La rotatoria delle polemiche, cosa fare dell’opera pubblica di via XX Settembre?

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. antonio ha detto:

    I soldi spesi per la realizzazione dellarotatoria in questione dovrebbero essere addebitati agli amministratori e a chi ha realizzato il progetto, e, a mio avviso, anche quelli che si spenderanno per, si spera, disfarsene. Non c’è spazio, le due corsie di viale enrico de nicola si riducono a una, se non mezza, per l’immissione nella rotonda, quindi ci si trova spesso in situazioni imbarazzanti quando ad immettersi nella rotonda si è con due auto sulle due corsie (passa prima il più furbo?). E poi il diritto di precedenza lo ha chi viwene dalle strade laterali. Applauso a chi l’ha progettata e chi l’ha approvata

  2. roberto ha detto:

    Chi ha fatto costruire quella rotatoria, non ne capisce niente, ancora meno capisce l’ing (sarà ingegnere solo sulla carta) che l’ha progettata, l’unica cosa che hanno capito entrambi e che se quella rotatoria veniva fatto c’era da mangià soldi…altrimenti non si spiega a che c…. serve!

  3. Lorenzo ha detto:

    CONCORDO CON ANTONIO!!!!..FACCIAMOLA PAGARE A BORCHIA E COMPANY!!!!!!

  4. antonio luciano ha detto:

    in campagna elettorale abbiamo gridato che “LA ROTONDA NON CI PIACE” CHE SI SBRIGASSERO A TOGLIERLA DI MEZZO REISERENDO IL SEMAFORO E LA DOPPIA CORSIA DAVANTI LA FARMACIA RICCIUTI.Forza Peppino dai un segnale di novità che verrà certamente apprezzato dai cittadini.

  5. Willy ha detto:

    Meglio riprogettare (e modificare) la rotatoria che rimettere il semaforo. Proporrei anche di modificare tutte le vie di Cassino in sensi unici (ben definiti), se non tutte le vie, almeno quelle strette e maggiormente trafficate.

  6. Faber ha detto:

    Io credo che, a prescindere dalle dimensioni e dai palesi errori di progettazione, una rotatoria in quel posto non serva proprio a nulla se non a congestionare ulteriormente il traffico della zona. La vecchia soluzione del semaforo rimane di certo la più valida. La rotatoria è servita come molte altre “opere (?)” pubbliche, ad ingrassare le tasche dei privati a scapito di quelle comunali. Trovo interessante la proposta dei sensi unici in molte arterie della città ma mi sembra che tra i cassinati serpeggi una maleducazione stradale tale da vanificare ogni possibile miglioria. Proporrei al buon Peppino Petrarcone di rimettere per strada i tanti vigili urbani e sanzionare a dovere i contravventori…le casse comunali ringrazieranno!

  7. patrizia ha detto:

    Vabbè….non facciamo di questa cosa una polemica politica……..destra o ‘sinistra non cambia nulla…..c’è il buono e il meno buono con entrambi…..che la rotonda sia una cosa inguardabile e invivibile è assodato……ma dubito che questa nuova amministrazione possa risolvere a breve questo problema….non per mancanza di capacità, semplicemente sono amministratori come lo erano quelli andati via.

  8. UMBERTO ha detto:

    SENZA RIPETERMI, dico che concordo in toto (maleducazione stradale dei cassinati) con Faber.
    basta vedere in qualsiasi ora incrocio Via E. De Nicola-Via Bari, Corso della Repubblica-Via Verdi, rotatoria largo Dante.
    A quando l’intervento dei vigili urbani???????

  9. patrizia ha detto:

    Seeeeeeeeeeeeeeeeee….i vigili urbani………e chi sono? perchè il comune di Cassino ne ha ancora……???

  10. Lorenzo ha detto:

    a Faber e Umberto…quello che dite sulla maleducazione dei cassinati al volante è certo (almeno in parte) ma quelle strade (Via verdi e Via Bari) in qualsiasi altra città sarebbero a senso unico… o por lo meno si dovrebbe permettere il parcheggio solo a uno dei due lati…

  11. UMBERTO ha detto:

    la rotatoria in oggetto non è nè da modificare nè da riprogettare, è SEMPLICEMENTE DA ELIMINARE.
    Una rotatoria x essere utile allo scopo HA BISOGNO DI AMPI SPAZI altrimenti crea solo…………………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *