Il presidente del Tribunale di Frosinone Sciascia è cittadino onorario di Serrone

18 aprile 2013 0 Di redazione

Con una cerimonia molto partecipata, e sentita, questa mattina nell’aula consiliare del Comune di Serrone è stata conferita la cittadinanza onoraria al presidente del Tribunale di Frosinone, Tommaso Sebastiano Sciascia. Di fronte al Consiglio comunale riunito al gran completo il sindaco Maurizio Proietto e la baby sindaco Sara Fulli hanno consegnato al magistrato la prestigiosa onorificenza.
Dopo aver spiegato le motivazioni che hanno portato il Comune a riconoscere a Sciascia la cittadinanza onoraria (in allegato), il sindaco Proietto ne ha illustrato il lato umano e la grande attenzione rivolta anche alle problematiche occupazionali del territorio. Dal canto suo il presidente Sciascia, entusiasta del riconoscimento, ha esordito precisando che il luogo comune che “i politici sono tutti uguali” è smentito “dall’impegno e dal sacrificio con cui il sindaco Maurizio Proietto ha interpretato per dieci anni il proprio mandato, sempre attento alle esigenze del proprio territorio e della propria gente”. Il presidente Sciascia ha poi rivolto un invito ai ragazzi delle scuole presenti in aula “a studiare sempre con impegno, perché lo studio apre la mente e offre opportunità importanti”. Nel concludere il magistrato ha anche illustrato le diverse vicende che, nella vita, lo hanno portato ad avere un legame speciale con la Ciociaria: “da bambino – racconta – ho avuto per un periodo una balia ciociara poi, ad inizio carriera, sono stato nominato Pretore a Cassino, poi ho sposato una donna originaria di Ceccano, sono diventato Presidente del Tribunale di Frosinone e oggi l’onore di questa cittadinanza”.
Presenti alla cerimonia anche il comandante della Compagnia carabinieri di Anagni, capitano Costantino Airoldi, e quello della stazione carabinieri di Piglio, maresciallo Domenico Serpico. “Quella di Sciascia – afferma il capitano Airoldi – è una figura importante anche per noi carabinieri visto che, come presidente del Tribunale, ha sempre svolto per noi una funzione di guida, attenta e autorevole”.