Sara Scazzi, l’accusa chiede l’ergastolo per Sabrina e Cosima Misseri

5 marzo 2013 1 Di redazione

Carcere a vita per Sabrina e Cosima Misseri. Questa la richiesta formulata dalla pubblica accusa nel corso del processo per la morte di Sara Scazzi in corso a Taranto. Lo stesso Pm ha chiesto nove anni di carcere per lo zio della vittima, Michele Misseri accusato di occultamento di cadavere. L’omicidio di Avetrana, consumato nell’agosto del 2010, avrebbe visto, secondo la magistratura inquirente, la madre e la figlia strangolare la ragazzina per poi affidare il corpo ormai esanime a Michele che, insieme al fratello e al nipote, avrebbero provveduto a nascondersi nel pozzo all’interno del quale, grazie proprio alla parziale confessione dello stesso Michele, é stata poi ritrovata. volge al termine, quindi, un processo di corte d’Assise relativo ad un fatto di cronaca che ha spaccato l’Italia tra innocentisti e colpevolisti.
Er. Amedei