Aidaa contro fotovoltaico ed eolico: “Gli impianti sono causa di 15mila animali morti l’anno”

Potrebbero interessarti anche...

13 Risposte

  1. Lorenzo Croce ha detto:

    e sono anche di piu gli animali morti… vedrete presto le carte

  2. Inzana Salvina ha detto:

    Altro che Rinnovabili.Utilizzati come business da lobby senza scrupoli sparisce tutto:habitat e biodiversità.E addio paesaggio…in cambio di che poi? I pochi benefici non valgono i molti svantaggi.Finalmente è caduto il velo e si scopre la verità.

  3. Cinzia Farina ha detto:

    Condivido pienamente la denuncia dell'Aida. Bravissimi! perchè il nostro è un momento storico in cui occorre trovare forme nuove di protesta, per farsi ascoltare. Propongo che questa via della denuncia legale, venga praticata su larga scala, ogni volta che un diritto – alla propria salute, al godimento pieno del paesaggio, del patrimonio culturale collettivo, alle procedure democratiche, etc. – venga violato.

    • Cinzia Farina ha detto:

      Organizziamoci, magari diffondendo un "modello" di procedura, con tutte le informazioni necessarie per seguire efficacemente questa via. Una specie di "manuale di autodifesa" del cittadino (tradito e venduto da quelle istituzioni che dovrebbero invece garantirlo)

  4. Alfredo Iannello ha detto:

    Sono pienamente d'accordo sulla denuncia presentata dall'associazione, e mi auguro che altre ne seguino.E' un massacro che l'opinione pubblica deve sapere e essere sempre informata.

  5. Andrea De Santi ha detto:

    Sì alle rinnovabili, no agli impianti nelle aree verdi.

  6. Sono testimone oculare di stragi di volatili, in particolare di nibbi, che si verificano all'interno degli impianti eolici. L'eolico ha dimostrato di essere solo un grosso affare speculativo per pochi intimi, una fonte energetica alternativa che di "pulito" non ha nulla; un fenomeno altamente deturpante che modifica il paesaggio storico e naturale, che altera irreversibilmente il suolo ed il sottosuolo, generando danni all'avifauna a e alla salute umana, come è dimostrato da recentissimi ed autorevoli studi in materia; una fonte energetica di irrilevante sostegno al fabbisogno nazionale. Bando alle pale eoliche e a tutte quelle fonti alternative non in sintonia con il paesaggio e con le aree verdi, agricole o incolte che siano.

  7. Ròtundò Giusè ha detto:

    sono testimone oculare della bellezza di alcuni appezzamenti di terreno strappati al suo naturale principio fecondo di vita, sono testimone oculare delllo scempio avvenuto in questi terreni fertilissimi,, sono testimone oculare dello smembramento e sradicamento di antichi alberi portatori di pace, sono testimone oculare del silenzio di alcuni propietari terrieri da sempre custodi di importanti e vitali segreti millenari,,,, sono testimone oculare di un salento sfruttato da speculazioni,, che nulla hanno a che fare con il benessere sociale,,, desidero che i contadini ritornino a piegare la schiena sulla terra fertile,, desidero che gli antichi alberi sacri portino nuovamente uccelli e sulle loro chiome desidero vedere la nidificazione delle bellissime PICA Lò, ossia uccelli bianchi e neri…desidero vedere lepri scorrazzare in quei terreni coltivati a grano,, desidero che l energia pulita sia un bene collettivo, desidero che gli sfruttatori dell ambiente scompaiano,,, desidero che i pannelli leciti siano impiantati sulle case o in qualunque posto dove è già esistente cemento,,, desidero che l energia pulita sia pulita a100%……desidero che il mio desiderio unitamente al vostro sia una voce che nn potrà mai essere comprata dalle grandi compagnie del potere economico….

    • Eme Semnome ha detto:

      Giusè….Non mi rendevo conto dei pericoli di tali impianti per uccelli.Qualcosa agli esperti del settore, che devi fare per contrastarla! MI SPORSI PER ESSERE UNA ENERGIA PULITA. Ma la divulgazione di questa notizia mi ha lasciato a disagio. Sentenza signori Ingegneri diretto pensatori. Creare un sistema per proteggere gli uccelli!!! GRAZIE.

  8. Nadia Bartoli ha detto:

    Condivido pienamente con AIDAA. Gli impianti eolici sono falcidia di uccelli, tra i quali le aquile e alcuni in via di estinzione come il nibbio reale, mentre i pipistrelli muoiono per emorragia cerebrale a causa degli infrasuoni. Gli impianti industriali fotovoltaici a terra desertificano il suolo e distruggono l’habitat naturale di molti animali, allontanano persino le api e alcuni uccelli scambiandoli per specchi d'acqua, gettandosi in volo si rompono il becco. Molti uccelli migratori che avevano dei corridoi di sosta in quei luoghi non tornano più. Inoltre a causa dei diserbanti per non farvi crescere l’erba, muoiono pecore e tutti gli animali che mangiano nelle vicinanze. Senza considerare i danni da elettromagnetismo su animali e prodotti coltivati nelle vicinanze, mangiati dagli stessi animali.

  9. Nadia Bartoli ha detto:

    Condivido pienamente con AIDAA. Gli impianti eolici sono falcidia di uccelli, tra i quali le aquile e alcuni in via di estinzione come il nibbio reale, mentre i pipistrelli muoiono per emorragia cerebrale a causa degli infrasuoni.
    Gli impianti industriali fotovoltaici a terra desertificano il suolo e distruggono l’habitat naturale di molti animali, allontanano persino le api e alcuni uccelli scambiandoli per specchi d’acqua, gettandosi in volo si rompono il becco. Molti uccelli migratori che avevano dei corridoi di sosta in quei luoghi non tornano più, posso testimoniarlo in prima persona, avendo un impianto idustriale fotovoltaico davanti la mia abitazione.Inoltre a causa dei diserbanti per non farvi crescere l’erba, muoiono pecore e tutti gli animali che mangiano nelle vicinanze. Senza considerare i danni da elettromagnetismo su animali e prodotti coltivati nelle vicinanze, mangiati dagli stessi animali; viene alterato tutto l’ecosistema. Pertanto no all’eolico e fotovoltaico nelle aree naturali ma sui tetti e nelle zone industriali, la natura non è adatta a centrali per la produzione di energia elettrica.
    Nadia Bartoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *