Giorno: 21 settembre 2012

21 settembre 2012 0

Montino (Pd): “Tutto quello che non ha tagliato la Polverini”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Dall’Ufficio stampa PD al Consiglio regionale del Lazio riceviamo e pubblichiamo una dichiarazione del capogruppo Pd Esterino Montino: “Il taglio dei costi della politica approvato oggi dal Consiglio regionale è solo un primo passo, peraltro ancora troppo timido. Il risparmio non è di 22 milioni come dichiarato, ma solo di 10 o 12. Poco più di un segnale di buona volontà. L’aver scelto di non discutere i nostri emendamenti ha tolto forza e sostanza alla manovra. Lunedì, in conferenza dei capigruppo, il tema all’ordine del giorno sarà quello di fare ciò che non si è voluto fare oggi. Riproporremo il nostro ordine del giorno: eliminare tutte le indennità di funzione da quella del Presidente a quella dell’ultimo consigliere; eliminare i rimborsi chilometrici, i vitalizi regalati agli assessori esterni, ridurne il numero oggi e non domani, eliminare le auto blu anche della Giunta, ridurre del 50% il fondo delle spese non obbligatorie del Consiglio. Insomma, dopo lo spettacolo ai confini del melodramma di questi giorni, si dovrà fare sul serio. Altrimenti avremmo assistito solo a un grande bluff. Tra 15 giorni si discuterà la nostra mozione di sfiducia. La Polverini deve dimettersi per la vicenda incubata e generata dalla sua maggioranza che ha leso l’immagine di una Regione alla deriva politica e amministrativa. Oggi il Consiglio dei ministri ha bocciato di nuovo il Piano casa, il tavolo tecnico per il piano di rientro da un anno boccia regolarmente l’azione della Regione, i trasporti sono nel caos. La Polverini dice di non aver capito per quale motivo dovrebbe dimettersi. Lo sanno i cittadini: per salvare il Lazio e chiudere questa stagione fallimentare”.

21 settembre 2012 0

La sicurezza del Paese non è una priorità

Di admin

Dal Cocer della Guardia di Finanza riceviamo e pubblichiamo:

Le misure illustrate, ai COCER ed alle OO.SS., nell’incontro con il Governo che si è tenuto in data odierna presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, circa il provvedimento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico per gli operatori del Comparto Difesa e Sicurezza e del Soccorso Pubblico, non tengono conto dello status e della specificità d’impiego degli uomini e delle donne che rischiano ogni giorno la propria vita per la collettività.

La serie d’interventi ipotizzati avrà, inoltre, un’inevitabile ricaduta sul livello di sicurezza dei cittadini.

Richiamiamo, pertanto, il Governo al rispetto dei limiti giuridici di delega contenuti nel decreto “Salva Italia” e agli impegni assunti formalmente in Parlamento in sede di conversione dello stesso.

In assenza di risposte, assieme alle altre rappresentanze e OO.SS., attiveremo le iniziative necessarie a tutelare gli interessi della collettività e del personale rappresentato.

21 settembre 2012 0

Di Marco (IdV): Plaude alla discussione in Consiglio comunale della proposta di referedum abrogativo del Piano rifiuti regionale

Di redazionecassino1

Il circolo Italia dei Valori di Cassino in una conferenza stampa svoltasi il giorno 06 c.m., presso la sala Restagno del Comune di Cassino,  lanciò  l’appello  alla Nostra Amministrazione  di deliberare  in un Assise del Consiglio Comunale la richiesta di referendum abrogativo di una sola e precisa  parte, denominata “Scenario di Controllo ” e “Schema di flusso ATO Regionale”  del piano di gestione dei Rifiuti della Regione Lazio,   giusta Delibera del Consiglio Regionale n. 14 del 18 gennaio 2012 ed esattamente i paragrafi 10.7 e 10.8, come prevede lo Statuto Regione Lazio all’art. 61, comma 1 .

Lunedì 24 p.v. è stato inserito all’Ordine del Giorno dell’Assise Comunale il suddetto argomento. Riteniamo doveroso far presente che  siamo lieti dell’accoglimento da parte sia della Commissione Comunale preposta di aver esaminato l’argomentazione, che da parte della Presidenza del Consiglio di averla  inserita come ordine di discussione nella  seduta Consiliare. Siamo altrettanto sicuri  di un esito positivo e  largamente favorevole da parte di tutti i Consiglieri  di qualunque schieramento politico, in quanto riteniamo che la problematica della raccolta, ma soprattutto del trattamento dei rifiuti, non deve essere etichettata da qualsiasi partito politico e Noi, anche se siamo stati i promotori  della richiesta, da domani saremo al fianco di chiunque abbia delle soluzioni  che siano a favore di uno smaltimento dei rifiuti responsabile e vantaggioso per tutti, sia sotto l’aspetto ambientale che della salute.

E’ bene ricordare che si tratta di un referendum abrogativo,  come già detto sopra, di  solo due punti del Piano Regionale Rifiuti, che intende, quindi, invalidare il dimensionamento degli Impianti e che potrà sia obbligare la Regione a rinunciare all’impianto Tmb di Paliano ed alla nascita di altri, che ad  individuare altre aree  da destinare a discariche, per poter ospitare l’enorme quantità di rifiuti che non vanno all’inceneritore.

Il testo che si vuole abrogare  prevede che la Regione possa, nel caso in cui il sistema di raccolta differenziata porta a porta non dovesse raggiungere l’obiettivo minimo del 65%, come previsto dalle normative Europea e nazionale, ricorrere a tutte quelle tecnologie obsolete, quali discariche a cielo aperto ed inceneritori, dove nessuno riuscirà mai a controllare effettivamente  cosa si smaltisce e cosa si immette nell’ambiente. Soprattutto vogliamo che nessun altro territorio della nostra Regione venga avvelenato con una discarica  o con inceneritori o stravolto dalla presenza di un qualsiasi altro ecomostro, sia esso un impianto a biogas o una centrale a carbone.

In  conclusione, saremmo felici ed entusiasti  del fatto che la Delibera venga votata con consenso unanime da parte di tutti i Consiglieri sia di maggioranza che di opposizione, in quanto questo problema necessita di  una soluzione  di  grande civiltà da parte di tutti.

 

21 settembre 2012 0

Approvato, dalla Regione, il progetto per lo studio dell’inquinamento da polveri ultrafini

Di redazionecassino1

“Approvato il progetto, per un importo pari a 63 mila €, relativo allo studio dell’inquinamento causato da polveri ultrafini prodotte da autoveicoli ed impianti di riscaldamento nell’aria urbana.” A darne notizia è l’assessore all’ambiente del Comune di Cassino, Riccardo Consales, che ha aggiunto: “Si tratta di un altro progetto importante che ci siamo visti approvare dall’assessorato all’ambiente della Regione Lazio e che segue, in ordine temporale, due altri fondamentali traguardi che sono stati raggiunti dall’Amministrazione Petrarcone. Dopo l’approvazione della messa in sicurezza della discarica Panaccioni da parte del Ministero dell’Ambiente e il finanziamento ottenuto dal Conai per il progetto di comunicazione della raccolta differenziata porta a porta, con l’approvazione da parte dell’assessorato regionale all’ambiente di quest’ultimo progetto, avremo l’opportunità di studiare l’impatto che ha sulla salute umana l’inquinamento da polveri ultrafini e soprattutto come lo stesso si distribuisce in maniera specifica nelle principali strade del centro cittadino. Grazie al fondamentale contributo del Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica dell’Università di Cassino e nello specifico del gruppo di ricerca coordinato dal Professore Giorgio Buonanno, saremo in grado di misurare, nel periodo autunnale – invernale, l’inquinamento da polveri aerodisperse presente lungo le strade cittadine. Questo importante studio (che rappresenta una primissima novità nel panorama nazionale e internazionale) sarà di supporto per la redazione del PUT (Piano Urbano del Traffico) dal momento che costituisce un validissimo modo per misurare l’inquinamento presente nelle varie strade di Cassino, fornendo indicazioni precise per poter eventualmente circoscrivere la nuova isola pedonale permanente, nonché per variare, eventualmente, la viabilità della nostra città. Esprimo, quindi, grande soddisfazione perché attraverso questo finanziamento sarà possibile mettere in campo un strumento serio per combattere l’inquinamento atmosferico da polveri che, com’è noto è una delle cause principali dell’aumento di patologie al sistema cardio – respiratorio, e quindi per cercare di migliorare la qualità dell’aria urbana della nostra città. Colgo l’occasione, inoltre, per far presente che l’Amministrazione Petrarcone in vista dell’anno scolastico appena iniziato promuoverà un nuovo progetto il cui obiettivo è quello di prevenire l’inquinamento da polveri ultrafini e di ridurre il traffico in città. Il progetto, denominato “Pedibus”, permetterà a molte famiglie di accompagnare i propri figli a scuola, nel centro cittadino, a piedi, riducendo così il numero di macchine, diminuendo così l’inquinamento derivante da polveri aereodisperese. Il progetto verrà presentato nelle prossime settimane ai tre istituti comprensivi della nostra città.”

21 settembre 2012 0

Autostrada del Sole: Ricordato il 50° anniversario dell’inaugurazione del tratto Frosinone-Caserta

Di redazionecassino1

“Il 22 settembre 1962 venne inaugurato a Cassino il sesto tronco dell’Autostrada del Sole, il tratto che collega, quindi Frosinone a Caserta. un’opera che ha contribuito in modo determinante allo sviluppo del nostro territorio, rendendo Cassino un vero e proprio punto di raccordo tra Roma e Napoli.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone che ha voluto ricordare il 50° anniversario dal giorno dell’inaugurazione cui presero parte oltre all’allora primo cittadino, Domenico Gargano, le più alte cariche della politica nazionale, tra cui il Capo di Stato Antonio Segni ed il Presidente del Consiglio dei Ministri Amintore Fanfani. “Credo – ha continuato Petrarcone che questa ricorrenza sia l’occasione giusta per sottolineare quanto importanti siano le infrastrutture per un territorio. Solo investendo in opere che hanno l’obiettivo di valorizzare le risorse che abbiamo a disposizione, infatti, è possibile garantire una crescita e quindi lo sviluppo del nostro territorio.” Un anniversario, quello di oggi, che ha voluto ricordare anche il presidente del Consiglio Comunale, Marino Fardelli: “a 50 anni da quella storica inaugurazione, che di fatto decretò l’inizio dello sviluppo di Cassino e del cassinate tutto, vuole sembrare giusto ricordare gli artefici che hanno contribuito alla realizzazione di una importante opera nel nome del progresso e dell’industrializzazione del nostro tessuto sociale, decretando per l’appunto Cassino quale crocevia tra Roma e Napoli”. Un pensiero condiviso anche dall’onorevole Annateresa Formisano: “questo anniversario deve essere anche un monito ed un momento di riflessione per l’attuale classe dirigente politica e privata, per affermare con forza, la necessità degli investimenti infrastrutturali, propedeutici allo sviluppo, perché solo l’efficienza e la competitività, possono garantirlo in modo reale e duraturo.” Anche Domenico Gargano, all’epoca sindaco di Cassino, ha voluto ricordare l’inaugurazione del tratto Frosinone –Caserta. “Ricordo – ha dichiarato Gargano – con emozione quella giornata memorabile per Cassino. Tantissimi furono i cittadino che parteciparono all’evento ed io, in qualità di sindaco, ebbi l’onore di ricevere le massime autorità dello Stato. Fu veramente emozionante per noi amministratori e per l’intera cittadinanza vedere Cassino al centro degli interessi del Governo Italiano.” Il ricordo di quella giornata memorabile emerge anche dalle parole del Senatore Angelo Picano: “l’apertura del casello autostradale a Cassino fu un avvenimento di portata storica che diede così impulso per lo sviluppo del territorio provinciale, creando per Cassino le premesse per l’industrializzazione. Quello che va apprezzato, a distanza di tanti anni, rimane soprattutto il fattore tempo: dal momento dell’ideazione di Fanfani datata 1958 fino all’inaugurazione, passarono solo 4 anni. Oggi ce ne vorrebbero 20 di anni. Questo la dice lunga sulla capacità oggi della politica di dare risposte veloci e soddisfacenti.” Anche Lino Perrone, imprenditore, ha voluto celebrare questo anniversario: “ricorre il 50° anniversario dell’apertura del tratto autostradale Roma/Cassino, che ha aperto le porte ad un periodo di crescita del nostro territorio, straordinario e forse irripetibile. Sulle ali dell’entusiasmo, sulla nostra terra, abbiamo visto ogni giorno nascere nuovi insediamenti industriali e commerciali che hanno portato Cassino ed il Cassinate ai vertici della industrializzazione nazionale. Quella infrastruttura, grazie alla lungimiranza della politica dell’epoca e grazie a collegamenti veloci e diretti, ha favorito tale sviluppo, che è stato duraturo nel tempo ed ha portato quel benessere sulla popolazione, di cui ancora oggi se ne sente il retaggio. Il coraggio dei nostri padri, ci deve dare la forza, anche in questo momento congiunturale sfavorevole, per continuare a programmare e progettare investimenti ed a credere fiduciosi nel nostro futuro, e soprattutto in quello dei nostri figli”.

 

21 settembre 2012 0

Lite tra assessore ed ex assessore a Gaeta, finisce a pugni e denunce

Di redazione

Pugni e denunce, a Gaeta, tra assessore ed ex assessore. Al centro della contesa ci sarebbe il controllo ad un cantiere sulla proprietà dell’ex assessore Antonio Salone, da parte dei vigili urbani per ordine dell’assessore in carica Cristian Leccese. Pare infatti che nella tarda mattinata di ieri i vigili urbani, siano stati sensibilizzati al controllo proprio dall’amministratore in carica.Saputo questo, Salone avrebbe raggiunto Leccese e dopo insulti ed altro, lo avrebbe colpito al collo con un pugno. Inevitabile, quindi, tutto il clamore della vicenda. L’amministratore aggredito portato in ospedale, medicato e riconosciuto guaribile in sette giorni. Il suo ex collega, invece, è stato denunciato. 

21 settembre 2012 0

La Guardia di Finanza sequestra a Casoli un’area di circa 10mila metri quadrati con rifiuti solidi speciali

Di admin

A seguito di rilevamento operativo da velivolo della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pescara, i finanzieri della Tenenza di Lanciano hanno sottoposto a sequestro un terreno di circa 10.000 Mq ove era giacente una notevole quantità di materiale eternit utilizzata per la copertura di capannoni, in stato di completo abbandono, con evidenti e gravi segni di rotture e lesioni dei pannelli-onduline depositati in maniera disordinata. La probabile presenza di amianto in tali pannelli potrebbe costituire altresì un grave pericolo per la salute pubblica e un grave inquinamento ambientale, considerando anche la presenza a pochi metri dal sito del fiume Aventino, nonché di piantagioni di uliveti e di vigneti. I finanzieri hanno proceduto alla denuncia alla Procura della Repubblica di Lanciano del proprietario del sito sottoposto a sequestro, per violazione alla normativa in materia di tutela ambientale, con particolare riferimento alle disposizioni che regolano la cessazione dell’impiego di amianto. L’operazione di servizio si incardina nell’ambito della costante attività di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti in genere e nello specifico nel settore della tutela ambientale e della salute pubblica ,che vede la sinergica e coordinata azione dei Reparti territoriali con specifiche missioni di volo degli elicotteri del reparto aereo del Corpo di Pescara che provvedono a costanti rilievi aerofotografici dei siti sensibili.

21 settembre 2012 0

Domenica 23 a Cassino l’inaugurazione del “Centro Operativo” di Protezione Civile

Di admin

L’Associazione di Protezione Civile e Tutela Ambientale “V.d.S. – Volontari di Sicurezza – Cassino”, informa che in data 23 settembre p.v., presso l’ex scuola elementare di via Sant’Antonino di Cassino, alla presenza di autorità civili, militari e religiose, ci sarà l’inaugurazione del “Centro Operativo” dell’organizzazione, alla quale parteciperà la prestigiosa FANFARA DELLA POLIZIA DI STATO. Tale cerimonia rientra nella “Festa del Volontariato”, alla quale parteciperanno anche altre associazioni di Protezione Civile del Lazio e l’alto casertano, con il seguente programma: – ore 08:00 – 09:30 – Arrivo delegazioni delle associazioni di volontariato; – ore 09:45 – Arrivo della prestigiosa Fanfara della Polizia di Stato; – ore 10:30 – Arrivo delle autorità; – ore 11:00 – Apertura ufficiale della manifestazione da parte del Presidente della “V.d.S. – Volontari di Sicurezza – Cassino”; – ore 11:30 – Deposizione e benedizione della statua di San Pio da Pietrelcina, protettore dei volontari di P.C.; – ore 11:45 – Taglio del nastro ed inaugurazione del “Centro Operativo”; – ore 15:00 – Apertura stand dimostrativi e animazione con giochi gonfiabili per bambini; – ore 19:00 – Apertura serata musicale con lo spettacolo “Tina Turner Tribute Band” in concerto; – ore 21:00 – Esibizione canora di “Chiara Marrone”; – ore 21:30 – Grande show con “Manuela Lettieri” in “Manù la Sciantosa”; – ore 22:30 – “Le Ninfe della Tammorra” ballata mediterranea; – ore 23:45 – Estrazione lotteria; – ore 24:00 – Chiusura festa del volontariato con fuochi pirotecnici.

21 settembre 2012 0

Sventato il furto di un’auto, arrestati gli autori

Di admin

Questa mattina alle 06,30 i Carabinieri del NORM di Aprilia hanno arrestato due giovani pregiudicati, sorpresi mentre stavano asportando furtivamente un’autovettura parcheggiata. I due erano giunti a bordo di un’altra auto precedentemente rubata, sulla quale erano state apposte delle targhe appartenenti ad altro veicolo. All’interno dell’abitacolo venivano rinvenuti strumenti d’effrazione utilizzati per commettere altri reati. I due venivano rispettivamente trasferiti l’uno in camera di scurezza e l’altro, minore, presso il Centro di Prima Accoglienza di Roma.

21 settembre 2012 0

Museo Vivo della Memoria di Colle San Magno, al via i lavori per la sede

Di admin

Con il posizionamento del cartello che annuncia l’avvio dei lavori, è finalmente partito il progetto del Museo Vivo della Memoria di Colle San Magno. Lo stabile di proprietà comunale, ospitato proprio nel caratteristico centro storico del paese, servirà a custodire la storia e la memoria di Colle San Magno e dei suoi abitanti.. Si tratta di un progetto voluto dalla locale amministrazione per valorizzare la tradizione locale, custodire la memoria della seconda guerra mondiale e dell’emigrazione, utilizzando, nel contempo, la leva culturale anche come fattore di crescita del territorio. Dopo la presentazione dell’iniziativa lo scorso 16 agosto, procede a ritmo serrato la raccolta di materiale documentario , a cui ora si stanno affiancando i lavori di sistemazione della struttura. “Con orgoglio posso annunciare – ha dichiarato il sindaco Antonio Di Nota a nome dell’intero consiglio comunale – l’avvio dei lavori per dare sostanza al progetto del Museo Vivo della Memoria di Colle San Magno. Stiamo attrezzando i locali, ubicati nel nostro bellissimo centro storico, affinché la nostra storia e la nostra memoria trovino la dimora ideale per essere conservati e fruiti soprattutto dai giovani. Si invitano tutti coloro che sono in possesso di materiale e che volessero partecipare all’iniziativa, a contattare il Comune. Concludo con il ringraziamento, doveroso e sentito, ai due motori del progetto: il prof. Pietro Barrera e la dott.ssa Cecilia Mastrantoni”. I lavori, nelle intenzioni dell’amministrazione, procederanno a ritmo serrato, in maniera tale da inaugurare la struttura nei prossimi mesi e dotare il paese di un’ulteriore tassello di quel composito mosaico che caratterizza Colle San Magno come il paese del turismo di qualità, da scoprire e visitare.