Giorno: 8 luglio 2012

8 luglio 2012 0

Alpinista 23enne si ferisce sul Corno Piccolo, soccorso dal Cnsas

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un giovane di Avezzano, E.M. di 23 anni, si è infortunato questo pomeriggio sul Corno Piccolo procurandosi una distorsione ad una caviglia. Il giovane stava frequentando un corso di alpinismo ed era impegnato sulla via Valeria, itinerario alpinistico che sale il campanile Livia (2580 m), sul versante ovest del Corno Piccolo. La centra del 118 che ha raccolto la richiesta di soccorso ha allertato il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo che ha fatto confluire vari tecnici di soccorso alpino della stazione di Teramo presso il piazzale dei Prati di Tivo (TE) in attesa che rientrasse l’elicottero del 118 impegnato in un altro servizio. Il giovane alpinista è stato assistito alla base della via alpinistica dall’istruttore del corso, in attesa di essere recuperato dall’elicottero. Il tecnico di elisoccorso del CNSAS, si è calato con il verricello ed ha recuperato il giovane che è stato poi portato ai Prati di Tivo, dove poco prima delle ore 20 è stato preso in consegna dal personale sanitario e portato in ambulanza all’ospedale di Teramo. La via Valeria è un itinerario alpinistico classificato AD (abbastanza difficile) con passaggi fino al grado IVdella scala UIAA, che sale il Campanile Livia, una delle guglie delle “Fiamme di pietra”. Per la sua non grande difficoltà, l’ambiente molto panoramico, oltre che per la compattezza della roccia, è uno degli itinerari alpinistici più frequentati del Gran Sasso e spesso utilizzato nei corsi di alpinismo.

8 luglio 2012 0

Ciclista travolto da auto in piazza Corte a Cassino

Di redazione

Una passeggiata in bici al fresco della sera, ieri in piazza Corte a Cassino, si è rivelata una pessima idea per un 35enne straniero. Erano le 22 quando l’uomo è stato invgestito da una utilitaria. Dopo l’impatto il cicilsta è stato scagliatoi al suolo dove è rimasto dolorante fino all’arrivo di una ambulanza del 118 che lo ha trasportato in ospedale. Il 35enne ha riportato un brutto trauma al piede. Er. Amedei Foto Alberto Ceccon

8 luglio 2012 0

Martedì 10 luglio visita guidata a Piano Terruto per osservare il panorama mozzafiato del Golfo di Gaeta

Di admin

Una passeggiata salutare nel cuore del Parco dei Monti Aurunci per osservare il golfo mozzafiato che si dipana dalla montagna. E’ l’escursione che propone l’associazione Oreas martedì 10 luglio, ricca di emozioni e sorprese paesaggistiche. Si parte dalla frazione Maranola di Formia, uno dei 10 comuni dell’area protetta per raggiungere la fontana di Acquaviva quota mt 805, si lascia l’auto per prendere la strada sterrata verso sud, lungo il bosco di Valle Cupa. Lasciata la strada si segue una mulattiera fino ai margini di una lecceta, sul crinale dell’Auciana, con vista sul mare del Golfo di Gaeta. Il pianoro è caratterizzato da una totale assenza di acque di scorrimento superficiali, ma il diffuso reticolo di inghiottitoi e abissi lasciano far capire quanto importante sia il patrimonio idrico sottostante per le popolazioni che vivono nel comprensorio aurunco. Il ritrovo è alle ore 6 del mattino presso il parcheggio della Torre a Maranola. La durata del percorso è di due ore circa è lunga 4 km con un dislivello di 100 mt. E’ obbligatoria la prenotazione e deve essere effettuata entro le ore 12.00 di lunedì (9 luglio). Consigli e suggerimenti sul cosa portare: Cappellino, scarpe da trekking, Acqua, k-way, Vestirsi a strati. Macchina fotografica. Per prenotazioni: Tel. 348 4620239 email – info@oreas.it.

8 luglio 2012 0

Come aiutare micio e fido a combattere il caldo

Di admin

Dall’associazione Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Domani in mezza Italia si raggiungeranno i quaranta gradi, oltre alle persone anche i nostri amici animali rischiano molto a causa di queste temperature elevate. Riproponiamo dunqe il decalogo dei consigli contro i caldo per i nostri amici a quattro zampe. Si tratta di poche regole da rispettare per evitare guai a micio, fido ed agli altri animali domestici. a questo aggiungiamo l’invito a tutti coloro che hanno un pubblico esercizio a mettere una ciotola di acqua fresca fuori dal bar o dal negozio per permettere a fido di dissetarsi. A causa di queste temperature, sono almeno un milione i gatti e i cani a rischio per la loro salute.

LE REGOLE DA SEGUIRE 1 – Non lasciate mai un animale incustodito dentro l’auto: la temperatura interna dell’abitacolo sale rapidamente, anche con i finestrini aperti, e trasforma la vettura in un vero e proprio forno. Con il caldo oltre i trenta gradi bastano solo 10 minuti per condannare il vostro animale a una morte tremenda. 2 – Se vedete un animale rinchiuso da solo in un’auto al sole, prestare attenzione ai sintomi di un eventuale un colpo di calore (problemi di respirazione, spossatezza generalizzata). In tal caso, se non si interviene subito, rischia di correre un grave pericolo di vita: chiamate immediatamente le forze dell’ordine ed un eventuale veterinario reperibie, nel frattempo cercate di creare ombra mettendo dei giornali sul parabrezza e se possibile gettate acqua all’interno per bagnare l’animale, usando un eventuale fessura aperta del finestrino. 3 – Assicuratevi che gli animali abbiano sempre accesso all’ombra e acqua fresca in abbondanza. In caso di colpi di calore chiamate immediatamente il veterinario. 4 – Evitare le passeggiate con il vostro cane nelle ore piu torride della giornata preferendo le prime ore del mattino o l’imbrunire e portare sempre con se una bottiglietta di acqua ed una ciotola. Evitare di far fare attività sportiva al cane nelle giornate piu calde. 5 – Scottature Solari Anche per i cani e i gatti vale il discorso per le scottature solari, In caso di giornate particolarmente calde applicare una crema solare ad alta protezione alle estremità bianche degli animali quali la punta delle orecchie prima di farli uscire sotto il sole o prima di portarli in spiaggia. 6 – Acquario. Tenete l’acquario fuori dal sole diretto e cambiare l’acqua regolarmente avendo cura di togliere le alghe che si formano. Se avete un laghetto in giardino con dei pesci ricordate di riempirlo regolarmente nelle ore serali per compensare l’acqua evaporata e sostituire l’ossigeno andato perso. 7 -Animali in gabbia. Mai lasciare il canarino o i criceti al sole diretto, posizionate la gabbia in luogo ombreggiato, arieggiato e fresco. 8 Pulci e Zecche – Con le alte temperature non mancheranno di far visita a fido e micio le pulci, le zecche e gli acari, controllate quindi regolarmente il pelo del vostro amico a quattro zamper per verificarne la presenza. Applicate preventivamente un antiparassitario. Se vi sono particolari problemi di pelle o pelo consultate il vostro veterinario di fiducia prima di utilizzare prodotti. 9 – Lettiera. E’ fondamentale controllare ogni giorno gli animali per verificare che non vi siano uova di mosche sul pelo di cavie, conigli e cani. Tenete ben pulito e disinfettato con prodotti non nocivi per l’aniale i luoghi dove vive e sopratutto cambiate almeno due volte la settimana la lettiera o il fondo della “sua casa”.

10 – Lavori di Giardinaggio. Il vostro giardino è popolato di fauna selvatica, quali lucertole, ricci, rane e biscie che sono assolutamente innoqui per l’uomo ma utili per il micro ecosistema del vostro giardino. Prima di effetturare i lavori con il tosarba o distribuire pesticiti pensate alla loro salvaguardia. E soprattuto prima di accendere un fuoco smuovete sempre il materiale che intendete bruciare in quanto questi animali spesso si rintanano tra i mucchi di foglie o i rifiuti in giardino eviterete di bruciare anche loro.

8 luglio 2012 0

In casa con quasi 3 kg di marijuana, 20enne in manette

Di admin

Oggi alle ore 00,30 circa, ad Aprilia in via Barsanti  nr.4, i carabinieri del locale Comando Territoriale hanno arrestato I.A. 20enne per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, poiché trovato in possesso, a seguito di perquisizione domiciliare, di kg. 2.850 di “marijuana”, nonche’ di materiale per il confezionamento. Il tutto veniva assunto in carico e debitamente custodito in attesa di essere versato presso l’ufficio corpi di reato.

8 luglio 2012 0

Sicurezza alimentare, le Nazioni Unite hanno approvato nuove norme

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: L’ONU ha approvato nuove norme sulla sicurezza alimentare, compreso il livello massimo di melamina che potrà contenere il latte liquido per neonati al fine di proteggere la salute dei consumatori in tutto il mondo. Altre misure adottate comprendono nuovi standard di sicurezza alimentare dei prodotti a base di pesce, meloni, fichi secchi.

Inoltre nei prossimi anni si lavorera’ per realizzare un meccanismo di regolamenti piu’ efficaci, standard legali e aiuti tecnologici migliori e un sistema di gestione dell’industria alimentare che possa garantire standard di sicurezza piu’ affidabili come le etichettatura dei prodotti alimentari.

La sicurezza alimentare diventera’ anche, per la prima volta, un fattore di valutazione delle annuali performance dei governi.

Il problema più comune è la qualità del cibo che non rispetta gli standard qualitativi e di sicurezza. I prodotti legati al latte, olio alimentare, cibo stagionale e bevande non alcoliche, sono fra quelle piu’ soggetti alla sofisticazione alimentare e tra quelli dove e’ stata riscontrata la peggiore qualita’.

Come per la melamina che può essere letale ad alte concentrazioni e che è stata usata illegalmente per aumentare il contenuto proteico apparente nei prodotti alimentari, compresi quegli per i lattanti e nel latte in polvere. Il latte contaminato con la melamina ha causato morte e malattia nei bambini. Due anni fa, la Commissione del Codex ha adottato un livello di melamina massimo di 1 mg/kg in polvere per lattanti e di 2,5 mg/kg per altri alimenti e mangimi. La Commissione ha ora indicato un limite massimo di 0,15 mg/kg di melammina in liquido latte per lattanti.

Le aflatossine, un gruppo di micotossine prodotte da muffe, sono tossiche e sono note per essere cancerogene. Possono essere trovate in una varietà di prodotti come frutta secca, noci, spezie e cereali a livelli elevati se il prodotto non è ben conservato. La Commissione ha ora accettato un sicuro limite massimo di 10 mg/kg per i fichi secchi, insieme a informazioni dettagliate su come dovrebbe essere effettuata una campionatura di test.

Un problema di salute pubblica emergente riguarda la popolarità aumentata di fette di melone pretagliata. La polpa del frutto esposta può diventare un terreno fertile per batteri. Questo è stato collegato a life-threatening come la salmonella ed a epidemie di listeria.

La Commissione raccomanda che meloni pretagliati dovrebbero essere avvolti o confezionati e refrigerati appena possibile e distribuiti a temperature di 4⁰c o meno. Raffreddamento e stoccaggio a freddo è stato consigliato appena possibile dopo il raccolto, mentre le lame di coltello usato per tagliare dovrebbero essere disinfettate regolarmente.

L’igiene alimentare, in particolare per i molluschi, cozze e ostriche, frutti di mare sono diventate una preoccupazione per la sicurezza alimentare. La Commissione ha adottato una serie di misure igieniche preventive volte al controllo food-borne viruses. I virus sono generalmente più resistenti che i batteri e quelli trasmessi per via fecale-orale possono persistere per mesi nei molluschi bivalvi, suolo, acqua e sedimenti. Essi possono sopravvivere alla congelazione, refrigerazione, radiazioni UV e disinfezione ma sono sensibili al calore.

Comuni malattie virali tossinfezioni alimentari sono causate da norovirus e il virus dell’epatite A. La Commissione ha rilevato che il principale pericolo per la produzione di molluschi, come ostriche e cozze, è stata la contaminazione biologica delle acque in cui crescono.

Codex ha raccomandato ai produttori di alimenti in tutto il mondo l’etichettatura nutrizionale obbligatoria contenuta sui loro prodotti per garantire che i consumatori siano più informati; La Commissione Codex Alimentarius, nell’incontro dal 2-7 luglio, è stata frequentata da 600 delegati in rappresentanza di 184 paesi oltre l’Unione europea.

Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, per migliorare la sicurezza degli alimenti, lungo tutta la filiera propone l’istituzione di un database pubblico con la lista delle societa’ che hanno superato gli standard di sicurezza alimentari e quelle che invece sono sulla black list. Oltre a ricompense previste per i consumatori che denunciano quelle societa’ che non rispettano gli standard di sicurezza alimentare, come coloro che mettono sul mercato prodotti scaduti.

8 luglio 2012 0

Rapine in villa, arrestati 4 giovani

Di admin

Nelle prime ore di oggi, ad Anagni, i carabinieri del N.O.R.M. della Compagnia, insieme ai colleghi delle Stazioni di Ferentino e Paliano, nel corso di predisposti e mirati servizi finalizzati al contrasto dei reati predatori, in particolare le rapine in villa, a termine di serrata attività investigativa, arrestavano in flagranza di reato quattro giovani, di cui uno già censito, tre di Anagni ed uno di Sgurgola, per tentata rapina aggravata.

I predetti, nel corso della decorsa nottata, travisati, si introducevano all’interno di un’abitazione privata e, sotto la minaccia di un coltello, tentavano di farsi consegnare del denaro e monili d’oro dalla proprietaria, pensionata.

Gli stessi, sorpresi dalla reazione della vittima, dopo averla colpita con pugni, si davano a precipitosa fuga senza asportare nulla. I militari operanti, immediatamente intervenuti su indicazioni di quella centrale operativa allertata dai vicini, bloccavano ed identificavano i quattro malviventi.

Due degli arrestati venivano associati presso la Casa Circondariale di Frosinone mentre gli atri due presso i rispettivi domicili in regime degli arresti domiciliari.

8 luglio 2012 0

Spending review, Bonessio (Verdi): “Ministro Catania riceva e ascolti lavoratori Inran, piena solidarietà a lavoratori a rischio”

Di admin

Dall’ufficio stampa del gruppo Verdi alla Regione Lazion riceviamo e pubblichiamo: “Il ministro dell’Agricoltura, Catania, riceva i lavoratori dell’Inran, che domani manifesteranno davanti al Ministero dell’Agricoltura, e ascolti le loro ragioni. Non si può essere sordi e indifferenti di fronte lo smantellamento di una delle realtà dell’eccellenza e della qualità del made in Italy”. Lo dichiara Nando Bonessio, presidente dei Verdi del Lazio.

“I Verdi del Lazio esprimono piena solidarietà ai lavoratori dell’Inran (l’Istituto nazionale di ricerca sugli alimenti e la nutrizione), il cui taglio previsto dalla spending review del governo Monti rappresenta una perdita incalcolabile di conoscenza accumulato in anni di ricerca, studio e lavoro”.

“Il lavoro dell’Inran difende gli interessi dei consumatori, garantendo la qualità del cibo e i corretti valori nutrizionali. Nel paese del mangiare bene, della dieta mediterranea, della qualità del cibo, siamo all’assurdo di tagliare proprio la qualità, e le specificità che rendono il nostro paese unico nel mondo, a fronte di un risparmio tutto da verificare. Saremo vicini ai lavoratori in tutte le iniziative che vorranno intraprendere per difendere il diritto al lavoro di personale precario portatore di grandi competenze ed esperienza – conclude Bonessio -, e l’ente che si sta tagliando in maniera sconsiderata”.