Operai licenziati da Fiat Melfi in tour contro il nuovo contratto metalmeccanici

14 settembre 2010 0 Di redazione

Sono diventati i portacolori della Cgil contro il nuovo contratto nazionale dei lavoratori metalmeccanici. Antonio Lamorte, Giovanni Barozzino, entrambi delegati Fiom, e Marco Pignatelli, i tre operai di Fait Melfi licenziati dall’azienda ma reintegrati dal giudice del lavoro, hanno iniziato un tour tra gli stabilimenti Fiat d’Italia per sensibilizzare i loro colleghi alle problematiche a cui si andrebbe incontro, qualora Federmeccanica mettesse nel cassetto, così come sembra voler fare, il contratto 2008 per attuare da subito quello 2009 sottoscritto solamente con Uilm e Fim. I tre, accompagnati dai dirigenti provinciali della Cgil, oggi, hanno incontrato i lavoratori dello stabilimento Fiat di Cassino al cambio turno delle 14. “Questo contratto Nazionale non è stato sottoposto alla verifica dei lavoratori come avvenuto per quello precedente – Lo ha dichiarato Benedetto Truppa segretario provinciale della Cgil – Inoltre prevede, come una spada di Damocle, la possibilità di deroghe. È uno strumento, questo, che in mano alle aziende è potentissimo e permette di aggirare anche i più elementari diritti dei lavoratori”.
Ermanno Amedei

[nggallery id=176]