Giorno: 28 marzo 2012

28 marzo 2012 0

Scompare nel nulla, parenti e carabinieri sulle tracce di un donna

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Grimaldi Milena, di Sabaudia (LT), nonché convivente di Quarneti Valerio, risulta irrintracciabile. La donna è stata notata a bordo di un’autovettura Fiat “Brava” di colore bianco targata BA066JW. Chiunque riconosca oppure possa dare informazioni utili al rintraccio della donna è pregato di voler contattare il centralino del Comando Provinciale Carabinieri di Latina ai numeri 0773/665665 oppure allo 0773/4851 chiedendo del personale del Nucleo Investigativo.

28 marzo 2012 0

“Appiccica” la sua busta paga su Facebook; una Pontecorvese si chiede: “Come si fa a vivere con questo?”

Di redazione

E’ alle pagine dei social network che la gente affida i propri messaggi di preoccupazione e disappunto per lo stato di grande disagio che si sta vivendo. Un tempo erano i muri a colorarsi di scritte di ogni genere, oggi quel muro virtuale si chiama Facebook ed è lì, sul suo specchio di muro che C.M. di Pontecorvo “appiccica” la sua busta paga dimostrando la sua difficoltà ad andare avanti. “Questa è la mia busta paga, e quella di alcuni colleghi è ancora peggio. Ci dobbiamo mangiare, pagare le bollette e fare del nostro meglio affinché non manchi nulla o quasi ai nostri figli. Ancora oggi non abbiamo percepito tale miseria, e non è neanche chiaro il perché di questo ritardo. Fanno il solito scaricabarile, è colpa di Tizio è colpa di Caio, tanto chi se ne frega? Chi ha la pancia piena non conosce digiuno. Unica cosa possibile da fare è armarsi di piatto e andare tutti in piazza IV Febbraio a chiedere l’elemosina, senza offesa per nessuno, ma visto che le bollette sono scadute, la tavola è unj problema apparecchiarla, e il frigo è meglio che lo vendo. Unica soluzione mentre aspettiamo la grazia è questa”. Ermanno Amedei

28 marzo 2012 0

“Ruote e Motori show”, a Lanciano tutto pronto per una delle fiere più attese dell’anno

Di redazione

C’è movimento nei padiglioni e nell’area esterna di Lancianofiera come sempre accade alla vigilia di una rassegna, e se poi si tratta di una, speciale come “Ruote e Motori show” si comprende quanto sia importante non trascurare il minimo dettaglio nell’allestimento degli stand e nella cura degli spazi esterni. Tutto dovrà essere perfettamente in regola per poter consentire lo svolgimento di spettacoli entusiasmanti e coinvolgenti che caratterizzano e danno uno sprint particolare a questa manifestazione. I riflettori si accenderanno venerdì 30 marzo alle 11.00 sulla 18esima edizione di “Ruote e Motori Show”, appuntamento diventato irrinunciabile non soltanto per gli appassionati delle due e quattro ruote. Tre giorni (30, 31marzo e 1 aprile) da trascorrere in un’atmosfera particolare all’insegna del movimento, della sfide accattivanti accompagnate dal rombo inconfondibile dei motori. Lancianofiera, si prepara a vivere 3 giornate in uno scenario che si differenzia totalmente, per tipologia e programmi, dalle altre rassegne. Evoluzioni acrobatiche, auto di tutti i tipi, dalla berlina all’utilitaria, moto e sport in tante espressioni: ce n’è per tutti i gusti. Una vetrina completa in grado di soddisfare anche i visitatori più esigenti. Tante e interessanti le novità che riguardano questa edizione che non solo ha cambiato la data ma anche la formula. Non ci saranno passerelle per avvenenti madrine come è stato fino all’anno scorso, il binomio “donne e motori” è stato dunque superato in nome di altre e più attinenti iniziative. “Quale occasione migliore per dare il via al primo Memorial dedicato a Marco Simoncelli – spiega il presidente dell’Ente frentano Franco Ferrannte – se non nel corso di una rassegna che mette al primo posto moto e auto. Sarà presente il papà Paolo che premierà il vincitore di questa sfida tra campioni. Sarà sicuramente un momento di grande emozione, in ricordo di un giovane morto tragicamente. Credo che la Fiera debba lanciare anche questi messaggi. Per quanto riguarda, invece, la fase dedicata all’analisi e alla riflessione – continua il presidente – abbiamo voluto riservare la giornata di sabato 31 marzo alla sicurezza con un convegno che affronterà con il contributo di esperti e relatori qualificati, il problema dell’alcol e la guida”. Argomento di drammatica attualità, basta scorrere i titoli dei giornali, ascoltare radio e tv o viaggiare su internet per rendersi conto del numero impressionante di incidenti dovuti all’abuso di alcol e all’incoscienza di mettersi alla guida. “No alcol se parti” è il titolo del convegno che per la seconda volta metterà al centro del confronto questa complessa e delicata questione. Il Memorial in omaggio al giovane Simoncelli si chiamerà “Il sorriso” per sottolineare la spontaneità e il sorriso aperto e contagioso di Marco, e si terrà nella giornata di domenica 1 aprile. Un’atmosfera unica a Lancianofierag dominata dal movimento, dalla straripante vitalità dei partecipanti, dagli spettacoli avvincenti e per chi vuole tornare indietro nel tempo attraverso la bellezza suggestiva delle macchine d’epoca c’è addirittura una parte espositiva riservata proprio a queste auto.

28 marzo 2012 0

Cade un totem, Fede lascia la direzione del Tg4 sbattendo la porta

Di redazione

Sembra un cambiamento epocale e, forse lo è davvero. Emilio Fede lascia la direzione del Tg4. Il direttore più glamour, più contestato perché ritenuto il più fazioso e vicino, alcuni dicono “appiccicato”, alle vicende del Cavaliere finendone anche coinvolto giudizialmente, ha chiuso la sua esperienza sbattendo la porta. Il gruppo, infatti, in una logica di cambiamento, avrebbe tentato una soluzione amichevole per la risoluzione del contratto. Il tentatiovo, però, non sarebbe andato a buon fine. La direzione del telegiornale di Rete Quattro, quindi, passa a Giovanni Toti, già direttore responsabile di Studio Aperto.

28 marzo 2012 0

Il Papa a Cuba incontra Fidel. Dal regime, il modello politico non cambia ma sarà aggiornato

Di redazione

Cuba non cambia linea politica e resta ancorata al marxismo, ma Fidel Castro incontra il Papa Benedetto XVI. Un incontro durato circa 30 minuti definiti cordiale e distesi. Il leader maximo della rivoluzione cubana che negli anni della guerra fredda ha mantenuto in scacco le due grandi potenze mondiali, dal 2006 ha lasciato il palcoscenico al fratello Raul ma resta un simbolo vivente dell’ideologia politica cubana. Nella sua prima tappa nei paesi latino americani, il Papa rispondendo alle domande dei giornalisti aveva detto “il marxismo non risponde più alla realtà”, e ciò lasciava pensare ad una cattiva accoglienza a Cuba. Il clima, però, è rimasto morbido e Benedetto XVI è stato accolto come ogni altro capo di Stato così come venne accolto da Castro, il predecessore Giovanni Paolo Secondo. Il regime però ha puntualizzato per bocca del vice Presidente, che a Cuba non ci saranno cambiamenti politici, ma solo “aggiornamenti” per far fronte ai cambiamenti economici. Er. Amedei

28 marzo 2012 0

Disperso sulle montagne di Frosolone, ricerche per salvare un 65enne

Di redazione

Dalle ore18.50 di oggi, risulta disperso a Frosolone (IS) un uomo di 65 anni, residente nella Comunità “Alloggio due cedri” a S. Pietro in Valle. Dopo l’allarme, diramato dalla Prefettura di Isernia, si sono recati sul posto i Tecnici del Soccorso Alpino Regionale ed i Vigili del Fuoco, oltre ai Carabinieri, già presenti presso la località suddetta. Al momento le ricerche sono tuttora in corso.

28 marzo 2012 0

Dall’Austria a Lanciano in strada a fare gli artisti con la famiglia: “Guadagno di più dei lavoratori della Sevel”

Di redazione

E’ un gruppo eterogeneo quello che si esibisce anche sui marciapiedi nel centro di lanciano. Un gruppo di artisti di strada che attira l’attenzione e la curiosità dei passanti. La buona musica di Hubert, o i bei giochi di colori che Astrid sa fare con i palloncini, ma anche la particolarità della coppia di portare la seguito i due figli (un terzo in arrivo) e il loro cane. 45 anni lui, 36 lei, austriaci di origine ma abruzzesi di adozione dato che sono stanziati da una decina di anni a Casoli. Di quel gruppo fanno parte Wendelin di 4 anni, Finchen di appena due e Pau Pau un meticcio che di anni ne ha 13. “Fino a qualche anno fa – dice Hubert – mi accompagnava quando suonavo con ululati, poi, con la vecchiaia, ha smesso”. A giugno il gruppo crescerà dato che è in arrivo un altro figlio o figlia. Uno stile di vita, il loro, che non passa certamente inosservato. La gente osserva quel bel quadretto familiare caratterizzato dal biondo dei suoi componenti (Pau Pau a parte) e apprezza la buona musica di Hubert che alterna il sassofono alla chitarra mentre Astrid regala palloncini ai bambini e non risprmi nelle offerte. “Siamo arrivati in questa zona circa dieci anni fa – ci ha raccontato il capofamiglia – ci è piaciuta e abbiamo deciso di prendere casa a Casoli”. Lì hanno 2 capre, 7 cani, un porcellino d’india, 2 gatti e una gazza ladra ed è il loro quartier generale da cui partono per vere e proprie tournè nel centro Italia. “Ci spostiamo tra Abruzzo, Molise, Marche, Lazio e Puglia, ma sempre nelle piccole città perché lì la gente è migliore e apprezza di più il nostro gruppo”. Uno stile di vita che può sembrare sacrificato e folle in particolar modo per la presenza di quasi tre figli, ma la serenità e l’allegria dei tre la dice lunga su quanto possa essere sbagliato quel giudizio, come sbagliata è l’idea di chi li ritenesse dei mendicanti. Abbiamo chiesto a Hubert, se ha mai pensato di cambiar vita e cosa risponderebbe se, per assurdo, qualcuno gli offrisse un posto di lavoro in una fabbrica come la Sevel. “Direi assolutamente no – risponde categorico l’uomo – Con quello che guadagna un operaio neoassunto non riuscirei a portare avanti la mia famiglia”. Gli chiediamo quanto guadagna. “Questo non lo dico, ma certo più di quanto guadagna un operaio della Sevel. Ma al di là dei soldi, direi no anche perché sono un musicista e compositore. A dire il vero dire no anche ad un lavoro fisso in un bar perché lì dovrei suonare la musica che mi chiedono, io qui, invece, per strada, faccio ciò che voglio e per di più, insieme alla mia famiglia”. Hubert, dopo il diploma ha tentato l’università ma nel frattempo ha scoperto la passione per la musica lasciando gli studi. Astrid, invece, ha una maturità scientifica e dopo aver conosciuto il suo compagno di vita ha imparato a fare disegni con i palloncini e lo ha seguito. “Abbiamo capito – dichiara Astrid – che in Italia è arrivata la crisi quando a Natale, seppure guadagnavamo le stesse cifre, era diverso l’umore della gente. Nei Natali precedenti, infatti, gli italiani facevano follie e si respirava un’aria diversa. Quest’anno, invece, prevaleva la tristezza che era quasi palpabile”. E per i figli? “Vorrei – dice Hubert – che cominciassero per strada con noi. Poi devono fare il loro percorso”.

28 marzo 2012 0

Costa Concordia, si cercano ancora gli ultimi due corpi

Di redazione

Sono proseguite anche oggi le operazioni di ricerca dei due corpi ancora dispersi, condotte con grande professionalità e in condizioni limiti di sicurezza, dai nuclei subacquei del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, dei Gos della Marina Militare e della Guardia Costiera. Le attività di reperimento delle informazioni finalizzate alla localizzazione dei corpi si affineranno anche alla luce del riconoscimento tramite l’esame del Dna – previsto nei prossimi giorni – delle cinque salme recuperate lunedì scorso.

Nel corso della giornata, come avviene quotidianamente, il personale della Capitaneria di Porto ha verificato il corretto posizionamento delle panne antinquinamento e di quelle assorbenti. È proseguita, inoltre, l’ordinaria attività di vigilanza e assistenza in mare, condotta dalle unità navali dalle forze dell’ordine nello specchio d’acqua circostante la Costa Concordia. Il personale subacqueo della Capitaneria di Porto e della Polizia di Stato ha monitorato i marker posizionati a poppa e a prua dello scafo, utili a registrare i movimenti della nave. Non risultano anomalie da segnalare né nei movimenti della Costa Concordia monitorati dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, né nei rilevamenti ambientali assicurati da Ispra e Arpat.

Venerdì 30 marzo il Ministro per gli affari regionali, il turismo e lo sport, Piero Gnudi, e il Commissario delegato, Franco Gabrielli, arriveranno insieme sull’Isola del Giglio; dopo una breve riunione con i rappresentanti delle istituzioni locali, in mattinata incontreranno gli abitanti per fornire loro una puntuale informazione sulle attività in corso e su quelle programmate.

28 marzo 2012 0

Emergenza incendi, Canadair ed elicotteri impegnati su 20 roghi

Di redazione

Ancora una giornata al di sopra della media stagionale per le richieste di concorso aereo pervenute al Servizio di Coordinamento Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale. Da questa mattina, i Canadair e gli elicotteri della Flotta Aerea dello Stato sono intervenuti a supporto delle squadre di terra su 20 roghi che, favoriti dalle condizioni meteo climatiche, stanno interessando la Penisola da nord a sud. Sono infatti ben 10 le regioni che hanno fatto richiesta di concorso aereo anti-incendio boschivo: il maggior numero di richieste di intervento, 5 in totale, è arrivato dal Lazio; tre quelle pervenute dalla Campania, due da Liguria, Calabria, Basilicata e Molise, mentre un intervento è stato richiesto rispettivamente da Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo e Umbria. L’intenso lavoro svolto dagli equipaggi dei mezzi aerei ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, fino a ora, nove roghi. Sulle fiamme ancora attive stanno operando al momento tutti i velivoli disponibili: il lancio di acqua e liquido ritardante e estinguente proseguirà finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza. Con le 20 di oggi, sale a 226 il numero complessivo di richieste di concorso aereo su cui è stata chiamata a intervenire la Flotta aerea dello Stato dall’inizio di marzo, per un totale di oltre 400 ore di volo operativo e 16 milioni di litri d’acqua e liquido ritardante ed estinguente lanciati sulle fiamme. Negli anni passati il mese di marzo aveva fatto registrare rispettivamente un totale di 9 richieste nel 2011 e di 11 richieste nel 2010.