Giorno: 7 luglio 2013

7 luglio 2013 0

Il “Comitato di lotta per la casa” riceve la solidarietà del deputato grillino Luca Frusone

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Prosegue l’azione del “Comitato di lotta per la casa” per assicurare un tetto alle diciotto famiglie di Cassino sfrattate o prive di alloggio. Dopo che una delegazione è stata ricevuta dall’Amministraztore Apostolico D. Augusto Ricci e la solidarietà del parroco di San Bartolomeo, nel pomeriggio di ieri le famiiglie e il Comitato di lotta ha ricevuto la visita del deputato del Movimento 5Stelle, Luca  Frusone. Il parlamentare ha incontrato i rappresentanti del Comitato e  le diciotto famiglie che da diversi giorni, ormai, occupano due edifici del Ministero della Difesa in via Vaglie in prossimità della caserma del 80° RAV di Cassino. Il deputato grillino, che è anche componente della Commissione Difesa della Camera, ha ascoltato le rivendiccazioni dei rappresentanti delle famiglie e ha assicurato il suo interessamento sull’intera vicenda. Ha, inoltre, assicurato il “Comitato” che presenterà una interrogazione parlamentare sulla viccenda.

F.Pensabene

Foto A. Ceccon

7 luglio 2013 0

Escursionisti sul Gran Sasso soccorsi dal Cnsas impiegato anche un elicottero del 118

Di redazionecassino1

Questa mattina il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese è stato allertato per soccorrere due escursionisti in difficoltà sul Gran Sasso. Mentre percorrevano la “direttissima” che sale alla vetta occidentale del Corno Grande, i due escursionisti si sono trovati in difficoltà e non riuscivano più a proseguire. L’allarme è stato dato alla centrale del 118, che però non ha potuto far intervenire l’elicottero della base di Preturo a causa delle avverse condizioni meteorologiche in quota, con vento pioggia e nebbia. Da Campo Imperatore è partita la squadra del CNSAS che ogni domenica del periodo estivo garantisce il presidio con tecnici e medico. A.A. 46 anni e A.D. 34 anni, entrambi di Roma, avendo sbagliato itinerario si sono trovati impossibilitati a proseguire. La squadra di soccorso li ha raggiunti a oltre 2700 m di quota, li ha fatti scendere con delle manovre di corda lungo la “direttissima” e poi accompagnati fino a Campo Imperatore. Nel frattempo si è comunque levato in volo l’elicottero del 118 che però non è riuscito a raggiungere la zona delle operazioni a causa delle pessime condizioni meteorologiche. Il medico del CNSAS ha prestato assistenza anche ad altri escursionisti che erano stati sorpresi dalla grandinata e li ha accompagnati fino a Campo Imperatore. Le operazioni di soccorso sono terminate poco prima delle ore 17.

7 luglio 2013 0

“Piccola Orchestra La Viola” cambia nome e diventa ‘OrchestraBottoni’, ieri il debutto a Roma

Di redazionecassino1

‘OrchestraBottoni’: questo il nuovo nome della formazione di musicisti che ormai da quasi vent’anni si esibisce nei festival e nei teatri d’ Italia ed Europa. La ‘Piccola Orchestra La Viola’ dunque cambia pelle e si presenta con il suo nuovo look in un concerto live, presentazione ufficiale per il Basso Lazio, che si terrà sabato 20 luglio in piazza Umberto I a Coreno Ausonio, in occasione dei festeggiamenti di Santa Margherita. Ieri sera intanto, venerdì 5 luglio, la compagine guidata dalla cantante Antonella Costanzo (co-fondatrice della ‘Piccola Orchestra La Viola’) e coordinata dall’organetto solista Alessandro D’Alessandro, si è esibita in provincia di Roma: via Frascati a Monteporzio Catone, località Villa Vecchia. L’orchestra porta con sé tutto il bagaglio artistico-culturale e creativo, nonché parte del repertorio musicale della ‘Polv’, frutto di un lavoro collettivo, che già da svariati anni ne identifica il suono e l’orchestrazione, e di cui si ha piena testimonianza nei due progetti speciali, contenuti negli album “The Journey” (Dodicilune 2009, con il jazzista americano Dan Moretti) e “Omaggio a N.Orleans” (Liri Blues 2006, con la complicità dei Blue Stuff). Ma all’esperienza e al consolidato successo maturato in quasi vent’anni di onorata carriera, i musicisti aggiungono ora una ventata di novità. I nuovi arrangiamenti musicali, unitamente alla rivisitazione di alcuni brani con uno stile che spazia dal classico al contemporaneo –  con sfumature di funky, jazz, reggae, etc. – fanno dell’ ‘OrchestraBottoni’ una formazione all’avanguardia che ben sa coniugare tradizione e innovazione. «Nel nome – spiega D’Alessandro – abbiamo voluto sintetizzare quello che già da tempo cercavamo di portare sul palcoscenico e nella nostra musica. Innanzitutto l’utilizzo orchestrale degli organetti, strumento di elezione del gruppo, e ovviamente strumento “a bottoni”, che uniti alla voce di Antonella Costanzo e alla sezione ritmica, creano un suono molto originale e moderno. La particolarità è quella di utilizzare gli organetti, come una vera e propria orchestra, come se fossero i fiati di una banda o gli archi di un quartetto, e confrontarci con i più svariati generi, sempre rimanendo ben saldi alle nostre origini. E poi, senz’altro la voglia di rendere il nostro approccio alla musica e al pubblico più leggero, fresco e comunicativo, e per questo la scelta di un nome e di un ‘look artistico’ un po’ ironico e giocoso, cosa per altro tipica della tradizione».

7 luglio 2013 0

Grandinata in Ciociaria e sull’autostrada A1

Di admin

Un temporale sta imperversando sulla bassa Ciociaria dalle prime ore del pomeriggio. Non sono segnalati grossi disagi ma prima, il tratto autostradale dell’A1 nella zona di Pontecorvo è stato interessato da una grandinata che è durata circa mezzora. Se in questi casi si decide di fermarsi e aspettare che passi la pertubazione, la raccomandazione è sempre quella di fermarsi in piazzola di sosta e in spazi di massima sicurezza, non come mostrano le webcam di autostrade per l’Italia dove gli automobilisti hanno sostato in prossimità di un cavalcavia occupando anche la prima corsia di marcia dell’autostrada.

7 luglio 2013 0

Il 99% degli smartphone Android sarebbero vulnerabili all’hacking. I pirati informatici potrebbero utilizzare una falla nel sistema operativo

Di admin

Una falla di sicurezza nel sistema operativo più utilizzato al mondo potrebbe consentire agli hacker di controllare lo smartphone delle loro vittime. Il 99% dei telefoni Android conterrebbe una falla che potrebbe consentire agli hacker di avere accesso a tutte le applicazioni disponibili nel dispositivo. Ciò significherebbe che il problema potrebbe interessare quasi 900 milioni di smartphone in tutto il mondo.

L’informazione, rileva Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, viene da Jeff Forristal, Direttore Tecnico di Bluebox Security, una società specializzata nella sicurezza dei dispositivi mobili. Secondo quanto da questi dichiarato, le conseguenze potrebbero essere catastrofiche. La falla consentirebbe realmente agli hacker di installare software dannosi tipo “trojan horse” (cd “cavalli di troia”), che darebbero loro accesso illimitato al telefono e alle applicazioni del sistema operativo installato.

In poche parole, una volta che viene effettuato il download di un virus, gli hacker potrebbero catturare i dati sensibili memorizzati nel dispositivo. Così ID, password, SMS, e-mail e altri documenti personali potrebbero cadere abbastanza facilmente nelle mani dei pirati.

Una pessima notizia per coloro che accedono al loro conto in banca dal proprio smartphone, e siamo sempre di più. Ma ancor peggio, la vulnerabilità del sistema Android permetterebbe agli hacker di assumere il controllo completo del telefono: chiamate arbitrarie, SMS indesiderati, fotocamera attivata e disattivata, e anche registrare le chiamate.

Tecnicamente, questo “errore” del sistema operativo mobile più utilizzato è molto semplice. La falla di sicurezza consente di cambiare il codice dell’applicazione senza cambiare la sua firma crittografica. Quindi, l’applicazione leggerebbe come autentico, anche se è stato modificato dall’hacker, il software maligno.

Tale vulnerabilità è stata segnalata a Google già all’inizio di febbraio. Il gigante di Internet avrebbe riconosciuto il problema, ma avrebbe chiesto ai produttori di procedere con gli aggiornamenti corretti.

Questa vulnerabilità interesserebbe quasi tutti i dispositivi con la versione del sistema operativo mobile di Google 1.6 o superiore. Finora, solo il Galaxy S4 sarebbe fuori portata, il che conferma che sono state sviluppate nuove misure di sicurezza.

Nel frattempo, lo “Sportello dei Diritti”, rilancia quanto suggerito da Bluebox Security che consiglia a tutti gli utenti Android di effettuare aggiornamenti periodici per il proprio telefono cellulare e scaricare solo le applicazioni delle quali si conoscono l’origine e il contenuto.

7 luglio 2013 0

Ciclista morto la notte di sabato sulla Pontina, identificato un 29enne di Sabaudia

Di admin

In seguito alle prime verifiche disposte dopo l’incidente, si è presentato in mattinata presso gli Uffici della Sezione scrivente il giovane C. S., classe 1984, che sabato notte alla guida di una FIAT grande punto ha investito sulla S.R. 148 un operaio di nazionalità rumena a bordo di un velocipede. Il personale in servizio ha provveduto alla ricostruzione dell’episodio ed alla redazione degli atti urgenti, assumendo informazioni dal giovane che risulta indagato con successiva trasmissione del seguito di informativa al magistrato di turno, Dott.ssa Monsurrò. Naturalmente sono in corso gli accertamenti necessari a chiarire tutti gli aspetti di quanto occorso.

7 luglio 2013 0

Le strade “groviera” un pericolo costante per i cittadini

Di redazionecassino1

Cassino “città groviera” solo così la si può definire, visto lo stato in cui versano molte strade, del centro e della periferia. A farne le spese, come sempre, i pedoni e gli anziani. Proprio ieri pomeriggio, infatti, una signora ha rischiato una rovinosa caduta a causa del cattivo stato delle strade e dei marciapiedi. Solo il pronto intervento di un passante, che è riuscito ad “afferrarla al volo”, non le ha procurato danni maggiori. Il pessimo stato in cui versano strade e marciapiedi in città è divenuto intollerabile e da troppo tempo non si provvede a porre rimedio. Non ci si può sempre giustificare con la mancanza di soldi nelle casse comunali. Qualche esempio? Presto fatto. Su viale Dante all’incrocio con via Pascoli prossimità di una rampa per disabili, c’è un buca profonda e la cunetta di scolo dell’acqua piovana presenta il rivestimento in marmo completamente staccato formando una pericolosa buca sia per le persone normale e soprattutto per i disabili su sedia a rotelle che utilizzano quella rampa. Stessa situazione, poco più avanti sulla medesima via i prossimità dell’ex cinema Rapido. Neppure le strade più periferiche godono di ‘buona salute’, anzi lì la situazione è davvero indecente. Gli esempi di pericolo non mancano. Via degli Eroi fin giù a via Telesio le buche non si contano più e la sera rappresentano vere e proprie trappole per tutti. A complicare la già precaria situazione anche qualche perdita d’acqua come in via Telesio da troppo tempo in attesa di essere riparata. Questa la situazione, ma l’elenco dei pericoli potrebbe continuare all’infinito a cui occorre porre rimedio subito approfittando anche della stagione estiva che favorisce i lavori di manutenzione.

F. Pensabene

Foto A.  Ceccon

   

7 luglio 2013 0

A Cassino il vicino lo rimprovera perché sbatte il portone e lui…gli spara al piede

Di redazione

Il vicino lo rimprovera e lui… Gli spara ad un piede. É accaduto questa notte all’1.30 circa, nel rione Colosseo di Cassino. Un 30enne rincasa e batte il portone del condominio. Un frastuono che fa svegliare uno dei vicini il quale non perde tempo, esce sulle scale e lo rimprovera. Un richiamo che il 30enne non gradisce, sale, entra in casa, prende la pistola e senza dire altro, spara ad un piede al vicino. Inevitabile l’intervento dei carabinieri che, soccorrono il ferito affidandoli agli operatori del 118 e arrestano il 30enne per lesioni gravi. Eppure questa estate non è poi così calda. Er Amedei

7 luglio 2013 0

Ladri di autovelox a Cassino, i carabinieri li sorprendono a sradicare l’impianto di San Bartolomeo

Di redazione

La crisi economica e la difficoltà della gente spiegano tanti gesti, ma non quello compiuto questa notte a Cassino da alcuni persone, fermate dai carabinieri. Con due auto, in via San Bartolomeo, alcuni hanno sradicato gli impianti autovelox da poco installati con il tentativo di portarlo via. Qualcuno li ha visti e ha dato l’allarme. L’arrivo dei carabinieri, ha impedito il compimento del gesto e gli autori dell’inusuale tentato furto, sono stati fermati. Gli autovelox sono, da tempo, oggetto di danneggiamenti. Alcuni, come quello sulla superstrada ad Ausonia, é stato addirittura fatto saltare per aria dopo essere stato saturato di gas. Non si era ancora mai arrivati al furto. Difficile pensare che i ladri volessero installarlo nel loro giardino per mantenere sotto controllo la velocità dei nani di Biancaneve. Er. Am. Foto archivio