La banda di Serrone suona ad Onna per rinnovare l’amicizia

14 maggio 2012 0 Di redazione

“E’ stato un momento di grande intensità, una dimostrazione di fratellanza sincera e sentita ad una popolazione che ancora paga le dure conseguenze del terremoto del 2009”. L’assessore Natale Nucheli commenta così l’esperienza di ieri quando, in rappresentanza del sindaco Maurizio Proietto, si è recato ad Onna, la frazione de L’Aquila duramente colpita dal sisma, insieme alla banda musicale “La Forma” di Serrone e alla Protezione Civile, per condividere con gli amici abruzzesi la ricorrenza del loro santo patrono, la Madonna delle Grazie.
Un legame, quello tra Onna e Serrone, che risale ai momenti successivi il terremoto quando furono i volontari della Protezione Civile di Serrone a gestire, e coordinare, il campo di Onna, dando ai cittadini un sostegno e un punto di riferimento per l’intero periodo dell’emergenza, fino alla consegna delle case. Una vicenda che ha consentito alle due popolazioni di instaurare un sincero rapporto di amicizia e fratellanza, che in questa circostanza si è voluto rinsaldare in modo concreto.
“Sapevamo – spiega Amelio Proietto, responsabile della banda “La Forma” – che dopo quanto accaduto la festa del patrono era finita un po’ in secondo piano, celebrata in tono sommesso. Abbiamo quindi pensato che quest’anno potevano dare un segnale concreto e portare, con la musica della banda, un pizzico di rinnovato entusiasmo in una comunità ancora in condizioni di grave sofferenza e disagio. E abbiamo offerto loro un servizio musicale completo, coinvolgendo anche la Protezione Civile e l’Amministrazione che sono stati contenti di esserci”.
E così ieri, in occasione della festa del Patrono, la banda musicale, si è recata ad Onna insieme alla Protezione Civile, rappresentata da Maurizio Sugamele, e all’assessore Natale Nucheli, con tanto di gonfalone ufficiale, per questa ricorrenza. Il sole della mattina, e l’entusiasmo dei cittadini, ha scaldato gli animi mentre le note musicali suonate dalla banda echeggiavano tra case nuove e macerie accompagnando la Madonna delle Grazie in processione.
“Ci hanno riservato un’accoglienza fantastica – precisa Nucheli – e per noi è stato emozionante tornare su quei luoghi tre anni dopo e vedere che c’è ancora tantissimo da fare. Per l’occasione abbiamo ribadito la nostra disponibilità a mantenere vivo il nostro impegno di volontariato, con l’affetto e la passione che merita questa comunità in una fase ancora dura e difficile”.
Un grazie speciale, da parte di tutti i partecipanti, è andato a Paolo Ferroni, di Onna, che ha organizzato e coordinato tutta la manifestazione insieme ad Amelio Proietto della banda “La Forma” e Giampiero Trulli della Protezione Civile di Serrone.