Anziana scippata e ferita vicino al cimitero di Giulianova, arrestati i due malviventi

8 maggio 2012 0 Di redazione

Giulianova: anziana vedova scippata e ferita vicino cimitero , arrestati.
Militari del Nucleo Radiomobile in collaborazione con quelli della Stazione di Giulianova hanno arrestato in flagranza di reato di rapina aggravata (scippo) DE SILVIO Giuliano, classe 1981, pregiudicato di etnia ROM; DORACI Florjan, classe 1984, pregiudicato, di nazionalità albanese.
Mattinata movimentata nei pressi del cimitero di Giulianova, verso le 11,00 un’anziana signora (70 anni) vedova da oltre tre anni mentre si recava a piedi a trovare la tomba del marito veniva avvicinata da due giovani a bordo di una Lancia y , il passeggero il DORACI Florjan scendeva dal mezzo condotto dal DE SILVIO e con gesto repentino ma violento le strappava dal collo una grossa collana d’oro regalo e ricordo del coniuge defunto, facendola cadere rovinosamente per terra provocandole evidenti escoriazioni sul collo, per poi risalire a bordo del mezzo e fuggire direzione del bivio di Bellocchio . Le urla della signora richiamavano l’attenzione di alcuni passanti che immediatamente soccorrevano la signora e chiamavano il 112, immediatamente la Centrale Operativa inviava sul posto due pattuglie che dopo aver raccolto i primi elementi per poter ricercare i due malviventi ponendosi alla ricerca. Qualche minuto dopo la lancia y veniva intercettata dalla pattuglia del locale Radiomobile in località cologna spiaggia del Comune di Roseto degli Abruzzi ed alla vista dei militari i due occupanti cercavano di dileguarsi abbandonando l’autovettura nei pressi di un’abitazione a due piani , entrando all’interno inseguiti dai carabinieri che nel contempo avevano chiamato in rinforzo i colleghi della Stazione CC di Giulianova, riuscendo a bloccare i due pregiudicati mentre si disfacevano della collana in oro poco prima scippata alla malcapitata, traendoli in arresto e recuperando la refurtiva. La signora veniva trasportata al locale Pronto Soccorso in stato di evidente shock e veniva medicata dai sanitari che le diagnosticavano una prognosi di 10 gg s.c. .
Da sottolineare la piena collaborazione di alcuni cittadini che avevano assistito alla drammatica scena che hanno consentito agli operanti di raccogliere tutti gli elementi necessari al rintraccio immediato dei due pregiudicati, già trasferiti nel carcere di Castrogno.