Quindici associazioni di protezione civile per esercitari ad intervenire in caso di calamità

31 maggio 2011 0 Di redazione

Tutto pronto a Sora per “Liri Sar 2011 – Orienteering”, l’esercitazione dei volontari quest’anno promossa dalla Protezione Civile di Sora. Dopo il successo organizzativo dell’Associazione Umanize Organization ed i risultati ottenuti con “Liri S.A.R. 2010” a San Giovanni Incarico, l’edizione 2011 è dedicata interamente alla gestione della logistica delle operazioni di ricerca e salvataggio nelle emergenze. S.A.R., acronimo di Search and Rescue ovvero ricerca e salvataggio (come da convenzione internazionale in materia di soccorso in ambienti ostili) testa le capacità d’intervento attinenti al soccorso. L’evento si svolgerà sotto il patrocinio della Presidenza della Regione Lazio, Provincia di Frosinone e il Comune di Sora.
“Liri S.A.R.” prenderà il via il 3 giugno e terminerà il 5 giugno. Le associazioni coinvolte (in tutto quindici), che quotidianamente s’impegnano a livello territoriale per la tutela dei cittadini, saranno impegnate con dimostrazioni pratiche. La tendopoli dimostrativa sarà allestita presso il centro culturale “San Luigi Gonzaga”, in Via Agnone Maggiore, dove il 4 Giugno alle ore 16.00 si terrà anche un meeting dedicato alla prevenzione sismica ed alla conoscenza degli aspetti psicologici dell’emergenza dal titolo “La Protezione Civile e la gestione delle emergenze”. Oltre ai volontari potranno prendervi parte tutti i cittadini. Si confronteranno esperti del settore: interverranno il dott. Gaetano De Luca (fisico-sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – Centro Nazionale Terremoti) che parlerà del monitoraggio sismico a scala nazionale e regionale; dott. Alberto Frepoli (geologo-sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – Centro Nazionale Terremoti) che relazionerà sulla sismicità storica e strumentale nella Provincia di Frosinone e dei progetti sull’educazione al rischio sismico: Edurisk; dott. Christian Del Pinto (geofisico sismologo) che racconterà l’esperienza in Regione Molise sulla prevenzione sismica in accordo con gli enti locali. L’aspetto psicologico sarà affrontato dalla dott.ssa Floriana De Michele (Psicologa psicoterapeuta c/o Consultorio familiare di Civitella Roveto (Aq) Fondatrice “Psich’è” Gruppo di Psicoterapia Psicoanalitica, Volontaria Protezione Civile di Avezzano), in modo particolare si soffermerà sul trattamento psicologico e disturbo post traumatico; la dott.ssa Rita Battista (Psicologa dell’ Associazione Counselling e Cultura di Frosinone) parlerà della “Psicologia dell’emergenza: dalla parte del soccorritore”.
Momento storico di riferimento dell’evento il tragico scenario del sisma che colpì Avezzano nel gennaio 1915 che provocò 30mila vittime. La magnitudo massima registrata all’epicentro fu 7.0 Richter. La catastrofe suscitò un interesse ben più vasto dell’ambito regionale, trasformandosi in un avvenimento di rilievo storico nazionale: basti pensare che nelle vicende del terremoto furono coinvolti personaggi come Nazario Sauro, giunto con altri irredentisti in soccorso delle popolazioni colpite, il principe Torlonia, artefice del prosciugamento del Lago del Fucino, Benedetto Croce, Gabriele D’Annunzio, Don Luigi Orione. Altro scenario sul quale si baserà l’esercitazione è sicuramente la minaccia d’esondazione del Fiume Liri, emergenza già testata dai volontari nei mesi scorsi.
Sabato mattina (4 giugno) saranno coinvolte anche le scuole: alle ore 9.00 sarà simulata la registrazione di una calamità a carattere locale che prevedrà l’evacuazione del complesso scolastico “Giuseppe Rosati”.
“L’esercitazione – ha ricordato il presidente della “Protezione civile Sora”, Giovanni Paolucci – è uno strumento prezioso attraverso il quale è possibile testare l’efficacia e la validità di un modello di intervento per fronteggiare una grande emergenza. Invito tutti i cittadini a prendere parte all’evento per conoscere più da vicino l’impegno dei volontari”.