Giorno: 5 settembre 2013

5 settembre 2013 0

Corpo carbonizzato ad Itri, le indagini si concentrano sulla vita professionale dell’enologo

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Indagini a tutto campo quelle che i carabinieri del Reparto operativo di Latina stanno svolgendo sul caso dell’omicidio di Ulrico Cappia, 57 anni di Roma, ucciso ieri sera a Itri in località Porcignano. La certezza che si tratti di omicidio deriva dai bossoli di pistola di medio calibro che i carabinieri hanno ritrovare nella rada al fianco della carcassa dell’auto distrutta dalla fiamme. All’interno, i resti dell’uomo non permetterebbero la conta dei colpi che lo hanno raggiunto. L’enologo è stato ucciso con colpi che gli hanno raggiunto la testa sparati ad una distanza ravvicinata. Le indagini, fin dai primi minuti si sono concentrate sull’ambiente professionale. Cappia era il responsabile dell’azienda vinicola Schettino, che oltre ad occuparsi della qualità del vino prodotto, si occupava anche della gestione del personale, delle assunzioni di stagionali o di eventuali licenziamenti. Una responsabilità che gli aveva creato già problemi in precedenza e, forse, anche per questo, l’enologo preferiva tornare a Roma tutte le sere e solo raramente pernottava in zona. I carabinieri, questa mattina, hanno ascoltato diverse persone le cui dichiarazioni sono state prese a sommaria informazione, ma nessuno di queste risulta formalmente indagata. Si cerca anche nella vita privata della vittima di cui poco si sa. Ieri sera, secondo il colonnello Rinaldi del comando provinciale di Latina, qualcuno lo avrebbe atteso alla fine del lavoro, mentre si avvicinava alla sua Fiat 500 parcheggiata all’interno dell’azienda vinicola, sotto la minaccia dell’arma lo avrebbe costretto a spostarsi di circa 300 metri in un punto nascosto e lì lo avrebbe giustiziato. Altri dipendenti Avrebbero sentito quattro o cinque colpi di arma da fuoco, poi hanno visto i bagliori dell’incendio ed hanno lanciato l’allarme. L’assassino sarebbe fuggito a piedi in una notte stellata, in una campagna che comunque certamente conosceva alla perfezione.

5 settembre 2013 0

35esimo Rally di Pico: grande collaborazione fra Istituzioni e organizzatori per un evento attesissimo

Di admin

Si è svolta la sera di mercoledì 4 settembre, nella vivace cornice di Piazza Ferrucci a Pico la presentazione della 35a edizione del Rally di Pico. Rappresentati istituzionali ed organizzatori erano presenti assieme sul palco per illustrare al numeroso pubblico di appassionati le novità e i dettagli della corsa che sabato 7 e domenica 8 settembre porterà equipaggi e vetture di altissimo livello nelle strade del basso Lazio.

L’apertura è toccata, come da tradizione, al Sindaco di Pico, dott.ssa Ornella Carnevale, che ha evidenziato le numerose difficoltà superate nell’organizzazione del rally grazie alla disponibilità delle istituzioni. Grande attenzione è stata posta all’aspetto della sicurezza, grazie anche alla diffusione su tutto il circuito di un volantino in cui vengono illustrate le regole per assistere nel modo migliore al rally. Il primo cittadino ha poi anticipato novità nel tracciato e nuove prove speciali per l’edizione 2014. Ha preso quindi la parola Giuseppe Patrizi, Commissario Straordinario per la Provincia di Frosinone, che ha ricordato la valenza culturale e storica che un evento radicato come il Rally di Pico rappresenta per il territorio, e come le istituzioni debbano impegnarsi per la sua crescita.

Opinione condivisa e sottolineata anche dal consigliere regionale Mauro Buschini, che ha portato il saluto del Presidente Zingaretti e rammentato le possibilità di ricaduta economica che tali eventi possono garantire. Il consigliere Buschini ha poi consegnato due targhe dono dell’Amministrazione Regionale al sindaco Carnevale e al presidente del comitato organizzatore Severino Vallone, il quale ha ringraziato l’Amministrazione Comunale, il comitato e lo staff per il grande impegno profuso in queste settimane di attento e faticoso lavoro. Massimo Belli, Comandante della Polizia Provinciale, ha illustrato tutte le iniziative messe in campo per aumentare la sicurezza di partecipanti e spettatori lungo le strade del rally e lungo la viabilità ordinaria. Sono tornati sui temi della sicurezza e della spettacolarità di questa storica competizione con l’ormai celebre passaggio in piazza Ferrucci i “tecnici” Achille Pagliuca (presidente ACI Frosinone), Guido Pizzicarola e Sandro Ferrari della CSAI.

Il sindaco di Pontecorvo (Michele Sirianni Notaro) e il vicesindaco di Pofi (Paolo Pulciani) hanno testimoniato la fattiva collaborazione fra gli enti locali nel garantire lo svolgimento della gara, che vede sempre un numerosissimo pubblico pronto ad acclamare gli equipaggi. Lo sforzo oggi necessario per riuscire a far vivere il rally è simile allo sforzo pioneristico che lo vide nascere nel lontano 1979 su idea di Pietro Paolo Pompei, più volte citato durante la serata.

Breve ma significativo l’intervento di Gino Abbatecola, navigatore di grande esperienza e gloria locale dell’automobilismo: la gara sarà lunga e impegnativa, si dovrà dare tanto sopratutto nella prova speciale di Pico che è molto selettiva, ma quando la luce verde della partenza si accende non si sente più la stanchezza: si pensa solo a vincere.

5 settembre 2013 0

La Marangoni annuncia la chiusura dello stabilimento di Anagni, 410 lavoratori a rischio disoccupazione

Di redazione

Come un pugno allo stomaco, gli oltre 400 dipendenti della Marangoni di Anagni hanno dovuto incassare la notizia piovuta oggi della volontà, da parte dell’azienda, di dismettere lo stabilimento Ciociaro. Ad Anagni si producono pneumatici per auto e lo stabilimento è della Marangoni dall’88. Oggi, nel corso di una riunione all’Unione Industriali, l’azienda ha comunicato la dismissione e ciò significa 410 posti di lavoro a rischio oltre altrettanti di dell’indotto. La difficoltà sta nel trovare un partner imprenditoriale che possa affiancare l’azienda nello sforzo finanziario di risollevare le sorti industriali dello stabilimento. “Abbiamo chiesto di congelare le procedure di dismissione – dichiara Sandro Chiarlitti della segreteria Chimici della Cgil – in attesa di incontro presso la Regione Lazio insieme a ministero economico e quello del Lavoro. Oggi stesso partita questa richiesta. La speranza è che insieme alle istituzioni si trovi strumenti per far ripartire la fabbrica che se non produce perde contatto con rete commerciale l’80% della quale è straniera”. Er. Amedei

5 settembre 2013 0

Fiat, Marino Fardelli: “Attendiamo i dettagli degli investimenti. Ora la Regione migliori le infrastrutture e rifinanzi la LR46”

Di redazione

Migliorare le infrastrutture per cogliere quei chiari segnali positivi che giungono dai vertici della Fiat e rifinanziare la legge 46. In sostanza è questo il commento di Marino Fardelli, il consigliere regionale che in diverse occasioni ha portato la questione Fiat all’attenzione della Regione Lazio. “La dichiarazione che aspettavamo è arrivata. Investimenti a Cassino ci saranno. Certamente non si è parlato di dettagli quindi non ci sono numeri e non ci sono modelli nuovi da produrre, ma c’è un annuncio che, il giorno dopo la riapertura amara dei cancelli di Cassino, ci riporta nella fiducia” ha detto il consigliere Fardelli che ha aggiunto: “Ora dobbiamo saper cogliere questi segnali. La Regione Lazio deve poter mettere in condizione aziende come la Fiat di usufruire di infrastrutture che rendano la comunicazione agevole, veloce e quindi competitiva. Il rifinanziamento della LR46 inoltre, risulterebbe fondamentale”. Proprio il consigliere regionale infatti aveva presentato un emendamento al bilancio affinchè fossero reperiti i fondi per rifinanziare una leggeche da sostegno alla Fiat. Intanto la prospettiva della cassa integrazione già preannunciata aveva reso molto incerto il nuovo autunno fiat. Mentre Mirafiori si dice salva grazie all’annuncio di un miliardo di investimenti per la produzione di un suv, Cassino comincia a sperare. Le notizie sono arrivate a seguito dell’incontro tra Fiat e sindacati a Roma dove Sergio Marchionne ha confermato che l’azienda darà inizio ad un piano di investimenti che riguarderà presto anche Cassino.

5 settembre 2013 0

Abbazia e diocesi di Montecassino in lutto per la morte di don Faustino Avagliano

Di redazione

La comunità monastica di Montecassino, insieme alla Diocesi Abbazia Territoriale di Montecassino, si uniscono nel dolore e nella preghiera per la perdita del Rev.mo DOM FAUSTINO AVAGLIANO OSB, monaco di Montecassino e Direttore dell’Archivio dell’Abbazia, tornato alla Casa del Padre dopo breve malattia, e ne ricordano l’alto impegno spirituale, il valore e le qualità di uomo di studi, di storico, di scrittore. Ma soprattutto ricordano i suoi modi schivi e riservati, la sua disponibilità, la sua gentilezza, la sua attenzione alle persone che facevano di lui un vero monaco, colto, sereno, accogliente, un vero “cercatore di Dio”. Nella certezza cristiana, elevano fervide preghiere a Dio perché lo accolga nel suo regno di pace e di luce nell’eternità.

5 settembre 2013 0

Deltaplano precipita a Terracina, feriti due uomini decolalti da Ferentino

Di redazione

Si schiantano con il deltaplano a motore mentre erano intenti a realizzare un reportage fotografico su Terracina. E’ accaduto nella tarda mattinata di oggi e sfortunati protagonisti sono due uomini decollati da Ferentino. Erano le 12 circa quando stavano sorvolando Terracina e il motore del velivolo si è fermato. Inarrestabile la discesa che i due hanno tentato di controllare planando sulla zona pianeggiante della cava, ma sono finiti comunque per schiantarsi contro delle serre usate per l’agricoltura. Un impatto violento ma che non ha avuto conseguenze irreparabili. I due uomini, infatti, sono stati soccorsi dagli operatori del 118 e trasportati uno a Fondi e l’altro a Terracina. Le loro conseguenze non sono gravi.

5 settembre 2013 0

Il cordoglio della comunità monastica di Montecassino per la perdita di dom Faustino Avagliano

Di admin

La comunità monastica di Montecassino, insieme alla Diocesi Abbazia Territoriale di Montecassino, si uniscono nel dolore e nella preghiera per la perdita del Rev.mo DOM FAUSTINO AVAGLIANO OSB, monaco di Montecassino e Direttore dell’Archivio dell’Abbazia, tornato alla Casa del Padre dopo breve malattia, e ne ricordano l’alto impegno spirituale, il valore e le qualità di uomo di studi, di storico, di scrittore. Ma soprattutto ricordano i suoi modi schivi e riservati, la sua disponibilità, la sua gentilezza, la sua attenzione alle persone che facevano di lui un vero monaco, colto, sereno, accogliente, un vero “cercatore di Dio”. Nella certezza cristiana, elevano fervide preghiere a Dio perché lo accolga nel suo regno di pace e di luce nell’eternità.

5 settembre 2013 0

Si concretizza l’ipotesi omicidio, l’enologo ucciso a Itri con colpi di pistola e poi bruciato

Di redazione

Sarebbe stato prima ucciso con alcuni colpi di pistola e poi dato alle fiamme nella sua auto. L’assassino avrebbe atteso Ulrico Cappia, fuori dall’azienda vinicola di Itri per la quale lavorava, probabilmente sotto la minaccia di un’arma é stato condotto in una zona piú nascosta della stessa azienda e li sarebbe stato ucciso, quasi giustiziato, con almeno un colpo al cranio. Difficile dire quanti proiettili lo hanno raggiunto dato che le condizioni del corpo, o meglio i resti, non permettono una conta precisa. L’uomo viveva a Roma e viaggiava per raggiungere Itri e l’azienda per la quale lavorava. solo alcune volte pernottava in zona. Gli investigatori cercano il responsabile tra i conoscenti che l’uomo aveva ad Itri dato che quasi certamente conosceva il suo assassino.

5 settembre 2013 0

Nove settembre, la Marina Militare ricorda i caduti in mare

Di admin

La Marina Militare il 9 settembre 2013 alle ore 11.00, presso il Monumento Nazionale al “Marinaio d’Italia” di Brindisi, ricorderà i caduti in mare con la cerimonia commemorativa della “Giornata della Memoria dei Marinai Scomparsi in Mare”, a perenne ricordo del sacrificio dei marinai militari e civili scomparsi in mare. Alla cerimonia solenne che si svolgerà il giorno in cui si ricorda l’affondamento della corazzata ROMA (9 settembre 1943), prenderà parte il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Giuseppe De Giorgi, oltre alle locali autorità civili e religiose. Il programma delle commemorazioni prevede un convegno storico dal tema: “L’8 settembre e la tragedia della corazzata ROMA” che si svolgerà il giorno 6 settembre alle ore 10.00, presso il Castello Svevo di Brindisi e che avrà come relatori il professor Vito Gallotta dell’Università degli Studi di Bari e il Capitano di Vascello Patrizio Rapalino dell’Ufficio Storico della Marina Militare. Presso la Biblioteca del Circolo Ufficiali di La Maddalena, il giorno 9 settembre alle 09.30, si terrà la conferenza dal titolo “L’armistizio e le Forze Navali da Battaglia” seguita una cerimonia che si svolgerà alle ore 11.00 presso la banchina di Punta Chiara (La Maddalena) e alla quale presenzierà, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, impegnato a Brindisi, il contrammiraglio Gualtiero Mattesi, Comandante del Comando Militare Marittimo Autonomo della Sardegna.

5 settembre 2013 0

Incidente mortale sulla strada statale 16 “Adriatica” a Scerne di Pineto, in provincia di Teramo

Di admin

L’Anas comunica che sulla strada statale 16 “Adriatica” un motociclista ha perso la vita in un incidente in cui non sono rimasti coinvolti altri veicoli, avvenuto all’altezza del km 423, nella frazione di Scerne di Pineto, comune di Pineto, in provincia di Teramo.

A seguito dell’incidente, la strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico, mentre ora è riaperta e si registra qualche rallentamento. Sul posto sono intervenute le squadre dell’Anas e della Polizia Stradale per effettuare i rilievi del caso e per la gestione della viabilità.

L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione ‘VAI Anas Plus’, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”.

Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 ‘Pronto Anas’ per informazioni sull’intera rete Anas.