Lanciano in Serie B, in Comune con la squadra per festeggiare il “terzo Miracolo” della città

13 giugno 2012 0 Di redazione

Continua la passerella d’onoro per i giocatori e tutta l’organizzazione della Virtus Lanciano. Questa mattina sono stati accolti nella sala consiliare del Comune piena all’inverosimile come non lo è mai stata neanche quando all’ordine del giorno c’erano punti importantissimi per le sorti della città. I consiglieri di maggioranza e di opposizione hanno ceduto i loro scranni agli artefici della serie B, definita da molti come il terzo miracolo (evidentemente non Eucaristico) della città frentana. Parole di elogio e ringraziamento per il gruppo anche se, a detta di tutti, non vi è ancora la piena coscienza dell’importanza del risultato ottenuto e delle ricadute, anche economiche, oltre che d’immagine, che la serie B calcistica avrà sulla città frentana e su tutto il territorio. Ogni 15 giorni, quando il calendario prevede la partita casalinga, fiumi di tifosi affolleranno alberghi, negozi, ristoranti e bar di Lanciano. Ma oggi non si pensa tanto a questo, quanto a condividere la gioia del risultato sportivo che, per una città di 36mila abitanti, è enorme. Lanciano se la dovrà vedere con compagini del calibro del Brescia, Verona, Bari, Padova, Novara, Lecce, Livorno, Reggina, Ascoli, Empoli, Pro Vercelli, realtà calcistiche che hanno contribuito alla storia calcistica nazionale partecipando più volte alla massima serie.