Sanità, piano Regionale: I posti letto diventano degenza infermieristica e nascono i micro ospedali

1 ottobre 2010 2 Di redazione

«Aprirà entro dicembre il nuovo ospedale di Frosinone” Un impegno personale che il governatore del Lazio ha preso presentando il piano regionale della sanità che prevede 2.800 posti letto convertiti in posti di degenza infermieristica. Mentre sono 24 i micro-ospedali adattati alle esigenze dei territorio. Ogni provincia avrà un Dea di II livello. Un piano, quello presentato oggi al Governo permetterà già da quest’anno di portare il deficit sotto il miliardo con un risarmio di 400 milioni di euro. I 2865 posti letto sotto la lente sono 791 quelli per acuti, 1501 quelli per la riabilitazione e 573 per la lungodegenza, diventeranno un punto di appoggio in cui il paziente potrà essere visitato quotidianamente dal suo medico di base, con assistenza infermieristica permanente e un medico h24 per prendere in carico le emergenze. Le 24 microstrutture diventeranno Ospedali di territorio e offriranno dal pronto soccorso alla guardia medica. Si tratta di Monterotondo, Palombara Sabina, Subiaco, Zagarolo, Anagni, Ceccano, Pontecorvo, Ceprano, Ferentino, Arpino, Isola Liri, Atina, Rocca Priora, Ariccia, Anzio, Sezze, Gaeta, Minturno, Bracciano, Acquapendente, Montefiascone, Ronciglione, Magliano Sabino, Amatrice. Nel piano in visione al Governo, inoltre, previsti in futuro gli ospedali dei Castelli, del Golfo e di Anagni. Le opposizioni insorgono e si parla di desertificazione della sanità.