Giorno: 5 gennaio 2011

5 gennaio 2011 0

Si inceppa il sistema della raccolta rifiuti, insorge l’associazione Cittadini in Azione

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’associazione Cittadini in Azione di Lanciano, presiedeta da Riccardo La Morgia, riceviamo e pubblichiamo E’ di questi giorni la notizia che il Consiglio di Amministrazione della nuova società per azioni, in cui si è trasformata, pochi giorni fa, il Consorzio Comprensoriale dei Rifiuti di Lanciano, sempre guidata dal Dott. Tartaglia e dallo stesso C.d.A., ha dato ulteriore dimostrazione di inefficienza e negligenza. Infatti, l’impianto di pre-trattamento dei rifiuti di Cerratina si è bloccato per il mancato rinnovo dell’Autorizzazione Regionale che scadeva il 31.12.2010, facendo andare in emergenza rifiuti di tutto il comprensorio dei 53 Comuni e i grandi Comuni extra consortili che conferiscono i rifiuti non pre-trattati nella discarica di Cerratina. In realtà, bloccare la discarica di Cerratina significa bloccare i rifiuti di quasi tutto l.Abruzzo. E ciò sta avvenendo per pura negligenza di un Consiglio di Amministrazione appena riconfermato dall’Assemblea dei Sindaci di centro destra, con la desolante compiacenza silenziosa ed assente del Comune di Lanciano. La procedura di rinnovo dell.autorizzazione dell.impianto di pre-trattamento dei rifiuti avrebbe dovuto essere preceduto, ai sensi delle disposizioni di legge, dalla Valutazione di Assoggetabilità Ambientale (V.A.A.) che richiede un congruo tempo burocratico per essere svolta. Certo, Tartaglia non poteva ricordarsi del rinnovo dell.autorizzazione solo al 31.12.2010, ovvero il giorno della scadenza, mettendo a repentaglio l.intero servizio di smaltimento rifiuti del Comprensorio Frenano e della Regione. Ma forse lo stesso Presidente, in questi ultimi tempi, è stato troppo indaffarato a preparare la trasformazione in s.p.a del Consorzio Rifiuti di Lanciano ed a celare le numerose illegittimità riscontrate in sede assembleare per l’approvazione della medesima, per potersi ricordare di una banale ricorrenza come quella di un semplice rinnovo di autorizzazione dell’impianto di pre-trattamento !! Ma queste sono solo piccolezze. Basti pensare che in un solo anno questo C.d.A. presieduto da Tartaglia ci sta portando dritti sparati verso una irreversibile situazione di emergenza rifiuti, per incapacità di saper attuare le già avviate iniziative compensative ed impiantistiche che ci avrebbero preservato da tale nefasto evento emergenziale, consentendo all.attuale discarica di Cerratina una durata molto lunga, con grande soddisfazione per la salvaguardia ambientale che ne deriverebbe e senza aggravi di spese per i cittadini. Non è con la silenziosa e dubbiosa assenza del Comune di Lanciano all’Assemblea del 28.12.2010 che si combatte l’illegittimità e l’inefficienza, ma, piuttosto, con una doverosa presa di posizione in difesa degli interessi della città e dei cittadini che si rappresenta. Non possiamo sperare sempre sull’intervento del Governatore Chiodi che, by-passando la procedura di legge, è in procinto di emettere una ordinanza di autorizzazione all’utilizzo dell’impianto di pre-trattamento, con l.intento di colmare l.inefficienza e l’inadeguatezza di questo C.d.A. dei Rifiuti. Dobbiamo, quindi, suggerire allo stimato Sindaco di Lanciano ed agli altri Sindaci del Comprensorio Frentano che questo forse è il momento di chiedere la revoca di questo c.d.a. inefficiente e negligente che mette a repentaglio il funzionamento dei servizi da erogare ai cittadini e la legittimità della trasformazione del Consorzio Rifiuti in s.p.a., sottratta alla valutazione e decisione dei Consigli Comunali. Sarebbe, questo gesto, un modo tangibile per dimostrare l.uscita da un desolante quadro di sudditanza politica che certamente il Comprensorio e, in particolare, la città di Lanciano, non possono più tollerare !! Questa Politica della inefficienza e della incompetenza, tiene lontani sempre più i cittadini che, ogni giorno di più, sono soli a lottare contro i disservizi ed i rincari ingiustificati causati, come in questo caso, dagli immotivati aumenti delle indennità di questo C.d.A.

5 gennaio 2011 0

Stracchino color marrone, scattano i sequestri

Di redazione

La mozzarella blu non fa più notizia, lo stracchino marrone si. Questa mattina un 40enne di Vico nel Lazio (Fr) ha portato nella caserma dei carabinieri di Alatri, due confezioni di stracchino marca “Land”, acquistate ieri presso un supermercato della zona. Aprendo la confezione era eviente la colorazione marrone del prodotto caseario. I controlli eseguiti dai militari, unitamente a personale dell’A.S.L. – Servizio Veterinario di Alatri, hanno consentito di rinvenire, presso il supermercato in questione, altre tre confezioni di latticini della stessa marca e lotto di produzione. Tutta la merce, quindi, è stata sequestrata e consegnata alla A.S.L. per le conseguenti analisi di laboratorio.

5 gennaio 2011 0

Traffico di uomini: sette afghani “spuntano” al casello dell’A14, forse chiederanno asilo politico

Di redazione

Alle 23 di ieri, a Roseto degli Abruzzi, i carabinieri della locale stazione nel corso di un servizio di pattuglia controllavano nei pressi dell’uscita autostradale A/14 hanno individuato sette cittadini afghani, tutti ivi residenti, senza fissa dimora e sprovvisti dei documenti di soggiorno. Questa mattina gli stranieri sono stati tutti fotosegnalati e accompagnati presso l’ufficio immigrazione della questura di Teramo per i provvedimenti di competenza. Non si esclude che gli stessi possano chiedere asilo politico in italia. Indagini in corso per ricostruire il tragitto fatto ed idividuare i barbari trafficanti di uomini.

5 gennaio 2011 0

Proteste contro chiusura dell’ospedale. Tre denunce per occupazione dell’A1

Di redazione

“Sono sereno e tranquillo poiché ritengo di non aver commesso alcun reato”. Si esprime così Gianluca Narducci, delegato alla sanità, uno dei tre dimostranti che in questi giorni ha ricevuto la denuncia in merito all’occupazione dell’autostrada lo scorso 18 settembre durante una protesta in difesa dell’ospedale ‘Pasquale Del Prete’. E’ stato contattato l’avvocato Emanuele Carbone che si è reso disponibile a difendere le persone denunciate per la manifestazione, spontanea e pacifica, lo scorso settembre contro la chiusura dell’ospedale pontecorvese”. “Ringrazio tutti i colleghi dell’amministrazione e il sindaco che hanno espresso solidarietà nei confronti dei colpiti da queste denunce. Sono sereno e tranquillo poiché ritengo di non aver commesso alcun reato e continuerò a lottare contro la chiusura dell’ospedale in modo legale e senza trasgredire la legge così come anche l’amministrazione sta proseguendo con il ricorso al TAR. Infatti il 17 dicembre è stato deliberato l’incarico ad un noto legale di Roma per andare avanti con le vie legali. Stiamo solo difendendo il nostro diritto alla salute perché non siamo cittadini di serie B”.

5 gennaio 2011 0

Allarme Beta Hch, 130 capre e 300 pecore sequestrate nei pressi del fiume Sacco

Di redazione

L’allarme inquinamento ambientale è sempre alto tra Anagni e Ceccano, lungo il corso del fiume Sacco. Controlli svolti dai carabinieri di Frosinone al comando del colonnello Menga, e dal personale del Servizio Veterinario Distretto B di Frosinone, “Area Sanità Animale” e “Area Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche” hanno individuato in un allevamento in via Anime Sante a Ceccano, un capo contaminato da Beta-Esaclorocicloesano (Beta-Hch), un inquinante ambientale a elevate persistenza e tossicità. I prelievi da esaminare sono statti effettuati a metà dicembre 2010 nell’azienda situata in prossimità del famigerato ed inquinatissimo fiume Sacco; in un caso i risultati hanno avuto esito positivo e, per questo, si è proceduto con il sequestro cautelare dell’intero gregge, composto da 130 capre e 300 pecore di proprietà di C.F. di anni 55, residente ad Alatri. Ma non è finità qui. Un familiare della proprietaria, T.G. di 63 anni, è stato denunciato per simulazione di reato. L’uomo, infatti, pochi giorni prima del controllo, aveva denunciato ai carabinieri il furto di 300 capi di bestiame. Indagini svolte dai militari hanno permesso di accertare che quanto denunciato era falso. Lo stesso è stato denunciato anche per “macellazione abusiva” realizzata all’interno della stessa azienda.

5 gennaio 2011 0

Nuovo anno, vecchie (e pericolose) abitudini: ritirate quattro patenti di guida

Di redazione

Un fenomeno che non vede calo, quello della guida in stato di ebbrezza e che incide sempre di più sulla sicurezza stradale. Nell’avvio di questo nuovo anno i militari dell’Arma del Comando Provinciale di Isernia hanno già ritirato quattro patenti di guida ad altrettanti automobilisti, tra cui uno coinvolto – a riprova di quanto appena detto – in un sinistro stradale per fortuna senza conseguenze drammatiche. I quattro utenti della strada, tra cui anche una giovane donna, sono risultati ai controlli con l’etilometro con parametri di sostanze alcoliche nel sangue superiori a quelli previsti dal Codice della Strada, per cui i militari non hanno potuto fare a meno di verbalizzare gli esiti ed inoltrare rapporto alla competente Autorità Giudiziaria, provvedendo contestualmente all’applicazione della sanzione accessoria del rito della patente di guida ed all’affidamento a terzi delle autovettura condotte. Siamo ad inizio dell’anno ed è forse doveroso rammentare che la sicurezza stradale è un bene che incide notevolmente sulla qualità della vita e sui costi sociali derivanti dai sinistri e che va accresciuta con comportamenti rispettosi delle norme del Codice della strada e da stili di vita che devono assurgere a veri protocolli, dall’uso delle cinture di sicurezza, al divieto di assunzione di sostanze alcoliche e stupefacenti prima di mettersi alla guida, nei controlli della vista per accertare eventuali deficit e quei minimi controlli di sicurezza agli autoveicoli (pressione ed usura gomme, stato d‘uso dei freni, luci ecc.).

5 gennaio 2011 0

Serrone aspetta l’arrivo della Befana in… parapendio

Di redazione

Grande attesa a Serrone per l’arrivo della Befana previsto per domani. Si inizia alle 10.30 con la Santa messa in località Pianillo a La Forma concelebrata dai parroci delle parrocchie di San Pietro Apostolo e Sacro Cuore di Gesù, al termine della quale grandi e piccini volgeranno il naso verso l’alto in attesa dell’arrivo della Befana in parapendio. Alle 15.30, in piazza Fulli, arrivo dei Re Magi – con zampognari al seguito – con deposizione della capanna di oro, incenso e mirra, seguito dalla celebrazione della Santa Messa. Nel corso della celebrazione religiosa si esibirà lo straordinario Coro di San Francisco – Golden gate Bell Ringers And Boys Choir- diretto da Padre Fernando; il coro di campanari che farà ascoltare i loro brani canori accompagnati da campane di varie grandezze. I ragazzi e il loro maestro arriveranno a Serrone, certamente con un gruppo rinnovato e con le loro 60 campane e bisseranno la grande esibizione che, quattro anni fa, riscosse enorme successo, nonostante il gelo che meravigliò gli stessi ragazzi americani che non si aspettavano di trovare tutto questo freddo. Quest’anno i coristi troveranno una chiesa più accogliente, appena restaurata (lavori per circa 800.000 euro) e il solito calore della gente di Serrone. Quindi si preannuncia una bella serata musicale di straordinaria musicalità. Dopo la messa, in piazza Fulli, la serata prosegue con i suonatori di cornamuse galiziane. E’ fissata invece per l’8 gennaio, in piazza Fulli, l’estrazione della lotteria del Natale con venti premi in palio. Durante la manifestazione sarà possibile degustare del buon Cesanese e la prelibata ciambella serronese. Ultimissimi giorni, per chi non l’avesse ancora visto, per ammirare il suggestivo Presepe Etnografico a Grandezza Naturale di Serrone, allestito lungo la bellissima scalinata del centro storico, nelle piazzette e nei vicoli del borgo antico che sta per compiere i suoi primi mille anni di vita (1076). Un presepe particolarmente apprezzato anche da Piero Isola, il seminarista che da più di qualche anno vive a Serrone, le cui origini californiane lo fanno amico del direttore del coro dei campanari.

5 gennaio 2011 0

Equitalia: a Frosinone 7 mila richieste per rateizzare 67 milioni

Di redazione

“Sono state più di 68 mila, per un importo che ha superato gli 800 milioni di euro, le rateazioni concesse nel 2010 – dichiara Giovanbattista Sabia, direttore generale di Equitalia Gerit – e il 70,5% delle dilazioni di pagamento si riferiscono a debiti fino a 5 mila euro per i quali non c’è bisogno di documenti giustificativi, e nella maggior parte dei casi sono riconducibili a persone fisiche. Legato a questi numeri abbiamo registrato un calo significativo delle procedure cautelari”. È questo il primo dato sulle attività e gli interventi messi in campo da Equitalia Gerit, Agente della riscossione per il Lazio e le tre province toscane di Grosseto, Livorno e Siena, nell’anno appena finito, per rendere migliore e più semplice il rapporto tra cittadini e fisco. “Com’era prevedibile, – conclude il direttore generale – “la parte del leone l’ha fatta Roma con oltre mezzo miliardo di euro rateizzato a fronte di 36 mila domande, sul secondo gradino del podio, ma a debita distanza, troviamo la provincia di Latina con un importo rateizzato di quasi 72 milioni di euro e 8.200 domande accolte, al terzo posto si piazza Frosinone con 67 milioni di euro e oltre 7 mila richieste”. I numeri delle altre province di competenza di Equitalia Gerit sono: Livorno con 5.200 rateazioni concesse, Viterbo con 4.600, Grosseto e Rieti con 2.100. Fanalino di coda Siena con un importo che supera di poco gli 11 milioni, a fronte di 2 mila rateazioni. “Sono tanti, però, gli interventi messi in atto per facilitare l’adempimento degli obblighi fiscali e contribuire al contrasto dell’evasione tributaria e contributiva e al cambiamento della cultura fiscale” – aggiunge l’amministratore delegato di Equitalia Gerit, Gaetano Mangiafico – “Tra questi, nel tirare un bilancio di fine anno, oltre ad un collegamento più funzionale con l’Agenzia delle entrate e con l’Inps, inserirei l’apertura dei nuovi sportelli ad Anagni, Sora e Roma Nord che hanno portato a 6 quelli presenti a Roma e a 52 il totale per tutte le province di competenza, migliorando e razionalizzando la presenza sul territorio per meglio far fronte ad un afflusso di contribuenti che, nel 2009, ha toccato le 45 mila presenze medie mensili”. Nella direzione di un nuovo rapporto con i contribuenti va anche l’aver dotato Equitalia Gerit di un contact center in grado di fornire, ogni mese, a oltre 70 mila cittadini che chiamano il numero verde gratuito 800.422.687, attivo tutti i giorni feriali dalle 8 alle 18 con operatore e 24 ore su 24 con risponditore automatico, risposte e informazioni e lo spostamento in locali più ampi, funzionali ed efficienti delle sedi di Colleferro, L’Aquila, Latina e Rieti oltre al restyling dello sportello di Tarquinia, l’apertura di punti informativi a San Giorgio a Liri e a Viterbo presso l’Agenzia delle Entrate nonché l’apertura della postazione Inps all’interno dello sportello di L’Aquila. “Ci sono, poi, altre due iniziative che credo rappresentino un valore aggiunto per tutto il Gruppo” – conclude l’amministratore delegato di Equitalia Gerit – “La prima riguarda il sistema informatico che metterà in comunicazione Equitalia, Giudice di pace, Tribunale, Comune e Prefettura rendendo possibile lo scambio veloce dei dati, compresa la conoscenza dell’iter del ricorso e le sue conclusioni. Progetto che è entrato nella fase del pronti al servizio, dopo il superamento del collaudo. La seconda iniziativa concerne gli oltre 1.300 appuntamenti pomeridiani prenotati da cittadini della Capitale che, avendo difficoltà a recarsi presso i nostri sportelli la mattina, grazie al servizio “Prenotazione appuntamenti”, lanciato dieci mesi fa in via sperimentale, hanno ricevuto consulenza e assistenza da personale altamente qualificato di Equitalia Gerit. I contribuenti che hanno risolto o chiarito la loro posizione già al primo incontro sono più del 62% del totale di coloro che hanno prenotato un appuntamento”.

5 gennaio 2011 0

“Natale a Mignano”, il cartellone degli appuntamenti fa soddisfatti amministratori e cittadini

Di redazione

In attesa della conclusione del programma del “Natale a Mignano”, previsto per le ore 20.00 di questa sera con il Concerto del coro di Mignano e Caspoli presso la Chiesa S. Maria Grande in Mignano Monte Lungo, l’Amministrazione Comunale ringrazia tutta la comunità per la calorosa partecipazione al calendario degli eventi. Positiva la risposta, sia di pubblico che di critica sulla stampa locale, per gli appuntamenti letterari organizzati nell’Auditorium Comunale in Piazza Martiri: giovedi 23 dicembre si è svolta la presentazione di “Incontri e scontri”, secondo libro dell’autrice Katia Rinaldi, a cui è seguito il concerto classico dell’Orchestra Magiara diretta da Giuseppe Carannante; martedí 28 dicembre 2010 è stato invece presentato il romanzo “Ritorno a Cesaronica” di Angela Cortellessa, con interventi del Sindaco Roberto Campanile, di Amerigo Iannacone, scrittore ed editore, e di Aldo Cervo, scrittore e prefatore del libro; di elevata qualità artistica anche lo spettacolo offerto da Piero Pellecchia e Rossella Vendemia, rispettivamente al clarinetto e al pianoforte, che si sono esibiti insieme al tenore Enzo Errico e al soprano Gloria Vardaci nel Recital Lirico-strumentale “L’incanto del Natale”. Oltre all’arte e alla cultura, il calendario del “Natale a Mignano” ha riservato spazio all’intrattenimento per la famiglia e al divertimento per i giovani. Entusiastica la partecipazione al gran veglione di Capodanno presso la struttura del Pala Monte Lungo, che per l’ultima notte dell’anno si è accesa di luci e musica per accogliere migliaia di giovani della provincia, accorsi per festeggiare gratuitamente l’arrivo del 2011; il nuovo anno è poi iniziato come si era concluso il vecchio, grazie alla presenza di un mattatore come Pippo Pelo da Radio Kiss Kiss. Accompagnato dai fedeli Gigi&Ross e dalla loro galleria di imitazioni, il celebre speaker ha risposto alle attese degli spettatori – tutto esaurito il 2 gennaio al Pala Monte Lungo per il Pelo e Contropelo Live – regalando due ore di simpatia e sferzante ironia. Si ringraziano dunque gli organizzatori dei suddetti eventi che con passione e professionalità hanno reso speciali le festività natalizie a Mignano Monte Lungo, ma soprattutto gli stessi cittadini che non hanno fatto mancare il sostegno alle numerose iniziative, rendendo il bilancio della manifestazione più che positivo e rilanciando la domanda di nuovi appuntamenti anche per il 2011.