Batterio killer: iniziativa anti-panico della Coldiretti Latina

6 giugno 2011 0 Di admin

Cetrioli pontini, insieme all’intera gamma della verdura rigorosamente locale, freschi, di stagione e a chilometri zero saranno offerti domani mattina, martedì 7 giugno 2011, alle ore 11.30, dinanzi l’ingresso del M.o.f. di Fondi.
Ad organizzare la manifestazione la Coldiretti di Latina che torna ad evidenziare la grave crisi del settore a causa della psicosi causata dall’allarmismo legato alle ormai arcinote notizie sul batterio killer. “L’obiettivo – ha detto Saverio Viola, direttore della Coldiretti di Latina – è quello di rilanciare il settore ortofrutticolo pontino dopo le enormi perdite per gli agricoltori stimate, in solo una settimana, in diverse centinaia di migliaia di euro. Saranno gli stessi produttori a spiegare i metodi di produzione e i controlli ai quali sono sottoposti i propri prodotti prima di arrivare alla vendita. Un’iniziativa anti-panico, insomma, con la quale vogliamo ridare dignità e giustizia agli agricoltori e tranquillità ai consumatori”.
Alla manifestazione sono stati invitate moltissime autorità del territorio della provincia di Latina. “Abbiamo ritenuto opportuno – ha detto il presidente della Coldiretti di Latina, Daniela Santori – coinvolgere i rappresentanti delle istituzioni invitando l’assessore regionale all’agricoltura Birindelli, l’assessore regionale Zappalà, i consiglieri regionali eletti nella nostra provincia, il presidente della Provincia, l’assessore provinciale all’agricoltura, il presidente della Camera di Commercio di Latina, il sindaco di Latina insieme a tutti i primi cittadini dei comuni dove insistono produzioni di ortaggi”. L’unica cosa certa e verificabile – hanno sottolineato Massimo Gargano e Aldo Mattia, presidente e direttore della Coldiretti del Lazio che saranno a Fondi – è il danno economico per i produttori agricoli a causa di questa psicosi davvero ingiustificata provocata dal rincorrersi  di notizie contraddittorie che spesso si rivelano infondate sull’epidemia di Escherichia Coli. Per questo è necessario avviare campagne di informazione con iniziative anti-panico con prodotti che non subiscono intermediazioni e manipolazioni.
“Proprio in coincidenza con la nostra iniziativa – ha concluso Viola – la Commissione europea ha convocato una riunione straordinaria del Comitato di gestione allo scopo di discutere le misure per affrontare la crisi nel settore ortofrutticolo in conseguenza della psicosi nei consumi determinata in Europa dall’epidemia di Escherichia Coli. Come Coldiretti, grazie al nostro presidente nazionale, Sergio Marini, abbiamo chiesto risarcimenti alle competenti autorità europee per i danni economici subiti ingiustamente dai produttori di frutta e verdura nazionali a causa per il crollo dei consumi provocati dalla diffusione  di notizie risultate infondate, come hanno fatto anche Spagna e Portogallo.L’incertezza sta avendo effetti devastanti sui mercati poiché oltre un cittadino su tre (35 per cento) evita di acquistare i prodotti di cui ha sentito parlare nell’ambito di una emergenza relativa alla sicurezza alimentare.Le Cooperative aderenti ad Unci Coldiretti Latina, che operano nell’agro pontino e fondano, ogni giorno mandano al macero oltre 2.000 quintali di soli cetrioli”.