Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri: i risultati di un riuscito coordinamento

1 ottobre 2011 0 Di admin

E’ scattata già dalle prime ore del pomeriggio ed è proseguita per tutta la notte l’ “Operazione Sicurezza” che ha visto scendere in campo 15 pattuglie della Polizia di Stato, personale della Polizia Amministrativa e Sociale, della Divisione Anticrimine, della Squadra Mobile, pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine e uomini dell’Arma dei Carabinieri.

Tutto è stato pianificato nei giorni scorsi secondo le direttive del Questore Giuseppe De Matteis da sempre impegnato nell’affermazione della sicurezza reale, cioè una sicurezza veramente percepita in ambito personale e familiare dai cittadini.

Dopo un’attenta analisi dei fenomeni criminali presenti sul territorio sono stati individuati gli obiettivi da perseguire per un’efficace azione di prevenzione che ha consentito nella giornata di ieri di registrare l’azzeramento di qualsivoglia tipo di reato.

La Polizia di Stato impegnata sul territorio del capoluogo ha effettuato 7 controlli ad esercizi commerciali particolarmente frequentati soprattutto nelle ore serali identificando tutti gli avventori e procedendo alla verifica del possesso delle previste autorizzazioni.

Posti di controllo sono stati organizzati lungo le principali strade cittadine a maggiore densità veicolare dove sono stati controllati 53 veicoli e 142 persone ed elevate 15 contravvenzioni al Codice della Strada.

L’operazione è proseguita poi con una mirata attività antiprostituzione lungo lo stradone ASI.

Tutte le lucciole sono state controllate: due cittadine rumene ed un italiano sono stati denunciati per inosservanza al Foglio di Via Obbligatorio.

Due ragazze polacche sono state sanzionate per inosservanza dell’ordinanza antiprostituzione emessa dal comune di Ferentino.

Diversi servizi in borghese effettuati dal personale della Squadra Mobile e della Divisione Anticrimine.

Proprio in tale contesto sono state eseguite 5 perquisizioni domiciliari che hanno consentito di rinvenire e sequestrare una carabina ad aria compressa e denunciarne il proprietario per detenzione abusiva.

E’ stato infine rintracciato un ventiseienne di origine francese che da giorni era scomparso dalla propria abitazione riuscendo così ad informare, attraverso i collaterali organi francesi, la famiglia di origine.

L’operazione appena condotta testimonia il grande spirito collaborativo tra Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri impegnate nel comune intento di realizzare sempre più elevati livelli di sicurezza.