Paura per una pantera nei boschi di Gessopalena, la Forestale chiede l’intervento degli esperti in animali esotici

22 maggio 2012 0 Di redazione

Alcuni dicono di averla vista distintamente aggirarsi nei boschi tra Gessopalena e Roccascalegna, ma gli uomini del Corpo Forestale dello Stato che si sono subito attivati per cercarla, non hanno trovato nessuna traccia del felino. La pantera che alcuni dicono di aver visto, crea timori tra coloro che amano fare escursioni nelle zone, ma anche e, soprattutto, in chi, in quelle zone vive. Non trovarla o non vederla durante le ricerche, però, neanche significa che la pantera non c’è; alla stessa maniera non si può essere certi che quella descritta dai testimoni sia prorpio un esemplare del pericoloso felino. Nell’incertezza, quindi, ma anche per dare sollievo alla preoccupazione della gente, il Mattei comandante provinciale del Corpo Forestale di Chieti, ha chiesto l’intervento del Cites, un reparto interno della Forestale specializzato proprio in animali esotici. “Cercheremo insieme agli esperti – ha detto Livia Mattei, Primo Dirigente del Corpo forestale dello Stato e comandate provinciale di Chieti – se nella zona ci sono segni di predazione e impronte che sono certamente diverse, sia le une che le altre, dagli animali autoctoni. Se ci saranno riscontri oggettivi alle segnalazioni, allora potremo far intervenire anche altri organi competenti. Per esperienza sappiamo anche che l’emotività su argomenti simili crea suggestione”. Va anche ricordato che alcuni anni fa, a Fara San Martino, fu uncinghiale ad essere scambiato per una pantera.