Ucciso da un cinghiale, l’animale recide l’arteria del braccio ad un 80enne

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Lara ha detto:

    Meno contestazioni sulla caccia + contenimento e si sarebbe evitato tutto questo!

  2. Cara lara ha detto:

    “Pare che ad ucciderlo sia stato un grosso cinghiale”: PARE!!!!!
    “un insegnante di Ferrazzano, in provincia di Isernia, è stato colpito per errore da un compagno di caccia e, trascinato fuori dal bosco, è comunque spirato poco dopo l’arrivo dei soccorsi. A Casaccia di Cellio, sui monti della Valsesia in provincia di Vercelli, un pensionato è stato colpito alla schiena da due colpi esplosi da un compagno con il quale stava effettuando una battuta di caccia al cinghiale: l’uomo è morto quasi immediatamente”: QUI INVECE NON C’E’ NESSUN PARE PERCHè E’ SICURO CHE I MORTI LI HAN FATTI DUE CACCIATORI. MENO CACCIA E SI SAREBBE EVITATO TUTTO QUESTO

  3. sabrina ha detto:

    tutto falso,sono stati pubblicati fatti non comprovati,l’uomo è morto per altri motivi (incidentali) che sono stati accertati

  4. anna55 ha detto:

    Un tempo la caccia era indispensabile per nutrirsi. Alcuni gruppi etnici di persone vivono ancora come i nostri antenati della preistoria e per loro è comprensibile che debba essere ancora una cosa lecita e normale.
    Noi abbiamo occupato quasi tutto il pianeta ai danni della fauna e della flora. Non ci accontentiamo di espropriare il terreno agli animali selvatici, ma li uccidiamo per puro divertimento. Quante volte una preda viene uccisa e non trovata dal cacciatore e/o dal suo cane da caccia?
    Chi mi legge non appartiene a quei piccoli gruppi ultimi discendenti della preistoria. Chi mi legge appartiene a quel gruppo di persone che si parlono via e mail, via internet, che usa il telefonino perché “la civiltà” gli sta regalando queste e tante altre possibilità.
    Come può definirsi un cittadino “evoluto” quel tizio che va ancora a caccia?
    Gradisco risposte e saluto tutti gli amici degli animali e anche chi è indifferente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *