Italia per la miglior raccolta degli imballaggi in vetro. “E’ è necessario sottolineare che il Comune di Lanciano ha un impegno finanziario, che in alcuni casi è la metà rispetto ad altri comuni che ottengono orientativamente gli stessi risultati”.

25 agosto 2010 0

Operazione antidroga dei carabinieri, 2 arresti per spaccio di cocaina ed eroina nella provincia teramana

Di admin

Questa mattina, subito dopo l’alba, i Carabinieri del Reparto Operativo di Teramo ed il personale della Compagnia di Alba Adriatica, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere, traendo in arresto due cittadini stranieri, un tunisino ed un marocchino, ritenuti responsabili di una fitta rete di spaccio di cocaina ed eroina nell’intera area nord della provincia. Eseguite anche decine di perquisizioni domiciliari.

Nel corso dell’attività di indagine i militari dell’Arma hanno sequestrato centinaia di grammi di stupefacente ed identificato decine di assuntori, tutti italiani e di diversa età e varia estrazione sociale, segnalati dai Carabinieri al locale Ufficio Territoriale del Governo.

Oggi, nell’eseguire il provvedimento cautelare del GIP del Tribunale Dott.ssa Guendalina BUCCELLA, i Carabinieri del Nucleo Investigativo ed i colleghi della Compagnia di Alba Adriatica, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica D.ssa Greta ALOISI, hanno messo fine ad accertati fatti di vendita e di cessione, di stupefacente di tipo cocaina ed eroina, consumati sull’area nord della provincia, con particolare riferimento ai Comuni di Tortoreto, Alba Adriatica, ma anche Giulianova e Colledara.

La rete delle cessioni, consistita nella detenzione e vendita di quantitativi di sostanza ceduti di volta in volta, che variavano da 1 a 4 grammi circa per ciascun acquirente, era stata posta in essere da un sodalizio composto da almeno tre stranieri, di cui due oggi raggiunti dalla misura coercitiva di custodia in carcere, che si sono resi responsabili di centinaia di episodi di spaccio che, proprio per la frequenza quotidiana in favore di decine di persone, possono concretizzare la particolare aggravante dell’ingente quantitativo.

Le indagini condotte dal giugno scorso dai Carabinieri, caratterizzate da appostamenti, pedinamenti, osservazioni, rapporti filmati e fotografici sugli incontri tra i vari soggetti ed intercettazioni riscontrate mediante il rinvenimento della droga, sequestrata immediatamente dopo che si era verificata la cessione tra acquirenti ed indagati, svolte nei Comuni rivieraschi ed in quello di Colledara, facevano rapidamente individuare il sodalizio di stranieri, che veniva così deferito all’AG.

Gli elementi raccolti dai militari hanno determinato la gravità dei comportamenti delittuosi, proprio per la sistematicità ed il lungo perdurare dell’attività di spaccio in un contesto di concreto pericolo di reiterazione del reato, elementi posti alla base dell’odierna misura di custodia.

In particolare è utile sottolineare come il più anziano degli arrestati di oggi, individuato come capo dell’organizzazione, risulti agli archivi delle Forze dell’Ordine, come soggetto con ben otto alias. Questa è certamente la caratteristica di un elemento dotato di particolare disinvoltura criminale.

Gli arrestati associati al Carcere di Teramo in attesa dell’interrogatorio: OUERGHI KHAMEL, NATO IN TUNISIA NEL 1973 ED IVI RESIDENTE, DI FATTO DOMICILIATO A TORTORETO, CELIBE, NULLAFACENTE, GIA’ PLURI-SEGNALATO PER ANALOGHI MOTIVI; BOUKAROUNE AMINE, NATO IN MAROCCO NEL 1985, RESIDENTE ALBA ADRIATICA, CELIBE, NULLAFACENTE, ANCH’ESSO NON NUOVO A CONDOTTE DELLA MEDESIMA GRAVITA’.

25 agosto 2010 1

Spose sotto le stelle, defilé di abiti da sposa, sposo e cerimonia

Di admin

Dalle scale della Madonna della Libera di Aquino a quelle del palazzo della Provincia di Frosinone, per la prima volta scenario di una sfilata di alta moda. Spose sotto le stelle torna anche quest’anno nel capoluogo ciociaro per diventare “Notte di Moda”, ma sceglie una location diversa: le scalinate dell’edificio che ospita l’amministrazione provinciale, in Piazza Gramsci. Resta immutata l’eleganza e la raffinatezza degli abiti che scenderanno su questa insolita passerella: le creazioni dei più prestigiosi atelier della provincia e non solo. Mariel di Arce, Nozze di Frosinone, Rocco Roda Spose di Ceprano e Serra Sposa di Ceccano. E ci sarà spazio anche per la storia, con la presentazione di alcuni abiti del 1200.

La manifestazione è stata organizzata da Teleuniverso e Banca Popolare del cassinate in collaborazione con R.G. Comunication. Avrà anche il contributo ed il patrocinio della Provincia di Frosinone e del Consiglio Regionale del Lazio.

In passerella scenderanno gli abiti della prossima collezione, per lei, per lui e per gli invitati, ma ci saranno anche suggerimenti per tutto quello che riguarda il giorno del matrimonio: dagli addobbi curati da Fiorilandia di Aquino, alle acconciature di Simona Hair Style. La location per il giorno del matrimonio non può che essere suggestiva come quella offerta dal Ristorante Il Borgo Antico di Ceprano; ad immortalare quei magici momenti ci sarà Carlo Gottaldi, fotografo ufficiale dell’evento. E per arrivare in chiesa si possono noleggiare le auto di Due sposi di Ceprano. Per la lista di nozze ci sono le idee regalo di Euro Casa, a Frosinone, per l’arredo casa Telestar di Aquino.

Ma i protagonisti restano comunque loro, gli abiti. Tutti i momenti della serata, che sarà presentata da Roberto Gagliardi, saranno trasmessi in diretta da Teleuniverso a partire dalle 21,15, ma anche in differita su Tu Donna.

L’appuntamento con l’alta moda è per il 4 settembre, alle 21, sulle scalinate del Palazzo della Provincia di Frosinone.

25 agosto 2010 0

Ciclsimo, conclusa la 34esima edizione del Trofeo Stazi Arreda Gran Premio San Magno

Di admin

Si è celebrato il santo patrono di Anagni (San Magno) ma per l’occasione anche il gradito ritorno di una classica del ciclismo giovanile dopo tre anni di assenza. La 34esima edizione del Trofeo Stazi Arreda Gran Premio San Magno ha registrato l’adesione di 105 giovanissimi in rappresentanza di 15 squadre provenienti da tutto il Lazio che si sono cimentati sul circuito in pieno centro storico di Anagni (Frosinone) lungo 950 metri con partenza ed arrivo in Porta Cerere.

La gara si è aperta con la batteria dei G1 (nati nel 2002) che hanno ripetuto per 1 volta il circuito e che ha registrato i successi delle “matricole” Gianluca Pannone (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) e Patrizia Parravano (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni). Due i giri in programma per la G2 (nati nel 2002) con Luca Marziale (Asaci) e Chiara Liverani (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) che non hanno avuto problemi a distanziare i diretti rivali portacolori del sodalizio casalingo UC Anagni-Cicli Nereggi ovvero Cristiano Margiotti e Francesca Fiorini. Nella G3 (nati nel 2001), che hanno ripetuto per tre volte il circuito, è stata la Garofalo Mobili-Team Nereggi a dominare la scena con i successi dei polivalenti Andrea Spaziani ed Irene Cellini.

Con 5 giri effettuati, nella G4 (nati nel 2000) sono saliti in cattedra l’UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni con il successo di Stefano Ceci e la Garofalo Mobili-Team Nereggi con la vittoria di Francesca Calvario grande protagonista nella parte iniziale di gara.

Sette i giri ripetuti dalla G5 (nati nel 1999) con un generoso Mattia Rotondi (UC Anagni-Cicli Nereggi) andato in fuga con Matteo Serafini (Atletico Uisp Monterotondo). Ma nulla hanno potuto al prodigioso recupero di Valerio Gratissi (Garofalo Mobili-Team Nereggi) che ha annullato in prima persona la fuga dei due atleti anche grazie al lavoro della compagna di squadra M. Francesca Baglione, la migliore in campo femminile. L’ultima batteria della G6 (nati nel 1998) con 10 giri ripetuti è stata quella che ha regalato più emozioni con il “tricolore” Luigi De Filippis (Vigili del Fuoco-Elleci Antares), Alessio Mattacchioni (SC Lariano), Mirko Iafrati (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) e Piergiorgio Cardarilli (UC Anagni-Cicli Nereggi) in fuga e protagonisti di un autentico “surplace” a due giri dalla conclusione. Tutti e quattro quasi fermi al passaggio sotto l’arrivo ricordando quanto fecero Alberto Contador e Andy Schleck all’ultimo Tour de France nella tappa di Ax-3-Domaines.

Dopo il surplace la corsa si è decisa grazie a Cardarilli che all’ultima curva è riuscito a prendere il tempo a Iafrati e a batterlo con una bici di vantaggio. Subito dietro il quartetto maschile anche se non è riuscita ad approfittare del surplace a due giri dalla fine, poteva rientrare in gioco per il podio assoluto finale Francesca Recchia (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) la migliore tra le donne che all’arrivo si è piazzata in quinta posizione.

Presenti nel corso della gara e della cerimonia di premiazione i fratelli Franco e Mimmo Stazi titolari della Stazi Arreda; per il comune di Anagni il sindaco Carlo Noto e l’assessore all’Ambiente Carlo Retarvi

ORDINE D’ARRIVO G1 1°Gianluca Pannone (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 2°Patrizia Parravano (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 3°Simone Quadrini (Asaci) 4°Giuseppe Fiocco (UC ANagni-Cicli Nereggi)[1] 5°Thomas Torricelli (UC Anagni-Cicli Nereggi) 6°Denise Roccarina (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 7°Desiree Roccarina (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 8°Damiano De Santis (Asc Artena-Pedale Apriliano)

ORDINE D’ARRIVO G2 1°Luca Marziale (Asaci) 2°Cristiano Margiotti (UC Anagni-Cicli Nereggi) 3°Lorenzo Vitale (Asaci) 4°Giancarlo Recchia (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 5°Chiara Liverani (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 6°Mattia Di Mauro (UC Anagni-Cicli Nereggi) 7°Matteo Polletta (UC Anagni-Cicli Nereggi) 8°Francesca Fiorini (UC Anagni-Cicli Nereggi) 9°Massimiliano Severa (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi)

ORDINE D’ARRIVO G3 1°Andrea Spaziani (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 2°Antonio Tiberi (UC Anagni-Cicli Nereggi) 3°Samuel Tersigni (Asaci) 4°Irene Cellini (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 5°Elia Viscuso (Capobianchi Cicli Moto Sport) 6°Raissa Spagnolo (Tarquinia Sez.Ciclismo) 7°Emanuele Tolfa (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 8°Jodi Sarracini (Asaci)

ORDINE D’ARRIVO G4 1°Stefano Ceci (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 2°Martin Marcellusi (Tutti a Ruota) 3°Francesco Parravano (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 4°Micheal Antonucci (UC Anagni-Cicli Nereggi) 5°Jodi Passa (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 6°Cristian Quagliozzi (MB Lazio Ecoliri) 7°Daniele Truzzolini (Capobianchi Cicli Moto Sport) 8°Francesca Calvario (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 9°Flavio Magon (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 10°Asia Bellotti (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni)

ORDINE D’ARRIVO G5 1°Valerio Gratissi (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 2°Mattia Rotondi (UC Anagni-Cicli Nereggi) 3°Alessandro Tovo (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 4°Fabio Serafini (Atletico Uisp Monterotondo) 5°Matteo Prata (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 6°Leonardo Marziale (Asaci) 7°Cristian Buttazzo (MB Lazio Ecoliri) 8°Maria Francesca Baglione (Garofalo Mobili-Team Claudio Nereggi) 9°Paolo Rodilossi (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 10°Valentina Greci (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni)

ORDINE D’ARRIVO G6 1°Piergiorgio Cardarilli (UC Anagni-Cicli Nereggi) 2°Mirko Iafrati (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 3°Luigi De Filippis (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 4°Alessio Mattacchioni (SC Lariano) 5°Francesca Recchia (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 6°Mattia Bellotti (UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni) 7°Jacopo Panci (Gavignanese-Team Marco Pantani) 8°Gianmarco Coluzzi (Vigili del Fuoco-Elleci Antares) 9°Matteo Spaziani (UC Anagni-Cicli Nereggi) 10°Maria Laura Tufi (Garofalo Mobili-Team Claudio N [nggallery id=169]

25 agosto 2010 0

Incendio alla Badia, vigili del fuoco a protezione di case e cave

Di redazione

Notte di fuoco ad Esperia, nella frazione Badia. Un rogo, divampato alcuni giorni fa e apparentemente domato, ha ripreso improivvisamente vigore arrivando fino alla zona delle cave estrattive. I vigili del fuoco di Cassino sono dovuti intervenire e porsi a sicurezza di alcune case. Poi, alle prime luci dell’alba, è stato possibile far intervenire gli elicotteri ancincedio del Corpo Forestale che, con diverse decine di lanci di liquido ritardante, sono riusciti a porre l’incendio sotto controllo. Er. Amedei

25 agosto 2010 0

Un esercito di gattini in attesa di essere adottati, via alla campagna “Micio d’ufficio”

Di redazione

Sono quasi quattrocentomila i gatti in cerca di una nuova famiglia ospitati nei circa 1000 rifugi e gattili privati e pubblici italiani, si tratta in prevalenza di cuccioli di gatto e di gatti abbandonati questa estate e raccolti dai volontari che hanno loro trovato un posto dove passare il mese di Agosto (periodo in cui crollano le adozioni dei mici oltre che dei cani). Nei mesi estivi le attenzioni dei media ma anche di molti volontari si concentrano sul fenomeno dell’abbandono dei cani sulle strade ed autostrade italiane, ma nello stesso periodo da anni si ripete un altro fenomeno altrettanto grave: l’abbandono dei gatti ed in particolare delle cucciolate molto spesso destinate a morte sicura. Basta fare un giro in uno dei circa mille rifugi e gattili pubblici e privati per rendersi conto del dramma degli abbandoni estivi dei gatti e delle cucciolate che interessa mediamente 150.000 gatti ogni estate (tanti quanti i cani abbandonati in due anni solari) di questi almeno 100.000 sono cuccioli di gatto e solamente un terzo vengono raccolti dai volontari e portati nei rifugi dove oltre ad essere accolti, vengono sterilizzati, vaccinati e testati prima di essere messi in adozione. Sono moltissimi (oltre 50.000) i gatti adulti abbandonati ed accolti nei rifugi nel periodo maggio-agosto di ogni anno. Anche per loro i volontari effettuano le verifiche sanitarie ed i test sulle malattie contagiose feline prima di essere rimessi in adozione. Il fenomeno dell’abbandono dei gatti pur essendo meno visibile rispetto a quello dei cani (il gatto è un animale più indipendente e che molto spesso riesce in qualche modo ad arrangiarsi nel procurarsi il cibo quotidiano, ed inoltre molti gatti abbandonati si aggregano alle colonie feline) è maggiore numericamente e per questo motivo AIDAA lancia la campagna d’autunno con l’obiettivo di far adottare almeno 100.000 gatti. Tre sono le iniziative che l’associazione animalista metterà in campo nelle prossime settimane. La prima sarà intitolata “Adotta un gattile” con il quale verrà chiesto ai soci di AIDAA e delle altre associazioni di contribuire mensilmente al mantenimento di un gattile o di una colonia felina a loro scelta (anche se verranno date alcune indicazioni dall’Associazione); la seconda iniziativa sarà intitolata “Un gatto in famiglia” e prevede diversi tipi di adozione consapevole; e la terza iniziativa, che sarà anche la prima a prendere il via, sarà “Micio d’Ufficio” che avrà lo scopo di promuovere l’introduzione del gatto negli uffici pubblici e privati. “La nostra sarà una campagna a tutto tondo – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – tre le iniziative programmate che partiranno a breve e che coinvolgeranno almeno un centinaio di gattili in tutta Italia.Obbiettivo far adottare il più alto numero possibile di gatti, ma anche aiutare volontari e gattili nella loro gestione quotidiana. Il fenomeno dell’abbandono dei gatti-continua Croce- è tutt’altro che da sottovalutare, e per questo promuoveremo soprattutto la nascita della figura del micio d’ufficio, un modo come un altro per promuovere l’adozione dei gatti da parte di impiegati, ma non trascureremo nemmeno di promuovere una campagna di sensibilizzazione per l’adozione dei gatti da parte di officine e fabbriche dove ovviamente i gatti possano vivere senza particolari pericoli per la loro incolumità”.

25 agosto 2010 0

Sanità, Tedeschi (Idv): “Confusione nel centro-destra sul DEA di II° livello”

Di redazione

“La diatriba sul DEA di II° livello a Frosinone in corso tra gli esponenti del Centro-destra della nostra Provincia è alquanto singolare. Posto che il confronto non dovrebbe essere a livello provinciale, bensì con il plenipotenziario dei poteri nel settore sanità, il Commissario ad acta Polverini, il fronte con tutti coloro che nel nostro territorio richiedono con forza l’attivazione del DEA di II° livello, dovrebbe essere compatto, unitario e senza sbavature”. E’ il commento del consigliere regionale Anna Maria Tedeschi. Secondo l’esponente dell’Italia dei valori lavorare invece sulle modalità con cui passare alla fase operativa, come propone il Presidente dell’Ordine dei Medici Dott. Cristofari, significa superare diatribe probabilmente strumentali a rapporti di forza interni al centro-destra, per essere propositivi e concreti. “L’equivoco contabile dei Fondi FAS che pure sono stati inseriti nella recente manovra di assestamento del bilancio della Regione, non aiuta però a sondare la reale reperibilità di fondi regionali da destinare alla sanità. Considerata quindi la confusione tra i politici della maggioranza – afferma Tedeschi -, la confusione nei dati di bilancio e la confusione nel piano di riordino della rete ospedaliera, l’unica certezza è che per ora il Commissario ad acta non dà risposte, ma forse non le è chiaro che essere plenipotenziaria non la esime dal dare risposte ai cittadini della Provincia di Frosinone di cui noi Consiglieri Regionali siamo i portavoce ed in quanto tali dovremmo, senza ombra di dubbio, essere concordi nella produzione di un documento unitario con il quale richiedere urgentemente chiarezza e risposte positive per il territorio” conclude il consigliere regionale.