Serial killer dei gatti, l’Aidaa disegna l’identikit dell’assassina di 120 mici

13 marzo 2011 0 Di redazione

E’ una donna di circa 50 anni residente nella zona la serial killer responsabile della morte di quasi 120 cuccioli di gatti a Cassinetta di Lugagnano. La ricostruzione dell’identikit e la certezza dell’identità della persona responsabile della strage dei micini è stata possibile grazie alle telefonate giunte all’associazione italiana difesa animali ed ambiente nella giornata di oggi che in almeno 7 casi indicavano nella donna la responsabile dell’eccidio dei mici uccisi nell’arco di due anni. Inoltre quattro segnalazioni contenevano elementi tali da far risalire senza ombra di dubbio alla donna che nel corso di questi anni in diverse occasioni (l’ultima nei giorni scorsi) avrebbe sottratto intere cucciolate di gattini appena nati e li avrebbe rinchiusi in sacchetti di plastica posizionandoli nelle adiacenze del cancello di ingresso di una villa della zona di via Barbaiano a pochi passi da dove vive una colonia stanziale di gatti. AIDAA aveva messo a disposizione una taglia di 6.000 euro per aiutare l’individuazione del serial killer dei mici, nessuno dei segnalatori ha però chiesto di poter intascare la taglia. “Ora stiamo facendo le ultime verifiche e gli ultimi accertamenti incrociati ma siamo certi di aver individuato la responsabile di questo massacro – ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA – e quello che al momento ci preme è evitare che questo fatto possa ripetersi, quindi domani decideremo insieme ai legali il percorso da seguire sia nei confronti della donna responsabile di questo eccidio, sia anche per la messa in sicurezza della colonia felina partendo dalla sterilizzazione delle gatte femmine presenti. E ci confronteremo con chi di dovere per evitare che questa donna possa ripetere simili orrori”.