Giorno: 7 settembre 2013

7 settembre 2013 0

Rally di Pico, alle 22 partono 74 equipaggi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Numeroso il pubblico di appassionati presenti alle verifiche tecniche e sportive avvenute nella mattinata di sabato presso il mercato parcheggio del Comune di Pico. 74 sono dunque i partenti dei 76 iscritti. Mancano all’appello solo Giorgio Persini e Alessandro Abatecola su Clio RS, e il pilota locale Sandro Beresi e Walter Pecchia iscritti con una Peugeot 106. Entrambe le auto non si sono si sono presentate all’appello per problemi tecnici alle rispettive vetture. Un numero di partenti, dunque, molto più alto del previsto che sicuramente regalerà emozioni a tutti gli appassionati. Una mattinata di sole e divertimento che ha visto verificare tutti i big iscritti alla gara. Qualche problema di troppo si è avuto per la Grande Punto Abarth di Mario Sulpizio, che ha tenuto sulle spine il forte pilota ciociaro e tutti i suoi tifosi. Verifiche comunque effettuate per Sulpizio, già vincitore 3 volte a Pico negli scorsi anni e uno dei maggiori favoriti alla vittoria finale, che partirà col n.2.

L’avvio ufficiale della 35° edizione dello storico Rally di Pico si avrà, dunque, a Pico a partire dalle 22 quando Gianluca D’Alto e il beniamino locale Gino Abatecola su Grande Punto Abarth, con il numero 1, daranno il via a quello che si prevede essere un grande spettacolo. Poi partiranno a seguire tutti gli altri big, con particolare attenzione al nuovo Trofeo Evo Rally che vedrà scontrarsi tutte le Grande Punto Abarth.

Senza un attimo di respiro, nella vicina piazza Ferrucci, a partire dalle 22.25 gli appassionati avranno la possibilità di vedere i piloti già alla prima prova speciale che è una delle prove speciali più apprezzate in Italia: Greci-Pico. Scendere dalle montagne dei Greci in un percorso difficile, tecnico, divertente ma impegnativo, è il sogno di tutti i piloti, non solo dei drivers ciociari. Dopo aver percorso la strada che congiunge al paese di Pico, che sembra essere stata costruita appositamente per una prova di Rally, i piloti subiscono il vero turbinio di emozioni con l’uscita in Piazza Ferrucci, con gli sguardi di molte migliaia di appassionati per poi tornare nuovamente sulle strade di montagna.

Molto più corte le PS di Pofi e Pontecorvo (7 km la prima, 6 la seconda). Brevi ma non meno impegnative queste prove speciali, con un percorso molto tecnico e selettivo che verranno riproposte altre due volte durante la notte tra sabato e domenica. Proposte negli ultimi anni, sia Pofi che Pontecorvo hanno trovato l’attenzione di piloti e appassionati che accalcano durante la notte le strade della Ciociaria. Il parco assistenza, quest’anno è previsto nel Comune di Pontecorvo presso il parcheggio del Centro Commerciale “Il Ponte”.

Arrivo e premiazione domenica mattina a partire dalle ore 9.00, sempre nella piazza del Mercato di Pico per conoscere chi è riuscito ad aggiudicarsi le numerose classi che vedranno sfidarsi ben 74 piloti durante la notte ma soprattutto per festeggiare chi si è aggiudicato il 35° Rally di Pico, facente parte del challenge settima zona.

7 settembre 2013 0

Legnaia in fiamme a Campoli, trappola per i vigili del fuoco investiti da esplosione bombola gpl

Di redazione

Una legnaia in fiamme, nella tarda mattinata di oggi a Campoli Appennino stava per trasformarsi in una pericolosa trappola per i vigili del fuoco di Sora accorsi per domare l’incendio. I pompieri, infatti, erano appena arrivati in via Borgo Costa dove stava bruciando una legnaia vicino ad una casa privata e stavano srotolando le manichette per iniziare le operazioni di spegnimento quando sono stati travolti dall’onda d’urto di una violenta esplosione. Il fuoco, infatti, aveva fatto detonare una bombola di Gpl che imprudentemente era stata sistemata proprio nella legnaia. Una esplosione violentissima che, per fortuna, non ha provocato ferite ai pompieri o ai proprietari dell’abitazione. Poco dopo l’incendio è stato domato.

7 settembre 2013 0

Lancia il proprio cane da un ponte, 77enne denunciato dai Carabinieri a Latina

Di admin

A Latina ieri i Carabinieri della Stazione di Borgo Grappa hanno denunciato in stato di libertà’ un 77enne del luogo poichè sorpreso mentre lanciava da un ponte un cane di razza meticcia allo scopo di disfarsene. L’immediato intervento dei Carabinieri e di alcuni passanti consentiva di trarre in salvo l’animale che veniva affidato al servizio veterinario della AUSL di Latina.

7 settembre 2013 0

Oltre 70 tonnellate di rifiuti e 13mila litri di scarti liquidi gassosi sequestrati a Minturno

Di admin

I finanzieri del comando provinciale guardia di finanza latina – gruppo di formia -, nell’ambito dell’attività d’istituto volta al controllo della gestione ed esecuzione del servizio di raccolta dei r.S.U. Nel comune di minturno, hanno dato esecuzione ad un dispositivo di accertamento dello stato dei luoghi e delle cose emesso in data 4.9.2013 dalla procura della repubblica di latina a firma del dott. Giuseppe miliano, presso l’aerea denominata “ex asia”.

Il provvedimento in parola é stato emesso al fine di verificare la corretta gestione, da parte dell’attuale societá incaricata del servizio di gestione e raccolta dei rifiuti, dell’area già sottoposta a sequestro nel lontano 2008 dalla procura della repubblica di latina per gravi violazioni ambientali ed affidata in giudiziale custodia alla società appaltatrice per il solo ricovero degli automezzi e delle attrezzature.

Tuttavia, una volta giunti sul posto i finanzieri hanno constatato come l’area in questione fosse in realtà utilizzata quale vera e propria discarica incontrollata per la lavorazione dei rifiuti differenziati e priva di ogni autorizzazione amministrativa e sanitaria e che gli scarti gassosi, provenienti dalla citata lavorazione, venivano illecitamente smaltiti attraverso i canali di scolo e le vasche di raccolta interrati nel sottosuolo.

Pertanto le fiamme gialle hanno proceduto al sequestro di circa 70 tonnellate di rifiuti solidi urbani e circa 13.000 litri di scarti liquidi gassosi catalogati quali rifiuti speciali.

Sono state deferite alla procura della repubblica di latina tre persone, responsabili del cantiere della societa’ appaltatrice, per le violazioni previste dall’art. 256 dlgs 152/2006 in materia ambientale .

Tuttora sono al vaglio degli inquirenti ulteriori elementi emersi nel corso degli accertamenti e che potrebbero essere significativi di successivi sviluppi.

7 settembre 2013 0

Incidente in galleria sull’A27, chiuso il tratto tra Belluno e Fadalto

Di admin

Autostrade per l’Italia comunica che alle ore 13.40 circa sulla A27 Venezia-Belluno è stato chiuso il tratto tra Belluno e Fadalto in direzione Venezia a causa di un incidente verificatosi al Km 71,4, che ha visto il tamponamento da parte di un’autovettura ad un motociclista all’interno della galleria Cave Ovest. Nell’incidente una persona è rimasta ferita. Attualmente nel tratto chiuso si registrano 2 Km di coda. Sul luogo sono intervenuti i i Vigili del Fuoco, i soccorsi meccanici, sanitari, le Pattuglie della Polizia Stradale oltre agli operatori della direzione IX Tronco di Udine. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati su RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

7 settembre 2013 0

L’esercito ha arruolato 1933 volontari in FP1. I giovani sono arrivati a Capua il 5 settembre

Di redazione

L’Ufficio-Stampa del Raggruppamento Unità Addestrative (RUA), sempre puntualmente diretto dal ten.col. Antonio Giannelli, ha diffuso un comunicato che dà notizia dell’avvenuto afflusso, giovedì 5 settembre, nella “Prima Scuola” dell’Esercito Italiano, degli arruolati col 3° Blocco 2013: infatti 1.933 volontari in “ferma prefissata a un anno”, d’ambo i sessi e in età compresa fra i 18 e i 25 anni, sono giunti nelle tre Caserme dei Reggimenti Addestramento Volontari che fanno capo al RUA di cui è amato comandante il gen. di Divisione Antonio Zambuco: l’85° Reggimento “Verona”, con sede nell’omonima città scaligera, il 235° Reggimento “Piceno” ad Ascoli e il 17° Reggimento “Acqui” con sede in Capua. Giovani uomini e donne, provenienti dalle diverse regioni della Penisola, dovranno iniziare il loro iter formativo e addestrativo, frequentando il corso di base e permanendo nei Reggimenti per un periodo di dieci settimane, al termine delle quali verranno trasferiti ad Enti e Reparti d’impiego della Forza Armata dislocati su tutto il territorio nazionale. I volontari e i loro accompagnatori sono stati accolti nelle Caserme dove han partecipato ad una riunione informativa sul corso di formazione e sui possibili sbocchi occupazionali futuri. In tal senso, cioè per l’accoglienza consapevole dei protagonisti estesa anche ai loro genitori o familiari di 1°grado, si è adoperato l’intero vertice del RUA e, da autentico antesignano, il col. Domenico Roma, comandante del 17° Rgt “Acqui” recentemente tornato alla ribalta, in sede accademica, per illuminanti contributi alla ricostruzione storica sui tragici fatti di Cefalonia. Durante le predette settimane di iniziale istruzione teorico-pratica i nuovi soldati saranno sottoposti ad un addestramento che consentirà loro di acquisire le fondamentali capacità militari, con particolare attenzione alla preparazione fisica, all’addestramento individuale al combattimento, alle lezioni di tiro con le armi in dotazione ed alla formazione etico-morale. Così l’E.I. continua ad offrire nuove opportunità professionali al pianeta-giovani che paga a più caro prezzo la morsa della crisi occupazionale che attanaglia l’Italia e, più gravemente, il Sud. Raffaele Raimondo

7 settembre 2013 0

Ruba gasolio dai camion delle immondizie, 46enne in manette ad Ortona

Di redazione

Serata movimentata per i Carabinieri della Stazione di Ortona, che, nel corso di un servizio perlustrativo in contrada Villa Torre, con intuito e perspicacia, scorgevano un uomo che, con fare sospetto, si aggirava per il piazzale della società “Ortona Ambiente”. I militari, ormai insospettiti, si avvicinavano e lo vedevano asportare gasolio dagli autocarri adibiti alla raccolta dei rifiuti urbani. I Carabinieri decidevano a questo punto di intervenire e, dopo un breve inseguimento a piedi, riuscivano a bloccare e trarre in arresto il ladro, G.G., 46enne ortonese, noto alle Forze dell’Ordine. I successivi e celeri accertamenti sul posto permettevano poi di rinvenire e sequestrare l’auto utilizzata dal reo, una Fiat Panda, e ben sei taniche di gasolio da 20 litri. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato veniva tradotto presso la sua abitazione in attesa del rito direttissimo.

7 settembre 2013 0

Emergenza nave Concordia, entro settembre si compirà l’operazione di rimessa in asse

Di redazione

Parere positivo alle operazioni di rimessa in asse della nave Costa Concordia nel mese di settembre: è questo l’esito della riunione convocata dal Commissario delegato per l’emergenza, Franco Gabrielli, a Roma presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, alla quale hanno partecipato i rappresentanti del Comitato consultivo, dell’Osservatorio, del consorzio Micoperi-Titan e della società Costa Crociere. Il via libera definitivo all’avvio della fase di rotazione del relitto rimane subordinato alla consegna di tutti i certificati di collaudo delle strutture ultimate e al completamento delle attività propedeutiche all’operazione di parbuckling. Tutto ciò dovrebbe avvenire entro la prossima settimana; da quella data, appena le condizioni meteo marine lo consentiranno, inizierà l’operazione di raddrizzamento.

Le amministrazioni e i soggetti intervenuti hanno formulato, ognuna per il proprio ambito di competenza, prescrizioni e raccomandazioni che le società incaricate dovranno necessariamente rispettare nel corso del cosiddetto parbuckling e che sono state integrate nella documentazione finale. La decisione presa nella riunione di oggi è il frutto del continuo lavoro, fatto di costanti scambi di informazioni e documenti, tra le società private che stanno realizzando l’opera e che hanno messo in campo i massimi esperti nel settore della ingegneria navale, e la struttura pubblica del Commissario delegato, rappresentata in primo luogo dall’Osservatorio per il monitoraggio.

Nel corso dei mesi, infatti, sono stati valutati i vari ipotizzabili rischi legati al parbuckling e sono state definite le diverse misure di mitigazione degli stessi. È stato fatto un preciso lavoro di comparazione tra il rischio che la nave correrebbe a rimanere in asse per tutto l’inverno, esposta alle immaginabili condizioni meteorologiche avverse, rispetto a quello di passare lo stesso periodo adagiata nella posizione in cui si trova ora, giungendo alla conclusione che la prima ipotesi sia preferibile alla seconda: infatti, dopo un altro periodo invernale trascorso in una posizione innaturale, non si avrebbe la certezza di riuscire a rimettere il relitto in asse nel corso della prossima primavera. È stato, infine, condiviso un corposo documento per la gestione delle acque interne, e da inizio agosto sta proseguendo il lavoro preventivo di “bonifica” del materiale liquido da alcune parti accessibili della nave.

Stante la necessità di informare, come fatto sempre in passato, la popolazione del Giglio, nel corso della prossima settimana è previsto un incontro sull’isola con il Prefetto Gabrielli, il sindaco, la Presidente dell’Osservatorio di monitoraggio, i referenti del consorzio Micoperi-Titan e di Costa Crociere.

Nei giorni immediatamente successivi verrà convocata una conferenza stampa, per dare conto agli organi di informazione della presumibile data di inizio delle operazioni – al momento ancora non certa –, del dettaglio di queste ultime e delle indicazioni logistiche necessarie per poter lavorare correttamente, senza intralciare le operazioni di parbuckling e delle strutture operative del sistema di protezione civile presenti su Isola del Giglio.

7 settembre 2013 0

Malore mortale per il comandante di un nave cisterna al largo di Gaeta

Di redazione

Malore mortale per il comandante di una nave cisterna battente bandiera Liberiana alla fonda nel Golfo di Gaeta. Ieri sera il 58enne russo ha accusato un malore e l’equipaggio ha lanciato l’allarme. Inutile l’intervento del medico arrivato a bordo, l’ufficiale è morto probabilmente a causa di un infarto. Questa mattina il suo corpo, sotto la stretta sorveglianza della Capitaneria di porto di Gaeta, è stato trasbordato sul rimorchiatore Punta Campanella e affidato all’agenzia delle pompe funebri.

7 settembre 2013 0

LIBRO – “LA FORZA DELL’AMORE. IN RICORDO DI DANIELE”, di Cerasella Da Ros

Di redazione

(Recensione di Paolo Leone)

Ci sono situazioni, circostanze, eventi, o più semplicemente persone, che ti mettono spalle al muro, ti fanno sentire inadeguato, piccolo, di fronte a tragedie più grandi di noi oppure all’Amore più profondo che si possa incontrare. In questo libro ci sono entrambi. L’amore di una mamma che nel tempo diventa gigantesco e riesce ad affrontare una malattia spietata come l’AIDS divenendo lei stessa un gigante che non si ferma davanti a nulla pur di far vivere al meglio il figlio che con tanto amore ha adottato. Un bambino, Daniele, che a sua volta insegna tanto a mamma Antonietta e alle persone che hanno la fortuna (si, la fortuna) di condividere con lui un tratto di strada. Non aspettatevi un libro nel termine classico della parola..non è un romanzo, non è un racconto. E’ un collage di ricordi, di fatti, di sensazioni, di dialoghi, di lettere, di incontri, grazie ai quali l’autrice riesce a ricostruire il troppo breve tratto di vita di Daniele, eppure così ricco, così tragicamente illuminante nella sua gioia e voglia di dita. Ho avuto il privilegio di incontrare mamma Antonietta e mi aveva stupito per l’energia positiva che trasmetteva coi suoi racconti, con la sua determinazione nel fare il bene, ma non avevo capito molto, non conoscevo la storia. Poi questo libro mi ha aperto gli occhi e il cuore. Non è stato sempre facile, spesso sono stato costretto a smettere di leggere per la commozione che mi sovrastava. Non è stata una lettura, è stata un’esperienza di vita. Che vale la pena di fare, e di trasmettere. Per poter aiutare tutti i Daniele di questo mondo.

– edizioni C’era una volta –