Licenziato e con stipendi arretrati, operaio sale sul tetto del cantiere e minaccia il suicidio

17 aprile 2012 0 Di redazione

E’ salito sul tetto di una palazzina in costruzione in via Casilina sud a Cassino e ha minacciato di suicidarsi. Protagonista è un operaio 35enne di Cassino che da quattro mesi non percepisce lo stipendio e, per di più, è stato anche licenziato dalla ditta edile per la quale lavorava. Oggi ha attirato l’attenzione su di se con un gesto eclatante che ha fatto temere per il peggio.

A circa 20 metri di altezza minacciava di gettarsi di sotto fino a che i finanzieri della compagnia di Cassino non sono saliti e hanno intrapreso una trattativa tra lui e il datore di lavoro fino a convincere l’aspirante suicida a desistere dall’insano gesto.
Er. Amedei