Dopoterremoto in Abruzzo, Ancora riconoscimenti per l’impegno dei soccorritori

23 maggio 2011 0 Di redazione

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha consegnato oggi a Roma ai rappresentanti di ENEL la medaglia d’oro per l’impegno nell’emergenza terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, un riconoscimento sancito dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 ottobre 2010 per i corpi, gli enti e i soggetti che hanno prestato soccorso nel post sisma.
A ricevere il riconoscimento dell’impegno dell’Ente nazionale dell’energia elettrica nelle zone colpite dal sisma, Eugenio Di Marino e Gianluigi Fioriti, rispettivamente responsabili di Ingegneria e Unificazione per ENEL e Macro-Area Centro per “ENEL Distribuzione”.
Enel, che fa parte del Comitato operativo del Sistema di Protezione civile nazionale, in Abruzzo sin dalle ore immediatamente successive al terremoto ha effettuato fino a 50 interventi al giorno, con oltre 200 dipendenti impegnati quotidianamente.
Grande anche lo sforzo in termini di materiali: sono stati utilizzati 44 gruppi elettrogeni, 8 torri faro, 95 automezzi e 35 cabine elettriche mobili. Tutti i lavori hanno sempre visto la massima collaborazione con Enti e Istituzioni nazionali e locali. Costante, inoltre, è stato l’impegno nella realizzazione delle tendopoli durante la primissima fase dell’emergenza, nell’organizzazione del vertice G8 e nella costruzione degli edifici dei progetti CASE e MAP, dove Enel ha portato la luce a oltre 15.000 abruzzesi.